La mia Grande Mela 2

New York sono tante città sotto lo stesso nome. Culture diverse si amalgamano nelle strade affollate dai grattacieli
 
Partenza il: 21/02/2012
Ritorno il: 02/03/2012
Viaggiatori: 1
Spesa: 2000 €

Basta poco per trovarsi in Russia, Africa, Cina. Sensazioni ed emozioni in una meta dai tanti stereotipi che però ti lasciano sempre e comunque con il sorriso sul volto.

Desideravo da tanto vedere New York, poi mi sono laureata. Il giorno dopo ero su un aereo American’s Air Lines. Durante le 8 lunghe ore di viaggio, un trancio di pizza hut riscaldata al microonde e un bicchiere di birra mi hanno fatto compagnia. Non potevo crederci, finalmente mi sarei sentita come quella biondona di Carrie Bradshaw o come qui teppistelli del Bronx.

Scesa al gigantesco J.F.Kennedy, attendo il mio taxi, il tombino fuma. Non posso essere già dentro il mio film, non posso, devo aspettare i grattacieli e le ville di periferia.

Percorrendo il Queens fantastico a occhi aperti. Un Cosco malmesso, del filo spinato, poi villette colorate, strade pulite altre sporche, quattro corsie di autostrada, targhe del Michigan, dell’Illinois, della Florida. Il mio amico del taxi corre come un matto e in meno di 40 minuti eccolo il mio primo grattacielo. Clacson all’impazzata, gente in ogni dove, bandierine patriottiche sventolano da ogni palazzo. Tante chiazze gialle mi circondano, sono più delle automobili normali, non resisto e scatto la mia prima scontatissima foto dei taxi gialli newyorkesi.

Arrivo al mio grattacielo: Il Westin Hotel, 42esima strada, nel pieno di Time Square. La mia camera è al ventisettesimo piano, ho un evenly bed, una macchina per il caffè Starbucks e una vista sull’Hudson e su quel crogiolo di strade che circondano Broadway e Time square.

Non riesco a riposare nonostante il mega materasso e i 10 cuscini, scendo tra le vie; i colori, le persone, gli schiamazzi mi rimbombano nelle orecchie, mi rintano in una pizzeria. Come si fa a dire che noi italiani siamo i più bravi nella pizza? Provo un trancio spettacolare, da veri golosoni, con salsiccia, funghi, peperoni e chi più ne ha più ne metta, mi scolo la mia Coca cola e poi torno al Westin. Volevo restare più sveglia, ma alle 18.00 il sonno ha preso il sopravvento.

Sveglia alle 5.00 del mattino non posso evitare di passare il mio primo giorno al famigerato Central Park, ma prima, abbondiamo con la colazione. Dopo un caffè lungo anzi lughissimo e un bagels con uova e bacon, sono pronta per vedere i veri salutisti che alle sette corrono in tutina per il parco. Ce ne sono davvero tanti, molti con il cane, molti solo con i loro leggings fosforescenti. Il parco trasmette pace, la luce inonda le colline al suo interno, i primi studenti diligenti attraversano la strada in fila indiana con le loro divise da classico b movie americano. Tutto è perfetto, ma il tempo scorre veloce e alle 9.00 la pace è svanita e New York è tornata in tutta la sua foga a vivere.

Decido di visitare la stereopatissima Fifth Avenue, niente di spettacolare, forse poco affascinante per chi non ha troppi soldi da lasciare nel caro Tiffany o nell’immenso Bloomfield, ma davvero il meglio doveva ancora venire. Subito nelle vicinanze della strada del lusso si snodano viali alberati con case dal fascino raro, con i loro porticati contornati da colonne imponenti, aiuole ordinate si alternano ai cassonetti marroni, le scalette che portano ai portoni ti invogliano a salire. Lo faccio, mi fingo una newyorkese, oggi sono una di quelle ricche che va in giro con la Vuitton e poi si va a fare la pedicure a Chinatown. Oggi sono la giornalista di Sex and city che senza un soldo vive lo stesso a Mananattan, oggi sono solo una studentessa che si è persa nella grande mela.

Vedo il fiume, forse riesco a orientarmi, mi avvicino alla riva e vedo che in pochi passi avrei potuto raggiungere la filovia che porta a Roosevelt Island.

Spettacolare, la vista è impagabile, forse ancora meglio di quella che si gode dall’Empire State Building. Ti muovi leggiadro sopra la città, non senti rumori (tranne quelli dei cinesi-arabi-spagnoli-italiani & co. che stanno nella cabina con te) e capisci che ti basta 1 $ per essere contento. Arrivata sull’isola faccio un breve giro, c’è poco da vedere se non il fiume e il vecchio edificio che un tempo era un manicomio.

La prima giornata ti lascia sempre felice, sembra sempre la più lunga e quella in cui concentri tutte le tue energie, non sai cosa vedere per primo e cammini in lungo e in largo per ritrovarti la sera con le gambe a pezzi. Dopo una cena al ristorante greco vicino casa, è l’ora dell’evenly bed.

secondo giorno

Il secondo giorno inizia all’insegna di Chinatown, delle sue strade trafficate, dei suoi pescivendoli, dei baracchini di frutta strana, dei vecchietti seduti al Columbus park, dei negozi che vendono All stars, Clarks e tante altre firme a prezzi veramente cheap. Dopo aver pescato il bigliettino portafortuna dentro il tempio buddista Mahayana, decido di dover passare per LittleItaly. Quanti clichè, tavolini all’aperto con tovagliette a scacchi attendono Lilli e il Vagabondo. Faccio un salto da Di Palo e dopo un’occhiata al provolone Auricchio e a un volantino della tournèe di Pino Daniele nella City, decido di scappare. A quanto pare la vera comunità italiana ora è nell’Harlem. E meno male, Little Italy oggi sembra più un’allestimento di Cinecittà.

Per pranzo mi intrufolo in un fast food vegano, un wrap ripieno di falafel e salsa alla rapa rossa. Veramente delizioso. Il pomeriggio trascorre tranquillo, una volta riposata, decido di prendermi una pausa da Manatthan e visitare ConeyIsland.

Dopo 50 minuti di metropolitana mi ritrovo sull’oceano. La prima impressione è di desolazione. Un vecchio parco giochi si profila all’orizzonte, un uomo è circondato da gabbiani e prova a sfamarli. L’acqua dell’oceano è mossa e il molo di legno è affascinante. ConeyIsland è famosa per la sua comunità russa. E, infatti non passa troppo tempo che iniziano a presentarmisi davanti ristoranti con menù scritti in cirillico e donne e bambini dagli spiccati lineamenti dell’est. Penetrando verso l’interno della periferia scovo un mercato stracolmo di prodotti russi, non so, ma questo non sembra come Di Palo, sembra molto più verace.

Guarda la gallery
cultura-qjns3

Roosevelt Island

cultura-519bg

The first breakfast

cultura-nbt9k

taxi, la foto inevitabile.

cultura-phukf

Central Park

cultura-g7771

Coney Island

cultura-4zpzv

Time Square



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Central Park
    Diari di viaggio
    new york: la grande mela dove è sempre bello ritornare

    New York: la Grande Mela dove è sempre bello ritornare

    che si rivede volentieri. Da non perdere la "galleria dei sussurri": per trovarla seguite le indicazioni per la zona ristoranti e cercate...

    Diari di viaggio
    new york low cost

    New York low cost

    Parlare di low cost a proposito di New York sembra un paradosso, in realtà se si prenota il viaggio con grande anticipo e ci si sa...

    Diari di viaggio
    new york a natale

    New York a Natale

    NEW YORK NEW YORK Decidiamo con mia moglie di tornare di nuovo negli Stati Uniti dopo aver visitato la California. Tocca alla metropoli...

    Diari di viaggio
    da new york a cancun

    Da New York a Cancun

    Ciao a tutti! Leggo sempre i diari, ma questa è la prima volta che scrivo e che organizziamo un viaggio per intero da soli… senza aiuto...

    Diari di viaggio
    new york con lentezza

    New York con lentezza

    New York con lentezza Da molto tempo desideravo visitare New York, ma con i miei ritmi: mi piace prendermela comoda, alzarmi ad un’ora...

    Diari di viaggio
    new york, love at first sight... o quasi

    New York, love at first sight… o quasi

    più conosciute e decantate, come ad esempio, la famosa 5th Strada, che non ha nulla di speciale. Resta il fatto, e credo che, chi ha...

    Diari di viaggio
    nove giorni a new york 2

    Nove giorni a New York 2

    April 2013 – DIARIO DI VIAGGIO A NEW YORK - by Patrizia Decidemmo di andare per la seconda volta a NY una domenica di agosto. Eravamo...

    Diari di viaggio
    spring in new york

    Spring in New York

    Dal momento che ho trovato molto utili le recensioni degli altri utenti per pianificare la vacanza lascio traccia della nostra...

    Diari di viaggio
    la mia grande mela 2

    La mia Grande Mela 2

    Basta poco per trovarsi in Russia, Africa, Cina. Sensazioni ed emozioni in una meta dai tanti stereotipi che però ti lasciano sempre e...

    Diari di viaggio
    il nostro viaggio a stelle e strisce

    Il nostro viaggio a Stelle e Strisce

    il consiglio è Tavern on the Green, ambientazione unica all’interno di un enorme e splendido parco.MERCATINI DI NATALE Non siamo...

    Video Itinerari