larrimah hotel

Eravamo: in 2. Periodo: dal 7 al 27 agosto 2009. Il nostro itinerario: Sydney Volo interno Sydney – Townsville Macchina/1: Townsville – Cairns – Daintree NP – Green Island e barriera corallina – Atherton Tableland Volo interno Cairns – Darwin Macchina/2: Darwin - Kakadu NP – Katherine Gorge – Devil’s Marbles –...
 
Partenza il: 07/08/2009
Ritorno il: 27/08/2009
Viaggiatori: in coppia

Eravamo: in 2.

Periodo: dal 7 al 27 agosto 2009.

Il nostro itinerario: Sydney Volo interno Sydney – Townsville Macchina/1: Townsville – Cairns – Daintree NP – Green Island e barriera corallina – Atherton Tableland Volo interno Cairns – Darwin Macchina/2: Darwin – Kakadu NP – Katherine Gorge – Devil’s Marbles – Mataranka – Larrimah – Daly Waters – Wycliffe Wells – Alice Springs – West Macdonnell Range – Mereenie loop – Kings Canyon – Ayers Rock Volo interno Ayers Rock – Sydney.

Venerdì 7 agosto: Venezia – Sydney via Dubai (Emirates).

Dubai: dato che restiamo in transito qualche ora usciamo (si può fare, non servono visti o altro) a fare un giro in taxi per vedere in esterni la Dubai by night: facciate di alberghi, centri commerciali, strade a sette corsie per senso di marcia, tutto illuminatissimo. Un tratto di “isola pedonale” con negozi. Il fiume. Cantieri ovunque. Nulla più. La Las Vegas degli Emirati Arabi è ancora mezza in costruzione.

Domenica 9 agosto: Sydney.

Usciamo dall’aeroporto alle 6.00 di domenica mattina, ci sono 6° C.

Arrivati all’Ibis Hotel World Square la stanza ovviamente non è disponibile, vista l’ora, e ci estorcono 7 dollari per il deposito valigie in attesa della suddetta. Usciamo, siamo vicini ad Hyde Park: vediamo dappertutto gente in tenuta da corsa (che atletici questi australiani…). Sono davvero sempre e comunque matti per lo sport, ma stavolta è la “City to surf run” che si tiene una volta all’anno: 14 km da Hyde Park a Bondi beach. Continuiamo verso i Royal Botanic Gardens, Mrs. Macquaries’point e poi la zona di the Rocks e Circular Quay. Nei parchi pappagalli dappertutto, e strepitose colonie di volpi volanti (pipistrelli da kilo) appese ad un albero a testa in giù. Nel pomeriggio saliamo sulla Sydney Tower e poi procediamo verso Darling Harbour entrando all’acquario: bello, ma il nostro di Genova è migliore. Qui le particolarità sono i lamantini e la vasca oceanica con parecchi squali di diverse razze.

Lunedì 10 agosto: Sydney.

Andiamo al Taronga Zoo in traghetto, partendo dal Circular Quay. Lo zoopass (trasporto + entrata) costa 48 $ ben spesi, lo zoo ci piace. Ospita soprattutto la fauna tipica australiana, quella che “chissà se riuscirò a vederla dal vivo” ed anche quella che “spero di NON vederla dal vivo” (rettili ecc). Quel che resta della giornata lo spendiamo a zonzo in città. Sydney è piacevole, il fatto è che noi europei siamo abituati a ben altro, e le città australiane sono tutte troppo recenti per farci effetto più di tanto.

Martedì 11 agosto: Sydney – Townsville (Queensland).

Volo interno (Jetstar). A Townsville ritiriamo la nostra 1° macchina a noleggio, una Toyota Corolla.

Puntiamo verso Cairns, contando i morti (canguri); perdiamo subito il conto, e questo ci fa passare del tutto la voglia, casomai ne avessimo avuta, di viaggiare di notte.

Il cambio di clima e di paesaggio è evidentissimo, la strada è costeggiata da campi di canna da zucchero e banani; palme; all’interno si coltivano anche tè e caffè. Di fianco a noi scorrono i binari dei trenini usati per trasportare la canna da zucchero dagli appezzamenti ai mulini di trasformazione (alcuni visitabili).

Ad Innisfail ci fermiamo a visitare la Johnston River Crocodile Farm, un allevamento di coccodrilli. In effetti le bestiacce più grosse (le star dello spettacolo) fanno la loro figura ingoiando al volo i mezzi polli che sono abituati a mangiare. Altre comparse: un gruppo di canguri, un gruppo di dingo, una coppia di casuari ed un emù che imperversa a dritta e manca facendo finta di niente per darsi un contegno.

Scopriremo in seguito che qui nel nord ci sono croc farms dietro ogni angolo, i coccodrilli (allevati per carne e pelle) sono anche un bel business turistico.

Arrivati a Cairns ci fermiamo all’Holiday Inn, in fondo all’Esplanade (il lungomare). E’ una città molto turistica, ci sono parecchi alberghi e ristoranti; si cena presto comunque, ma almeno la sera c’è movimento. Notevole l’enorme piscina pubblica sul lungomare, gratis e con tanto di bagnini, per ovviare alla presenza di meduse 6 mesi all’anno.

Come tutti o quasi i centri abitati sulla costa del Queensland è la base per escursioni alla barriera corallina qui di fronte.

Mercoledì 12 agosto: Green Island – Barriera corallina Escursione giornaliera in barca alla (molto) turistica Green Island per vedere la barriera. L’isola è abbastanza piccola, ospita un resort, un bar/ristorante e qualche negozietto. Ricca di vegetazione, è vicina alla costa – un’oretta è sufficiente per arrivarci. Usciamo sulla barriera sia con le solite barche con fondo di vetro sia con pinne e maschera. Ci sono pesci colorati e tartarughe, però mi pare di ricordare che nel mar rosso (visto diversi anni fa) i colori fossero più vivi…Forse per apprezzare questa bisognerebbe spingersi più lontano dalla costa, verso l’outer reef (la barriera esterna).

Giovedì 13 agosto: Daintree NP Lasciamo Cairns, puntando a nord verso il parco di Daintree e la foresta pluviale. Facciamo tappa a Mossman per vedere la Mossman Gorge: unica cosa notevole la vegetazione che la circonda, per il resto potremmo essere sulle Dolomiti. Procediamo, arrivando leggermente lunghi all’imbarco del traghettino sul Daintree river (infestato dai coccodrilli come ogni corso d’acqua australiano che si rispetti). Ilarità generale in un gruppetto di pedoni locals, anche se riusciamo ad evitare di entrare in acqua.

Raggiungiamo il Daintree N.P. E ci fermiamo a Cow Bay, al Daintree Discovery Centre. Dopo questo assaggio decidiamo di cambiare programmi in corsa, ed invece di puntare su Cape Tribulation e Cooktown torniamo indietro, salendo sull’Atherton Tableland (circa 900 metri slm) alle spalle di Cairns.

Incalzati dal tramonto incombente, terrore di tutti i turisti automuniti in Australia (peggio che in Transilvania), ci fermiamo a Mareeba, ridente cittadina dell’outback. Il prescelto è il Mareeba Motor Inn, da noi subito ribattezzato “dal baffo”. Ora, astenetevi dalla sosta se astemi: dategli soddisfazione quando vi offrirà una “birretta di benvenuto” e non costringetelo a tirare fuori dal frigo della limonata, vi compatirebbe un pochino.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Alice Springs
    Diari di viaggio
    luna di miele tra australia e polinesia francese!

    Luna di Miele tra Australia e Polinesia Francese!

    Il 2019 è stato l’anno che ci ha visto convolare a nozze e come meta della nostra luna di miele abbiamo scelto un mondo lontano dove...

    Diari di viaggio
    cartoline dal down under

    Cartoline dal Down Under

    L’Australia è famosa nel mondo per le sue meraviglie naturali: barriera corallina, foreste pluviali lussureggianti, i deserti...

    Diari di viaggio
    australia on the road

    Australia on the road

    Noi siamo stati in Australia dal 5 al 29 novembre 2017. Abbiamo percorso con auto a noleggio circa 5.400 km, facendo le tratte da Malbourne...

    Diari di viaggio
    red centre australiano

    Red Centre australiano

    1° giorno Dopo circa 2 ore e mezza di volo atterriamo ad Ayers Rock da Cairns. Ritiriamo subito la nostra 4x4 che ci permetterà di...

    Diari di viaggio
    il viaggio di una vita: australia

    Il viaggio di una vita: Australia

    nei pressi della fermata, il Travelodge dove pernotteremo per 3 notti.Lasciamo le valigie in hotel e usciamo subito per un giro della...

    Diari di viaggio
    australia... cose dell'altro mondo

    Australia… cose dell’altro mondo

    Dopo mesi e mesi di preparativi, eccoci arrivati al momento della partenza. Il nostro primo approccio con la terra australiana avviene a...

    Diari di viaggio
    un sogno chiamato australia

    Un sogno chiamato Australia

    Periodo: Dicembre-Gennaio (estate australiana) Spesa approssimata per eccesso: 6.000 euro (tutti i voli sia nazionali che internazionali,...

    Diari di viaggio
    sogno australiano

    Sogno australiano

    Sabato 25 Gennaio Partiti da Roma Fiumicino alle 14.40 con Emirates. L'aereo è molto confortevole ma non funzionano i nostri display....

    Diari di viaggio
    australia, outback 4x4

    Australia, outback 4×4

    Dopo aver organizzato e sognato questo primo viaggio in Australia per un anno, finalmente lo abbiamo fatto e mettiamo a disposizione di...

    Diari di viaggio
    australia, il sogno che diventa realtà

    Australia, il sogno che diventa realtà

    01.06.13 W gli sposiiii! J J J02-03.06.13 Eccoci, finalmente, in partenza per IL viaggio...Banco del check-in all'aeroporto di...