Kos: sole, mare, vento, cultura… e relax!

Sette giorni di sole, mare, vento e cultura nell'isola di Ippocrate dove non c'è rischio di annoiarsi ma anche di trovare i propri spazi di relax e silenzio.
 
Partenza il: 18/07/2013
Ritorno il: 26/07/2013
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Quest’anno, è il 2013, io (Paolo) e la mia amica Valeria, abbiamo deciso che l’isola della Grecia da conoscere e vivere sarebbe stata KOS, facente parte dell’arcipelago del Dodecaneso.

Raccolte le dovute informazioni e guide, scaricati e letti gli utili diari di viaggio dei nostri predecessori e predisposto il piano di viaggio, ci siamo messi al lavoro per organizzare gli spostamenti e il soggiorno sull’isola e finalmente il giorno 18 luglio partiamo! Abitiamo a Roma, pertanto l’aeroporto di partenza è quello di Fiumicino ed il volo A/R è operato da Blu Express per la “modica” cifra di 185 euro circa (più bagaglio 40e). Alle 21.45 dovremmo decollare ma un disservizio tecnico imputabile ad Aeroporti di Roma ci fa partire dopo un’ora; va beh, siamo in vacanza e la voglia di arrivare è tanta per cui portiamo pazienza e superiamo facilmente questo inconveniente.

Giungiamo al piccolo aeroporto di Kos dopo due ore di volo, più un’ora di fuso e fanno le due di notte! Consapevoli che a quell’ora non avremmo trovato mezzi pubblici, ci siamo diretti subito verso il primo taxi nel piazzale esterno e dopo una ventina di minuti e

35e di spesa, raggiungiamo il nostro Hotel Alexandra Beach, prenotato in precedenza su Booking e situato a Psalidi che dista 1,5 km da Kos town. La camera doppia per 75e a notte, compresa la colazione, è carina, ampia, come pure il bagno, con balcone che da verso la piscina. Il giardino interno della struttura è grande, pulito ed il verde viene curato con attenzione. Effettuate le pratiche di check-in ed essendo quasi le tre…. non ci rimane che andare a letto.

19/7 VENERDI’

È una bella giornata, sole pieno e tira una bella arietta fresca. Facciamo colazione in hotel (l’unica cosa veramente deludente di tutta la vacanza!) e decidiamo di visitare la costa vicina a Psalidi e a Kos town. Per fare questo, noleggiamo un paio di biciclette per tutto il giorno (4 e l’una) presso il negozio Power Extreme (che ci viene a prendere in albergo e ci da un ottimo servizio) e sfruttando le numerose piste ciclabili presenti nella parte sud-est dell’isola, scorrazziamo con facilità da un posto all’altro. Sicuramente è il posto della Grecia finora visto dove rileviamo la più alta presenza di questo mezzo di trasporto, oltre ai consueti motorini di varia cilindrata e forma. Buona parte dell’isola, essendo piuttosto piana, si presta ad essere percorsa sulle due ruote ecologiche, anche se le distanze estese possono diventare, però, un problema, soprattutto per i meno allenati. Noi giriamo, comunque, per il centro del capoluogo e l’approccio è molto positivo. Città ben organizzata, pulita con bei locali eleganti sul porto e sulle stradine del centro storico, con tante taverne e ristoranti pronti a far accomodare ai propri tavoli tutti i turisti che vi passano davanti.

Seguiamo, ad ogni modo, la linea della costa ed arriviamo alle spiagge di Lambi. Una successione di stabilimenti concentrati e disposti nei pochi metri di sabbia disponibili ed un mare che non è proprio come ce lo saremmo aspettato. Sabbia scura o dorata, con cumoli di posidonia, fondali con presenza di pietre, acqua fredda e tanto movimento ondoso provocato dal vento che soffia, su questo tratto di costa, piuttosto incessantemente. Essendo ancora un po’ provati dal viaggio della notte precedente ci sistemiamo nella struttura che a nostro avviso sembra la più carina, con lettini dotati di un morbido materassino e ombrelloni in canna; sono concessi gratuitamente con il solo “obbligo” di consumare qualcosa. Ci riposiamo, facciamo un paio di bagni, e alle 19.00 riprendiamo le nostre bici per l’ultimo giro in città. Tornati da Power Extreme, sostituiamo le due ruote con un bel Honda SH 200 che affittiamo per i successivi sei giorni al prezzo di 150e; ottimo prezzo visto che altri esercenti consultati ci avevano fatto preventivi più alti. Saliti in sella andiamo dalla parte opposta dell’isola, dove si trova la famosa sorgente di acqua calda che sbuca direttamente in mare. La strada corre alta sulla costa con una serie di curve che fanno scoprire ogni volta bei paesaggi o strutture moderne di residenza, ben integrate nel territorio.

Lasciato il motorino nel piazzale di arrivo, scendiamo a piedi con i nostri zainetti, per la ripida strada bianca, fino al luogo dove sgorga l’acqua termale. L’ora serale è propizia per un nuovo bagno “caldo”nella pozza delimitata da scogli; qui l’acqua fredda del mare si mescola con quella calda termale, dando piacevoli sensazioni a seconda di quanto ci si avvicini o allontani dalla fonte. È proprio quello che serviva per ricaricarsi a fine giornata!

Terminiamo il nostro primo giorno di vacanza cenando egregiamente per 15e, in riva al mare, alla taverna che si trova di fronte al nostro albergo, raggiunta comodamente a piedi.

20/7 SABATO

Ci svegliamo tardi, sbrighiamo un po’ di cose in camera e verso le 12.00 inforchiamo scooter e andiamo, finalmente, verso sud. Destinazione Kardamena, villaggio di pescatori, oggi importante località balneare.

La strada principale che va da Kos a Kefalos è scorrevole, in buone condizioni, e attraversa tutta l’isola da est a ovest. Lungo il percorso si incontra, a destra e a sinistra, qualche piccolo paese, capre, esercizi commerciali, campi coltivati e non, e diverse strutture militari. Alla rotatoria, nei pressi dell’aeroporto, confluiscono le varie arterie che collegano i principali centri dell’isola. Noi imbocchiamo quella che scende fra boschi e macchia mediterranea verso la località prescelta. Percorriamo tutto il tratto di costa fino alla fine della strada per goderci il paesaggio e scoprire il posto migliore dove posizionarci. Ma dopo un paio di km si trovano solo centri turistici con propria spiaggia e accesso, per cui torniamo indietro e ci appostiamo nei pressi del centro abitato. Qui la spiaggia di sabbia fine è carina, una sola fila di ombrelloni e lettini, anche qui gratis, ed il mare, freddo, ha dei bei colori (ma senza esagerazioni). Il posto è tranquillo per cui riusciamo a leggere, riposarci e rilassarci a dovere. Al tramonto andiamo a visitare il centro di Kardamena, caratterizzato da una moltitudine di negozi turistici e bar/ristoranti ancora semivuoti. Apprendiamo, dai racconti di altri viaggiatori, che il luogo è frequentato da giovani provenienti soprattutto dal nord Europa. A noi non ispira più di tanto. L’edilizia è confusa e non particolarmente bella da vedere; il mare ed il porto non entusiasmano per cui una volta finito il tour preferiamo ritornare dalle “parti nostre”. Doccia, cambio look e pronti per la serata. Scegliamo nuovamente, dopo vari mesi, un locale suggerito dalla Lonely Planet, il Barbas di Kos town, molto elogiato per le capacità di cottura delle carni alla griglia. A parte il cameriere ateniese simpatico, riteniamo questo ristorante molto “normal”, se non sotto media rispetto a tutte le altre taverne frequentate, magari con atmosfere più greche e meno turistica come questo. Infine giro per le stradine illuminate e colme di gente per capire il tipo di vita notturna che la città offre. Numerosi bei posti dove bere, mangiare o sostare, molti giovani concentrati soprattutto nella bar-street e negozi di souvenirs per tutte le tasche e gusti.

Guarda la gallery
cultura-j1dvx

PAOLO A KOS

cultura-3s2q1

MULINO ANDIMAHIA



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Grecia
    Diari di viaggio
    quattro giorni di relax a naxos

    Quattro giorni di relax a Naxos

    Quattro giorni di relax a Naxos Itinerario e informazioni utili a Naxos, per una breve pausa di relax.L’isola di Naxos è la...

    Diari di viaggio
    peloponneso tra storia e mare

    Peloponneso tra storia e mare

    Vacanze in Grecia... è sempre un grande, immenso, gigante Sì! Soprattutto quando si ha a disposizione una macchina, una settimana di...

    Diari di viaggio
    il nostro grande ritorno in grecia, tra il bellissimo mare di lefkada e l’emozione di meteore in tessaglia

    Il nostro grande ritorno in Grecia, tra il bellissimo mare di Lefkada e l’emozione di Meteore in Tessaglia

    Finalmente dopo circa due anni di stop, si ricomincia a viaggiare e decidiamo di ritornare a visitare la Grecia (la nostra ultima volta in...

    Diari di viaggio
    zante seen by my eyes

    Zante seen by my eyes

    Perdendosi tra ulivi e vigneti, curva dopo curva arrivi al mare, accolto dalle sacre sponde frastagliate, imponenti e incantevoli. I...

    Diari di viaggio
    nel dodecaneso, tra passato e presente

    Nel Dodecaneso, tra passato e presente

    Siamo tornati a Rodi. L’isola non sarebbe stata la meta principale ma un soprattutto un transito per raggiungere via mare altre isole...

    Diari di viaggio
    due settimane a naxos (cicladi)

    Due settimane a Naxos (Cicladi)

    NAXOS by Rosella & Edoardo: 2 settimane di esplorazione, sole, mare, riposoInnanzitutto i doverosi ringraziamenti ai Turisti per...

    Diari di viaggio
    due settimane di mare a creta

    Due settimane di mare a Creta

    Due settimane a Creta24 giugno - 8 luglio 2022Partecipanti: io e FrancaPrologoCon la situazione Covid che non è...

    Diari di viaggio
    corfù, isola diversa

    Corfù, isola diversa

    Corfù è forse la meno bella delle Isole Greche visitate, tuttavia interessante e con spunti notevoli che hanno reso la vacanza gradevole...

    Diari di viaggio
    rodi, buona la prima e anche le altre nove

    Rodi, buona la prima e anche le altre nove

    Dopo 2 ore che "traffico" su internet cercando voli (lievitatissimi come costo), coincidenze e trasferimenti per raggiungere un paio di...

    Diari di viaggio
    week end a preveza

    Week end a Preveza

    Weekend a Preveza, una perla dello Jonio. 27 Maggio 2022, venerdì. Volo economico (Ryanair) Fiumicino –  Aktio AR a 32 euro, acquistato...

    Video Itinerari