Kos Simi Tilos Nisyros

Splendido dodecanneso 2010
 
Partenza il: 12/06/2010
Ritorno il: 26/06/2010
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

KOS, SIMI, TILOS, NISYROS, KOS.

Itinerario nel DODECANNESO dal 12 GIUGNO – al 26 GIUGNO 2010

12 GIUGNO Sabato – Partenza. Volo diretto Rynair, Milano-Kos, ore 08.00.

Prenotato a febbraio a prezzo convenientissimo l’aereo decolla con un’ora di ritardo, ma strada facendo recupera e tocca terra in perfetto orario. L’idea è quella di visitare le isole fra Kos e Rodi, il Dodecanneso meridionale. Per la serie “come è piccolo il mondo”, all’imbarco incontriamo Debora, una simpatica ragazza milanese, con la Grecia nel midollo, conosciuta lo scorso anno a Folegandros, ora in viaggio con la mamma settantenne. L’aereo parte, Aldo chiacchiera con la sua vicina, una loquace signora veneziana, ed io mi posso liberamente abbandonare al mio film preferito: lo scorrere del paesaggio…

Dopo le montagne della Serbia e della Macedonia ancora un po’ spruzzate di neve, finalmente il mare, è Salonicco che annuncia la Grecia. Ecco la Calcidica, le sue tre penisole, Cassandra, Sithonia e Athos, tre lunghe dita che sbriciolano isole sul tappeto blù dell’Egeo. Sorvoliamo Sithonìa e le baie di Kalamitsi alla sua estremità: ci sarà ancora sotto quegli alberi la taverna della simpatica Poppi con le sue profumate pitte e gli indimenticabili bicchieri aromatizzati al feta? Sulla destra il Monte Athos, punteggiato di monasteri: l’Agios Oros, come lo chiamano i greci, un altissimo e severo cono scuro che dal mare eleva il suo acuto vertice verso il cielo, un baluardo, un monito, un segno. Nelle giornate limpide lo si vede bene anche da Skiathos e per chi proviene dalla Turchia indica il punto dove la rotta a favore di vento deve puntare verso sud: è lì da sempre ad indicare agli uomini la giusta via, ai naviganti in balia del mare e agli spiriti in cerca di Dio. Subito dietro, Thassos, un tondo profilo scuro di boschi popolati da allegre fonti che accompagnavano i succulenti spiedi e i leggendari giuvetsi cucinati per noi dal “piccolo mafioso” (ipse dixit). Sull’orizzonte la vetta Samotracia, la lontana Limnos e la ciambella di Lesbos, poi l’aspra Ikaria come una freccia puntata verso Samo e Chio: tutte in fila lungo la costa anatolica come vaghi di una collana, una collana che teniamo in serbo per una prossima vacanza….. Brilla ora la bella fila di isole che abbiamo visitato nel 2007, il Dodecanneso settentrionale, Pàtmos, Lipsì, Lèros e Kàlimnos: il loro profilo, baie, spiagge, paesi e monti fanno riemergere ricordi ed emozioni. E finalmente appare Kos con la sua lunga sagoma di pesce guizzante.

KOS, divide idealmente le isole del Dodecanneso in due gruppi ed è quindi un’ottima base per esplorare questa parte di Egeo, come nel 2007, sarà quindi il nostro punto di partenza ed arrivo.

Alle 12.00 usciamo dall’aeroporto. I bus hanno orari fissi, non è facile trovare coincidenza con il proprio volo e c’è anche un bel pezzo di strada da fare a piedi per arrivare alla fermata. I taxi invece sono appena fuori, c’è la fila ma è veloce, un gesticolante isolano coordina e smista i turisti fra le varie località, i prezzi sono fissi, € 30 per Kos città/porto o Kefalos, € 15 per Kardamena o Mastichari, e se si è in due si può dividere la spesa con altre persone che vanno nello stesso posto, la tariffa aumenta così di un paio di euro ma è comunque conveniente per la comodità offerta.

Il 2010 segnerà per la Grecia uno degli anni più neri della sua economia; molti, visti i recenti disordini di Atene, hanno rinunciato a venirci per timore di scioperi ed agitazioni, la crisi c’è, ma niente di tutto questo, almeno sulle isole. Il primo segno inequivocabile della crisi è comunque il costo della benzina e dei taxi, letteralmente lievitati, poi, sarà quello di una minor presenza di turismo in un periodo, giugno, già di per sé tranquillo. Per il resto tutto come prima, a partire dal taxista ciarliero che non appena saliti in macchina apre subito il catalogo dei luoghi comuni con “italiani – greci, una faccia una razza” e dal camion “infagottato” davanti a noi che semina parte del carico, senza preoccuparsene, sull’asfalto lucido e brillante. Siamo ancora in Grecia. Il taxi ci lascia al Porto di Kos, il Mandraki, e non avendo ancora una tabella di marcia ben definita, ci mettiamo alla ricerca di una stanza in centro città. Nel 2007 ci eravamo annotati alcune case nelle vie appena dietro il porto ma, vuoi il restyling di alcuni edifici, vuoi la stanchezza, non riusciamo più a ritrovarle e così gironzoliamo un po’ a vuoto nell’intricato dedalo delle viuzze della città vecchia fino a quando una gentile signora, abbandonando il suo uncinetto, ci indirizza al sig. Mustafà. Lasciati i bagagli ci dirigiamo subito verso la spiaggia cittadina che si trova davanti all’Albergo Gelsomino, un gradevole e classico edificio di architettura fascista ora sede di un efficiente Ufficio Turistico comunale. Grazie ai benefici effetti del bagno marino e dell’abbondante giros pitta nello stomaco, siamo ben disposti ad una passeggiata nel centro per reperire le informazioni necessarie per definire l’itinerario dei prossimi giorni. Dato che è ancora bassa stagione, la cosa non è così semplice e non ce l’avremmo mai fatta senza la gentilezza e la pazienza della ragazza impiegata nella agenzia degli aliscafi Dodekanisos Seaways: il viaggio toccherà Simi, Tilos, Nisyros e finirà a Kos. Ora possiamo davvero abbandonarci alla vacanza ed immergerci nell’atmosfera di Kos.

KOS è un isola grande ed accessibile, facile da raggiungere, molti aerei scaricano ininterrottamente vacanzieri dai più disparati luoghi di provenienza; facile per soggiornarvi, ha grandi alberghi, villaggi turistici, ville e stanze in affitto, per tutti i gusti e per tutte le tasche; facile da girare, ha strade ampie e dritte, asfaltate, che puoi percorrere in auto, moto e bus; facile da godere, ha lunghe ed ampie spiagge, tutte attrezzate e tutte comodamente raggiungibili, alcune tranquille, altre vivaci; facile per ogni cosa, trovi tutto quello che ti può servire, puoi mangiare e bere quello che mangi e bevi a casa, ti dimentichi di essere su un’isola. Ma tutto questo può far si che Kos ti scorra via come sabbia fra le dita…. E’ la seconda volta che mi ritrovo a Kos e per la seconda volta, guardando la città dalle banchine del Mandraki avverto la necessità e la voglia di scostare quel velo che ne nasconde il volto…….ed ecco….

Guarda la gallery
simi-v4p7j

Aldo e Ornella turisti per caso

simi-n6sxu

Simi

simi-x27ry

buganvillea di kos

simi-23nru

Festa San Nikita a Nisyros



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Grecia
    Diari di viaggio
    quattro giorni di relax a naxos

    Quattro giorni di relax a Naxos

    Quattro giorni di relax a Naxos Itinerario e informazioni utili a Naxos, per una breve pausa di relax.L’isola di Naxos è la...

    Diari di viaggio
    peloponneso tra storia e mare

    Peloponneso tra storia e mare

    Vacanze in Grecia... è sempre un grande, immenso, gigante Sì! Soprattutto quando si ha a disposizione una macchina, una settimana di...

    Diari di viaggio
    il nostro grande ritorno in grecia, tra il bellissimo mare di lefkada e l’emozione di meteore in tessaglia

    Il nostro grande ritorno in Grecia, tra il bellissimo mare di Lefkada e l’emozione di Meteore in Tessaglia

    Finalmente dopo circa due anni di stop, si ricomincia a viaggiare e decidiamo di ritornare a visitare la Grecia (la nostra ultima volta in...

    Diari di viaggio
    zante seen by my eyes

    Zante seen by my eyes

    Perdendosi tra ulivi e vigneti, curva dopo curva arrivi al mare, accolto dalle sacre sponde frastagliate, imponenti e incantevoli. I...

    Diari di viaggio
    nel dodecaneso, tra passato e presente

    Nel Dodecaneso, tra passato e presente

    Siamo tornati a Rodi. L’isola non sarebbe stata la meta principale ma un soprattutto un transito per raggiungere via mare altre isole...

    Diari di viaggio
    due settimane a naxos (cicladi)

    Due settimane a Naxos (Cicladi)

    NAXOS by Rosella & Edoardo: 2 settimane di esplorazione, sole, mare, riposoInnanzitutto i doverosi ringraziamenti ai Turisti per...

    Diari di viaggio
    due settimane di mare a creta

    Due settimane di mare a Creta

    Due settimane a Creta24 giugno - 8 luglio 2022Partecipanti: io e FrancaPrologoCon la situazione Covid che non è...

    Diari di viaggio
    corfù, isola diversa

    Corfù, isola diversa

    Corfù è forse la meno bella delle Isole Greche visitate, tuttavia interessante e con spunti notevoli che hanno reso la vacanza gradevole...

    Diari di viaggio
    rodi, buona la prima e anche le altre nove

    Rodi, buona la prima e anche le altre nove

    Dopo 2 ore che "traffico" su internet cercando voli (lievitatissimi come costo), coincidenze e trasferimenti per raggiungere un paio di...

    Diari di viaggio
    week end a preveza

    Week end a Preveza

    Weekend a Preveza, una perla dello Jonio. 27 Maggio 2022, venerdì. Volo economico (Ryanair) Fiumicino –  Aktio AR a 32 euro, acquistato...

    Video Itinerari