Madagascar on the road, fly and drive

Viaggio fai da te dalla capitale al sud-ovest, in auto e senza autista fra i parchi e il mare di Anakao e Nosy Be
 
Partenza il: 17/08/2011
Ritorno il: 08/09/2011
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Partenza da Linate alle 6.55, coincidenza per Parigi alle 10.30, arriviamo ad Antananarivo alle 22.30. Premetto che per il volo siamo riusciti a sfruttare le Millemiglia Alitalia-Airfance e abbiamo pagato solo le tasse aeroportuali. Ci aspetta il pickup dell’hotel (35.000ar) che ci consiglia il cambio appena fuori dall’aeroporto e ci fa risparmiare qualcosa. Arriviamo al Sakamanga verso mezzanotte, la strada è libera, di notte anche nella capitale non va in giro nessuno. L’Hotel è bello, costa 36€ a notte senza colazione.

18 Agosto: TANA

Sveglia alle 9 con fatica, dormito bene anche se un po’ freschino. Colazione buona. Iniziamo ad andare in giro, con la Lonely, i Malgasci paiono non fare caso a noi e per quasi tutto il giorno ci sembra di essere gli unici stranieri, anche se è agosto. Saliamo a piedi una lunga scala che ci porta nella parte alta della città. Non facciamo in tempo a riprendere fiato che ci si appiccica un tipo per portarci al Palazzo del Re. Il Palazzo in realtà è chiuso ma si fanno aprire il lucchetto del cancello secondario dal loro ‘complice’, il guardiano, insieme al quale ci spillano 10.000 Ar a testa. Capiamo dopo di essere stati fregati. Il primo tizio ci segue per spiegarci tutto sul palazzo, non so come ma riesco a capire discretamente il suo Francese, non parlandolo. La visita è comunque interessante e il Palazzo è anche un po’ inquietante. Usciamo e continuiamo a girare per l’ Haute Ville, suscitando ilarità in alcuni Malgasci solo alla nostra vista. Place dell’Independance, birretta e al calare del sole (h.18) in Hotel. Cena con due zuppe per sistemare il mal di stomaco e poi filetto di Zebù, buono anche se un po’ duro. Sosta nel giardinetto dell’ Hotel (molto bello), decidiamo di alzarci presto per prendere il pickup il giorno dopo.

19 Agosto TANA-ANTIRABE

Prendiamo un taxi per andare al Madarental che, purtroppo, è situato 20km a nord e noi dovremo poi andare a Sud. Il taxista ci fa ridere un sacco. Partiamo verso le 11, il pickup è enorme. Seguiamo la mappa che ci ha disegnato il proprietario Belga, ci fermiamo ad un Supermercato (vero, sembra l’Auchan) per i rifornimenti. Quando pensiamo di avere trovato la RN7 sbagliamo strada e dobbiamo tornare indietro, poi finalmente la troviamo.

Dopo un po’ notiamo che la benzina è a un quarto di serbatoio, arriviamo ad un benzinaio ma ci dice di non avere benzina! Il panico ci prende perché pare non ci siano distributori fino ad Antsirabe… lungo la strada vedo che ci sono dei banchetti ai margini della strada, vendono bottiglie di un liquido che parrebbe essere benzina. Ci fermiamo e ci bracca subito un gruppetto che dice di avere ‘Gasolina’. Si tratta sul prezzo poi, col vecchio metodo di aspirazione dalla canna, ci inseriscono 8lt di benzina, tutto ciò che hanno. Proseguiamo senza trovare un distributore, siamo tesi, peccato perché il paesaggio è molto bello: fiumi, verde e terra rossissima ma manca ancora un botto ad Antsi e siamo pelo pelo con ¼ di serbatoio ancora.. 15km prima della città troviamo una bellissima Shell. Pieno per 15.000 Ar ed arriviamo in città alle 17 circa. Inutile dire che qui ci saranno si e no una quindicina di benzinai.

Dormiamo al GreenPark Hotel. Il posto è carino perché ha dei bungalow disposti attorno ad un laghetto, la camera è molto basica, il cesso è senza porta ma c’è l’acqua calda. Qui fa freddino però… per uscire uso il Pile + maglia della salute sotto.

Cena al ristorante a ridosso dell’ hotel, fegato d’oca con Ananas, anatra al pepe, maiale in salsa di formaggio Bleu (buono), birra Star bianca e ambrata (bravi ‘sti Malgasci a fare la birra) decisamente meglio della ThB. Prendiamo un Rhum alla Vaniglia e ci offrono anche il rum della casa, buono. Spesa 44.000ar = 16€ in due.

20 Agosto: ANTSIRABE-RANOMAFANA 6,5h

Problema alla partenza con la batteria dell’auto. 5 Malgasci si mettono a spingere la macchina che alla fine parte (h.8.45). Per andare a Ranomafana prendiamo lo svincolo per la Route 45, 25km di sterrato pieno di buche, faticoso ma ne vale la pena perché il paesaggio è bellissimo. Arriviamo al Domaine Nature (h.15.15), ci chiedono 45€ per dormire. E’ la cifra più alta che pagheremo durante tutto il viaggio però il bungalow, con terrazzino-vista piante tropicali- è bello, pulito e comprensivo di due coperte pesanti che ci faranno dormire bene. L’ingresso del parco non è dove indicato dalla LP ma molto prima, ci fermiamo e l’auto non riparte più… Riusciamo a fermare una famiglia Franco-malgascia che passa da lì. Il sant’uomo ravana nel cofano e la fa partire. Andiamo a prendere accordi con la guida per l’escursione notturna + quella diurna del giorno dopo e torniamo in hotel. All’ora prevista (17.30) l’auto non parte ma ormai ho capito il trucco (almeno credo) e ci smanetto finché non si accende.

Andiamo a vedere lungo la strada, assieme a circa 20 persone fra turisti e guide, i Microcebo attirati dalle banane che le guide spalmano sui tronchi. Il loro metodo mi lascia perplessa, però ‘ste bestie sono particolari. Poi vediamo i micro-camaleonti e i camaleonti grossi. Verso le 20, rimasti ultimi, riusciamo a portar via noi stessi e la nostra infaticabile guida Jean-qualcosa, lo paghiamo (30.000 Ar) e lo accompagniamo al villaggio dove vive. Cena con zuppetta e gamberi di acqua dolce al cocco + Thb per circa 22€.

21 Agosto: RANOMAFANA-AMABALAVAO h.2,5

Sveglia all’alba, colazione con pane, frutta e Crepes. Sono le 7.30, Jean-qualcosa già ci aspetta ma l’auto non ne vuole sapere di partire. Chiediamo a 2 tizi dell’hotel che si improvvisano meccanici (in questo mi ricordano i cubani), cambiano un pezzo, ora la batteria và ma il motorino si è inceppato. Spingiamo l’auto finché non parte. Arriviamo al parco con mezz’ora di ritardo. Decidiamo di fare il giro di 3h, paghiamo 25.000 cad + guida 22.000, circa 25 € a testa. Il giro è molto bello e vediamo 3 tipi di lemuri: Gold Bamboo, Brown e Sifaky. Poi ragni enormi, un serpente e le salamandre. Alla fine io torno in hotel e Fabio va con la guida a Ranomafana dove un ‘meccanico’ gli cambia una vite per 1.000Ar. Doccia e bagagli. Partiamo verso le 12.30. Poco dopo una coppia di giovani francesi ci chiede un passaggio in quanto il Taxibrousse che dovevano prendere non è passato. Per fortuna parlano inglese e ci raccontano che vivono da 2 mesi a Nosy be per una sorta di ricerca Universitaria di Agronomia, al momento stanno facendo un giro sulla costa est. Li lasciamo a Fianar dove prenderanno il treno, prendiamo dei crackers e delle patatine all’aceto (e qui mi ricordano gli Irlandesi). Poi, dopo un paesaggio bellissimo e 25km, arriviamo ad Ambalavao. Cerchiamo l’Hotel de Bouganville che è ben segnalato. Per fortuna hanno posto perché in questo paese non ci sono altri hotel… la camera è carina (45.000Ar, circa 16€) e l’albergo sembra un ostello al mare. Facciamo un giro. La città è interessante, meno incasinata delle altre. I bambini ci salutano ma nessuno viene a chiederci niente. Vediamo solo altri 3 turisti oltre a noi. Verso le 17.45 torniamo perché sta facendo già buio.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Anakao
    Diari di viaggio
    madagascar in libertà, alla scoperta del sud ovest

    Madagascar in libertà, alla scoperta del SUD OVEST

    Un viaggio che ci ha portato a scoprire la parte sud ovest, forse la parte più aspra dell'isola grande ma che ci ha regalato delle...

    Diari di viaggio
    madagascar terra e mare

    Madagascar terra e mare

    cuore, con un isolotto in centro sul quale svetta un angelo dorato (detto angelo nero) che fu eretto nel 1927 in memoria dei malgasci...

    Diari di viaggio
    viaggio in madagascar

    Viaggio in Madagascar

    Un viaggio ricco di emozioni, esperienze diverse, incontri toccanti in uno dei paesi più poveri del mondo. È un viaggio che a volte può...

    Diari di viaggio
    madagascar, l'isola dei lemuri

    Madagascar, l’isola dei lemuri

    collega il piccolo villaggio a Tuléar. Ad accoglierci una spiaggia bianchissima dalla sabbia soffice completamente deserta e un’acqua...

    Diari di viaggio
    tutta la natura del madagascar

    Tutta la natura del Madagascar

    Alcune indicazioni generali prima di passare al racconto delle singole giornate:1. Riguardo alla sicurezza, è assolutamente...

    Diari di viaggio
    tour del madagascar lungo la rn7 da tanà a tulear e mare a salary, anakao, nosy be

    Tour del Madagascar lungo la RN7 da Tanà a Tulear e mare a Salary, Anakao, Nosy Be

    Diversi mesi prima della nostra partenza, identifichiamo la meta del viaggione estivo: Madagascar. Da alcuni anni avevamo in mente...

    Diari di viaggio
    madagascar, la route du sud

    Madagascar, la Route du Sud

    Avevamo tre settimane per esplorare l’“Isola Rossa” e abbiamo deciso di seguire un itinerario classico, che ci permettesse di...

    Diari di viaggio
    madagascar responsabile

    Madagascar responsabile

    Madagascar responsabile Date di viaggio: 2 settimane (4 – 19 agosto 2013)Itinerario principale: Antananarivo, Antsirabe, Ambositra,...

    Diari di viaggio
    turisti solidali in madagascar

    Turisti solidali in Madagascar

    Era tanto tempo che Mario, amico di vecchia data di mio marito Beppe, ci invitava in Madagascar, dove si era trasferito da anni. Operatore...

    Diari di viaggio
    madagascar on the road, fly and drive

    Madagascar on the road, fly and drive

    Partenza da Linate alle 6.55, coincidenza per Parigi alle 10.30, arriviamo ad Antananarivo alle 22.30. Premetto che per il volo siamo...