La magia dei fiordi norvegesi

Una terra da girare, fotografare, ammirare, toccare, respirare; da lasciare solo con la promessa di tornare
 
Partenza il: 03/08/2014
Ritorno il: 09/08/2014
Viaggiatori: 3
Spesa: 2000 €

Da molto tempo ci ronzava in testa l’idea di fare un tour in Norvegia, così i miei genitori ed io decidiamo di realizzare il piccolo sogno nel cassetto di scoprire questa terra incantevole. Non volendo soffermarci in un’unica città ma con il proposito di ammirare il più possibile questi paesaggi incredibili, ci affidiamo ad un viaggio organizzato dalla Trans Nordic Tour e trovato in internet attraverso l’agenzia “Otto e Mezzo Viaggi” di Roma.

Giorno 1

Partiamo da Milano volando con KLM, dopo uno scalo di un paio di ore ad Amsterdam arriviamo ad Oslo nel primo pomeriggio. Ad attenderci all’aeroporto c’è Simonas, la nostra guida per i prossimi 6 giorni. Ci indirizza subito verso la navetta che collega l’aeroporto al centro città (frequenza ogni mezz’ora, prezzo del biglietto compreso nel pacchetto) e così in un’oretta circa arriviamo al Radisson Blu Scandinavia. L’albergo è veramente bellissimo e moderno, tempo di lasciare le valigie in camera e andiamo a goderci la vista della città dall’alto del cafè all’ultimo piano. La posizione centralissima dell’albergo ci consente di uscire la sera per iniziare a scoprire il centro di Oslo, la residenza reale e la strada principale Karl Johans gate. Ci accontentiamo di una cena leggera in uno dei tanti ristorantini e torniamo in albergo.

Giorno 2

Dopo l’ottima e abbondante colazione in albergo ha veramente inizio la visita di Oslo. La nostra accompagnatrice, Enrica, approfittando della mattinata di sole, dopo un rapido city tour in bus nel quale ammiriamo il Palazzo Reale e il quartiere circostante ci mostra il Frogner Park, che contiene oltre 200 sculture dell’artista più conosciuto in Norvegia, Gustav Vigeland. Incredibile come attraverso le sue sculture in bronzo riesca a ritrarre momenti della vita di ciascuno di noi, che rappresentano alla perfezione il ciclo vitale di ogni essere umano: l’infanzia, il rapporto genitori-figli, uomo-donna, anziano-bambino, uomo-natura sono trattati con una maestria eccellente e il parco è incantevole (ad agosto completamente fiorito). Dopo l’ultima opera di Vigeland, il monolite che riprende il tema centrale della circolarità della vita, ci spostiamo in bus verso il Teatro dell’Opera, una costruzione modernissima e spettacolare, in marmo bianco di Carrara, che è possibile “scalare” per godere di una visuale mozzafiato. Qui iniziamo a fare conoscenza con il clima norvegese: poco prima sole e temperatura mite, subito dopo acquazzone con vento freddo. Ci ripariamo sul bus e completiamo il giro della città ammirando la fortezza medievale di Akershus e il Palazzo del Municipio, al cui interno avviene la consegna del premio Nobel per la Pace. Pranzo libero, decidiamo di rifugiarci nel ristorante dell’Hard Rock presente a poca distanza, sulla via principale. La lentezza del servizio ci hanno detto essere caratteristica quindi non ci scandalizziamo più di tanto, ma facciamo scandalizzare il cameriere quando gli chiediamo una bottiglietta d’acqua: “Non abbiamo bottiglie d’acqua qui, non lo sai che la nostra acqua del rubinetto è la migliore al mondo?”. Rassicurati dall’orgoglio norvegese ci godiamo l’acqua e il pasto per ripartire nel primo pomeriggio con il bus alla volta di Lillehammer. Il viaggio è lunghetto quindi Simonas ne approfitta per raccontarci un po’ degli usi e della mentalità norvegese. Avere qualcuno al proprio fianco che ti introduce ad una cultura diversa dalla tua rende l’esperienza sicuramente molto più godibile e interessante, al posto di essere traumatizzante. Lillehammer è stata città olimpica nel 1994 e dopo una breve sosta con passeggiata nel centro cittadino ripartiamo per Favang, destinazione finale del secondo giorno. Il tragitto è incredibile, panorami unici si alternano senza sosta, cambiando a seconda del tempo: con le schiarite il cielo azzurro fa stagliare nettamente le montagne verdissime, che invece si ombreggiano quando sono oscurate dalle nuvole passeggere. Il nostro albergo è un rifugio per sciatori, quindi sicuramente più rustico del primo ma altrettanto pulito e perfettamente gestito. Cena in albergo a base di salmone e passeggiata serale nei dintorni per ammirare la vallata che si apre sotto di noi.

Giorno 3

Ripartiamo da Favang direzione Ålesund, il tragitto è lungo ma non ci sia annoia mai, sia per l’ambientazione suggestiva che per la compagnia. Dopo un pranzo veloce (perfino le aree di servizio in cui ci fermiamo hanno dei paesaggi incredibili) arriviamo sul pendio del monte sotto cui si sviluppa la città, costruita su isole collegate tra loro attraverso ponti e canali. La vista dalla piazzola panoramica accanto all’osservatorio astronomico toglie il fiato, piccole e grandi porzioni di terra emergono dal mare creando un disegno sorprendente. Rapiti dalla città, posiamo le valigie in albergo (Quality Waterfront, che come suggerisce il nome si affaccia proprio sul mare) e subito usciamo per gironzolare con la nostra guida, che ci mostra palazzi, piazzette e canali molto particolari. Un po’ come Venezia, alcune case si trovano direttamente sull’acqua e il connubio tra mare e terraferma è unico. Cena in albergo e appuntamento verso le 9, per poter andare al molo ad ammirare il tramonto. Essendo l’inizio di agosto, il sole tramonta verso le 10.10 per poi sorgere la mattina prestissimo, e lo spettacolo che ci riserva è indescrivibile. Il confine tra cielo e mare è questione di sfumature, che si tingono di rosso e arancione poco prima che il sole scompaia sotto la linea dell’orizzonte, regalandoci momenti indimenticabili. Torniamo in albergo stanchi ma con questa immagine spettacolare negli occhi, difficile da dimenticare.

Giorno 4

Oggi sono previste ben due escursioni sull’acqua, un breve tragitto con il traghetto tra Magerholm e Ørsneset e poi una minicrociera sul fiordo di Geiranger, uno dei più spettacolari del mondo. Vincendo il freddo e la pioggerellina, ci sistemiamo sul ponte principale, pronti ad affrontare tutte le intemperie pur di goderci la suggestione della navigazione in questo braccio di fiordo. Le montagne dalle pareti scoscese si innalzano ai lati del fiordo al contempo minacciose e protettive, e le numerose cascate che si riversano in mare rendono vivo questo panorama da cartolina. Le due cascate più famose e teatrali sono quelle del “velo della sposa” e delle “sette sorelle”, come la guida in italiano del battello spiega appena le raggiungiamo. Pranzo ad una stazione di sosta sulla riva del fiordo e nel pomeriggio escursione al ghiacciaio di Briksdal. I quattro chilometri di stradine che portano fino alla cima dell’odierno ghiacciaio sono una scoperta continua di scorci da togliere il fiato e colori unici, la fatica della salita è ripagata dallo stupore che si prova in cima, con la valle che si intravede davanti a noi e un lago glaciale che si forma subito sotto il ghiacciaio incastonato sul pendio della montagna. La stanchezza è tale che appena arriviamo in albergo a Skei riusciamo giusto ad andare a cena e crolliamo subito dopo.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Norvegia
    Diari di viaggio
    dalla sicilia a capo nord in moto

    Dalla Sicilia a Capo Nord in moto

    Capo Nord 2022Dopo il viaggio del 2014, ritornare a Nord Kapp è stato un mio costante desiderio, alimentato in questi otto anni dai...

    Diari di viaggio
    norvegia on the road: da bergen a tromsø lungo le strade dell'atlantico  

    Norvegia on the road: da Bergen a Tromsø lungo le strade dell’Atlantico  

    Norvegia on the road: da Bergen a Tromsø lungo le strade dell'Atlantico  Da giorni tenevo sottocchio le comunicazioni di...

    Diari di viaggio
    da bergamo a capo nord. viaggio in norvegia

    Da Bergamo a Capo Nord. Viaggio in Norvegia

    TRAGITTO E CHILOMETRI PERCORSI: ARCORE (MB) – NORDKAPP andata e ritorno. Il contachilometri all’arrivo segna 7656 percorsi su strada,...

    Diari di viaggio
    interrail con le ali tra le capitali del nord europa

    Interrail con le ali tra le capitali del Nord Europa

    Un viaggio con tre giorni in media per ogni capitale, con la permanenza in ogni città influenzata dalle tariffe che si riuscivano a...

    Diari di viaggio
    norvegia del nord in auto: dalle lofoten a capo nord facendo trekking

    Norvegia del Nord in auto: dalle Lofoten a Capo Nord facendo trekking

    Dopo l’esperienza eccezionale dell’estate 2020 nella Norvegia dei fiordi, decidiamo di replicare nell’estate 2021 spingendoci verso...

    Diari di viaggio
    attraverso città e fiordi: sei meravigliosi giorni in norvegia

    Attraverso città e fiordi: sei meravigliosi giorni in Norvegia

    La mia Norvegia del cuoreLa bella Norvegia è da molto tempo nel mio cuore, ci sono andata molte volte..., nel mese di Gennaio 2019...

    Diari di viaggio
    road trip di 2 settimane in norvegia nella zona dei fiordi fino alla strada atlantica

    Road trip di 2 settimane in Norvegia nella zona dei fiordi fino alla Strada Atlantica

    Nell’estate 2020 della pandemia di Covid, con il viaggio programmato a gennaio in Canada ovviamente saltato, dopo lunghe riflessioni e...

    Diari di viaggio
    norvegia low cost, non solo fiordi

    Norvegia Low Cost, non solo fiordi

    organizzatissimi ed è come fare una mini crociera low cost sui fiordi. I prezzi sono abbordabilissimi. Per la tratta più lunga abbiamo...

    Diari di viaggio
    il grande nord europa in camper

    Il grande Nord Europa in camper

    L’avvicinamento alla penisola scandinava Erano anni che avevo in testa questo viaggio, e solo ora, dopo averlo terminato, dopo aver...

    Diari di viaggio
    le tre capitali del nord: oslo, stoccolma e copenaghen

    Le tre capitali del nord: Oslo, Stoccolma e Copenaghen

    Un viaggio alla scoperta delle capitali scandinave: la verde Oslo incuneata tra i fiordi; le architetture della regale Stoccolma con...