JUMIEGES: le rovine più belle di Francia

Da sabato a lunedì 8 maggio 2017, architettura e storia immersi nel verde
 
Partenza il: 06/05/2017
Ritorno il: 08/05/2017
Viaggiatori: 2

Partecipanti: la sottoscritta insieme al marito

PRIMA DI PARTIRE

Victor Hugo le definiva “le più belle rovine di Francia” ed in effetti un paio di documentari su questo importante sito storico ci convincono a partire durante un weekend di maggio, per seguire il consiglio del grande romanziere !

SABATO 6 MAGGIO JUMIEGES

Un volo Ryan Air da Bergamo ci porta all’aeroporto di Beauvais alle 8:00 del mattino. Ritirata l’auto a noleggio (una bella Opel Corsa presso Firefly), ci mettiamo subito in viaggio verso la nostra meta. Due ore di piacevole strada (circa 130 km) nelle campagne ci porta all’abbazia di JUMIEGES, in un’ansa della Senna : tra i monasteri più antichi ed importanti d’Occidente, ha vissuto una storia interessante e movimentata. Fondata nel 654 da Saint-Philibert, cortigiano del re Dagoberto I, l’abbazia è stata distrutta nel 841 dai Vichinghi e poi ancora nel corso della guerra dei Cent’anni. Infine, venne utilizzata come cava di pietra verso la fine della Rivoluzione. A dispetto di queste vicissitudini e della cannibalizzazione dei materiali, da lontano all’orizzonte si scorgono le due torri gemelle : ci avviciniamo alle rovine più belle di Francia con grande emozione ed anche un po’ di soggezione. Il bianco della pietra calcarea, circondato da un grande parco, è estremamente suggestivo. La facciata dell’abbazia è straordinaria : in stile romanico, è fiancheggiata da due torri alte 46 metri e visibili da grande distanza. Nonostante pioviggini (ed uno stormo di corvi stia sorvolando le torri, nel più lugubre cliché possibile) non siamo gli unici visitatori, anzi : fra tutti i presenti, spiccano due novelli sposi che hanno scelto questa incredibile abbazia per le loro foto di nozze ! Prima della visita, beviamo qualcosa di caldo nella deliziosa sala da thè proprio di fronte all’entrata. Per più di due ore – merito anche del tablet 3D consegnatoci in biglietteria, che ci accompagna nelle ricostruzioni storiche delle rovine (biglietto eur 6,50 a persona+ tablet eur 5,00) – restiamo in questo luogo assolutamente imperdibile e magico. E’ presente anche una esposizione temporanea di fotografia, che visitiamo con grande curiosità (in particolare mio marito, che è un grande appassionato). Sono quasi le 15:00 quando pranziamo assai tardivamente in una locanda di fronte alle rovine, che consigliamo per l’ottimo servizio e per la buona qualità del cibo : LA BONNE FAMILLE. Proprio in biglietteria ci avevano consigliato una meta a circa 50 km da Jumièges : sono le rovine di CHATEAU GAILLARD, a LES ANDELYS. Rifocillati, decidiamo di partire per questa meta fuori programma : arrivati al villaggio, le rovine del castello si stagliano all’orizzonte, sulla cima della collina. Per la seconda volta oggi, siamo elettrizzati da una vista spettacolare ! Purtroppo siamo arrivati oltre l’orario di chiusura, per cui possiamo visitare solo gli esterni. Torneremo in occasione di altri viaggi ! 😀 Poche decine di chilometri ci separano dal B&B prenotato attraverso booking per due notti : si trova vicino a Beauvais e lo consigliamo per la posizione, in mezzo alla campagna ma al contempo a dieci minuti dall’aeroporto (TEZ’HOTES – 533 Rue S. Antoine a Montreuil-sur-Thérain). Questa lunga, intensa prima giornata si conclude con una cena a base di crêpes in centro a Beauvais : LA GALETERIE (5, rue Henri Greber).

DOMENICA 7 MAGGIO BEAUVAIS

Oggi restiamo a Beauvais, che già conosciamo e di cui amiamo immensamente la cattedrale. Dopo un giro della cattedrale ,appunto, ci rechiamo alla GALERIE NATIONALE DE LA TAPISSERIE (alla sua destra), che scopriamo essere stata trasferita a Parigi. Entriamo ugualmente al museo, che ora si chiama QUADRILATERE e che ospita una mostra temporanea con alcuni quadri italiani : dal 27 aprile infatti ci sarà una importante esposizione HEURES ITALIENNES ed il museo la sponsorizza attraverso un piccolo assaggio ! Prima di andare a pranzo, entriamo nell’altro museo, ubicato a sinistra della cattedrale nell’antico palazzo episcopale, il MUDO. Lo conosciamo bene perché ci siamo già stati, ma ci torniamo per vedere un’incredibile chicca, che abbiamo scoperto alla nostra prima visita e che gustiamo nuovamente ogni volta che possiamo : si tratta dell’affresco con le sirene musicanti, ubicato nella casa del guardiano, risalente al XIV secolo. Sia QUADRILATERE che MUDO sono ad entrata gratuita e devo dire che le persone apprezzano perché ci sono moltissimi visitatori ! Di fronte alla cattedrale, sulla via principale, gustiamo un buon pranzo presso LE ZINC BLEU (61, Rue Saint Pierre). Trascorriamo il pomeriggio in un castello a 5 km da Beauvais : si tratta del CASTELLO DI TROISSEREUX, dimora privata di epoca rinascimentale a mattoncini rossi, circondata da uno splendido parco. Consigliamo assolutamente la visita del parco, dove scorre placidamente anche un canale. Coniglie ed oche selvatiche osservano gli umani senza alcuna paura e – se si riesce ad arrivare alla fine del parco – si può godere di un’ottima vista d’insieme sul castello. L’anziana castellana ci ha poi accompagnato in visita agli interni (le parti non abitate ed aperte al pubblico) : fortunatamente io parlo francese, per cui ho potuto tradurre le interessanti spiegazioni e le curiosità legate alla storia di famiglia anche a mio marito. Per cena mangiamo una buona pizza in un villaggio nelle vicinanze : il ristorante si chiama LE CASTELLO, a Bresles (1, Place du 11 novembre). Anche oggi è stata una lunga, bellissima giornata : pure il meteo è stato clemente, nel senso che – nonostante il cielo ancora grigio – se non altro non ha piovuto!

LUNEDÌ 8 MAGGIO SI RIENTRA

Stamattina si rientra : alle 8:35 parte puntualissimo l’aereo che ci riporta a Bergamo, dove atterriamo alle 10:10. All’ora di pranzo siamo a casa : durante il pasto familiare, affasciniamo i nostri figlioli con i racconti delle bellezze che abbiamo avuto modo di visitare durante il fine settimana francese.

LE NOSTRE CONSIDERAZIONI

Victor Hugo ha ragione : le rovine di Jumièges sono davvero le più belle di Francia ! Le consigliamo vivamente e ci ripromettiamo di organizzare presto un altro viaggio, per approfondire la visita di CHATEAU GAILLARD e di altri, fra i numerosi castelli della zona. VIVE LA FRANCE ! 😀



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Francia
    Diari di viaggio
    la lavanda in provenza

    La lavanda in Provenza

    La lavanda fiorisce in Provenza da metà giugno e raggiunge il culmine solitamente verso la metà di luglio, dopodiché viene tagliata e...

    Diari di viaggio
    provenza: go camping

    Provenza: Go Camping

    Descrizione pratica di un viaggio di due settimane on-the-road (9/14 agosto 2021), itinerante e un po' barboneggiante nella regione...

    Diari di viaggio
    da parma a annecy, nancy, stoccarda: un viaggio fai da te come piace a noi!

    Da Parma a Annecy, Nancy, Stoccarda: un viaggio “fai da te” come piace a noi!

    Da Parma a Annecy, Nancy, e Stoccarda, sempre due coppie e il mitico WuilliNoi e la nostra passione "viaggi in auto fai da...

    Diari di viaggio
    provenza, svizzera francese ed italiana in tenda

    Provenza, Svizzera Francese ed Italiana in tenda

    Premessa: i protagonisti del viaggio sono una coppia di ragazzi di 25 anni, un’auto ed una tenda canadese. Eravamo alla ricerca di una...

    Diari di viaggio
    la traversata longitudinale della alpi: da trieste a nizza in bicicletta

    LA TRAVERSATA LONGITUDINALE DELLA ALPI: da Trieste a Nizza in bicicletta

    24/07/21 Inizia una nuova avventura in sella. Oggi giornata dedicata al trasferimento da casa a Trieste in treno.Pedaliamo fino alla...

    Diari di viaggio
    il medoc delle meraviglie

    IL MEDOC DELLE MERAVIGLIE

    Non ero mai stata in Médoc e l'occasione giunge andando a trovare un amico innamorato delle sue foreste e del suo oceano. Ho vissuto...

    Diari di viaggio
    un grazioso fine settimana a nizza

    Un grazioso fine settimana a Nizza

    Un grazioso fine settimana a Nizza (spendendo poco)Quando si pensa alla Costa Azzurra vengono i mente i festival del cinema il lusso...

    Diari di viaggio
    normandia e bretagna 3

    Normandia e Bretagna 3

    Le piccole case a graticcio di Rouen, le impressionanti falesie bianche e i panorami mozzafiato di Fecamp ed Etretat, il brutalismo di Le...

    Diari di viaggio
    jumieges: le rovine più belle di francia

    JUMIEGES: le rovine più belle di Francia

    Partecipanti: la sottoscritta insieme al maritoPRIMA DI PARTIRE Victor Hugo le definiva “le più belle rovine di Francia” ed in...

    Diari di viaggio
    reims e il gotico francese

    Reims e il gotico francese

    Partecipanti: La sottoscritta e mio marito INTRODUZIONE Sono una grande amante dell’architettura gotica, con una predilezione per il...