Kangaroo Island e Barossa Valley a 5 mesi e mezzo

Da sempre abituati a lunghi viaggi itineranti in coppia, quest'anno, per le vacanze di Natale, abbiamo deciso di affrontare la prima vacanza "di famiglia"! Proprio così, si è trattato del primo viaggio vero e proprio con la nostra bambina di 5 mesi e mezzo. Lo abbiamo organizzato ad ottobre, visto che dicembre è alta stagione (qui ci sono...
Scritto da: pankarita
kangaroo island e barossa valley a 5 mesi e mezzo
Partenza il: 26/12/2007
Ritorno il: 31/12/2007
Viaggiatori: fino a 6
Spesa: 2000 €

(!) e del camembert locale (insapore)… L’unico formaggio degno di nota è un camembert di capra. Si è già fatta l’ora di pranzo, così andiamo alla Maggie Beer Farm per prendere 2 picnic boxes da portare al nostro cottage. Il posto è molto carino e si potrebbe mangiare in riva al laghetto. Maggie Beer è una signora che ha un programma di cucina alla ABC che si chiama “The cook and the chef” ed è famosa per le sue salse, conserve e patè. Compriamo alcune salse particolari (tipo mela e rosmarino, o pera speziata) e 2 patè di anatra, olive, insalata di cous cous e pane per pranzo. Clint prende anche uno sformato di carne e porcini. Mangiamo tutto in camera, al fresco, visto che fuori abbiamo superato i 40C. Alle 16 abbiamo un appuntamento speciale. Si tratta di un regalo di Natale posticipato che Clint mi ha organizzato. Arriva una massaggiatrice che ci farà un rilassante massaggio di un’ora a testa!!!!!!!! Ne avevamo proprio bisogno!!!! Alla fine siamo nuovi di zecca! E approfittiamo anche dell’idromassaggio! Che meraviglia!!! Ovviamente si fa a turno a tenere Victoria occupata, ma riusciamo a rilassarci per benino! hehehehe Alla sera riceviamo un sms dalla padrona di casa che ci dice di aver lasciato qualcosa sul retro per noi… Andiamo a vedere e c’è un cestino con una bottiglia di Shiraz e dei cioccolatini e un bigliettino molto carino… Che meraviglia! Per cena, essendo domenica, non abbiamo molta scelta… Ci “accontentiamo” del pub. Clint ordina e porta in camera: ostriche kilpatrick per sè e camembert fritto per me, filetto di manzo ai funghi con patate e torta al cioccolato per entrambi. Ovviamente dopo cena, un po’ di porto non ce lo toglie nessuno!!!! 31 dicembre 2007 Dopo una notte in cui Victoria ha dormito come un ghiro (miracolo!) ci alziamo presto per fare colazione con pane, burro e marmellata, tè , succo d’arancia e altro avanzato dal giorno prima e poi lasciamo questo paradiso. Arriviamo in aeroporto alle 10:30… Molto in anticipo rispetto al nostro volo che è alle 13:15, ma dovevamo lasciare la macchina entro le 11… Fa molto caldo… 38C alle 10 di mattino… Così facciamo il check in e aspettiamo in aeroporto. Il volo fila liscio come all’andata e arriviamo a casa verso le 17… Piuttosto stanchi! Conclusioni: Viaggiare con un bambino piccolo è possibile, ma stancante. Meglio non riempire le giornate e lasciare qualche tempo “morto” per far riposare i più piccoli. Sono molto più comodi gli appartamenti, che qui costano come le camere d’albergo. E meglio fermarsi qualche giorno in più in ogni posto o viaggiare per pochi km al giorno, altrimenti diventa veramente molto stancante! Per quanto riguarda gli alberghi mi sento di consigliare vivamente il Kangaroo Island Wilderness Retreat e il Country Pleasures Bed & Breakfast, mentre l’Ozone Hotel di Kingscote e i Director’s Studios di Adelaide mi hanno lasciato indifferente. Assolutamente da sconsigliare il Seafront Resort di Penneshaw. Tra l’altro, abbiamo chiamato l’ente che accredita le stelle agli hotel del South Australia per lamentarci e abbiamo scoperto che le 4 stelle alle nuove stanze sono state date con la promessa (del dicembre scorso!!!) di mettere l’aria condizionata almeno in quelle stanze, cosa che non è stata fatta… Quindi la decisione sulle 4 stelle sarà molto probabilmente rivista! Sconsiglio inoltre di prenotare alberghi e servizi (oltre al traghetto) dalla Sealink, perchè non mi è sembrata un’organizzazione seria. Mi sembra improbabile non sapessero dell’aria condizionata essendo proprio di fianco all’hotel… Secondo me hanno fatto i furbi. Inoltre non ci hanno rimborsato il costo dell’hotel, ma lo hanno solo sotituito con l’altro che però costava meno… Insomma, meglio fare da sè! Animali… Alla fine per noi sarebbe più appropriato il nome di Koala Island per Kangaroo Island, visto che di koala ne abbiamo visti molti e di canguri nemmeno uno! Abbiamo comunque visto wallabies, leoni marini, foche, lucertoloni giganti, varie specie di uccelli… e tante mosche!!! hehehe Ma si sa, quando fa così caldo gli animali non escono… La prossima volta andremo in primavera… Comunque… Tutto molto bello!



    Commenti

    Lascia un commento

    Australia: leggi gli altri diari di viaggio