La mia strana Sumatra

Viaggio nel sud-est asiatico con 40 US$ al giorno
 
Partenza il: 06/01/2012
Ritorno il: 03/02/2012

Ciao cari viaggiaturisti, sono ancora il Bruno di Torino, appena tornato dall’isola di Sumatra. Sempre, finchè posso, dentro i miei poveri 50 US$ al giorno; anche qui si sta più che bene con 70-80 US$. Ringrazio ancora sempre chi mi ha scritto per informazioni e chi mi ha fornito, sempre attraverso questo sito, altrettante informazioni.

MILANO MALPENSA – DOHA – JAKARTA e ritorno KL – DOHA – MI € 860 (QATAR AIRLINES) JAKARTA – PADANG 74 (BATAVIA) MEDAN – BANDA ACEH 25 (SRIWIJAVA) MEDAN – PENANG 28 (AIR ASIA) LANGKAWI – KUALA LUMPUR LCCT 37 – TOTALE € 1026

Miei racconti precedenti: – 2011 – Il mio Borneo con 45 US$ al giorno: Sandakan, Kota Kinabalu, Labuan, Brunei, Sibu, Pontianak (Indonesia), Kuching – 2010 – La mia piccola Cina del sud con 50 US$ al giorno: Xiamen, Guanzhou-Canton, Guilin, Hainan Island, Macau, Hong Kong – 2009 – Taiwan, (+Sagada e Palawan – Filippine) con 40 US$ al giorno: Taipei,Taroko,Tainan,Kaohsiung,Sagada, Palawan – 2008 – La mia India ovest con 30 US$ al giorno: Srinagar, Delhi, Jaipur, Jaisalmer, Jodpur, Udajpur, Diu, Goa, Mumbai – 2007 – Filippine con 40 US$ al giorno: Laoag, Vigan, Banaue, Legazpi, Tacbalogan, Bohol, Bacolod, Boracay, Sabang, Pagsanian, Manila. – 2006 – Myanmar con 25 US$ al giorno: Bago, Golden Rock, Inle lake, Mandalay, Bagan, N’gapali Beach, N’gwe Saung, Patein,Yangon – 2003 – Laos, Cambogia e Kho Chiang: Louang Prabang, Vientiane, Paksè, Siem Reap, Ankgor, Phnom Penh, Sianoukville, Kho Chiang

6.1 VE

Splende il sole a Torino alle 15; non c’è un nuvola in cielo, temperatura 10°, quasi primaverile; l’autobus per Malpensa arriva con 10′ di ritardo ma ormai lo conosco, ha i tempi di percorrenza “abbondanti” ed alle 16.55 è puntuale. Anche l’aereo per Doha parte puntuale e completamente pieno, io sono nella penultima fila. Spese: bus x Malpensa euro 20, spuntino 11,90. Totale 31,90 x 1,30 = 42 US$.

7.1 SA

Piccola preoccupazione collettiva: l’aereo arriva puntuale a Doha ma, anzichè atterrare, comincia a girare sulla città quattro volte, poi si dirige verso il mare, poi torna e finalmente atterra. Non ci danno spiegazioni, ma immagino il perchè: all’atterraggio c’è una nebbia fittissima; si intravede il cerchio giallo del sole, spettacolo suggestivo, da foto. Anche il grande aereo per Jakarta è pieno, parte alle 9.50 con un’ora di ritardo. Si arriva alle 22.10, viaggio stupendo, cibo ottimo; nel giro di soli 20 minuti arrivano i bagagli di 300 persone; buono, anche se noto che dalla taschina laterale sono sparite le tre penne biro che tenevo di riserva, tre penne prive di valore, da “supermercato”, però si vede che esistono esseri viventi così, che mi rifiuto di chiamare “umani” o “persone” per non offendere le persone vere; un viaggiatore mi ha detto che sono animali, ma gli ho ribadito che non è vero, neppure gli animali si comportano così, io mi inchino sempre dove passano gli animali. Inoltre ho trovato il lucchetto forzato, per cui adesso non posso più aprirlo con le chiavi e non so se in valigia manca qualcosa; potrebbe essere successo sia al transfer di Doha (cosa di cui dubito), sia allo scarico di Jakarta (altra cosa di cui dubito); sono propenso a pensare che sia ancora successo nelle tre ore di Milano anche se, ovviamente, non posso accusare nessuno. Eppure questi “esseri” riescono (ma come fanno?! Sono quasi da ammirare…) a guardarsi allo specchio e dirsi “che bravo sono stato” e se io fossi quello specchio però avrei fatto di tutto per rompermi e non vedere più quelle facce. E qualche uccellino sconosciuto comincia a dire che è per “spingerti” a spendere quei 9 euro alle macchinette che ti avvolgono la valigia con la plastica. Ma no, sarà un caso! E che caso! (Bruno, tu guardi troppo “Striscia la notizia”, poi ti vengono i cattivi pensieri). Ma torniamo al viaggio: trasferimento al Domestic Terminal; avevo letto (e stampato) da internet i voli per Padang, mia prima meta di Sumatra (51 euro Garuda e 55 Batavia), ma quando sono arrivato agli sportelli quei prezzi, casualmente, non c’erano più. Complimenti ad entrambe le compagnie! Il meno caro sono i 96 US$ di Batavia, ma tant’è, giochiamo fuori casa. Ho cambiato un po’ di soldi; oggi 1 US$ = 8500 Rupie e 1 euro = 11600 Rp. Adesso è mezzanotte e alle 7.30, s.c., si va a Padang. Spese: colazione aerop. Doha 11 US$, visto Indonesia 25. Totale 36 US$. taxi interterminal 30.000 Rp, spuntino 45.000 Rp. Totale 75.000:8500=9 US$. Totale giornaliero 36+9=45 US$. Totale progressivo 42+45=87 US$. Media :2=44US$.

8.1 DO

Ho dormicchiato saltuariamente per circa tre ore sulla dura panchina all’esterno del terminal Domestic, poi un’ora di rimbambimento seduto mentre il marciapiede si affollava ed alle 4,30 sono entrato per il check-in, poi, adesso, sono le 5 … aspetto davanti a un caffelatte e un involtino veg. Alle 6 comincia una pioggia fittissima che poi pian piano si riduce di intensità; partenza alle 7.45 (15′ di ritardo) sempre sotto l’acqua; servizio aereo scadente, solo un’orrenda brioche semidolce e un bicchiere di acqua, nient’altro. Cambiamo nome a quest’aerolinea? da Batavia a Butavia. In compenso volo tranquillo fino all’atterraggio, piuttosto movimentato. C’è anche il sole. Dall’aeroporto ci sono pullmini diretti per Bukittinggi a 50.000 Rp, (scontate a 45.000 … su preghiera). La strada è trafficatissima, del resto è la principale, la trans Sumatra Highway, che attraversa l’isola dai traghetti di Giava al sud fino a Banda Aceh, nell’estremo nord. L’autista è un vero pirata, spericolato, corre, sorpassa colonne di veicoli in curva, taglia la strada al rientro dai sorpassi. Bocciato. Si arriva a Bukittinggi alle 12.30, mi fido della Lonely, vado all’hotel Orchid, mi piace, 130.000 Rp; per tre notti è mio. Il Capo mi ha aiutato a rompere il lucchetto della valigia, non manca niente. Pranzetto (sono distrutto, ma non voglio dormire, voglio prendere il giro giusto del fuso orario), passeggiata in centro; in cento metri ci sono sia la moschea che il tempio cinese attorniati da curiose costruzioni con rifacimento in stile coloniale. Bukittinggi è una cittadina molto graziosa, adagiata su due colline, una di fronte all’altra, e nella valle che le congiunge. Sulla collina di sinistra c’è il vecchio forte con un parco da cui parte un ponte semisospeso, solo pedonale, che la unisce alla collina di destra per cui, quando sei al centro del “footbridge” hai sotto di te la città della valle e vedi un panorama bellissimo di quasi tutta la città. Quando arrivi alla collina di destra c’è lo zoo, un po’ deprimente, non ho viso bene le bestiole (ci sono anche cammelli, elefanti, una tigre, oranghi ed altre scimmie, coccodrilli con, nel loro recinto, anche le spaventate paperette che costituiranno il loro pranzo; lo so che la natura è natura, ma così non è bello); c’è anche un piccolo acquario dentro un edificio a forma di pesce e, nelle vicinanze, anche la ricostruzione di una antica casa Batak, abbastanza simile a quelle Toraja tipiche di Sulawesi. Le due vie che percorrono le sommità delle colline e la principale via centrale della valle si riuniscono, con tutti i loro negozi e centri commerciali, alla grande piazza con la torre dell’orologio ed il chiassoso mercato della zona sud, oggi affollatissima di persone. Mentre rientravo in albergo sono stato attratto da una musica a tutto volume proveniente da un ristorante dove si stava festeggiando un matrimonio: all’esterno c’era un grande “cartello” con i nomi degli sposi fatti con i fiori e, mentre lo stavo fotografando, mi ha visto il padre della sposa che mi ha invitato a fare qualche foto anche dentro, cosa strana che però ho accettato, così alla fine mi ha regalato anche una bomboniera; strana piccola emozione che mi ha spinto a scrivere, sul registro dei presenti alla festa, anche i miei auguri. Un’oretta di riposo, poi cena in piazza; sono riuscito a resistere sveglio ma penso che, appena torno in camera, mi butterò sul letto fino a domani mattina. Bella giornata. Spese: tassa aeroporto x Padang 40.000, colazione 32.000, bus x Bukittinggi 45.000, hotel x 3 gg. 390.000, pranzo 22.000, ingresso parco e zoo 8.000, pila x orologio 35.000, caffè e bibite 16.000, cena 62.000. Totale 650.000:8.500=76 US$. Totale progr. 87+76=163. Media:3= 54 US$.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Banda Aceh
    Diari di viaggio
    la mia strana sumatra

    La mia strana Sumatra

    Ciao cari viaggiaturisti, sono ancora il Bruno di Torino, appena tornato dall'isola di Sumatra. Sempre, finchè posso, dentro i miei poveri...

    Diari di viaggio
    sumatra -zaino in spalla- da padang a banda aceh

    Sumatra -zaino in spalla- da Padang a Banda Aceh

    30 Aprile volo Emirates 633 euro via Dubai Kuala lumpur.Soggiorno di una notte al Tropical guesthouse. Ottimo, thingkat tong shin, a bukit...

    Diari di viaggio
    terza volta in indonesia: sumatra e bali

    Terza volta in Indonesia: Sumatra e Bali

    Domenica 17 ottobre 2010 E’ pomeriggio, siamo arrivati a Jakarta, e senza ancora sapere bene cosa fare cerchiamo un volo per Medan, che...

    Diari di viaggio
    guida di percaso di sumatra

    Guida di percaso di Sumatra

    (breve corso di minima sopravvivenza a Sumatra Nord) di AlessandraHo passato nel nord di Sumatra (Indonesia) poco meno di due...