Messico e Guatemala in luna di miele

Vi racconto il nostro viaggio di nozze in Messico e Guatemala
 
Partenza il: 29/06/2011
Ritorno il: 22/07/2011
Viaggiatori: 2
Spesa: 4000 €

A fine giugno siamo partiti per il nostro viaggio di nozze in Messico e Guatemala. Il viaggio è stato organizzato con Hotelplan. La sera del primo giorno di viaggio siamo arrivati a Città del Messico, e qui purtroppo si è verificato un primo inconveniente: i nostri bagagli non sono arrivati. Abbiamo fatto subito la segnalazione al personale della compagnia aerea Air Canada presente lì in aeroporto e poi ci siamo diretti al nostro albergo che era il Fiesta Americana. Questo dei bagagli è stato un problema che ha continuato ad incidere su una gran parte del viaggio (a me i bagagli sono stati restituiti dopo circa 8 giorni e nel frattempo dovevo ogni tanto individuare qualche centro commerciale in cui comprare capi di abbigliamento, con prezzi che spesso non mi sembravano affatto inferiori a quelli italiani), ma non ne parlerò in questo resoconto preferendo limitarmi a descrivere gli aspetti più belli del viaggio. Il Fiesta Americana è un hotel di categoria elevata, ma è un po’ vecchiotto (cosa riscontrata in diversi degli hotel inseriti nel nostro pacchetto). Il giorno dopo ci siamo svegliati un po’ tardi ed abbiamo potuto pertanto fruire solo di una minima parte dell’enorme buffet messo a disposizione dall’hotel. Poi abbiamo fatto conoscenza con le altre 3 coppie di ragazzi con cui abbiamo fatto il tour, tutti siciliani in viaggio di nozze come noi (anche un’altra coppia, che aveva viaggiato con l’Air France, aveva avuto il problema dei bagagli). Il nostro tour è iniziato con un giro turistico di Città del Messico. Bellissimi sono i murales dipinti da Diego Rivera all’interno del palazzo sede del Presidente della Repubblica, che rappresentano la storia del Messico, in cui assumono particolare importanza le civiltà maya e azteca e l’arrivo degli spagnoli intorno al 1500. Città del Messico è stata costruita su un lago ed è impressionante vedere come questo incida sulla morfologia degli edifici, che sprofondano in alcune loro parti creando degli effetti simili a quelli della torre di Pisa. Siamo andati anche alla Basilica di nostra Signora di Guadalupe. La Basilica nuova, costruita per accogliere i numerosi pellegrini che arrivavano, è davvero molto bella e al suo interno è esposto il velo originario donato a Juan Diego in cui si vede l’immagine della Madonna. Non siamo riusciti (o meglio, abbiamo iniziato ma poi siamo scappati) a vedere bene la zona azteca di Teotihuacan, in quanto un uragano ci ha presi di striscio.

Il giorno successivo siamo ritornati all’aeroporto per prendere il volo per il Guatemala. A Città del Guatemala ci ha colpito lo stato di assedio in cui sembra ancora trovarsi la città, derivato probabilmente dal fatto che in anni ancora recenti è stata teatro di una guerra civile. Infatti i muri delle abitazioni sono sovrastati da rotoli di filo spinato e le costruzioni sono spesso sorvegliate da guardie armate. La nostra guida ci ha chiesto se volevamo fare un giro per la piazza principale “da soli”. L’abbiamo fatto e in realtà non abbiamo percepito pericolo. La città è divisa in zone chiamate con i numeri. Siamo andati a cena in un ristorante molto carino e con buon cibo che si chiama Cacao, consigliato anche dalla nostra guida. Qui abbiamo iniziato a provare le specialità del posto, come i frijoles (una sorta di purea di fagioli), le enchiladas, le empanadas e i tacos, tutti basati su tortille di mais condite in vari modi. Di tutte, lo dico già adesso, quelle che ho apprezzato di più le quesadillas con carne di maiale (“cerdo” o “puerco” in spagnolo), specialmente in una versione fatta nello Yucatan, dove utilizzano la farina nostrana invece di quella a base di mais. Il giorno dopo, alcuni del nostro gruppo sono andati a fare un’escursione a Tikal, culla della civiltà maya. Abbiamo girato per la giungla con un’altra guida che ci ha mostrato diversi templi e rovine. La guida era molto divertente e condiva le spiegazioni con alcuni episodi personali, come quello in cui si è trovato faccia a faccia con un giaguaro (animale che riveste una notevole importanza nella simbologia maya). Verso la fine siamo saliti, con una scala laterale, sul tempio IV, da cui si gode una vista dell’intera area. A Floreso, da cui dovevamo partire per il rientro, si è verificato il secondo inconveniente del nostro viaggio, in quanto il volo per tornare a Città del Guatemala è stato annullato per condizioni meteorologiche ed abbiamo dovuto riparare in un hotel, ci hanno detto il migliore: il Peten Esplendido. Ma questo almeno ci ha dato l’opportunità di provare un ristorante del posto che si è rivelato simpatico e buono, di cui non ricordo il nome, ma che si trova quasi di fronte all’hotel.

Nei giorni successivi siamo stati in giro per il Guatemala, abbiamo visitato Chichicastenango, Antigua e Atitlan. A Chichicastenango in particolare c’è un cimitero molto colorato e un mercato affollatissimo. Qui abbiamo negoziato un po’ per portare a casa qualche ricordo. Siamo stati a pranzo in un hotel davvero carino, il Santo Tomas, che offriva un ottimo buffet e un cortile con almeno una dozzina di pappagalli di varie specie.

Ad Atitlan abbiamo attraversato il lago per arrivare a Santiago Atitlan, dove c’è la capanna del vecchio sciamano (in realtà lo sciamano è morto ma è rappresentato da una statua e ci sono alcuni confratelli – anch’essi sciamani – che continuano a perpetuarne il culto, una cosa un po’ simile a quella dei nostri santi). In questo villaggio vi sono alcuni negozi che vendono tipici coloratissimi quadri guatemaltechi molto interessanti a buon prezzo.

L’8° giorno ritorniamo in Messico in autobus (ci sono da pagare 20 quetzals alla frontiera) e ci dirigiamo in particolare nel Chiapas, a San Cristobal de Las Casas. Sia l’albergo in cui soggiorniamo (il Villa Mercedes) che la cittadina sono molto carini. Nella mattinata del 9° giorno visitiamo due villaggi indigeni in cui il culto religioso tradizionale si è mischiato in vari gradi con quello cattolico. Nel primo, quello di San Juan Chamula, si assiste a veri e propri riti pagani fatti in quella che forse una volta è stata una chiesa cattolica. Qui sono molto severi sulle foto, che non possono essere scattate. La sera facciamo un giro in centro e ci fermiamo a bere in un bar. L’aria che si respira nelle strade è allegra e i prezzi sono davvero modici, ad esempio vendono 2 birre a 30 pesos (meno di 2 euro).



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su America
    Diari di viaggio
    capodanno a new york

    Capodanno a New York

    Il nostro viaggio indimenticabile nella Grande Mela Uno dei giorni più attesi dell’anno è, probabilmente, la notte di San Silvestro....

    Diari di viaggio
    on the road sulla west coast, il sogno americano si avvera

    On the road sulla West Coast, il sogno americano si avvera

    A mio avviso l’autunno è il momento migliore per affrontare questo viaggio impegnativo e magnifico: la West Coast degli Stati Uniti...

    Diari di viaggio
    il giro del mondo in quaranta giorni

    Il giro del mondo in quaranta giorni

    Per lavoro mi hanno chiesto di seguire tre manifestazioni in tre continenti diversi, in un tempo così ristretto che non si poteva "passare...

    Diari di viaggio
    perù: il gringo trail in due settimane

    Perù: il Gringo Trail in due settimane

    17 agosto 2017 Decolliamo alle 7.35 da Milano Malpensa con Air France, breve scalo a Parigi e, dopo 12 ore circa, atterriamo a Lima, ora...

    Diari di viaggio
    nicaragua, el salvador e honduras

    Nicaragua, El Salvador e Honduras

    Questi tre stati sono gli ultimi che mi mancavano da visitare nel Centro America e complice una buona offerta della Klm ho potuto colmare...

    Diari di viaggio
    belize tra natura, divertimento e mistero

    Belize tra natura, divertimento e mistero

    AVVENTURA IN BELIZE: PURA VIDA! La voglia di evasione e di ricerca di un luogo isolato ed in mezzo alla natura più selvaggia ha fatto...

    Diari di viaggio
    panama, capitale della biodiversidad

    Panama, capitale della biodiversidad

    Per evitare di fare un viaggio scontato avevo roteato vorticosamente il mio fedele mappamondo e chiusi gli occhi, con il mio indice toccai...

    Diari di viaggio
    belize e messico... il tocco inglese

    Belize e Messico… il tocco inglese

    Una spada con elsa argentata, un ampio cappello nero con una lunga piuma e degli stivali sblusati. Tanto mi parve sufficiente per sentirmi...

    Diari di viaggio
    viaggio a new york e washington

    Viaggio a New York e Washington

    a Times Square e facciamo l’ultima (sigh!) nostra colazione da Dunkin’ Donuts. Andiamo poi a nord, direzione Guggenheim. Il museo,...

    Diari di viaggio
    una settimana a new york... evviva il ny pass

    Una settimana a New York… evviva il NY Pass

    Ed eccoci giunti come ogni estate al fatidico momento di decidere la meta per le ferie: questa volta la scelta ricade per una settimana a...