Massa Lubrense, tra sirene e limoni

Un viaggio di lavoro tra babร  al rum e barchette variopinte sulle note di Pino Daniele
Scritto da: Maria Cristina
massa lubrense, tra sirene e limoni

Un viaggio di lavoro a Massa Lubrense, un ๐—น๐˜‚๐—ผ๐—ด๐—ผ ๐—บ๐—ฎ๐—ด๐—ถ๐—ฐ๐—ผ ๐—ฒ ๐—ถ๐—ป๐—ฎ๐˜€๐—ฝ๐—ฒ๐˜๐˜๐—ฎ๐˜๐—ผ dove le Sirene ammaliavano i Naviganti lungo la costa ipnotizzandoli con il loro canto cosรฌ da far perdere loro la rotta.

Siamo arrivati dopo un viaggio tra il ๐˜€๐—ผ๐—น๐—ฒ ๐—ฐ๐—ฎ๐—น๐—ฑ๐—ถ๐˜€๐˜€๐—ถ๐—บ๐—ผ ๐—ฒ ๐—นโ€™๐—ฎ๐—ฟ๐—ถ๐—ฎ ๐—ณ๐—ฟ๐—ฒ๐˜€๐—ฐ๐—ฎ ๐—ฑ๐—ถ ๐—ณ๐—ถ๐—ป๐—ฒ ๐˜€๐—ฒ๐˜๐˜๐—ฒ๐—บ๐—ฏ๐—ฟ๐—ฒ, il posto che abbiamo raggiunto si chiama esattamente Annunziata ed รจ una frazione di Massa Lubrense. La Signora che ci ha accolti dove abbiamo pernottato per lavoro, รจ stata encomiabile, ci ha coccolati, ci ha rilassati nella sua villa dove abbiamo pernottato, la vista di cui gode questo paese ๐—ด๐—ถ๐—ผ๐—ถ๐—ฒ๐—น๐—น๐—ผ ๐—ฒฬ€ ๐—ฑ๐—ถ ๐˜‚๐—ป๐—ฎ ๐—ฏ๐—ฒ๐—น๐—น๐—ฒ๐˜‡๐˜‡๐—ฎ ๐—ฑ๐—ถ๐˜€๐—ฎ๐—ฟ๐—บ๐—ฎ๐—ป๐˜๐—ฒ.

Tra ๐—ฝ๐—ฎ๐—ฟ๐—บ๐—ถ๐—ด๐—ถ๐—ฎ๐—ป๐—ฎ ๐—ฑ๐—ถ ๐—บ๐—ฒ๐—น๐—ฎ๐—ป๐˜‡๐—ฎ๐—ป๐—ฒ, ๐˜‡๐˜‚๐—ฐ๐—ฐ๐—ต๐—ถ๐—ป๐—ฒ ๐—ด๐—ฟ๐—ถ๐—ด๐—น๐—ถ๐—ฎ๐˜๐—ฒ, ๐—น๐—ถ๐—บ๐—ผ๐—ป๐—ถ ๐—ฒ ๐—ฎ๐—ฟ๐—ฎ๐—ป๐—ฐ๐—ถ, babร  al Rum, sfogliatelle golosissime, fichi dโ€™india ed amaro fine pasto al finocchietto, ๐˜‚๐—ป ๐˜๐—ฟ๐—ถ๐—ฝ๐˜‚๐—ฑ๐—ถ๐—ผ ๐—ฑ๐—ถ ๐—ฐ๐—ผ๐—น๐—ผ๐—ฟ๐—ถ ๐—ฒ ๐˜€๐—ฎ๐—ฝ๐—ผ๐—ฟ๐—ถ che ha contribuito a questa full-immersion poetica. Il viaggio รจ stato lungo e non potevamo in nessun modo nascondere la stanchezza e l’affaticamento dato dalle sei ore di auto tra caos e temperature fuori dalla norma.

La signora ci ha accolti come se ci conoscesse da sempre. Abbiamo lavorato sodo. Ci siamo stancati sรฌ ma, al di lร  del dovere professionale, ammettiamo che trovare questo tipo di persone ci fa tornare a casa con il sorriso ed un ottimo ricordo e quasi ci commuove. Esiste ancora una speranza nella buona gente.

Esistono ancora questi casi rari, persone con un innegabile elevato tenore di vita e con un patrimonio culturale ed immobiliare di una valenza strepitosa, che si rapportano in modo naturale, umile e privo di arroganza abbattendo quello squallido retrogrado clichรฉ del “ricco e presuntuoso”. C’รจ solo da imparare.

Ci siamo soffermati in questo clima di quiete, dopo aver passeggiato tra i vicoli ed i panni stesi , ci siamo rilassati e abbiamo mangiato due ottimi piatti proprio vista mare, uno spaghetto Alici e pangrattato eccezionale e abbiamo concluso questo viaggio di lavoro che ci ha assolutamente lascato qualcosa dentro, un emozione fatta di tramonti rossi sulle note di Lucio Dalla e Pino Daniele.

Ci siamo innamorati di questa splendida localitร , dove tutta la quiete attorno ai vicoli e i pittoreschi scorci fanno la cornice di un quadro in stile anni 70′ dove le signore dai grandi cappelli di paglia con abiti floreali scendono al porto e passeggiano lungomare.

La cosa che piรน ci ha stupito รจ che non sembra di essere in Costiera Amalfitana, ma lo dico in senso buono, qui siamo nella piena quiete e serenitร  lontani dal caos e del tram tram dei bus turistici, un luogo fatto di piccole viuzze e tantissime belle chiese dove si puรฒ passeggiare lentamente dopo cena andando a braccetto e ammirando quel panorama che spazia dall’isola di Capri – che quasi sembra di toccare – fino a Procida.

Le panchine nell’area verde, proprio di fronte alla Villa, dove il tramonto ci รจ apparso improvvisamente nei tardi pomeriggi per tutta la nostra permanenza, di un colore caldissimo tra il rosso e l’arancio, il via vai delle barche che dal porto di Massa Lubrense raggiungevano Capri ci deliziava la vista ogni sera e lentamente scorreva il tempo finchรฉ il cielo si riempiva di stelle ed andavamo a letto.

Eravamo giร  stati in Costiera ma non avevamo mai visto Massa Lubrense, una vera scoperta! La proprietaria della location dove abbiamo alloggiato ci ha spiegato che Massa Lubrense ed in particolare la frazione dove ci trovavamo, Annunziata, รจ da sempre stata luogo di contadini e frati, chiese e confraternite per cui, ciรฒ che inizialmente ci รจ parso inusuale si รจ subito spiegato nelle sue parole, ad ogni strada si incrocia una chiesa diversa, chiese che talvolta sono addirittura incastonate fra le abitazioni.

Finito il lavoro, abbiamo dedicato un po’ di tempo alla scoperta di Marina della Lobra, borgo marinaro proprio al di sotto Massa Lubrense, con il suo pittoresco porticciolo e le case colorate, racchiuso in unโ€™insenatura naturale della costa. Favoloso arrivarci a piedi direttamente da Massa centro con un sentiero che in 15 minuti porta proprio al porto. Specialmente in alta stagione utilizzare l’auto anche qui diventa impresa eroica, impossibile. La passeggiata del lungomare รจ davvero lunga , in fondo al porto ci conduce alla riviera di San Montano piena di energie positive e bagnata da un mare cangiante dal verde smeraldo al blu intenso.

Altra fantastica scoperta รจ stata la baia di Ieranto, non l’avevamo mai vista prima ed รจ stata una sorpresa. Alla sera diventa ancor piรน suggestiva, il bianco della costa si fonde dolcemente con le luci incastonate delle case nella costa, godono tutte di un panorama da cartolina. lungo la strada tutta curve รจ un continuo girare lo sguardo da una parte all’altra per catturare le immagini piรน belle, abbiamo oltrepassato il paese di Nerano e ne siamo rimasti affascinati.

Nonostante sia stato un “mordi e fuggi” e nonostante non sia una strada agevole da fare in auto ne vale sicuramente la pena. Tornando a casa abbiamo portato con noi dei profumatissimi limoni, qualche formaggio e tantissimi bei ricordi con la voglia di ripetere l’esperienza.

Guarda la gallery
untitled1

1650033150864

1650033150883

1650033150899

1650033150913

1650033150920

1650033150930

243027472_2702596936712569_5616562550829845095_n

dsc02927

ape_car

barca_rossa



    Commenti

    Lascia un commento

    Costiera Amalfitana: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari