Magica Civita

Un luogo da vivere... per sempre
 

Questa è la storia di un luogo dove vorrei vivere per sempre. Civita di Bagnoregio, Viterbo, Lazio. Perché una sempiterna solidità si percepisce di più dove la fragilità strutturale di un territorio testimonia che ogni giorno è un omaggio che la Natura fa all’uomo. Dove il vento sferzante sulla valle dei Calanchi rende ardua la salita di attraversamento del ponte che le albe di foschia fanno sparire illudendoti di galleggiare su una rupe tra cielo e terra. Lì in mezzo sta Civita aggrappata alle possenti pareti di tufo, giganti di argilla sui quali, nel Museo Geologico del borgo ti insegnano a non affidare le tue speranze.

Meglio riporle su Bonaventura, filosofo del 1200 e santo patrono oppure sui gatti sonnolenti che scrutano dai profferli medievali i turisti viandanti tra gli acciottolati dei cardi e decumani che costituiscono la struttura urbana del borgo. Per scongiurare la rovina geologica, ma una bellezza così intensa non può che essere anche una rovina, si può anche fare una preghiera davanti al prezioso crocefisso ligneo della Chiesa di San Donato. Oppure dormirci sotto un pesante crocefisso ligneo, in una delle stanze medioevo chic della Locanda della Buona Ventura.

Comunque si oltrepassi la Porta di Santa Maria e i leonini guardiani in bassorilievo e comunque ci si auguri che il grande crollo non sarà oggi o domani se si resta per la notte, Civita ha il fascino di farti sparire l’idea di futuro. Il passato è una sintesi perfetta di atmosfere e stili: gli etruschi che hanno impresso il genius loci tra i labirinti di cunicoli e le vestigia delle tombe ipogee, e poi romani, longobardi, templari, pellegrini, santi, poeti, viaggiatori, tutti trasportati da pazienti e ostinati asinelli. Ai quali ancora oggi, due volte all’anno, in giugno e settembre è dedicato il Palio della Tonna, singolare disfida tra asini cavalcati sulla groppa priva di sella e staffe da fantini equilibristi e abili a trasformare la naturale indolenza di quadrupedi spesso recalcitranti, in una sorta di ambizione di vittoria.

Così tra incitamenti e scorpacciate di focacce fritte servite dal profferio del Forno di Agnese, il Palio onora l’animale simbolo della resilienza di Civita. Dopo le premiazioni i turisti riattraversano il ponte verso la terraferma. Tutto intorno è il tramonto diafano  sul mare argilloso e increspato dei Calanchi e le creste aguzze velate di sabbie. Magica Civita!

 

Guarda la gallery
foto_40

foto_1_1_

foto_21

foto_38



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Civita di Bagnoregio
    Diari di viaggio
    magica civita

    Magica Civita

    Questa è la storia di un luogo dove vorrei vivere per sempre. Civita di Bagnoregio, Viterbo, Lazio. Perché una sempiterna solidità si...

    Diari di viaggio
    centro italia on the road con bimbo

    Centro Italia on the road con bimbo

    Pasqua in centro ItaliaQuest’anno per Pasqua, complice la chiusura del nido di nostro figlio Andrea di due anni e mezzo, io e...

    Diari di viaggio
    civita di bagnoregio e val d'orcia

    Civita di Bagnoregio e Val d’Orcia

    Sabato 8 agosto 2020 • Civita di Bagnoregio, il paese arroccato su uno sperone di tufo. Varcata la Porta Santa Maria ci addentriamo nei...

    Diari di viaggio
    civita di bagnoregio: la città che muore

    Civita di Bagnoregio: la città che muore

    Civita di Bagnoregio si trova in provincia di Viterbo, vicina al confine tra Lazio e Umbria. Raggiungerla è molto semplice, grazie alle...

    Diari di viaggio
    presepe vivente a civita di bagnoregio

    Presepe vivente a Civita di Bagnoregio

    Domenica 5 gennaio 2020 La destinazione della nostra gita è Civita di Bagnoregio. In questa giornata, vigilia dell’Epifania, ammiriamo...

    Diari di viaggio
    aria di primavera tra civita di bagnoregio e orvieto

    Aria di primavera tra Civita di Bagnoregio e Orvieto

    Alle 10:00 siamo già all’uscita di Orvieto e ci dirigiamo verso Civita di Bagnoregio. Per chi arriva in auto è possibile parcheggiare o...

    Diari di viaggio
    assaggi d’umbria 2

    Assaggi d’Umbria 2

    Quest’anno io e la mia ragazza abbiamo optato per una vacanza che non fosse la solita vacanza al mare e quindi, su consiglio di un mio...

    Diari di viaggio
    etruria: terra di tufo, di vino e di pane

    Etruria: terra di tufo, di vino e di pane

    consumiamo un frugale pranzo di Pasqua con il chianti delle damigiane e pane e cinghiale acquistato il giorno prima. Qui, veniamo a sapere...

    Diari di viaggio
    a zonzo per l'umbria

    A zonzo per l’Umbria

    Lo avevo promesso a me stesso, e visto che “ogni promessa è debito”, mi sono preso un paio di giorni di ferie, agganciati al fine...

    Diari di viaggio
    civita di bagnoregio

    Civita di Bagnoregio

    Dopo tante e tante volte che mi sono limitata a dire di voler andare a Civita Di Bagnoregio, "La Città Che Muore", finalmente alla fine ce...