La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

4 giorni tra Liverpool, Chester e foresta di Sherwood
Scritto da: elenaebasta
la nostra inghilterra tra beatles e robin hood
Partenza il: 14/08/2012
Ritorno il: 18/08/2012
Viaggiatori: 5
Spesa: 500 €

E’ una sera di aprile…il budget per l’estate è molto limitato…ma la voglia di partire è troppo forte…quindi nonostante tutto mi collego al sito di Ryanair e inizio a guardare le varie destinazioni dagli aeroporti più vicini, che risultano essere alla nostra portata…

La mia attenzione viene attratta da un volo Treviso-East Midlands…e dove sarà mai questo aeroporto delle East Midlands? Premettendo che amo da morire il Regno Unito vado subito a vedere cosa ci può essere di interessante in quella parte dell’Inghilterra…RIVELAZIONE! A meno di due ore di viaggio si trova Liverpool…quale destinazione migliore per chi come me è cresciuta a pane e Beatles?! Destinazione aggiudicata!

Scopro poi che l’aeroporto serve tre città inglesi, Derby, Nottingham e Leicester e che proprio a Nottingham ad agosto ci sarà il Robin Hood Festival nella foresta di Sherwood!

Prenotiamo per 4 giorni dal 14 al 18 agosto, spendendo a testa 120 euro con una valigia di 15 kg in due, e decidiamo di fare un tour della zona toccando le città di: Liverpool, Chester, Nottingham e relativi dintorni.

Partiamo martedì sera, 14 agosto da Treviso (lasciamo l’auto nel parcheggio adiacente all’aeroporto, già testato in altri viaggi, mai avuto problemi). Siccome l’ora di arrivo nell’aeroporto di East Midlands è alle 23.30 passiamo la prima notte (prenotata dall’Italia tramite Booking.com) nell’hotel più vicino, che raggiungiamo a piedi con una camminata di 5 minuti: si chiama Thistle East Midlands Airport Hotel e per una notte paghiamo l’equivalente di 59 euro colazione non inclusa: ci siamo trovati bene, personale cortese e camere pulite e accoglienti.

Mercoledì torniamo in aeroporto per appropriarci della macchina, noleggiata dall’Italia tramite il sito di Ryanair con Hertz. La prima tappa del nostro viaggio è Liverpool che raggiungiamo in circa 2 ore e una volta arrivati andiamo subito nell’appartamento dove passeremo la notte, per poter lasciare l’auto nel parcheggio. Anche questo è stato prenotato dall’Italia tramite booking.com, è un appartamento grande perché stanotte ci dormiremo in 5 (partiamo dall’Italia infatti con 3 amici), si chiama The Block Liverpool e spendiamo a testa 35 €. Il centro si raggiunge a piedi in 10 minuti e una volta sbrigate le pratiche alla reception ci catapultiamo subito a visitare The Beatles Story Exhbition.

L’ingresso costa circa 15 € e ripercorre tutta la loro storia, dall’infanzia di ciascun membro del gruppo, in particolare di John e Paul, allo scioglimento nel 1970. Troviamo la riproduzione del Cavern, il locale dove si esibivano all’inizio della loro carriera, mille foto, gli strumenti, testimonianze del loro soggiorno ad Amburgo e una sala completamente bianca con il pianoforte e gli occhialini di John…per me è stato un’esperienza molto emozionante.

Una volta usciti ci attende un acquazzone mica da ridere, anche all’interno del Albert Dock, il porto recentemente ristrutturato e proclamato patrimonio Unesco (nel 2008 Liverpool è diventata capitale europea della cultura e quindi il centro urbano è stato completamente riqualificato), il mare è agitatissimo e ne approfittiamo quindi per mangiare qualcosa e andare a visitare il Tate Liverpool, la galleria d’arte moderna e contemporanea che si trova proprio nel waterfront del Albert Dock.

Il resto del pomeriggio lo passiamo girando per il centro della città, che a me è piaciuta tantissimo: da Chinatown alla cattedrale anglicana, enorme (la quinta nel mondo, per grandezza) con le grosse finestre a mosaico, dal Royal Liver Building (un grattacielo del 1911 che è stato il più alto d’Europa dal 1911 al 1932) all’Open Eye passiamo davanti a un Central Perk (uguale a quello visto nella serie televisiva Friends!), e chiaramente nella via dove tutto ebbe inizio, Mathew Street, piena di locali, con l’ex ingresso del Cavern (ora centro commerciale…sigh) e il muro che riporta su ogni mattone il nome di una star (dai Queen agli Oasis, da Adele ai Rolling Stones).

Di sera è immancabile un giro per i locali…mangiamo qualcosa al volo e poi andiamo al Grapes (il locale dove sono stati fotografati i Fab Four, c’è la targa con l’indicazione e la foto di fianco! Bellissimo!!!) e in un altro locale…difficile la scelta perché in ogni pub della via c’è o una band o, mal che vada, il karaoke…(può ricordare un po’ il Temple Bar di Dublino…però personalmente ho preferito questo…ma io con i Beatles sono un po’ di parte…).

Giovedì mattina facciamo un altro giro in centro, andiamo a visitare la Walker Art Gallery, con il Saint John’s Gardens, di fronte all’Empire Theatre, passiamo sotto la torre della City Radio con i mille negozi e le fontane danzanti…

Ripresa l’auto, non ho resistito ad andare a vedere Penny Lane…dal centro dista una ventina di minuti…eh si…c’è la famosa via della canzone, case, qualche negozio, passerebbe del tutto inosservata se non ci fosse stato quel pezzo dedicato…faccio qualche foto e poi ripartiamo, questa volta per l’oceano…Crosby beach per vedere Another Place.

Da Liverpool lo raggiungiamo in 20 minuti circa, non è segnalato benissimo: a un certo punto si trova il cartello con l’indicazione Crosby e bisogna girare a sinistra, da lì si arriva in un grande parcheggio dove si trova una struttura con bar e servizi.

Lasciamo l’auto e ci incamminiamo per la spiaggia. C’è un vento fortissimo, siamo a metà agosto ma tutti con felpa e giubbino, nonostante la giornata di sole. Il paesaggio è quasi surreale una volta arrivati: 100 statue di ottone, alte 1.85, tutte uguali e distribuite per 2 miglia di spiaggia…alcune sommerse, alcune tutte esposte…enormi navi che solcano l’oceano e in lontananza la città! Ci è piaciuto tantissimo!

Dopo mille foto ripartiamo per Chester, una bellissima cittadina a circa 30 minuti di distanza. Siccome non sapevamo dove avremmo passato la notte di giovedì, se ancora a Liverpool o altrove, non avevamo prenotato l’hotel per la notte, quindi appena arrivati ci siamo fermati sulla via principale, venendo dalla direzione di Liverpool, nel primo hotel che ci ispirava e lì abbiamo prenotato le due camere per la notte (quella doppia è costata circa 60 euro).

Guarda la gallery
cultura-kz83r

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-3vvd1

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-zr8wf

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-en69z

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-m82m2

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-chtx3

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-xbj3k

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-nxv76

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-pjymy

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-e8s8r

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-p4zhr

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-5tnan

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-aqts6

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-npq23

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-68m8t

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-vd1zb

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-gdagx

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-6b9fr

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-edbju

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-yg671

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-3qxk9

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-gg7f6

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-5s8s8

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood

cultura-wnpfn

La nostra Inghilterra tra Beatles e Robin Hood



    Commenti

    Lascia un commento

    Gran Bretagna: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari