La magia di Watamu

Il nostro viaggio è iniziato dopo varie visite a questo sito, quindi mi sembra d’obbligo un commento. Siamo partiti venerdì 5 ottobre, ero talmente agitata che il giorno prima mi era venuto mal di stomaco! Erano due mesi che studiavo questo viaggio, senza però essere sicura di poterlo fare, perché sembrava che il mio ragazzo non avesse le...
Scritto da: peradani
la magia di watamu
Partenza il: 05/10/2007
Ritorno il: 13/10/2007
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

mattina dopo ripartiamo e quasi subito vediamo una leonessa, finalmente! La mattinata trascorre veloce, facciamo una sosta su una riva del fiume Galana sperando di avvistare qualche ippopotamo ma li intravediamo a malapena. Pazienza, il panorama compensa la delusione! Dopo altre due ore di strada, durante le quali ci fermiamo a lasciare qualcosa da mangiare ai bimbi che corrono dietro al furgone salutandoci felici, siamo di nuovo a Watamu. Gli ultimi due giorni e mezzo li dedichiamo al mare, cercando di rilassarci nonostante beach boys e venditori… c’è da dire che non ti lasciano in pace un attimo e a volte sono quasi insopportabili… Due beach boys ci hanno accompagnati diverse volte, sia alla ricerca delle spiagge migliori che dentro il paesino, in cambio di pochi euro e qualche maglietta sono stati delle guide molto utili e servizievoli… Vi consiglio di affidarvi subito a uno di questi ragazzi, così almeno gli altri vi lasceranno in pace. Tanto da soli non riuscirete a rimanere comunque, tanto vale sistemare la cosa subito! Girare con uno (o più) beach boys vi permetterà di andare dove volete senza problemi e avere consigli su qualunque cosa, addirittura contratteranno per voi i prezzi dei souvenir! E dopo le 19.00, se vi troverete come noi a zonzo per Watamu con il buio pesto, sarete veramente felici di averli accanto, a meno che non vogliate aspettare l’alba per ritrovare il vostro albergo! E così una settimana e volata in un baleno, beati i nostri amici padovani e toscani che sono rimasti lì fino al 20 ottobre… sarà per la prossima! Daniela



    Commenti

    Lascia un commento

    Africa: leggi gli altri diari di viaggio