Lanzarote: un’isola, tante emozioni

Relax ma anche cultura, sole ma anche vento, buon cibo e buon vino
 
Partenza il: 17/01/2019
Ritorno il: 24/01/2019
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

17 gennaio

Partiamo da Roma con volo Ryan delle ore 13.15 (spesa totale per 2 persone a/r 140,00 €). Il volo parte abbastanza puntuale. Arriviamo a Lanzarote alle 16.40 ora locale (in Italia sono le 17.40). Ritiriamo l’auto prenotata alla Cicar: spesa per una settimana di noleggio pari a € 106.38 (ci consegnano una Ford Fiesta nuova invece della 500 prenotata!)

Arriviamo al nostro hotel, il Bitacora Club Lanzarote prenotato in offerta su booking per la cifra di 417.69 € per 7 notti (solo alloggio). Ci accoglie Francesca, una ragazza italiana che non solo ci fornisce tutte le spiegazioni sul funzionamento dei servizi in hotel ma ci consiglia su luoghi da vedere e ristoranti da provare. Veramente fantastica! Avremo modo di apprezzarla molto durante la nostra settimana di permanenza.

Dopo aver finalmente preso possesso della camera andiamo a cena e seguendo subito il consiglio di Francesca ci rechiamo alla “Taberna del Nino”, ristorante sul porto. Prendiamo le tapas, 4 tipi diversi di tapas tipiche spagnole, un piatto di gamberi fritti con salsa all’arancia (spettacolari!), 1 piatto di gamberi all’aglio, 1 acqua, 1 bicchiere di vino rosso. Spendiamo 35.65 €, ci offrono anche il bicchierino di rum al miele tipico delle Canarie. Ottima cena e ottimo locale, grazie Francesca!

18 gennaio

Dopo aver comprato un po’ di spesa e il pranzo al sacco partiamo direzione Papagayo. La mattinata è nuvola e troviamo anche pioggia ma non ci scoraggiamo e arriviamo al Sandos hotel dove parcheggiamo l’auto per poter arrivare fino alla spiaggia del Papagayo a piedi passando così anche dalle altre calette. La camminata è abbastanza lunga, circa 40 minuti senza fermarsi ma noi abbiamo fatto con calma fermandosi a pranzo sulla spiaggia. Il paesaggio è fantastico e il mare meraviglioso nonostante il vento freddo (ma d’altronde è gennaio). Arrivati alla spiaggia del Papagayo, su consiglio di Francesca, siamo andati al bar “El chiringuito” dove abbiamo preso 2 caffè godendo di un paesaggio sublime.

La giornata non è ancora finita pertanto, tornati all’auto dopo la solita passeggiata di 40 minuti, siamo andati a visitare Playa Blanca dove si trova il Castillo del Aguila e abbiamo toccato Faro de Pechiguera. Rientrando in hotel siamo passati dalla strada del vino, attraverso La Geria per fermarsi a gustare un bicchiere di vino bianco di Malvasia, tipico vino di Lanzarote, presso la più antica bottega di vini “Bodega La Geria” (Info Bodega La Geria, Yaiza, Carretera La Geria Km 19). A Lanzarore non producono vino rosso ma solo bianco e rosato, noi abbiamo assaggiato un bianco di malvasia dolce, molto buono! La spesa è stata di € 2 a bicchiere. La strada dei vini è molto bella, nei periodi di bel tempo è sicuramente più piacevole fermarsi per un buon bicchiere di vino ma comunque è da non perdere anche se fa tempo brutto.

Si rientra in hotel e dopo una pausa relax usciamo per recarci a cena presso il ristorante “La Cofradia”, direttamente sul porto e sempre su consiglio di Francesca chiediamo una paella di mare. Non solo è buonissima ma è tantissima (almeno per noi!), quindi ce la facciamo preparare da portare via (ci faremo la cena il giorno dopo!). Con 1 bicchiere di vino bianco, 1 acqua, 2 caffè abbiamo speso circa 35 € e come sempre alla fine del pasto ci portano il bicchierino della staffa, a questo giro un liquore al melograno.

19 gennaio

La giornata prevede tempo brutto pertanto ci dedichiamo alla visita più culturale dell’isola. Per prima cosa andiamo a Jameos del Agua, noi abbiamo preso il pass da 4 attrazioni (Jameos del Agua, Cueva de Los Verdes, Timanfaya e Jardin de Cactus, il Mirador del Rio non lo abbiamo preso in quanto senza entrare c’è una bellissima passeggiata che permette di vedere lo stesso paesaggio). Per le 4 attrazioni abbiamo speso 56 €, il ticket è unico da vidimare ad ogni ingresso.

Jameos del Agua non si può non vedere, è una carezza degli occhi e dell’anima, un incontro tra la natura e l’uomo creato anche grazie all’opera di Cesar Manrique, colui che ha dedicato la sua vita e il suo lavoro all’isola di Lanzarote. Godetevi tutti gli spazi, e fate attenzione a non perdervi i piccoli gamberi bianchi presenti nella piscina naturale.

Da qui passiamo a visitare la Cueva de Los Verdes. La visita è accompagnata da una guida che spiega come si è creata e a cosa è servita negli anni, oggi ci fanno dei concerti (pensate un po’, sottoterra con una acustica sensazionale), e alla fine del percorso avrete una sorpresa (che anche io come i miei predecessori non vi svelerò perché vale la pena scoprirla in prima persona!). La grotta scende sottoterra ma gli spazi sono tutti ampi e la durata è di circa 45 minuti con fermate varie pertanto non è così claustrofobica come potrebbe sembrare (però valutate da voi se andare).

Da qui siamo andati a Mirador del Rio passando da Punta de Mujeres, Orzola e Ye. Mirador del Rio è un punto panoramico eccezionale sulle spiagge sottostanti e su l’isola “La Graciosa”, noi purtroppo abbiamo avuto vento freddo e nuvolo, con il sole è sicuramente un panorama mozzafiato.

Da qui, passando per Ye e Haria ci rechiamo a visitare i Jardin de Cactus. Eravamo indecisi se visitare questa attrazione invece ci ha piacevolmente stupito. Sempre su opera di Cesar Manrique il giardino è un insieme di meravigliose piante grasse, dei più svariati tipi e grandezze, disposti su vari livelli circolari. Salendo al bar è possibile poi vedere un vecchio mulino. Visita breve ma piacevole, magari bevendo un caffè al bar con vista sul giardino.

Per finire la giornata culturale abbiamo visitato la Fundacion Cesar Manrique, la casa dell’artista oggi diventata sede della Fondazione. Il prezzo del biglietto è di € 9 ben spesi, la casa è costruita su una colata lavica, dialogo tra edificio e natura in un rispetto permanente. Da non perdere! La giornata culturale finisce qui, rientriamo in hotel e finiamo la serata con una passeggiata lungomare di Puerto del Carmen, visitando i negozi e godendo del rumore delle onde sulla spiaggia.

Guarda la gallery
cultura-txy3y

jameos del agua

cultura-uwuad

jardin de cactus

cultura-3yh87

Papagayo

cultura-tdvhx

bitacora club lanzarote

cultura-8656q

cucina e salotto



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Canarie
    Diari di viaggio
    fuerteventura 2021

    Fuerteventura 2021

    Pronti al viaggioL’attuale ancora faticoso ritorno alla normalità – specie per i viaggi di piacere – mi ha spinta a ripensare...

    Diari di viaggio
    il panorama più bello di tenerife: da puerto del la cruz al vulcano teide in bus

    Il panorama più bello di Tenerife: da Puerto del la Cruz al vulcano Teide in bus

    In cima al Teide ci si sente piccoli rispetto alla grandezza che ha solo la naturaÈ difficile abituarsi all'idea che l'isola di...

    Diari di viaggio
    canarie 2020 in tempo di covid

    Canarie 2020 in tempo di Covid

    Fortunatamente per noi la pandemia ci ha colpito solo sulle vacanze e quindi ci riteniamo molto fortunati. Il viaggio 2020 tanto studiato,...

    Diari di viaggio
    vacanza low cost a gran canaria

    Vacanza low cost a Gran Canaria

    A distanza di 5 anni siamo tornati alle Canarie e dopo Tenerife questa è la volta di Gran Canaria. Ho sempre visto belle immagini...

    Diari di viaggio
    fuerteventura la selvaggia

    Fuerteventura la selvaggia

    Delle quattro grandi isole Canarie, l’unica che ancora dovevo visitare era Fuerteventura, intravista dalle spiagge del sud di Lanzarote...

    Diari di viaggio
    la gomera: l'isola misteriosa che si lascia amare

    La Gomera: l’isola misteriosa che si lascia amare

    La Gomera: alla scoperta dell'isola misteriosaLa Gomera, avvicinandola con il Ferry da Los Cristianos (Tenerife) di sera, ci è...

    Diari di viaggio
    lanzarote: un’isola, tante emozioni

    Lanzarote: un’isola, tante emozioni

    17 gennaio Partiamo da Roma con volo Ryan delle ore 13.15 (spesa totale per 2 persone a/r 140,00 €). Il volo parte abbastanza puntuale....

    Diari di viaggio
    tenerife, isola perfetta per famiglie e bambini!

    Tenerife, isola perfetta per famiglie e bambini!

    Dopo tante vacanze nella Spagna a noi più vicina (Baleari, Costa continentale), quest’estate ci avventuriamo alla scoperta delle...

    Diari di viaggio
    viaggio low cost alle canarie

    Viaggio low cost alle Canarie

    Lo ammettiamo: avevamo scelto questo viaggio per pure ragioni economiche. Completamente spennati dalla recente ristrutturazione della casa,...

    Diari di viaggio
    fuerteventura: surreale ma bella

    Fuerteventura: surreale ma bella

    Abbiamo trascorso 15 giorni su quest’isola soggiornando prima al Nord, a El Cotillo, e poi nella zona più centrale, a Caleta de...

    Video Itinerari