Le meraviglie del Giappone

Alla scoperta del Paese durante il nostro viaggio di nozze
 
Partenza il: 04/08/2014
Ritorno il: 18/08/2014
Viaggiatori: 2
Spesa: 4000 €

Io e mio marito abbiamo deciso di andare in Giappone per il nostro viaggio di nozze e ci siamo concessi un tour organizzato. Partiamo il 4/8 da Malpensa direzione Tokyo, facendo scalo a Monaco in 13 ore raggiungiamo la capitale nipponica. Dopo i controlli di rito per attraversare la dogana, prendiamo il limousine air bus che ci porta al nostro hotel, il Keio Plaza, di fronte al Metropolitan building a Shinjuku. Dopo esserci rinfrescati e aver avuto il primo approccio con i super tecnologici wc giapponesi ci inoltriamo per il quartiere. Luci al neon coloratissime, schermi pubblicitari giganti e gingle giapponesi ci catapultano in una nuova realtà!

Giorno 1

Dopo un’abbondante colazione internazionale ci incontriamo nella all con la nostra accompagnatrice italiana, la guida giapponese parlante un perfetto italiano e i nostri compagni di viaggio. Prendiamo il bus e ci dirigiamo al Metropolitan building a Shinjuku, dove prendiamo l’ascensore e saliamo all’ultimo piano, l’osservatorio a 360° sulla splendida Tokyo, da qui abbiamo la fortuna di intravedere in lontananza il Monte Fuji. Dopo aver scattato il primo centinaio di foto ci dirigiamo alla piazza del Palazzo Imperiale, dal mio punto di vista niente di entusiasmante in quanto il palazzo è in ristrutturazione e non è accessibile ai turisti. Proseguiamo per il santuario Meiji, santuario shintoista dedicato alle anime dell’Imperatore Mutsuhito e di sua moglie, l’imperatrice Shōken, nel quale abbiamo avuto la fortuna di incontrare e fotografare una coppia di sposi che stava facendo le foto dopo la cerimonia del loro matrimonio. Finita la visita al santuario scintoista ci rechiamo al Tempio Kannon di Asakusa, dedicato a Kannon Sama, la dea buddista della misericordia ed è il luogo di venerazione più antico di Tokyo. Ci soffermiamo ad Asakusa per l’acquisto dei primi souvenirs fra cui le splendide Kokeshi, bambole tipi tradizionali giapponesi ritenute di buon auspicio contro la cattiva sorte e considerate un raffinato oggetto da collezione da regalare a persone molto speciali. Terminato lo shopping ci dirigiamo verso il quartiere commerciale di Ginza dove ci limitiamo a guardare le vetrine delle grandi marche di tutto il mondo.

Torniamo io Hotel ma io e Cristian (mio marito) decidiamo di prendere la metro e dirigerci verso il quartiere di Shibuya, famoso per la statua del cane Haciko, fuori dalla stazione e dall’incrocio più trafficato al mondo, da vedere assolutamente perché non ci sono parole per descrivere la quantità di gente che vi attraversa la strada! Ceniamo in un ristorantino e torniamo in hotel.

Giorno 2

Ci dirigiamo alla stazione di Tokyo e prendiamo il treno proiettile per Shizuoka, nella zona del monte Fujiyama. Prendiamo la funivia e arriviamo al santuario shintoista Toshogu, dedicato a Tokugawa Ieyasu, il fondatore dello shogunato Tokugawa, ultimo shogunato del Giappone. Dall’ingresso del santuario riusciamo a vedere il mare e le coltivazioni di fragole sulla costa. In bus ci dirigiamo verso un punto panoramico privilegiato per poter osservare il monte Fuji che purtroppo a causa della foschia non riusciamo a vedere. Dopo la delusione di non aver visto il mitico monte Fuji proseguiamo in treno proiettile per Kyoto.

Arriviamo in Hotel, il Rihga Royal Kyoto, e decidiamo di andare a Muromachi Dori dove in una traversa delle due gallerie che si trovano su questa strada, troviamo un fantastico ristorantino, dove mangiamo degli ottimi noodles alla piastra, seduti per terra e rigorosamente senza scarpe. Ci sentiamo proprio in Giappone! Decidiamo di andare alla ricerca delle geishe, fortunatamente ne vediamo due che ci evitano appena vedono che siamo pronti a scattare delle foto, ma sono troppo lente in confronto alla velocità con cui riusciamo ad immortalarle! Decisi a trovarne altre andiamo a Gion, uno dei più esclusivi e rinomati quartieri di geishe. In una traversa di questo vecchio quartiere intravediamo tre kimoni coloratissimi e corriamo verso le tre figure che vediamo, immortaliamo come possiamo queste tre geishe e sodisfatti dei nostri incontri torniamo in hotel.

Giorno 4

Dopo la solita colazione abbondate ci dirigiamo in bus al Tempio buddhista del Padiglione d’oro, rimaniamo affascinati dalla bellezza di questo tempio e dopo la spiegazione della storia di questo tempio da parte della nostra guida, ci dirigiamo al castello Nijo, Simbolo del potere e della ricchezza dello shogunato di Edo, fu residenza degli shogun per quasi 270 anni, e fu in seguito usato come residenza imperiale. Caratteristica particolare degli interni sono i cosiddetti “pavimenti dell’usignolo”, chiamati così perché, ogni volta che vengono calpestati, i morsetti e i chiodi posti sotto la superficie sfregano tra loro producendo un suono che ricorda il verso dell’usignolo. Ci dirigiamo poi in bus al tempio buddhista Kiyomizu. Il nome deriva dalla cascata presente all’interno del complesso, che scorre dalla colline vicine. Kiyomizu significa “acqua pulita”, o “acqua pura’’. Proseguiamo a piedi per il quartiere di Higashiyama e raggiungiamo il giardino zen karesansui e il vicino Ryozen Kannon è un monumento ai caduti per commemorare la guerra morti della guerra del Pacifico, da cui domina la statua di cemento e acciaio del Bodhisattva Avalokiteśvara (Kannon) di 24 m di altezza e pesa circa 500 tonnellate. Le escursioni della giornata sono terminate ma raggiunto l’hotel ci rinfreschiamo e decidiamo di andare in taxi al teatro di Kyoto dove c’è l’esibizione e la presentazione di alcune Maiko. Spettacolo emozionante che vale davvero la pena vedere! Finito lo spettacolo decidiamo di mangiare gli yakitori, spiedini di pollo giapponesi. Sazi torniamo in hotel in attesa che arrivi il giorno seguente.

Giorno 5

Dopo la solita abbondante prima colazione, in mattinata, trasferimento in stazione ferroviaria di Kyoto e partenza in treno espresso per Kanazawa. Giornata dedicata alla visita di Kanazawa, una delle città più belle del Giappone, utilizzando il bus: visita allo splendido giardino Kenrokuen, uno dei tre più importanti giardini del Giappone, Il suo nome, “Kenrokuen Garden”, letteralmente significa “giardino delle sei qualità”, rappresentate da: ampiezza – isolamento – atmosfera antica – ingegnosità – acqua abbondante -ampie vedute. Anche sotto il diluvio universale, ci accorgiamo della bellezza di questo giardino. Camminiamo solo pochi minuti per i vicoli tortuosi, delimitati dai tipici muri di cinta di fango e entriamo nella residenza della famiglia samurai Nomura che dà un’idea della vita al tempo dei samurai. La visita è molto interessante, nelle sale interne è spiegata la storia dei samurai con le rigide norme di comportamento, chiamate bushido e in parte ispirate al buddhismo zen che prevedevano anche il suicidio come estrema prova d’onore, mentre nella parte esterna si può ammirare un bellissimo esempio di giardino giapponese in grado di creare ambienti artificiali tanto perfetti da apparire naturali. Proseguiamo verso la famosa via delle geishe e alla Casa delle Geishe – Ochaya Shima dove si possono ammirare gli strumenti musicali utilizzati per l’intrattenimento dei clienti, gli accessori per impreziosire i capelli e gli strumenti necessari per la cerimonia del tè. Rientriamo in hotel e decidiamo di cenare in un vicino centro commerciale. Prendo riso, cipolla, pollo e uova. Non male. Nei centri commerciali, agli ultimi piani si trovano sempre dei ristorantini.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Fuji
    Diari di viaggio
    estate giapponese

    Estate Giapponese

    Note generali: Periodo: 29/07/18 – 01/09/18Persone: 2 (io e mia sorella), + 3 amici che si sono uniti per circa 20...

    Diari di viaggio
    hong kong e giappone

    Hong Kong e Giappone

    Takayama (ordine di visita stabilito secondo il meteo). Raggiungo il vicino ostello (6.900y, pago con la prepagata 54,61€) che si...

    Diari di viaggio
    giappone fai da te? ceeeerto che si può!

    Giappone “fai da te”? Ceeeerto che si può!

    Ciao a tutti, mi chiamo Alessandra e finalmente ho deciso dopo tanti viaggi, di scrivere un diario di viaggio, per diversi motivi: il...

    Diari di viaggio
    giappone: un incredibile contrasto fra tradizione e modernità!

    Giappone: un incredibile contrasto fra tradizione e modernità!

    Un viaggio in Giappone era in programma da molto tempo e finalmente è arrivato anche il nostro momento di visitare il Paese del Sol...

    Diari di viaggio
    tre gaijin nel sol levante

    Tre gaijin nel Sol Levante

    vacanza al Ganko Sushi, eccezionale! Dopo cena scendiamo sulla sponda del fiume a Ponto-cho e ci uniamo ad un gruppetto a caso di...

    Diari di viaggio
    le meraviglie del giappone

    Le meraviglie del Giappone

    Io e mio marito abbiamo deciso di andare in Giappone per il nostro viaggio di nozze e ci siamo concessi un tour organizzato. Partiamo il...

    Diari di viaggio
    memorie di un gaijin

    Memorie di un gaijin

    Più che un racconto di viaggio in forma romanzata queste pagine sono una serie di informazioni e suggerimenti, spero utili, per chi voglia...

    Diari di viaggio
    la fine del mondo e il paese delle meraviglie

    La fine del mondo e il paese delle meraviglie

    Innanzi tutto mi scuserà il buon Murakami per avere preso indegnamente in prestito il titolo del suo bellissimo libro per questo mio...

    Diari di viaggio
    yokoso japan di benvenuti in giappone parte 4

    Yokoso Japan di Benvenuti in Giappone parte 4

    29 aprile Oggi giriamo per Kyoto. Ci dedichiamo alla parte nord-ovest della città. Per prima cosa andiamo al Tourist Office per prendere...

    Diari di viaggio
    yokoso japan di benvenuti in giappone parte 3

    Yokoso Japan di Benvenuti in Giappone parte 3

    25 aprile Oggi era previsto un giro per il paese e la visita alle antiche case dei mercanti. Purtroppo piove dalle 5 del mattino, e non è...