Le tragedie greche di Siracusa

Quest'anno abbiamo trascorso la festa della Repubblica nella città siciliana
 
Partenza il: 01/06/2012
Ritorno il: 03/06/2012
Viaggiatori: 4
Spesa: 500 €

Approfittando dell’occasione generata da una prima comunione in quel di Siracusa il 3 giugno, decidiamo di fare qualcosa di nuovo e per la prima volta assistiamo alla rappresentazione delle tragedie greche di Siracusa, rimanendone letteralmente estasiati. Siamo di Palermo, dunque è stato facile raggiungere Siracusa in macchina, sia all’andata sia al ritorno. In due giorni abbiamo avuto modo di visitare Ortigia, il centro storico di Siracusa, e Taormina. Inutile descrivere le bellezze di questi luoghi in questo diario, poiché potete trovarne ovunque in rete di descrizioni. Il punto saliente della nostra breve vacanza è stata la visione della rappresentazioni delle tragedie greche nel teatro greco all’interno dell’area archeologica a Siracusa. Quest’anno hanno messo in scena le Baccanti di Euripide e il Prometeo di Eschilo. Siamo molto felici di avere scelto di assistere a questi spettacoli, perché è stato tutto straordinario (location, performance di attori e attrici, musica, scenografia, acustica ecc.) e consigliamo vivamente a chi non abbia ancora avuto l’opportunità di assistere a questi spettacoli di andarci. Mi permetto di elencare qualche consiglio pratico:

  • non pensiate di non capire nulla di questi spettacoli (comunque molto impegnativi), se non siete grecisti o usando queste scuse futili, perché è abbastanza facile seguire lo show, però è indispensabile avere studiato la trama prima di assistere allo spettacolo.
  • che non vi venga in mente di portare ragazzini al di sotto dei 14 anni a questo tipo di spettacolo, perché è molto impegnativo per loro e ne rimarrebbero scontenti.
  • è necessario acquistare o prenotare i biglietti con largo anticipo perché arriva tantissima gente da tutta Italia per assistere alle tragedie.
  • se non prendete i posti numerati, affittate i cuscini a 1,5 € all’ingresso altrimenti dovrete stare seduti per un’ora e mezzo sulla nuda pietra.
  • credo che sia meglio prendere posto sul lato destro del teatro perché è quello che va in ombra prima.
  • portate un giacchino o un giubbotto perché quando cala il sole c’è piuttosto freddo.

Dato che abbiamo potuto prenotare tardi, l’unico albergo disponibile per una quadrupla era il Best Western Siracusa – Melilli, comodo ma in piena zona industriale: dunque si rende necessario un mezzo di trasporto proprio per spostarsi. Per quel che riguarda pranzi e cene, noi abbiamo cenato alla Rambla, una pizzeria a Ortigia, piuttosto deludente, e in un poco tradizionale Old Wild West nel centro commerciale Alle Porte di Catania.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Italia
    Diari di viaggio
    napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Desideravo fare una vacanza che fosse piena di colori, di profumi, che mi riempisse il vuoto grigio lasciato dai due anni di Covid. Mentre...

    Diari di viaggio
    ostia antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Ostia Antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Il meraviglioso spettacolo che Ostia Antica offre al visitatore è qualcosa di magico, e solo percorrendo le sue strade lastricate in...

    Diari di viaggio
    tra marche e romagna, mondaino e le sue fisarmoniche

    Tra Marche e Romagna, Mondaino e le sue fisarmoniche

    Certo che in Romagna non ci si annoia mai! Ecco che parto di nuovo verso le campagne assolate della mia terra, allontanandomi per un po’...

    Diari di viaggio
    tra italia, slovenia e croazia a caccia di primati

    Tra Italia, Slovenia e Croazia a caccia di primati

    Un viaggio on the road di nove giorni con mio marito e nostro figlio Leonardo di sei anni, partendo in auto dalla Valtellina dove viviamo,...

    Diari di viaggio
    autunno tra le dolomiti ampezzane

    Autunno tra le Dolomiti Ampezzane

    Ho sempre adorato viaggiare e stare in mezzo alla natura, amo scattare fotografie che mi ricordino per sempre panorami mozzafiato e ogni...

    Diari di viaggio
    umbria, il cuore verde dell'italia

    Umbria, il cuore verde dell’Italia

    Il cuore dell'Italia ha la forma e i colori dell'Umbria, una piccola Regione adagiata sugli Appennini nel bel mezzo dello Stivale, a metà...

    Diari di viaggio
    quattro giorni nel cuore d’abruzzo

    Quattro giorni nel cuore d’Abruzzo

    Cosa fare quattro giorni nel centro Italia? Noi abbiamo visitato posti incredibili e vissuto esperienze meravigliose nel cuore...

    Diari di viaggio
    montebello, misteri e buon cibo sulle colline della valmarecchia

    Montebello, misteri e buon cibo sulle colline della Valmarecchia

    Chi pensa che la Romagna sia solo mare, ombrelloni e piadina, si sbaglia di grosso. Se per un giorno lasciate le spiagge di Rimini...

    Diari di viaggio
    i campi viola di orciano pisano

    I campi viola di Orciano Pisano

    Spettacolare il colpo d’occhio dei campi di lavanda in fiore, non più un’esclusiva della Provenza. Da qualche anno li possiamo...

    Diari di viaggio
    una giornata tra villa adriana e villa d'este

    Una giornata tra Villa Adriana e Villa d’Este

    Ambizione di bellezza, ricerca della perfezione, cura dei dettagli. E poi storia di imperatori e cardinali, di meraviglie architettoniche,...