La B&B in Normandia e Bretagna

Quest’estate la B&B decide di andare in Normandia e Bretagna visto che l’anno scorso le ferie sono state passate in totale relax sul Lago di Garda. Sarà la nostra prima vera vacanza totalmente da soli quindi speriamo che tutto vada per il meglio (e così è stato).
Scritto da: samydiego
la b&b in normandia e bretagna
Partenza il: 01/08/2010
Ritorno il: 15/08/2010
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Quest’estate la B&B decide di andare in Normandia e Bretagna visto che l’anno scorso le ferie sono state passate in totale relax sul Lago di Garda. Sarà la nostra prima vera vacanza totalmente da soli quindi speriamo che tutto vada per il meglio (e così è stato).

Ad aprile prendiamo finalmente in mano la guida della Routard (acquistata l’anno prima) e valutiamo i possibili posti da visitare, inserisco una linguetta su tutti i posti che ci potrebbe piacere e il risultato è una sfilza di linguette (ci vorrebbe più di un mese per vedere tutto). Con cartina alla mano e i posti che c’interessano da visitare, studiamo un piano di pernottamento per tutti i 15 giorni. Decidiamo di dormire in 6 posti diversi, cominciamo a cercare almeno 2/3 possibilità per ogni città. Cominciamo a contattare alberghi e case private e nel giro di una settimana tutte le prenotazioni sono fatte, con dei prezzi abbordabilissimi (la camera con il prezzo più alto è di 70 € a notte a camera con la prima colazione inclusa). Non ci resta che attendere Agosto e finalmente partire.

Il nostro viaggio sarà in macchina con partenza da Mantova, per non fare tantissimi km in un giorno solo faremo tappa all’andata a Digione e al ritorno a Bourges

DOMENICA 1 AGOSTO: LA PARTENZA

Sveglia a 6.30, tutte le valigie sono pronte (siamo ultra carichi), facciamo colazione e ci prepariamo panini per il viaggio.

Alle 8.00 come previsto siamo in macchina destinazione Digione. Arriviamo a Digione alle 17.00. L’hotel prenotato è “HOTEL IBIS ARQUEBUSE”, ci riposiamo un po’ dal viaggio e poi ci prepariamo per uscire a cena. L’albergo è molto vicino al centro.

Appena arriviamo in centro veniamo subito catturati da un ristorante “L’IMPREMIERE” che come arredamento utilizza i libri e noi da amanti della lettura non possiamo che entrare e cenare. Cominciamo bene la vacanza scegliendo dal menù due belle pietanze con delle patate gigante, io non ne sono arrivata alla fine ma Diego con fatica ce l’ha fatta!

Per smaltire un po’ la cenetta ci facciamo un giretto per la città per vedere cosa ci aspetterà domani.

LUNEDI’ 2 AGOSTO: VISITA A DIGIONE

Sveglia prevista per le 7.45 ma quando ci svegliamo fuori diluvia quindi decidiamo di stare ancora un pochino sotto le coperte intanto Digione non scappa.

Alle 9.00 finalmente basta pioggia, ci prepariamo e scendiamo per la meritata colazione. Ci carburiamo per bene con tutto il ben di dio che il buffet dell’hotel ci offre (la colazione è stata pagata a parte perché non era compresa, ma ne vale la pena).

Prima tappa all’uscita dell’hotel è un edicola dove acquistiamo una cartina della città e il libro sulla Borgogna potrebbe sempre essere utile in futuro su altri posti da visitare.

Tutta la giornata è stata dedicata alla visita completa della città che devo dire ci è piaciuta molto.

Alla sera decidiamo di cenare in un posticino che abbiamo visto durante il giorno vicino al mercato del pesce. Ovviamente è Diego che ci riporta al ristorante prescelto, lui dice che le donne hanno poco senso dell’orientamento (forse ha un po’ ragione). Il ristorante è la “BRASSERIE FLO”, fuori sembrava molto spartano ma dentro è veramente molto bello ed elegante (con l’aria condizionata un po’ troppo alta per me che odio il freddo). La cena è stata ottima!

MARTEDI’ 3 AGOSTO: DESTINAZIONE ECTOT L’AUBER

Dopo esserci riempiti per bene il pancino, carichiamo la macchina, oggi si parte per la Normandia.

Durante il tragitto decidiamo di fermarci ad Auxerre che ci è stato detto sia una bella città e poi abbiamo il libro della Borgogna da sfruttare. La città effettivamente merita di essere visitata.

La nostra destinazione dopo aver visitato Auxerre sono BÉNÉDICTE ET JEAN-PIERRE VIN che ci ospiteranno in una camera della loro immensa casa.

Impostiamo l’indirizzo sul navigatore che ad un certo punto ci fa percorrere delle stradine di campagna strettissime e su cui non passa anima viva, tutto intorno c’è campagna con le mucche al pascolo; cominciamo a pensare che il navigatore sia impazzito ed invece alle 19.00 eccoci finalmente arrivati in una villa di campagna totalmente fuori dal mondo.

Parcheggiamo e vediamo che ci viene incontro una signora con 2 bellissime bambine bionde, la signora in questione è Benedicte che ci tratta come se fossimo due persone di famiglia. Fa una chiacchierata con Diego in francese, i riesco a cogliere qualche parola e quindi cerco di capire il senso del discorso; ecco che arriva anche Jean Pierre in tenuta da lavoro, anche lui molto molto gentile (siamo capitati proprio bene!). Benedicte ci fa vedere la nostra camera che è al primo piano (cioè l’ultimo); ci accordiamo per la colazione e ci propone di prenotarci un posto per cena perché dalle loro parti non c’è molto e soprattutto si mangia presto. Quindi stasera si mangia a “HOSTELLERIE DES VOYAGEURS” a Yerville a 3 km da Benedicte. Il locale è molto elegante, mangiamo molto bene e non badiamo a spese (sarà la cena più costosa del viaggio € 71).

MERCOLEDI’ 4 AGOSTO: ROUEN

Stamattina colazione in compagnia di 3 signori Francesi che si mettono a fare conversazione con Diego ed io capisco molto poco. La colazione prevede pane e marmellata fatto in casa da Benedicte (tutto molto buono, ho perso il conto delle fette di pane mangiato).

Partiamo per Rouen e veniamo subito colti da un po’ di pioggia ma la B&B è organizzata; ci mettiamo le nostre giacche per la pioggia nuove ed ombrello alla mano ci dirigiamo verso il centro, non appena arriviamo alla cattedrale la pioggia è finita (la pioggia farà così tutto il giorno, quando saremo al coperto pioverà, quando noi saremo a passeggio per la città il sole o solo le nuvole ci terranno compagnia).

Ci facciamo tutto il giorno un bel giro per la città, alla fine della giornata abbiamo fatto un bel po’ di passi, ci fermiamo per la cena a Rouen e scegliamo un bel posticino vicino a Saint Maclou al brasserie “LA WALSHEIM” dove si mangia bene a prezzi abbordabili.



    Commenti

    Lascia un commento

    Caen: leggi gli altri diari di viaggio