LOS ROQUES – Campeggio libero in paradiso

Aprile 2003 Venerdi' 25 Aprile Da grandi appassionati di isole quali siamo, abbiamo deciso questa volta di visitare un piccolo arcipelago al largo di Caracas, di fronte alla coste venezuelane: LOS ROQUES. Costituito da molte isole, per lo piu' di ridotte dimensioni, l' arcipelago e' stato dichiarato PARCO NAZIONALE nel 1972 e sono quindi gia' 30...
 

Aprile 2003 Venerdi’ 25 Aprile Da grandi appassionati di isole quali siamo, abbiamo deciso questa volta di visitare un piccolo arcipelago al largo di Caracas, di fronte alla coste venezuelane: LOS ROQUES.

Costituito da molte isole, per lo piu’ di ridotte dimensioni, l’ arcipelago e’ stato dichiarato PARCO NAZIONALE nel 1972 e sono quindi gia’ 30 anni che il patrimonio naturale di questo angolino del pianeta viene rispettato e mantenuto integro! Abbiamo organizzato tutto il viaggio tramite internet, contattando il proprietario di una POSADA sita sull’ isola principale ( per posada si intende una piccola pensione), chiamata Posada Acquamarina. GIORGIO ed il suo collaboratore, ROBERTO, sono stati molto disponibili e grazie a loro abbiamo prenotato il volo interno e la prima notte in posada, aquisendo inoltre preziose informazioni. Abbiamo passato sulle isole altre 8 notti… Scoprirete ben presto in che modo!! Le isole dell’ arcipelago sono suddivisibili in 3 gruppi, oltre ovviamente all’ isola principale, GRAN ROQUE, dove si trovano l’ aereoporto nazionale e la capitale omonima: A) le isole della zona “ricreativa” del parco, su alcune delle quali ci sono piccoli ristorantini molto rustici e graziosissimi, e sulle quali si puo’ tranquillamente CAMPEGGIARE… In modo del tutto gratuito!E’ sufficiente richiedere un permesso all’ OFFICINA IMPARQUE di Gran Roque. Noi, amanti del campeggio libero, siamo stati attratti da questa notizia come da una calamita!! Consideriamo infatti la possibilita’ di dormire nella nostra tendina in riva ad una spiaggia selvaggia come la migliore opportunita’ per poter vivere appieno un’ isola. Fra queste isole elenco: CRASQUI’, FRANCISQUI’, NASDRIQUI’, MADRIZQUI’ e CAYO PIRATA; B) la isole della zona del parco dove e’ possibile recarsi in giornata, ma dove e’ proibito trascorrere la notte. Fra queste elenco: CAYO AGUA e CARENERO; C) tutte le altre isole ed affioramenti corallini della zona del parco assolutamente protetta.. Al punto che e’ addirittura proibito avvicinarsi! Sognando tutto questo, ci imbarchiamo dunque sul volo AIR FRANCE, che via Parigi ci condurra’ fino a Caracas. Qui, un collaboratore di Giorgio ci attende per portarci al piccolo aereoporto nazionale, ad appena 5 minuti di strada, da cui partono i voli per la ISLA MARGARITA, oltre che per LOS ROQUES. Dopo un’ oretta di attesa, immersi in un caldo soffocante, saliamo su di un minuscolo CESSNA a 4 posti… Col quale iniziamo la nostra avventura a Los Roques!!! Atterriamo sull’ isola principale, GRAN ROQUE, dopo circa 35 minuti di volo basso e tranquillo. Lo scenario dal cielo e’ meraviglioso e promette cose fantastiche! A terra ci attendono alcuni ragazzi con dei carioli su cui caricano i nostri zaini, accompagnandoci alla nostra posada. Qui, facciamo conoscenza con Roberto, che troviamo molto simpatico. Sistemate in camera le nostre cose, optiamo per uscire subito ad esplorare il pueblo! Sono le 7 di sera ed il caldo non da’ tregua, ma facciamo immediatamente conoscenza con un elemento caratteristico di queste isole: il VENTO! E’ piuttosto forte e rende piu’ sopportabile la calura! Attraversato esclusivamente da stradine in terra battuta, il pueblo si presenta come un susseguirsi ordinato di pittoresche casette coloratissime, sulle quali spesso si legge il nome di una posada dipinto direttamente sulla pietra murale. Tutti questi colori fanno bene al cuore e non possiamo non pensare che vivere in un posto cosi’ metterebbe senz’ altro allegria! Camminiamo tranquilli, cercando di perderci fra le viuzze per scoprire quanti piu’ possibili scorci di questo bel paesino; sbuchiamo improvvisamente nella piazza Bolivar, uno spiazzo polveroso ma molto grazioso, tutto circondato da mille casine d’ ogni colore e con un palco dipinto di giallo pronto ad accogliere qualche spettacolo! Ci soffermiamo ad osservare balconi, finestre, cornicioni, porte: un’ estasi per gli occhi e per l’ obiettivo della macchina fotografica! Ci avviciniamo poi al mare, bellissimo nella calda luce del crepuscolo ormai imminente. Sulla candida spiaggia si affacciano le posada piu’ belle e suggestivi ristorantini assai romantici e gia’ gremiti di turisti! Il mare e’ tutto un dondolare di barche, barchette, barconi fra cui volano e si tuffano decine di grossi pellicani scuri e moltitudini di gabbiani chiari: i loro versi felici sono meglio di qualsiasi musica! Dopo una breve sosta davanti alla bella chiesetta bianca appena bordata di azzurro, ci dirigiamo decisi verso l’ Officina Imparque, dove otteniamo senza problemi il nostro permesso al campeggio. Domani mattina presto partiremo alla volta della prima isola che abbiamo deciso di visitare: FRANCISQUI’.

Sabato 26 e Domenica 27 Aprile Una bella colazione, qualche chiacchiera con Roberto, poi via! a piedi verso l’ aereoporto, nei pressi del quale ci sono i 2 casottini dei ragazzi che organizzano i tour alle isole: e’ solo grazie a loro se ogni turista ha la possibilita’ di recarsi alle isole vicine e lontane, giorno dopo giorno. L’unica alternativa e’ quella di noleggiare una barca con lo skipper! La maggior parte dei turisti che viene a Los Roques, preferisce pernottare a Gran Roque e visitare un’ isola diversa ogni giorno, cosi’ da poterne “collezionare” di piu’ ed avere una visione d’ insieme dell’ arcipelago il piu’ possibile allargata. Noi, invece, preferiamo sempre l’ approfondimento alla quantita’, dunque preferiamo pernottare direttamente sulle isole che vogliamo conoscere… Lasciando le altre magari ad un futuro viaggio! In tale modo, infatti, vedremo solo 2 delle tante isole dell’ arcipelago, ma nei loro piu’ intimi dettagli!! Ci affidiamo ad uno dei ragazzi, che ci accompagna con un veloce motoscafo alla vicina Francisqui’. Il mare da azzurro si fa blu, per poi tornare azzurro: eccoci arrivati! In soli 10 minuti veniamo catapultati in un mondo completamente nuovo, fatto solo di acqua, sabbia, cielo. Poche persone scendono con noi e tutte si fermano appena messo piede a terra; noi iniziamo invece a cercare il posto ideale dove montare la tenda! Seguiamo a tale scopo un bellissimo sentierino di candida sabbia su di un pianoro di secche piantine marron e basse, che creano un ottimo sfondo al turchese del mare fra le isole. Ci accorgiamo subito che non e’ vero che queste isole sono pelate e prive di vegetazione, come avevamo letto o sentito dire! Un folto gruppo di alberi molto ombrosi occupa infatti la parte centrale dell’ isola, e noi ci dirigiamo decisamente li’! In breve troviamo un angolino perfetto, con vista su di una meravigliosa piscina naturale rivolta a sud.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Venezuela
    Diari di viaggio
    da città del messico a fortaleza

    Da Città del Messico a Fortaleza

    Guardando per l'ennesima volta le foto dell'album di un viaggio che ho fatto molti anni fa mi è venuta voglia di raccontarvi questa...

    Diari di viaggio
    venezuela: natura e cultura

    Venezuela: natura e cultura

    Io e mia moglie Lori amiamo molto il Sud America. Prediligiamo gli aspetti naturalistici, archeologici, culturali, etnografici... ed...

    Diari di viaggio
    perù nel cuore

    Perù nel cuore

    donne che sono state strappate ad una condizione di schiavitù come collaboratrici domestiche e aiutano a gestire questo albergo. Il posto...

    Diari di viaggio
    los roques d’amare

    Los Roques d’amare

    Baciati da un sole caldissimo e sopportabilissimo grazie alla perenne brezza, bagnati da un mare incantevole in un arcipelago...

    Diari di viaggio
    venezuela, conocerla es tu destino

    Venezuela, conocerla es tu destino

    Partenza da Malpensa giovedì 8 agosto 2013, non senza ansie e preoccupazioni per l’allerta sicurezza. Più o meno tutti, informati e...

    Diari di viaggio
    magico venezuela

    Magico Venezuela

    Viaggio di grande fascino ed intense emozioni dedicato a una natura per molti aspetti ancora incontaminata. Il viaggio da me impostato (8...

    Diari di viaggio
    los roques, l'isola dei mille colori e dei cani felici

    Los Roques, l’isola dei mille colori e dei cani felici

    Abitiamo nella pianura padana e ad ottobre, anche se la campagna è più bella che ma, la voglia di mare e di sole si fa già sentire ed...

    Diari di viaggio
    viaggio in venezuela autogestito

    Viaggio in Venezuela autogestito

    Il nostro viaggio in VenezuelaViaggio di 4 settimane dal 29/10/2012 al 25/11/2012 effettuato da me e mia moglie Katy con zaino in...

    Diari di viaggio
    venezuela, un viaggio in paradiso

    Venezuela, un viaggio in Paradiso

    Finalmente si parte! L’appuntamento al Guglielmo Marconi di Bologna. Giorgio e Fiorenza (i nostri compagni di viaggio) ci vengono a...

    Diari di viaggio
    venezuela da sogno

    Venezuela da sogno

    1° GIORNO Finalmente dopo mesi di preparazione per questo viaggio da tempo tanto atteso tutti pronti e si parte! Sveglia alle 5 a.m. e...