Le spiagge della Gallura

Partenza il 16 luglio, destinazione Santa Teresa di Gallura. Organizziamo questo we in sardegna in fretta e furia la sera prima della partenza. Ma per una gita in Sardegna io e il mio compagno siamo disposti a tutto, visto che ogni volta è una scoperta sorprendente. Come prima cosa verifichiamo la disponibilità di qualche B&B, telefoniamo...
Scritto da: cinquepercento
le spiagge della gallura
Partenza il: 16/07/2009
Ritorno il: 21/07/2009
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

Partenza il 16 luglio, destinazione Santa Teresa di Gallura. Organizziamo questo we in sardegna in fretta e furia la sera prima della partenza. Ma per una gita in Sardegna io e il mio compagno siamo disposti a tutto, visto che ogni volta è una scoperta sorprendente.

Come prima cosa verifichiamo la disponibilità di qualche B&B, telefoniamo quindi ad uno (www.Lachiccadifrancesca.Com) che troviamo navigando in rete ma non ha più disponibilità. Il proprietario, Gigi, è però davvero gentile e mi fornisce alcuni numeri di B&B in zona.

Il secondo ha disponibilità, si tratta del B&B Le Ortensie in via campania 15 (www.Bbleortensie.Com).

La scelta si è rivelata davvero ottimale. La struttura è carina e dislocata non lontano dal centro, facilmente raggiungibile a piedi, e in una zona molto tranquilla. Le stanze sono spaziose e fresche. Paola, la proprietaria, è veramente impagabile e disponibile. Mentre ci preparava la colazione ci dava consigli sulle migliori spiagge da visitare in funzione del tempo e del vento e alla fine i suoi consigli si sono rivelati sempre vincenti. Il B&B dispone di tre camere ma è anche possibile soggiornare nei due appartamenti molto spaziosi di cui la struttura è dotata. La posizione geografica permette inoltre spostamenti verso le principali località turistiche della Sardegna del nord.

Santa Teresa di Gallura è facilmente raggiungibile, in circa un’ora e trenta di auto, da Olbia o Golfo Aranci, a seconda della compagnia di navigazione che si sceglie. Noi all’andata abbiamo preso la Sardinia e al ritorno la Moby, alla quale alla fine abbiamo assegnato qualche punto in più e l’abbiamo preferita alle altre.

Nei pochi gg che avevamo a disposizione abbiamo visitato diverse spiagge, volendo dedicare il nostro tempo al mare e al completo relax. La spiaggia di Rena Bianca si trova proprio a Santa Teresa di Gallura, e dal B&B è raggiungibile anche a piedi. Peccato che essendo la spiaggia della cittadina e non essendo eccessivamente spaziosa si riempie subito e già in questo periodo di luglio conquistare un posto al sole è stata un’impresa. E’ anche possibile fare una passeggiata lungomare attraverso un percorso dove si può ammirare la costa e visitare la Torre di Luogosanto.

La spiaggia della Marmorata è considerata tra le più belle delle Sardegna, è caratterizzata da sabbia finissima e acqua cristallina. Anche questa baia non è molto spaziosa e anche qui abbiamo faticato un po’ per guadagnarci un po’ di posto. Consiglio di andare la mattina presto in quanto il parcheggio (1 euro/h) non è molto grande e gli ausiliari del traffico non permettono di parcheggiare lungo la strada.

Le spiagge di Rena Majore e Rena Matteu sono altrettanto belle e anche più praticabili. Sono molto larghe e permettono di accogliere un maggior numero di persone. La sabbia è fine e bianchissima e il mare trasparente e cristallino.

Per finire consigliamo anche un posto dove mangiare ottimi gnocchi sardi e porcetto. Si tratta dell’Agriturismo Stazzu La Tegghja (www.Agriturismolategghja.Com), si trova nel comune di Aglientu. Pratica menu fisso al costo di 35 euro a persona bevande incluse. E’ facilmente raggiungibile dalla statale che porta alla spiaggia di Rena Majore. Si trova su una collina che domina il litorale, dalla quale è possibile godere di uno splendido panorama delle coste circostanti.



    Commenti

    Lascia un commento

    Italia: leggi gli altri diari di viaggio