Memorie di un gaijin

Appunti e consigli per chi si rechi in Giappone per la prima volta ed abbia a disposizione due settimane per conoscere la modernità di Tokyo e le tradizioni di Kyoto
 
Partenza il: 06/08/2011
Ritorno il: 19/08/2011
Viaggiatori: 1
Spesa: 3000 €

Più che un racconto di viaggio in forma romanzata queste pagine sono una serie di informazioni e suggerimenti, spero utili, per chi voglia visitare il Giappone, avendo a disposizione un paio di settimane e volendo concentrarsi sulle due mete classiche per chi si reca la prima volta nel paese del Sol Levante: Tokyo e la sua modernità, Kyoto e le sue tradizioni, aggiungendo brevi escursioni effettuabili in giornata da tali città. In conclusione aggiungerò alcune indicazioni su cucina, souvenirs e alcuni links utili. Di solito preparo le mie vacanze con largo anticipo, in modo da poter reperire il maggior numero di informazioni e da pianificare al meglio il tempo a mia disposizione. In previsione delle ferie estive dell’anno 2011 mi ero orientato sui Balcani e fin dall’inverno avevo iniziato a studiare quella destinazione, poi una serie di eventi mi hanno improvvisamente e radicalmente fatto cambiare meta. A febbraio sono ritornato in contatto con un’amica giapponese che non sentivo da anni. A marzo lo tsunami e i problemi della radioattività hanno tristemente portato alla ribalta il paese del Sol Levante, attirando la mia attenzione su di un luogo che da sempre figurava nella mia lista dei “paesi da visitare”. A maggio stavo per prenotare l’aereo per raggiungere Dubrovnik, punto di partenza designato per l’esplorazione dei Balcani, quando qualcosa andò storto e dovetti rimandare la prenotazione. La mattina dopo nella casella di posta, un’email di Alitalia mi informava della presenza di tariffe speciali per il Giappone. Troppe coincidenze…le ho prese come un segnale che era giunto il momento di recarmi in estremo oriente ed ho iniziato la mia frenetica attività di ricerca e pianificazione. Ecco il risultato finale e il resoconto del mio viaggio.

Durata del viaggio: 14 giorni, partenza 6 agosto, ritorno 19 agosto Modalità di viaggio: indipendente, da solo, ma potendo fare affidamento su un appoggio in loco Pernottamenti: 1 notte in bus durante trasferimento Tokyo-Kyoto, 4 notti al Sakura Ryokan di Kyoto, 1 notte in internet cafè a Kyoto, 6 notti Washington Hotel a Tokyo, Spesa complessiva: circa 3000 euro tutto incluso; spese principali: volo 800€, JR Pass 240€, pernottamenti Kyoto 410€, pernottamenti Tokyo 260€, bus Tokyo-Kyoto 60€, souvenirs 350€. Itinerario: 6 Agosto: volo KLM Milano (10,30)-Amsterdam-Tokyo (9,00 del 7 agosto) 7 Agosto: Tokyo (Ueno, Asakusa, Kappabashi, Ikebukuro), trasferimento a Kyoto 8 Agosto: Kyoto (Nishi Hongan, Sanjusangendo, Kyomizu Dera, Nanzenji, Ginkakuji, Gion, Pontocho) 9 Agosto: Kyoto (Kinkaku-ji, Ryoan-ji, Ninna-ji, Arashiyama) 10 Agosto:Kyoto (Giornata libera, shopping, relax (massaggi), sera fuochi artificiali a Uji, To-ji) 11 Agosto:Kyoto (Nara, Fushimi Inari) 12 Agosto:Kyoto (Hiroshima, Miyajima) 13 Agosto:Trasferimento a Tokyo (Yurakucho, Ginza, Roppongi) 14 Agosto:Tokyo (Akihabara, Harajuku, Omotesando, Shibuya) 15 Agosto:Tokyo (Hakone, lago Ashino, Mt Fuji, Shinjuku) 16 Agosto:Tokyo (Kamakura, Enoshima, Shinjuku) 17 Agosto:Tokyo (Ameyoko, Shiba, Shibuya, Harajuku, Odaiba) 18 Agosto:Tokyo (Tsukiji, Tsukudaijima, Tokyo, Shiba Oktoberfest) 19 Agosto:volo KLM Tokyo (13,30) – Amsterdam – Milano (22,10)

TOKYO – Arrivo e trasporti Arrivati all’aeroporto, espletate le formalità di ingresso simili a quelle per gli USA (questionario, dichiarazione in merito a valuta e oggetti di valore, foto digitale, impronta degli indici) e oltrepassata la dogana, prima di iniziare la vacanza vera e propria potrebbe essere utile dedicare un po’ di tempo per ritirare documenti e informazioni che potrebbero rivelarsi preziosi durante il soggiorno. In particolare, se oltre a Tokyo intendete visitare altre località e servirvi del treno, uno strumento utilissimo è il JR Pass che consente uso illimitato delle linee JR (treni, eccetto gli shinkansen “Nozomi”, bus, traghetti, nonché la utile Yamanote, linea ferroviaria che collega tutta Tokyo). Il JR Pass può essere acquistato solo all’estero tramite operatori specializzati, i quali vi invieranno a casa tramite corriere un buono di cambio che dovrete poi consegnare agli sportelli JR al vostro arrivo in Giappone e comunque prima di iniziare ad usarlo. Io mi sono appoggiato a un operatore francese, con sito anche in italiano, ottenendo consegna del buono con corriere in tempi velocissimi e pagando un importo leggermente inferiore a quello proposto da alcune società italiane. La data di inizio validità non corrisponde necessariamente a quella in cui cambierete il vostro “exchange order”, ma sarete voi ad indicarla in base alle vostre esigenze. Il JR Pass può avere durata settimanale, bisettimanale, trisettimanale e la validità va dal giorno indicato come inizio fino alla mezzanotte del giorno di scadenza. In caso di utilizzo di treni superveloci “Shinkansen” è conveniente procedere in anticipo alla prenotazione di un posto a sedere (gratuita per i possessori di JR Pass). A tal fine, se avete già pianificato un itinerario, potrebbe rivelarsi utile consultare il sito www.hyperdia.com che fornisce utilissime indicazioni sugli orari dei treni. Così facendo, al Narita airport, potreste avere già espletato tutte le formalità inerenti i trasferimenti ferroviari e a quel punto quando vorrete usufruire del servizio non vi resterà che recarvi in stazione, cercare il binario, mostrare il vosto JRPass ai solerti ferrovieri giapponesi e godervi la puntualità, pulizia e silenziosità dei loro treni. A me non è mai capitato, ma oltre al pass potrebbero chiedervi di mostrare anche il passaporto, per cui vi conviene tenerlo a portata di mano. Allo sportello JR dell’aeroporto troverete inoltre una utilissima guida di Tokyo che fornisce informazioni sulla città, sulle attrazioni (prezzo d’ingresso, orari di apertura) e su come raggiungere queste ultime con treni e/o metro. La versione italiana ha i bordi blu e si chiama “Benvenuti a Tokyo – guida rapida”. Sempre al Narita, e solamente lì, potrebbe essere conveniente acquistare il “Tokyo metro open ticket” che consente uso illimitato della Tokyo Metro per uno o per due giorni consecutivi. La validità non è comunque di 24/48 ore effettive ma va dal primo utilizzo alla mezzanotte del giorno stesso (o del giorno successivo in caso di validità 48 ore).

E’ giunto il momento di raggiungere il centro di Tokyo. Il mezzo più comune è il Narita Express che offre diverse combinazioni di prezzo e utilizzo. Da informazioni ricevute la più interessante dovrebbe essere l’acquisto combinato del biglietto per il Narita Express e di una Suica Card (carta ricaricabile utilizzabile non solo per pagare metro e treni, ma anche in alcuni negozi e con i coin lockers). Aggiungendo 500 Yen al costo del biglietto del Narita Express (3000 yen) si ottiene anche una Suica caricata con 1500 yen. Il Narita express raggiunge Shinjuku, uno dei quartieri più consigliabili come base di partenza per i turisti a Tokyo, in circa 80 minuti. Personalmente, avendo il giorno stesso del mio arrivo un bus notturno per Kyoto in partenza da Ikebukuro, ho preferito riservare la prima giornata in città all’esplorazione della zona nord di Tokyo (Ueno, Asakusa, Kappabashi e Ikebukuro appunto) pertanto non ho preso il Narita Express ma il Keisei Skyliner che fa sosta a Ueno e che costa un po’ meno (2400 Yen). Per quanto riguarda i trasporti è opportuno pianificare bene le giornate per evitare continui spostamenti che costrebbero tempo e denaro.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Fuji
    Diari di viaggio
    estate giapponese

    Estate Giapponese

    Note generali: Periodo: 29/07/18 – 01/09/18Persone: 2 (io e mia sorella), + 3 amici che si sono uniti per circa 20...

    Diari di viaggio
    hong kong e giappone

    Hong Kong e Giappone

    Takayama (ordine di visita stabilito secondo il meteo). Raggiungo il vicino ostello (6.900y, pago con la prepagata 54,61€) che si...

    Diari di viaggio
    giappone fai da te? ceeeerto che si può!

    Giappone “fai da te”? Ceeeerto che si può!

    Ciao a tutti, mi chiamo Alessandra e finalmente ho deciso dopo tanti viaggi, di scrivere un diario di viaggio, per diversi motivi: il...

    Diari di viaggio
    giappone: un incredibile contrasto fra tradizione e modernità!

    Giappone: un incredibile contrasto fra tradizione e modernità!

    Un viaggio in Giappone era in programma da molto tempo e finalmente è arrivato anche il nostro momento di visitare il Paese del Sol...

    Diari di viaggio
    tre gaijin nel sol levante

    Tre gaijin nel Sol Levante

    vacanza al Ganko Sushi, eccezionale! Dopo cena scendiamo sulla sponda del fiume a Ponto-cho e ci uniamo ad un gruppetto a caso di...

    Diari di viaggio
    le meraviglie del giappone

    Le meraviglie del Giappone

    Io e mio marito abbiamo deciso di andare in Giappone per il nostro viaggio di nozze e ci siamo concessi un tour organizzato. Partiamo il...

    Diari di viaggio
    memorie di un gaijin

    Memorie di un gaijin

    Più che un racconto di viaggio in forma romanzata queste pagine sono una serie di informazioni e suggerimenti, spero utili, per chi voglia...

    Diari di viaggio
    la fine del mondo e il paese delle meraviglie

    La fine del mondo e il paese delle meraviglie

    Innanzi tutto mi scuserà il buon Murakami per avere preso indegnamente in prestito il titolo del suo bellissimo libro per questo mio...

    Diari di viaggio
    yokoso japan di benvenuti in giappone parte 4

    Yokoso Japan di Benvenuti in Giappone parte 4

    29 aprile Oggi giriamo per Kyoto. Ci dedichiamo alla parte nord-ovest della città. Per prima cosa andiamo al Tourist Office per prendere...

    Diari di viaggio
    yokoso japan di benvenuti in giappone parte 3

    Yokoso Japan di Benvenuti in Giappone parte 3

    25 aprile Oggi era previsto un giro per il paese e la visita alle antiche case dei mercanti. Purtroppo piove dalle 5 del mattino, e non è...