Lanzarote on the road

Alla scoperta dell'isola di Cesar Manrique
Partenza il: 27/03/2018
Ritorno il: 01/04/2018
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Arrivate in aeroporto al mattino prestissimo abbiamo atteso un pochino il bagaglio e ci siamo immediatamente recate allo sportello della Cicar x ritirare l’auto, pratica velocissima. Tra l’altro potete chiedere il secondo conducente senza pagare nulla. Dall’aeroporto al nostro appartamento abbiamo impiegato circa 10 min (tenete presente che l’isola si gira in lungo e in largo in pochissimo tempo). Giusto il tempo di lasciare le valigie nell’appartamento e ci siamo dirette a Mirador del Rio, prendendo la strada per Haria. Arriviamo in circa 45 minuti. Le strade sono perfette, asfaltate, e la segnaletica perfetta ma senza parapetti lungo i percorsi in salita con strapiombi e paesaggi che definirei lunari. Vi consiglio di andare piano e di fare un bel respiro se soffrite di vertigini. Una volta parcheggiata l’auto abbiamo fatto il biglietto (2.85 euro a persona ma quel giorno c’era il 40% di sconto).

Mirador del Rio è un’attrazione come tutte le altre costruite da Cesar Manrique. Si trova a 500 mt di altitudine. C’è un bar ristorante dotato di una grande vetrata per ammirare il panorama e di fronte si scorge Isla Graciosa. Potete ammirare lo stesso panorama da fuori lungo un sentiero. A 5 min di strada, seguendo le indicazioni stradali, siamo arrivate a Cueva De Los Verdes (qui abbiamo optato per l’acquisto del ticket x 3 attrazioni a 21 euro per persona), una serie di grotte sovrapposte e cunicoli, a tratti molto strette e molto basse di circa 8 km, ma non si percorrono tutti. Nella parte più profonda c’è un anfiteatro dove si svolgono eventi e musica. Qui vi è un’enorme grotta dove è nascosta la sorpresa che rimarrà un segreto anche nel mio racconto. Una pecca è stata la guida, parla solo inglese e spagnolo. A un minuto dal parcheggio c’è Jameos dell’Agua, grotte sotterranee trasformate da Manrique in centro culturale. Scendendo la scalinata, superando il bar-ristorante c’è una piscina naturale dove vedrete i famosi granchi albini. I il resto niente di attrattivo almeno per i nostri gusti. A 9 km e con ottime indicazioni stradali si arriva a Jardin De Cactus che è un grande giardino creato da Manrique con oltre 1500 cactus provenienti da tutto il mondo,ordinato e pulito se non sei particolarmente un’appassionata in un oretta visiti l’attrazione salendo anche sul mulino a vento per ammirare il paesaggio.

2° giorno

Da Puerto Del Carmen, percorrendo la strada per Yaiza e seguendo le indicazioni (arrivate presto per evitare le code) in mezz’ora siamo arrivate al Parco del Timanfaya. Il biglietto costa 10 euro a persona e si paga rimanendo in auto perché si deve proseguire fino al parcheggio salendo delle ripide strade. Una volta arrivate al parcheggio siamo salite sul bus che ci ha condotte per 50 min in un tour di circa 14 km. Mette i brividi per le strade strette, per il panorama unico nel suo genere. Solo crateri e paesaggi lunari. Terminato il tour si assiste alla dimostrazione del calore del sottosuolo (400 gradi) dapprima facendoci tenere in mano dei sassolini caldissimi raccolti da terra, poi accendendo della paglia, appoggiandola in un cratere sotterraneo e poi attivando dei geyser. Infine, ti fanno visitare il bar-ristorante El Diablo, costruito da Manrique. Su una grossa griglia posta al centro di un cratere cuociono pollo e patate solo con il calore del vulcano. Anche qui la guida parla solo inglese e spagnolo. Ripresa l’auto, dopo circa 20 min eravamo al El Golfo per visitare Charco De Los Clicos. Si riconosce perché è subito dopo una discesa. A sinistra si vedono il parcheggio e il bar-ristorante. Una volta parcheggiata l’auto abbiamo seguito il sentiero che porta a questo laghetto verde contornato da una spiaggia nera con sabbia finissima e nera dorata. Proseguendo, abbiamo fatto sosta a Los Hervideros, una serie di grotte vulcaniche a strapiombo sul mare… più blu del blu. Belle da vedere. Girare e ascoltare. Sì, proprio da ascoltare perché ci sono alcuni punti in cui il mare, sbattendo contro gli scogli crea dei suoni particolarmente piacevoli e rilassanti. Proseguendo abbiamo visto dall’alto Le Salinas De Janubio piramidi di sale marino. Da qui abbiamo proseguito per Playa Blanca. Seguendo le indicazioni per Playa Papagayo, dopo 7 km e circa 30 minuti di strada sterrata e dissestata, incolonnandoci dietro le auto e facendo un biglietto di 3 euro (è una zona protetta), siamo arrivate in questa spiaggia tanto rinomata. Dal parcheggio partono 2 scalinate che portano in 2 spiagge e calette con sabbia dorata dove si infrangono le azzurre acque del mare. Purtroppo sono stracolme di bagnanti… anche se l’acqua in questo periodo è molto fredda. C’è un bar-ristorante dove un panino con il prosciutto cotto costa 10 euro e un sandwich 4.70 (quest’ultimo immangiabile). Al ritorno ci siamo fermate a Playa Mujeres, praticamente la copia dell’altra.



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
viaggio nel mani, peloponneso

Viaggio nel Mani, Peloponneso

La regione del Mani si trova nel Sud del Peloponneso, tra Messenia e Laconia. Un...

patrizio e le giuggiole di arquà petrarca

Patrizio e le giuggiole di Arquà Petrarca

Un episodio inedito dello Slow Tour Padano di Patrizio Roversi: durante l’itinerario...

villa vizcaya miami

Villa Vizcaya Miami

Villa Vizcaya Miami

Leggi i Diari di viaggio su Isole Canarie
Diari di viaggio
a puerto del carmen per fare immersioni e ammirare il tramonto più bello di lanzarote

A Puerto del Carmen per fare immersioni e ammirare il tramonto più bello di Lanzarote

Le isole Canarie sono per molti italiani una seconda casa, negli ultimi anni molti connazionali non sognano più stelle e strisce come è...

Diari di viaggio
canarie vulcaniche

Canarie vulcaniche

Diario di un viaggio insolito a Tenerife e Lanzarote, dal 9 al 17 aprile 2018! SCELTA DELLE CANARIE Poco costose, vulcani, trekking,...

Diari di viaggio
tenerife, isola perfetta per famiglie e bambini!

Tenerife, isola perfetta per famiglie e bambini!

Dopo tante vacanze nella Spagna a noi più vicina (Baleari, Costa continentale), quest’estate ci avventuriamo alla scoperta delle...

Diari di viaggio
lanzarote, isla del fuego

Lanzarote, isla del fuego

Lanzarote, scoperta dal genovese Lanzerotto Malocello al quale deve il suo nome, è l’isola più orientale dell’arcipelago delle...

Diari di viaggio
lanzarote on the road

Lanzarote on the road

Arrivate in aeroporto al mattino prestissimo abbiamo atteso un pochino il bagaglio e ci siamo immediatamente recate allo sportello...

Diari di viaggio
tenerife e la gomera, non solo mare

Tenerife e La Gomera, non solo mare

Rieccoci sull’isola dell’eterna primavera, Tenerife. Dopo essere vissuti per sei anni alle Canarie tra Tenerife e la Gomera, decidiamo...

Diari di viaggio
tenerife on the road

Tenerife on the road

Il nostro volo Norwegian parte da Roma FCO alle ore 10,30 per atterrare alle 14,45 ora locale, all'Areoporto Sur Reina Sofia di Tenerife....

Diari di viaggio
tenerife in lungo e in largo

Tenerife in lungo e in largo

Dopo un lungo e freddo inverno finalmente le meritate vacanze: grazie alla Ryanair abbiamo preso un volo economico diretto da Bergamo a...

Diari di viaggio
lanzarote, viaggio su un’isola fantastica

Lanzarote, viaggio su un’isola fantastica

Scegliamo come nostra destinazione, questa meravigliosa isola delle Canarie, dove la natura fa sentire e provare sulla pelle e negli occhi...

Diari di viaggio
lanzarote e suoi vulcani

Lanzarote e suoi vulcani

La nostra seconda esperienza alle Canarie prevede un week end lungo a Lanzarote. È il regalo che Emy mi ha fatto per il mio compleanno. ...