La dolce e tranquilla Limnos

Un'isola dai tratti delicati e con un turismo a misura d'uomo... per una vacanza rilassante e non molto costosa
 
Partenza il: 27/07/2017
Ritorno il: 11/08/2017
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Fa sempre impressione vedere dal vivo gli spazi ristretti in cui vivevano i nostri antenati.

Altra visita assolutamente da fare è quella al sito archeologico di Poliochni, aperto dalle 8 alle 15 tutti i giorni tranne il lunedì, ingresso 2€. Si può gironzolare tra le fondamenta e i resti di quelli che sono stati gli edifici pubblici, le vie, le piazze e le case dei suoi abitanti, che vi sono insediati tra il 5000-4000 a.c. e vi sono rimasti fino al 1200 a.c. e leggere sui pannelli sparsi per il sito quella che è stata la gloriosa storia di Poliochni. Dall’antico abitato fatto di capanne ovoidali, ricostruito nel tempo per ben sette volte, Poliochni è diventata una città fortificata (2800-2600 a.c.). Nello spessore del suo muro di cinta furono ricavati due grandi edifici di carattere pubblico, di cui si vedono ancor oggi i resti: il granaio e la sala delle riunioni con due file di sedili, il Bouleuterion (la prima forma di organizzazione rappresentativa dell’Europa; che emozione!). Molto interessante anche la visita del museo, che si trova all’interno del sito, che bene illustra le fasi degli scavi e la storia dell’insediamento. Poliochni mi è piaciuta dal primo momento che l’ho vista e ancor più ne sono rimasta affascinata quando ho assistito, in una bella serata di luna piena, ad un concerto nello spiazzo antistante gli scavi. Per la giornata nazionale greca di apertura dei siti archeologici con la luna piena, che si ripete ormai da anni, il sito è stato aperto al pubblico gratuitamente e al suo interno ha avuto luogo il concerto del chitarrista greco Margaritis Panagiotis e della cantante Vassiliki Stefanou. Con una stupenda luna piena a farci compagnia e a regalarci i suoi riflessi d’argento sul mare ci si è goduti un variegato programma di canzoni greche tradizionali, pop e internazionali. E’ stata una serata magica ed emozionante.

Se di siti non ne avete abbastanza, recatevi anche ad Efestia, aperto tutti i giorni dalle 8 alle 15 tranne il lunedì, ingresso 2€. Lì potrete visitare il teatro di pietra porosa iniziato nel periodo classico e poi via via modificato, da ultimo dai Romani, costruito su precedenti rovine di un santuario del periodo arcaico. Il teatro è stato restaurato veramente con cura e dalla sua posizione rialzata potrete godervi una bella vista sul mare circostante e la pace del posto (intorno al sito non c’è alcunchè). Per arrivarvi dovrete fare una deviazione a sinistra dalla strada principale appena superato Kontopouli e percorrere uno sterrato di 5 km assolutamente praticabile. Ne vale la pena.

E se avete fatto trenta, fate trentuno! Se vi siete spinti fino ad Efestia, allungate ancora un po’ il vostro giro e giungete al sito di Cavirio, dove però rimane ben poco del santuario dedicato alla celebrazione dei suoi misteri, aperto tutti i giorni dalle 8 alle 15 tranne il lunedì, ingresso 2€, con una bella posizione affacciata sul mare. E di ritorno da Cavirio vi imbatterete nel Lago di Aliki, cui vi ho accennato più sopra.

Se vi trovate al centro dell’isola e deviate per Kotsinas, salendo su una piccola altura potrete vedere il monumento eretto in memoria di Maroula, l’eroina greca che nel 1478, dopo aver visto il padre cadere per mano turca, ne ha impugnato la spada e ha combattuto contro i Turchi, incoraggiando anche gli altri abitanti a insorgere contro gli invasori e a scacciarli. Il monumento sorge nel luogo ove un tempo c’era il kastro fortificato, uno dei più importanti dell’isola dopo quelli di Myrina e Moudros. Accanto si erge la chiesetta di Zoodochos Pighì con annessa fonte sacra. Oltre a 3 taverne di pesce e qualche studios non c’è altra traccia di altra vita in questo luogo, se non ci si sposta fino ai punti attrezzati della sua lunga spiaggia sabbiosa.

A qualche chilometro da Kotsinas incontrerete il paesino di Varos ed il cartello che indica la Foresta Pietrificata. Se avete tempo, fermatevi un momento ad osservare, in una zona recintata di pochi metri quadrati, il fossile di tronco d’albero risalente a 20 milioni di anni fa, conservatosi sotto una strato di fango di eruzioni succedutesi nel tempo, che ci ha svelato importanti informazioni sulla flora e sulle condizioni climatiche dell’Egeo di 20 milioni di anni fa. Molto interessante.

Nelle nostre esplorazioni, nei giorni ventosi, siamo passati a Kontias a vedere i bei mulini restaurati e destinati al pernottamento o, in un caso, trasformati in un simpatico bar. Abbiamo anche visitato il Cimitero degli Alleati a Portiano, che raccoglie le salme di molti militari che hanno combattuto nella battaglia di Gallipoli del 1915 e sono stati soccorsi e curati sull’isola, battaglia con la quale gli alleati hanno tentato invano di forzare lo Stretto dei Dardanelli al fine di occupare Costantinopoli, costringere l’Impero Ottomano a uscire dal conflitto e ristabilire le comunicazioni con l’Impero Russo attraverso il Mar Nero.

Abbiamo anche fatto tappa al Museo nautico e delle spugne di Nea Koutali, aperto dal martedì alla domenica dalle 10 alle 14 e in luglio ed agosto anche dalle 19 alle 21, ingresso 2€. Il museo, piccolino, è molto istruttivo, mi è piaciuto. Con brevi cartelli descrittivi, foto, oggetti originali utilizzati dagli abitanti di Nea Koutali e modellini di barche, testimonia l’attività dei cercatori di spugne di Limnos, impegnati in mare da aprile ad ottobre nell’intero Egeo. Nel museo sono anche esposti numerosi vasi del periodo classico rinvenuti sui fondali, principalmente vicino alle coste cretesi.

Guarda la gallery
isole-px8rn

spiaggia di Chavouli, Limnos



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Grecia
    Diari di viaggio
    quattro giorni di relax a naxos

    Quattro giorni di relax a Naxos

    Quattro giorni di relax a Naxos Itinerario e informazioni utili a Naxos, per una breve pausa di relax.L’isola di Naxos è la...

    Diari di viaggio
    peloponneso tra storia e mare

    Peloponneso tra storia e mare

    Vacanze in Grecia... è sempre un grande, immenso, gigante Sì! Soprattutto quando si ha a disposizione una macchina, una settimana di...

    Diari di viaggio
    il nostro grande ritorno in grecia, tra il bellissimo mare di lefkada e l’emozione di meteore in tessaglia

    Il nostro grande ritorno in Grecia, tra il bellissimo mare di Lefkada e l’emozione di Meteore in Tessaglia

    Finalmente dopo circa due anni di stop, si ricomincia a viaggiare e decidiamo di ritornare a visitare la Grecia (la nostra ultima volta in...

    Diari di viaggio
    zante seen by my eyes

    Zante seen by my eyes

    Perdendosi tra ulivi e vigneti, curva dopo curva arrivi al mare, accolto dalle sacre sponde frastagliate, imponenti e incantevoli. I...

    Diari di viaggio
    nel dodecaneso, tra passato e presente

    Nel Dodecaneso, tra passato e presente

    Siamo tornati a Rodi. L’isola non sarebbe stata la meta principale ma un soprattutto un transito per raggiungere via mare altre isole...

    Diari di viaggio
    due settimane a naxos (cicladi)

    Due settimane a Naxos (Cicladi)

    NAXOS by Rosella & Edoardo: 2 settimane di esplorazione, sole, mare, riposoInnanzitutto i doverosi ringraziamenti ai Turisti per...

    Diari di viaggio
    due settimane di mare a creta

    Due settimane di mare a Creta

    Due settimane a Creta24 giugno - 8 luglio 2022Partecipanti: io e FrancaPrologoCon la situazione Covid che non è...

    Diari di viaggio
    corfù, isola diversa

    Corfù, isola diversa

    Corfù è forse la meno bella delle Isole Greche visitate, tuttavia interessante e con spunti notevoli che hanno reso la vacanza gradevole...

    Diari di viaggio
    rodi, buona la prima e anche le altre nove

    Rodi, buona la prima e anche le altre nove

    Dopo 2 ore che "traffico" su internet cercando voli (lievitatissimi come costo), coincidenze e trasferimenti per raggiungere un paio di...

    Diari di viaggio
    week end a preveza

    Week end a Preveza

    Weekend a Preveza, una perla dello Jonio. 27 Maggio 2022, venerdì. Volo economico (Ryanair) Fiumicino –  Aktio AR a 32 euro, acquistato...

    Video Itinerari