Madagascar… mora mora

Il nostro viaggio nel grande sud malgascio... piano piano, perché non si possono percorrere piste sabbiose, guadi, attraversamenti di fiumi, deviazioni e buche di strade che a malapena si possono definire tali a velocità normale. Tutto avviene a ritmo lento senza fretta a bordo di un 4x4
 
Partenza il: 17/08/2016
Ritorno il: 07/09/2016
Viaggiatori: 2
Spesa: 4000 €

Mora mora… È questo il leitmotiv che ha accompagnato il nostro viaggio nel grande sud malgascio. Piano piano… perché non si possono percorrere piste sabbiose, guadi, attraversamenti di fiumi, deviazioni e buche di strade che a malapena si possono definire tali a velocità normale… tutto avviene a ritmo lento senza fretta a bordo dalla fedele Nissan 4×4 guidata dall’abile Sulu, coadiuvato dalla nostra preparatissima guida Arturo.

3 settimane di viaggio nelle quali abbiamo dato la preferenza a grandi parchi naturali, Kirindy, Tsingy, Isalo, Anja, Ranomafana, senza disdegnare anche un breve soggiorno al mare ma tralasciando il più frequentato nord dell’isola. Abbiamo prenotato il volo dall’Italia io e Lorenzo. Per il resto ci siamo affidati ad un tour operator malgascio “Mirendra Tours” che si è rivelato efficiente, preparato e molto disponibile. Partenza da Torino, scalo a Parigi, arriviamo ad Antananarivo a tarda notte del 17/08. La mattina partenza molto presto, ma così sarà quasi tutti i giorni cercando di sfruttare le ore di sole (il tramonto purtroppo è prima delle 18!) e la luce elettrica è un bene troppo prezioso per essere sprecato. Le attività quotidiane dei malgasci cominciano di buon’ora del resto e noi ci siamo subito abituati al nuovo ritmo.

Il primo giorno in terra malgascia ci porta a contatto con attività dal sapore antico: lavorazione dell’alluminio e del corno di zebù, ricamo, manufatti, risaie, campi coltivati con l’ausilio di aratri trainati dalle bestie. Arriviamo ad Antsirabe all’ora di pranzo e in questa cittadina (definita la città dei pousse-pousse – specie di risciò condotti da volenterosi a piedi nudi o in bici) abbiamo il primo contatto con il sovraffollato mercato ricco di sapori e soprattutto di odori, alcuni del tutto nuovi ai nostri sensi… Ma siamo pronti per lasciare la zona degli altopiani e dirigerci al grande ovest. Cominciano le piste sabbiose che non ci lasceranno più fino a Ifaty!

Il parco Kirindy è il primo che visitiamo e che ci permette di osservare i lemuri gidro e sifaka bianchi (simpaticissimi, detti anche ballerini per la loro abilità nei balzi). Abbiamo anche un fortunatissimo incontro con il fosa, l’unico felino presente in Madagascar.

Morondava ci aspetta ed è lì che vediamo l’Oceano Indiano o per meglio dire il Canale di Mozambico che separa il Madagascar dal resto del continente africano.

Pernottiamo all’hotel Tre Cicogne tenuto da un italiano ed al mattino attraversiamo il grande viale dei Baobab! Spettacolari gli Adansonia Grandidieri, la specie più alta e longeva. Li lasciamo a malincuore ma solo perché sappiamo che li ritroveremo dopo qualche giorno al tramonto.

Carichiamo il fuoristrada sul traghetto e raggiungiamo Belo sur Tsiribihina, osservando donne alle prese con il lavaggio di vestiti e pentolame lungo le sponde del fiume. Pernottiamo all’hotel Karibo, non proprio un gran hotel dove sperimentiamo l’assenza di acqua e elettricità per diverse ore. Meglio sarà il giorno dopo all’hotel Orchidée di Bekopaka dove dormiamo un paio di notti il che ci permette di visitare i piccoli Tsingy il pomeriggio ed i Grandi Tsingy il giorno dopo. Meravigliosa escursione effettuata con imbragatura attraverso grotte, bizzarri pinnacoli di calcare, foreste con lemuri ed uccelli variopinti,ponti sospesi e viste magnifiche. E che dire dei lemuri sifaka che abilmente saltellano da uno tsingy all’altro? Dimenticavo: dopo i piccoli Tsingy effettuiamo anche una breve escursione notturna in compagnia della guida locale Felician che ci porta a vedere un lemure notturno e diversi camaleonti semiaddormentati.

Torniamo a Morondava dove aver visto ancora qualche baobab (uno sacro di oltre 2000 anni di vita!), “strade” dove incrociamo taxi-brousse (pulmini stipati di persone e merci fino all’inverosimile), carretti trainati da zebù, bambini, bambini, bambini… ma sono quasi le 18 e l’Allée des Baobab (sito patrimonio dell’Umanità) ci riserva un tramonto spettacolare che rimarrà sempre impresso nella nostra memoria…

Il mattino dopo ci vede su una pittoresca piroga in mezzo alle mangrovie raggiungere un villaggio di barcaioli, abili costruttori utilizzano strumenti di antica memoria mentre le donne vendono prodotti locali ed i bambini si cimentano nella costruzione di piccole imbarcazioni giocattolo ad imitazione dei padri. Pista, guadi, sobbalzi, ma quando arriviamo a Belo sur mer? ore sulla jeep ma ne vale la pena! L’Hotel Entre-mer gestito da una sofisticata signora franco-canadese che ha saputo abilmente coniugare lo stile africano con quello francese ci accoglie in un bellissimo bungalow sul mare. Scopriamo presto di essere gli unici a passeggiare sulla bianca spiaggia deserta dove le orme lasciate dai nostri piedi a poco a poco vengono ricoperte dall’alta marea. Il vento soffia mentre pacificamente ci godiamo un nuovo bellissimo tramonto su comode sdraio in riva al mare… Peccato ripartire il mattino dopo, volentieri ci saremmo fermati un altro giorno. Breve visita ad un villaggio di pescatori dove frotte di bambini ti accolgono al grido di “Vaza bonbon!” e che a malincuore lasciamo e lunghe ore di pista fino al “mitico” hotel Kanto di Manja sul quale stendiamo un velo…

Altro traghetto al mattino ma subito dopo questa volta la nostra jeep non ce la fa e si insabbia! Spingi, sposta sabbia, prova a mettere dei rametti davanti alle ruote… NULLA sembra servire allo scopo. Alla fine un gruppo di ragazzi ci spinge per un chilometro e più permettendoci di arrivare “in salvo” tra le risate all’interno dell’auto. Ma il tragitto è ancora lungo. Pranziamo a Morombè ed arriviamo a vedere piccoli tozzi simpaticissimi baobab che ormai il tramonto è vicino. Forza, ancora un’ora ci dice la nostra guida. No, le ore saranno di più e solo alle 22 arriviamo a Salary Bay. Il resort coperto dal buio della notte non ci lascia presagire nulla… E’ al mattino che scopriamo la straordinaria bellezza di questo luogo: 7 km di spiaggia finissima e bianchissima… tutta per noi!?!? Non ne valeva la pena? Si, senza dubbio!!! E che dire della duna di sabbia che incrociamo di lì a poco? Ma è questo il deserto malgascio?

I 4 giorni successivi soggiorniamo a Ifaty. Vero, la spiaggia non è più quella bianchissima di Salary ma è comunque piacevole e tranquilla… Villaggio di tartarughe a bordo di carretto trainato da zebù, escursione al largo per vedere le balene e i delfini e visita dell’arboretum di Tulear: queste le attività extra che ci concediamo oltre ad un meritato relax in riva al mare…

Guarda la gallery
madagascar-vp8wf

Madagascar Mora Mora

madagascar-zuggx

Madagascar Mora Mora

madagascar-ku8ay

Madagascar Mora Mora

madagascar-96phf

Madagascar Mora Mora

madagascar-73q1t

Madagascar Mora Mora

madagascar-pcgck

Madagascar Mora Mora

madagascar-69dxh

Madagascar Mora Mora



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Madagascar
    Diari di viaggio
    madagascar, viaggio tra terre rosse e autenticità

    Madagascar, viaggio tra terre rosse e autenticità

    Finalmente dopo tanti anni in cui l’avevo in testa, sono riuscita a realizzare un sogno: conoscere il Madagascar!È stata...

    Diari di viaggio
    30 giorni on the road in madagascar

    30 giorni “on the road” in Madagascar

    Un viaggio di un mese in giro per il Madagascar, io e il mio amico, amanti di viaggi "FAI DA TE" abbiamo deciso per viverla meglio di...

    Diari di viaggio
    madagascar in libertà, alla scoperta del sud ovest

    Madagascar in libertà, alla scoperta del SUD OVEST

    Un viaggio che ci ha portato a scoprire la parte sud ovest, forse la parte più aspra dell'isola grande ma che ci ha regalato delle...

    Diari di viaggio
    madagascar terra e mare

    Madagascar terra e mare

    cuore, con un isolotto in centro sul quale svetta un angelo dorato (detto angelo nero) che fu eretto nel 1927 in memoria dei malgasci...

    Diari di viaggio
    una settimana a nosy be, isola del madagascar

    Una settimana a Nosy Be, isola del Madagascar

    Circa due mesi prima della partenza, io e mio marito, abbiamo prenotato con agenzia, il pacchetto turistico all inclusive, 7 giorni, 9...

    Diari di viaggio
    madagascar - costa ovest e rn7

    Madagascar – costa ovest e RN7

    fuori i costi sono quelli del pranzo. Portate abiti, materiale scolastico, farmaci, tutto è utile. Se avete bisogno di info, chiedete...

    Diari di viaggio
    madagascar in 19 giorni

    Madagascar in 19 giorni

    Dopo due anni di gestazione siamo riusciti a fare il viaggio in Madagascar che desideravamo. Nonostante le nostre tempistiche, organizzare...

    Diari di viaggio
    la mia nosy be, andasibe, sainte marie

    La mia Nosy Be, Andasibe, Sainte Marie

    Quest'anno, dopo l'esperienza del 2018 in india in giro con il driver per 21gg, decido di organizzarmi un viaggio in Madagascar che fosse...

    Diari di viaggio
    madagascar in 4 settimane

    Madagascar in 4 settimane

    Ciao a tutti, Ho letto molti diari di viaggio sul Madagascar in questo forum, che spiegano alla perfezione tramonti, profumi, esperienze e...

    Diari di viaggio
    viaggio in madagascar

    Viaggio in Madagascar

    Un viaggio ricco di emozioni, esperienze diverse, incontri toccanti in uno dei paesi più poveri del mondo. È un viaggio che a volte può...

    Video Itinerari