Madrid, Castiglia, Paesi Baschi, Bordeaux

Per la vacanza di quest’estate mio marito ed io abbiamo deciso di utilizzare la nostra auto per muoverci più liberamente e per essere meno vincolati alla prenotazione di aerei, treni, ecc. Quindi con cartine, depliant e guide alla mano abbiamo provato a definire un percorso che ci consentisse di visitare più luoghi possibile tra uno...
 
Partenza il: 31/07/2006
Ritorno il: 12/08/2006
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

Per la vacanza di quest’estate mio marito ed io abbiamo deciso di utilizzare la nostra auto per muoverci più liberamente e per essere meno vincolati alla prenotazione di aerei, treni, ecc.

Quindi con cartine, depliant e guide alla mano abbiamo provato a definire un percorso che ci consentisse di visitare più luoghi possibile tra uno spostamento e l’altro.

La destinazione principale era Madrid ma è stata l’occasione per vedere molto altro “nei dintorni” e lungo il tragitto.

Per chi volesse qualche idea o suggerimento vi propongo davvero di replicare un itinerario del genere (dandovi anche alcune informazioni pratiche) destinato soprattutto a: – chi ha voglia di guidare un po’ anche durante le vacanze (considerando che in totale abbiamo fatto circa 4.300 chilometri in 13 giorni) – chi desidera visitare posti interessanti senza però “stressarsi” troppo – chi ama in particolare la Spagna e non si fa spaventare dal caldo (a proposito del quale vi dirò qualche curiosità…) N.B. Gli alberghi sono stati prenotati in anticipo (un paio di settimane prima della partenza) attraverso il sito www.Bookings.It che consente di dare disdetta della prenotazione fino ad un giorno prima dell’arrivo e non comporta il versamento di alcun anticipo.

1° giorno- lunedì’ 31 luglio – da Torino a Carcassonne Partiti al mattino da Torino abbiamo raggiunto Carcassonne (660 km) nel primo pomeriggio, passando attraverso il traforo del Frejus (costo 31,90 euro) che consiglio per evitare le code chilometriche in questo periodo al confine tra Ventimiglia e Mentone.

Carcassonne, che per noi era solo una “tappa” più o meno a metà strada, in realtà si è rivelata una visita molto piacevole. La città antica risale al medioevo (fu anche rifugio dei Catari nel 1200) ed ha un aspetto decisamente curato (grazie a restauri relativamente recenti). Anche da lontano si ha un’impressione splendida e quando si varcano le mura e i bastioni ti ritrovi improvvisamente indietro nel tempo. Da visitare: la Cattedrale con le bellissime vetrate.

Proprio di fronte si trova uno degli alberghi più affascinanti che abbia visto: Hotel De La Citè che ha uno splendido giardino e stanze che affacciano sui bastioni medioevali. Per un weekend da favola (se avete voglia di spendere circa 300/400 euro a notte)…

E poi, lungo i vicoli, ci sono naturalmente moltissimi negozi (con oggetti ispirati principalmente al medioevo e destinati soprattutto ai più piccoli, ma anche con prodotti tipici della zona) e vari locali in cui mangiare. Noi abbiamo scelto il ristorante “Hostal Troubadours” e abbiamo provato il piatto tipico (molto buono): Il ‘cassoulet’ con fagioli bianchi, salsiccia e cotenna di maiale. Il tutto viene cotto lentamente in un recipiente di terracotta chiamato ‘cassole’.

Albergo: Campanile CARCASSONNE OUEST – costo 73 euro a notte stanza doppia (tra tutti quelli in cui siamo stati, quello più deludente e senza aria condizionata che quindi non vi consiglio, purtroppo però era l’unico rimasto è a quanto pare Carcassonnne è molto affollata nel periodo estivo).

2° giorno – martedì 1 agosto – da Carcassonne a Saragozza Al mattino, dopo aver fatto colazione (“caffè au lait e croissant”) siamo partiti per Saragozza, altra tappa prima dell’arrivo a Madrid. Zaragoza (in castigliano) è una città moderna, con le maggiori attrattive concentrate intorno alla Basilica de Nuestra Senora del Pilar, enorme e meravigliosa che si affaccia sulla Piazza a cui dà il nome.

Non ci siamo fermati molto ma abbiamo avuto il piacere di gustare un’ottima cena in un ristorante tipico aragonese “La Rinconada De Lorenzo” in cui abbiamo provato un piatto caratteristico “Migàs de jamon” (pan grattato con prosciutto) e ottimi e abbondanti spiedini di carne.

Poiché la zona intorno all’albergo è riservata a soste brevi oppure ai residenti, è stato necessario lasciare l’auto presso un parcheggio sotterraneo a poca distanza.

Ristorante “Rinconada de Lorenzo” Calle La Salle 3 Saragozza Albergo: Hotel Style Paris – costo 50,30 euro a notte stanza doppia (posizione abbastanza centrale, stanza ampia, aria condizionata).

3° giorno – mercoledì 2 agosto – da Saragozza a Madrid Prima di lasciare Saragozza abbiamo trascorso buona parte della mattinata nella zona commerciale, in cui si trova ovviamente “El Corte Ingles” (celebre catena di magazzini, una costante in tutte le principali città spagnole) enorme e fornitissimo di prodotti di ogni genere. Mi ha sorpreso ad esempio trovare molti articoli (come ad esempio quelli per l’enologia) che in Italia non ho mai visto vendere in un centro commerciale di quel tipo ma che normalmente si trovano soltanto in negozi molto specializzati. Ho notato che non c’è una convenienza particolare nell’acquistare in Spagna, solo in alcuni casi i prezzi sono lievemente inferiori.

Lasciata Saragozza abbiamo ripreso il viaggio per raggiungere Madrid attraversando una zona estremamente brulla e arida e abbiamo percorso una superstrada lungo la quale i distributori di benzina, con relativi punti di ristoro, si trovano in corrispondenza di piccoli paesi (a volte solo gruppi di poche case).

Questa sorta di “autogrill” sono frequenti ma a volte sono solo dei bar di paese attrezzati per accogliere automobilisti e camionisti della superstrada.

Anche se i chilometri da percorrere non erano tantissimi (350), è stato un viaggio abbastanza faticoso a causa del caldo (soprattutto perché fatto nelle ore centrali della giornata) nonostante l’aria condizionata al massimo! Sarà l’unica volta in tutto il viaggio che patirò il caldo; infatti vorrei segnalare che: – le temperature sono elevate, è vero (36-37° C), ma è un clima secco quindi il caldo si percepisce molto meno. Non c’è l’afa che spesso a luglio/agosto c’è in città molto più umide come, ad esempio, Torino o Milano. – Curiosamente, al mattino (fino alle 11.30/12 circa) la temperatura è decisamente più bassa (23-24° C ! ): prima delle 10 viene addirittura voglia di indossare un golfino, mentre la sera si mantiene intorno ai 32-36°C ed è il momento della giornata più piacevole.

Quindi, per chi volesse andare a Madrid in piena estate consiglio di visitare la città possibilmente al mattino o alla sera evitando le ore centrali. Noi ci siamo adeguati agli orari degli spagnoli che astutamente utilizzano le ore più calde per riposarsi ed essere pronti per trascorrere lunghe serate…



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bilbao
    Diari di viaggio
    spagna del nord. io, lei e 5.000 km tra guggheneim, finisterra e il trono di spade

    Spagna del Nord. Io, lei e 5.000 km tra Guggheneim, Finisterra e il Trono di Spade

    Sono Edo, 56enne immaturo e pigro.Guidare non è la mia passione, infatti negli ultimi 3 anni ho macinato più di 10.000 Km.Ora...

    Diari di viaggio
    appunti di viaggio – si fa manovra all'astronave e si torna a casa

    Appunti di Viaggio – si fa manovra all’astronave e si torna a casa

    19 agosto Arrivo a Bilbao e, fino al primo pomeriggio, ci immergiamo nel Guggenheim.Tutta la nostra stima ai teatranti geniali...

    Diari di viaggio
    paesi baschi 2

    Paesi Baschi 2

    Avevamo già provato a visitare i Paesi Baschi nel 2017. Volevamo fosse il primo viaggio all’estero di nostro figlio che, all’epoca,...

    Diari di viaggio
    un viaggio a bilbao e un po' di santander

    Un viaggio a Bilbao e un po’ di Santander

    Bilbao è una città meravigliosa Bilbao è una città meravigliosa, un esempio da seguire, la dimostrazione che cambiare totalmente una...

    Diari di viaggio
    4350 km dall'italia a gijon e ritorno in moto

    4350 km dall’Italia a Gijon e ritorno in moto

    Bellissimo viaggio in moto a tappe dal 10 agosto al 28 agosto attraverso la Francia e la Spagna per scoprire e rivedere paesaggi, città,...

    Diari di viaggio
    inaspettati paesi baschi!

    Inaspettati Paesi Baschi!

    Circa due mesi prima della partenza, abbiamo prenotato il volo a/r Milano MPX – Bilbao sul sito della easyJet, 227.00 euro per due...

    Diari di viaggio
    spagna: i parte camino del norte + palencia, salamanca, segovia

    Spagna: I parte Camino del Norte + Palencia, Salamanca, Segovia

    Convento di S. Esteban, poi Casa de las Conchas (che ci riporta al Camino) e tanti altri siti, piazze incredibili, scorci scenografici...

    Diari di viaggio
    viaggio in auto nei paesi baschi, cantabria e asturie

    Viaggio in auto nei Paesi Baschi, Cantabria e Asturie

    La scorsa estate visitammo con grande soddisfazione i Paesi Baschi Francesi, così quest’anno abbiamo deciso di intraprendere un viaggio...

    Diari di viaggio
    tour meraviglioso tra asturie, cantabria e paesi baschi

    Tour meraviglioso tra Asturie, Cantabria e Paesi Baschi

    Dopo che l’anno scorso la Galizia, la regione alla punta Ovest del Nord della Spagna, ci ha entusiasmati con i suoi panorami e il...

    Diari di viaggio
    tour nella spagna del nord

    Tour nella Spagna del Nord

    Prima di iniziare il diario vero e proprio di questa vacanza volevo fare delle considerazioni che potrebbero essere utili...