La nostra prima Africa

Il Kenya non è solo un Paese, ma un caleidoscopio di culture, climi, paesaggi, popoli e una fauna in continuo movimento... tutti da scoprire
 
Partenza il: 16/08/2011
Ritorno il: 01/09/2011
Viaggiatori: 2
Spesa: 4000 €

Sapevate che Safari significa viaggio in lingua swahili e che il periodo migliore per farne uno alle scoperta della natura selvaggia dell’Africa è Agosto? Questo è infatti il mese in cui il fiume Mara offre uno degli spettacoli più affascinati: la migrazione annuale di oltre un milione di gnu e di zebre dal Serengeti al Masai Mara. Proprio per questo io e mio marito Davide abbiamo deciso all’inizio di Gennaio che la meta delle nostre future vacanze sarebbe stata il Kenya tanto sognato e atteso. Io appassionata di National Geographic non vedo l’ora di ammirare finalmente dal vivo i cari amici animali e raggiungere l’ Africa che non è solo un paese, ma un caleidoscopio di culture, climi, paesaggi, popoli e una fauna in continuo movimento. Purtroppo abbiamo da tempo ripreso la vita di tutti i giorni, ma se con la mente ritorniamo a quei momenti trascorsi in Africa, non riusciamo a trattenere un sospiro di malinconia… Perché il Kenya ti colpisce nell’anima… ci ha emozionato, ci ha fatto ridere e piangere, ci è entrato nel cuore lentamente, rendendo la nostra vacanza indimenticabile.

Prima di iniziare con il racconto del nostro viaggio però, vogliamo fornire degli appunti che speriamo possano rivelarsi utili:

VACCINAZIONI: noi non ne abbiamo fatta nemmeno una, né antimalarica né quelle più comuni. Il periodo delle piogge è finito e il clima nei parchi è secco perciò di zanzare non se ne vede nemmeno l’ombra. Nei parchi come Masai Mara, Nakuru e Amboseli c’é una temperatura bassa in quanto i parchi vanno dai 1500/1700/1100 m. Perciò non è un clima dove le zanzare possono sopravvivere. Comunque anche nei parchi Tsavo East e West dove le altitudini sono più basse e le temperature più calde, non ne abbiamo viste. Ovviamente poi la scelta se farle o meno rimane sempre a Voi .

MEDICINE: portarsi i medicinali di base che possono esservi d’aiuto per i soliti problemi che potrebbero sorgere in vacanze all’estero: analgesici, antipiretici, disinfettante, cerotti, colliri, antidiarroici, antibiotici intestinali, antistaminici, crema antiprurito. In più noi abbiamo portato un kit di primo soccorso che potete trovare in farmacia o alla Decathlon, con dentro garze, pinzette, forbici, salviette disinfettanti. Portatevi creme solari con alta protezione, almeno una 30, e in caso di bisogno insetticidi e spray antizanzare (Autan plus).

ITINERARIO: Ci siamo affidati ad internet per la ricerca di materiale informativo sul Kenya. Avevamo bisogno di capire cosa ci fosse da vedere anche in base al tempo che avevamo a disposizione. Abbiamo consultato siti come Tripadvisor, Turisti per Caso, forum, scritto tante mail a persone del posto o viaggiatori che avevano già affrontato questo viaggio. Abbiamo acquistato la guida Lonley Planet e alla fine abbiamo deciso di contattare Paola di Paolasafaris che è residente a Diani da circa 25 anni e che organizza safari. É risultata alla fine la scelta più azzeccata, non abbiamo avuto nessun problema. Paola si è rivelata una persona splendida sia dal punto di vista organizzativo, sia umano. Siamo riusciti a vederla solo su Skype sfortunatamente, ma non dal vivo. Tutt’ora ci sentiamo via mail e Paola è sempre carinissima e molto efficiente. Consigliamo davvero di affidarsi a lei, perché poche persone che abbiamo sentito prima della scelta, si sono dimostrate così disponibili nel rispondere ai nostri dubbi e richieste, reperibile, preparate e soprattutto affidabili! Grazie Paola([email protected] – www.paolasafaris.com)

VESTIARIO: per il safari portarsi vestiti comodi meglio pantaloni lunghi (molto comodi sono i pantaloni che si possono accorciare e diventare corti o pinocchietto) e t-shirt di bassa qualità. L’abbigliamento ideale è quello comodo, leggero e naturale ed i colori da preferire sono molto chiari, come il bianco o la tonalità sabbia, in modo da allontanare pure eventuali insetti. L’unico inconveniente, come è facile capire, è che si sporcano più facilmente, di un meno impegnativo nero o rosso ad esempio. Tuttavia i colori sgargianti, per la presenza di animali anche aggressivi, sono da evitare, in particolare se si decide di effettuare dei lunghi percorsi a piedi e non soltanto in jeep. La quantità di cambi, dipende dalla lunghezza e dal tipo di safari. Noi abbiamo riutilizzato gli stessi pantaloni più volte cambiando solo le magliette, che alla fine del safari abbiamo tenuto da parte da lasciare alla gente del posto durante i vari spostamenti. Indispensabile un maglioncino/pile, delle pashmine, cappello ed una giacca antivento per la sera o per le zone a grandi altitudini, oltre che delle comode scarpe. Anche per chi soggiorna sulla costa è consigliato portarsi un maglione per la sera. Soffia molto vento che è abbastanza freschino.

FOTOGRAFIA: Per fotografare quante più specie possibile, i game drive diurni sono i migliori, quando molti animali sono stanchi dalla caccia notturna e hanno meno energia. Una macchina reflex è più indicata, magari con un buon teleobiettivo, ma anche delle buone bridge possono bastare. Con le macchine compatte è difficile ottenere delle belle foto da cartolina. Mai dimenticare il binocolo; può capitare di avvistare animali sotto cespugli o lontani, non ben visibili a occhio nudo, vi perdereste un bello spettacolo.

COMPORTAMENTO: quando si fa un viaggio di questo tipo a contatto con la natura e animali, si sa che bisogna rispettarla al 100%. Non sporcare e lasciare in giro rifiuti, non dare da mangiare agli animali, e non urlare o fare movimenti strani quando si avvista un animale, sono pur sempre selvatici e non siamo allo zoo. Non avvicinarsi e tentare di accarezzarli nemmeno con le scimmie che sembrano tanto carine, ma al contrario sono molto dispettose e i babbuini ad esempio hanno denti molto affilati. Per quanto riguarda le persone invece, cercate di non dare i soldi ai bimbi che ve li chiedono. Sanno che i turisti li “mantengono” con l’elemosina e perciò non vanno più a scuola. Sono gradite mance al personale dei campi/lodge/resort.

MANGIARE: Durante i safari è consigliabile bere molto, coprirsi con un cappello in quanto anche se si è dentro al pulmino/jeep, il sole senza accorgersene lo si prende lo stesso. Inoltre, se non siete più che sicuri di come sono stati trattati i cibi, non mangiate cose crude, ghiaccio e lavatevi i denti con l’acqua in bottiglia o attenzione usate le brocche (all’inizio noi non avevamo capito che servissero a questo scopo e la buttavamo) che vi mettono in alcune tende dove l’acqua è non potabile ma filtrata. Per quanto riguarda il mare invece nessun problema, quasi tutti i resort sono sicuri, anche se è buona norma chiedere sempre conferma.

Guarda la gallery
masai-mara-natura-fyt85

il solitario baobab

masai-mara-natura-audry

il branco

masai-mara-natura-z7dyn

tramonto infuocato

masai-mara-natura-4wv2d

great migration

masai-mara-natura-qjrg9

dolce leonessa

masai-mara-natura-yqhwd

la silenziosa alba

masai-mara-natura-dq8w2

che c'e'!??

masai-mara-natura-2jmtp

maestoso leopardo

masai-mara-natura-wa1rf

the king lion

masai-mara-natura-3xkx4

è ora di un riposino....

masai-mara-natura-9e8fg

indifferenza

masai-mara-natura-tf3nt

che polvere!!



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Amboseli
    Diari di viaggio
    fantastico kenya, tra giraffe e bassa marea

    Fantastico Kenya, tra giraffe e bassa marea

    Ciao a tutti! Ho trascorso 2 settimane in Kenya dal 26/12/2016 al 07/01/2017 e vorrei condividere la mia esperienza per essere utile a chi...

    Diari di viaggio
    in kenya tra mare e safari

    In Kenya tra mare e safari

    Giovedì 17 dicembre, Venerdì 18 dicembre: MALPENSA, CAIRO, ENTEBBE, NAIROBI, MALINDI Beh, se è vero che un’esperienza...

    Diari di viaggio
    la terra dei masai

    La Terra dei Masai

    ha perso completamente la rotta. Siamo come dei cavalli con dei paraocchi, che ci fanno vedere solo quello che la “società dei...

    Diari di viaggio
    kenya: safari nei parchi e mare a watamu, info tecniche

    Kenya: safari nei parchi e mare a Watamu, info tecniche

    Ciao a tutti, quest’anno la scelta (mia e di mia moglie liliana) è stata un po’ diversa dalle altre; una vacanza mix tra natura e...

    Diari di viaggio
    in kenya per safari... consigli pratici

    In Kenya per safari… consigli pratici

    Premetto che io e mio marito siamo i tipici viaggiatori fai da te, e che non amiamo appoggiarci a tour operator o agenzie locali per...

    Diari di viaggio
    kenya, l'origine dei safari

    Kenya, l’origine dei safari

    "Una cosa allora volevo: tornare in Africa. Non l'avevo ancora lasciata, ma ogni volta che mi risvegliavo, di notte, tendevo l'orecchio,...

    Diari di viaggio
    kenya... il rosso

    Kenya… il rosso

    Partiti con la Condor venerdì sera, diretti a Mombasa. Il prezzo volo+resort all inclusive (a Watamu, il Barracuda) era molto buono, anche...

    Diari di viaggio
    mare e safari in kenya

    Mare e safari in Kenya

    1° giorno - ARRIVO E' mercoledì mattina quando atterriamo all'aeroporto di Mombasa rinvigoriti dal caldo sole africano. Ieri, dopo una...

    Diari di viaggio
    la nostra prima africa

    La nostra prima Africa

    Sapevate che Safari significa viaggio in lingua swahili e che il periodo migliore per farne uno alle scoperta della natura selvaggia...

    Diari di viaggio
    sognavo l'africa

    Sognavo l’Africa

    Jambo a tutti! Cercherò di raccontare in breve la mia vacanza in Kenya sperando possa servire a qualcuno.21 Agosto 2011, finalmente...

    Video Itinerari