La costa sud della Francia, ma non solo

Un itinerario quasi orizzontale, a guardare la mappa: la costa mediterranea, la base dei Pirenei fino a sbucare sull’Oceano Atlantico, per poi tornare attraverso il Luberon e il Verdon
Scritto da: nelblu
la costa sud della francia, ma non solo
Partenza il: 08/08/2017
Ritorno il: 28/08/2017
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Partiamo da Mentone all’inizio di agosto e, dopo avere percorso tutta la costa mediterranea, seguiamo la base dei Pirenei fino a sbucare sull’Oceano Atlantico, per poi ripercorrere a ritroso l’itinerario e scegliere un tragitto parallelo alla costa, che ci mostri le bellezze del Luberon e del Verdon. Un itinerario quasi orizzontale, a guardare la mappa! E andiamo!

Iniziamo con una stupenda passeggiata nel cammino di Le Corbusier che unisce Roquebrune Cap Martin a Montecarlo. Gli scorci sul mare e su Montecarlo che potrete ammirare sono molto diversi dalla classica visuale che si può avere arrivando in città con l’autostrada. Si è ampliamente ripagati della fatica del percorso, per il vero piuttosto pianeggiante, da un bel tuffo nella spiaggia Massolin (dopo circa un’ora di cammino da Roquebrune) o Pointe de Cabbè. Uno sguardo al complesso di edifici tra cui la villa E 1027 e il Cabanon di Le Corbusier può essere uno spunto culturale interessante e la visita guidata (da prenotare!) parte dalla stazione di Cap-Martin Roquebrune.

Si può proseguire sul Sentier Des Douaniers fino a Monaco, dove si può fare un altro bagno ristoratore nella spiaggia pubblica del Larvotto al cospetto dei grattacieli immensi oppure scegliere la spiaggia poco prima del Montecarlo Bay Hotel & Resort in Avenue Princesse Grace, dove il mare ha un fantastico colore turchese.

A Monaco sembra esserci ogni giorno un gran premio, le macchine che sfilano e il rumore dei motori è una costante durante la passeggiata. Perché non concedersi poi una vista del panorama da La Turbie, un borgo proprio sopra Monaco, dove è piacevole, oltre che la vista, scoprire anche il Trofeo delle Alpi.

Ci allontaniamo dal mare e proseguiamo verso l’interno, direzione Grasse. Passeggiamo nel borgo, scopriamo la chiesa di Notre Dame de Puy con all’interno tre dipinti di Rubens. Proseguiamo accanto alla chiesa e ci troviamo in una piazzetta raccolta, dove è bello sostare ad ammirare il panorama o a riposare un po’ sulle sdraio fruibili da tutti. Vi incuriosirà un totem con indicate alcune città, come Carrara, Murcia, Vila Real, e le relative distanze da Grasse. Nelle vie del paesino, penzolano in mezzo alla strada alcuni stendardi e bandiere: osservate attentamente perché periodicamente vedrete spruzzare acqua profumata! Vi consiglio una visita guidata (in italiano alle 13.30) alla profumeria Fragonard, il cui marchio vedrete riproposto in numerosi negozi di abbigliamento e profumeria durante il vostro viaggio in Francia. Giulia, una guida toscana, è davvero simpatica e rende molto piacevole la visita alla piccola fabbrica produttiva, spiegando come si realizza un profumo, che differenza c’è tra eau de parfum, eau de toilette, eau de cologne… Potete visitare anche il museo e il negozio. Se siete a Grasse il giovedì d’estate, la sera sarà allietata da “Grasse au clair de lune”.

Concludiamo la giornata al mare a Cap d’Antibes (bella la passeggiata sia a bordo mare che nelle vie all’interno del capo, ideale per il jogging al cospetto di ville sontuose). Una spiaggia comoda di sassolini grigi, con annesso parcheggio, si trova proprio in corrispondenza del confine orientale di Antibes, in direzione Cagnes sur Mer.

Per cena si può scegliere il mare, a Juan Le Pins, dove non mancano i locali dove trascorrere una piacevole serata: alcuni ristoranti hanno i tavoli apparecchiati direttamente sulla sabbia, un’esperienza da non perdere per una cenetta romantica! Si può anche optare per l’entroterra dove, a Saint Paul de Vence, trascorrerete una serata immersi in un borgo molto ben conservato e ravvivato da un’infinità di gallerie di arte moderna. Proprio all’ingresso del borgo potrete assistere alla vostra prima partita di petanque: il lungo campo in terra vedrà sfidarsi gruppi di ragazzi o signori non più in tenera età, tutti animati dalla stessa passione per quelle tre bocce metalliche.

Proseguite verso ovest e vi attende una passeggiata sulla Croisette di Cannes: se siete stanchi, accomodatevi sulle sedie azzurre che la costeggiano per osservare il passeggio. Anche qui le auto, che sostano di fronte agli hotel di lusso, sono modelli che attirano lo sguardo anche dei più “ignoranti” in materia, se non altro almeno per i vezzi di alcuni colori o dettagli. Le migliori si trovano di fronte all’hotel Carlton (così accontentiamo i signori) mentre una sbirciatina all’adiacente Cartier non può che fare bene agli occhi delle signore!

Andiamo poi verso il Gran Auditorium Louis Lumiere, sede del festival del cinema, una foto di rito sulla scalinata con tanto di tappeto rosso, come le star, la cui impronta delle mani si trova impressa nella pavimentazione poco più avanti, appena prima di arrivare al porto e poi alla città vecchia.

Sulla strada per Marsiglia, nostra prossima meta, non possiamo non fare tappa a St. Tropez ed arrampicarci verso la cima della collina per ammirare il paesaggio del bel golfo. Tornando verso il centro, con tutte le sue stradine che sbucano sul mare, si arriva alla torre, dove una serie di cartelli indicano numerose destinazioni da raggiungere a piedi, tra cui il sentiero del litorale e la spiaggia di Tahiti.

Ci fermiamo qualche giorno a Marsiglia: iniziamo a visitare la zona con una gita in barca alle Calanques, partendo dal porto di Cassis. La spiegazione della guida è esclusivamente in francese e si perde purtroppo qualche battuta se non si comprende la lingua. Nonostante questo piccolo inghippo, il paesaggio è splendido e scoprirete che la terza calanque ha una bellissima spiaggia (con tantissimi pesci) fruibile dopo un paio di ore di cammino dal porto di Cassis (se preferite passeggiare anziché “navigare”). Nella quinta calanque c’è invece una stretta fessura da attraversare in canoa: anche questo è un ottimo modo per fruire di questo splendido paesaggio. A ognuno il suo modo di vivere questa bellezza naturale.

Le spiagge nei dintorni orientali di Cassis, per trascorrere il pomeriggio in spiaggia, sono davvero molto affollate (molto!), ma comunque piacevoli.

La serata a Aix en Provence ci permette di seguire le tracce della vita di Cezanne. Sulla pavimentazione della cittadina sono infatti inserite delle piastre in bronzo che vi guideranno alla scoperta dei luoghi cari al pittore.

Guarda la gallery
verdon-2dkr4

Calanques



    Commenti

    Lascia un commento

    Carcassonne: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari