Istanbul in transfer

Diario di Viaggio a ISTANBUL 4-5 Dicembre 2008 e 3-4 Gennaio 2009 DI LAURA GIAMPAOLO MATTEO (17) E CARLOTTA (16) GRIGNANICOME É CAMBIATA ISTANBUL.... OCCIDENTALE E MODERNIZZATA, ORA POTREBBE ESSERE DEFINITA LA PORTA DELL’OCCIDENTE. É IL DESTINO DELLE NAZIONI IN CRESCITA: ACQUISISCONO BENESSERE E MODERNITÁ PERDENDO PERÓ UN PÓ DEL LORO...
 
Partenza il: 04/12/2008
Ritorno il: 06/12/2008
Viaggiatori: fino a 6
Spesa: 1000 €

Diario di Viaggio a ISTANBUL 4-5 Dicembre 2008 e 3-4 Gennaio 2009 DI LAURA GIAMPAOLO MATTEO (17) E CARLOTTA (16) GRIGNANI

COME É CAMBIATA ISTANBUL…

OCCIDENTALE E MODERNIZZATA, ORA POTREBBE ESSERE DEFINITA LA PORTA DELL’OCCIDENTE.

É IL DESTINO DELLE NAZIONI IN CRESCITA: ACQUISISCONO BENESSERE E MODERNITÁ PERDENDO PERÓ UN PÓ DEL LORO FASCINO.

ISTANBUL ORA VANTA UNA RETE DI TRASPORTI MODERNISSIMA STRADE PULITISSIME E TRAFFICO ORDINATO, LOCALI IN STILE OCCIDENTALE, NEGOZI LUCCICANTI E UN BUON INGLESE PARLATO QUASI OVUNQUE.

MA IL VECCHIO GRAN BAZAR APPARE ORA AI MIEI OCCHI COME UN GRANDE CENTRO COMMERCIALE SEMBRA SVUOTATO NELL’ANIMA PRIVATO DEL CUORE CHE AFFIORA NEI MIEI RICORDI ANCORA VIVO E PULSANTE.

Giovedì 4 Dicembre 2008 (Budapest – Istanbul) Alle 15:00 (16:00 della Turchia) siamo sul volo Budapest-Istanbul della Turkish Airlines. Qualche anno fa avevamo già fatto un’esperienza di viaggio con questa compagnia trovandoci molto bene ed anche questa volta non rimaniamo delusi. Il servizio é quanto di meglio ci si possa aspettare con aperitivi (whisky… Raki…), scelta di vini e scelta di menù. Il personale é efficientissimo ed il cibo ottimo (anche Carlotta asserisce di non aver mai mangiato così bene su un aereo). Abbiamo fatto il check in on-line ma, avendo i bagagli da consegnare, non ci si può esimere dal fare la fila comunque. A Istanbul ci fermeremo solo una notte perché domani pomeriggio abbiamo l’aereo per Mumbai. Istanbul é solo una tappa del nostro viaggio in India. Questa bella città, che ho visitato la prima volta nel lontano 1975 per ritornarci successivamente nel 2003, é lì sotto che ci aspetta..!! I nostri figli non la hanno mai vista e questo é il motivo principale della scelta dello scalo.

Alle 18:30 atterriamo puntualissimi. Ritiriamo i bagagli e li portiamo al deposito per essere più liberi nel prendere la metropolitana ed il tram {NDR: certo che per pagare 5 euro a zaino potevamo benissimo permetterci il taxi fino all’albergo}.

All’uscita ci fermiamo a fumare una sigaretta e ci togliamo cappotti e giacche poiché fa un caldo inaspettato. Dopo qualche secondo cominciamo a starnutire… C’é qualcosa che ci irrita il naso. Ci rendiamo conto che anche tutti quelli intorno a noi starnutiscono e tossiscono. Sarà uno scherzo di carnevale o un attentato con armi chimiche? Scendiamo a prendere la metropolitana. Alla biglietteria chiedo otto biglietti (me ne serviranno 4 anche domani). Mi danno di resto un sacco di monete e monetine ma niente biglietti. Domando timidamente… “Sorry… And the tickets?“ e il bigliettaio mi risponde “It’s ok!” Penso quindi che si paghi di volta in volta; allora gli spiego che in questo caso me ne servono solo quattro! E lì si scopre l’inghippo… I biglietti non sono in carta ma sono gettoni, che io avevo mischiato alle monetine.

Prendiamo la metropolitana in direzione centro. Dopo 16 fermate (circa mezz’ora) arriviamo ad Aksaray. Lì ci offrono un taxi per 15 euro ma mi sembra esagerato, infatti seguendo le istruzione datemi dal Hotel via Internet, facciamo un centinaio di metri a piedi e prendiamo il tram per il centro! Il tram é modernissimo. Scendiamo a Sirkeci (10 minuti) e da lì raggiungiamo l’hotel in tre minuti. L’Hotel Askoc in teoria sarebbe un quattro stelle… Ma lo classificherei a tre. La suite però é bellina ed ha la vista sul Bosforo. Per 100 euro in quattro persone direi che é più che accettabile.

Dal balcone notiamo che sotto, dal lato opposto dell’ingresso del hotel, stanno scavando, anche a quest’ora. Ci spiegano che, durante i lavori della metropolitana, hanno trovato delle mura antiche… Quindi ora non lavorano più alla linea della metropolitana bensì al sito archeologico. Alle venti e trenta andiamo a prendere un aperitivo in un grazioso barettino, con terrazza al secondo piano… Un salasso: per due birre e due raki spendiamo oltre 20 euro! Ma cosa é successo alla mia Istanbul? Ci incamminiamo a piedi e raggiungiamo il Ponte di Galata… Passiamo in rassegna la fila di ristoranti situati nella zona pedonale del ponte e dopo essere stati letteralmente assaliti da decine di proprietari, camerieri, procacciatori d’affari o chissà che altro … Ne scegliamo uno a caso. Ceniamo all’aperto dato il clima primaverile. Il vino ha prezzi proibitivi (minimo 22 euro a bottiglia) pertanto beviamo birra! Dalla parte superiore del ponte penzolano lenze e relative canne di pescatori che, gambe penzoloni, aspettano che qualche pesce abbocchi. Dal lato di Sulthanameth, la Moschea Nuova completamente illuminata, ci regala uno spettacolo fantastico.

Non mangiamo malissimo ma nemmeno bene e spendiamo ben 80 euro {NDR: É incredibile come siano aumentati i prezzi in Turchia nel giro di cinque anni…} Dopo cena facciamo due passi sul lungo Bosforo. Ci sono i pescatori che preparano dei panini al pesce sulle piastre … Un profumino!! Matteo afferma che sarebbe stato molto meglio mangiare qui sul Bosforo… E probabilmente ha ragione. Rientrando passiamo dal quartiere di Hocapasa, dove pullulano bar e ristoranti. Ci fermiamo per un digestivo e una bella fumata di narghilè in un localino molto carino dove c’é anche una gatta simpaticissima.

Venerdì 5 Dicembre 2008 (Istanbul) Sveglia alle sette. Colazione e pagamento del conto. Attimo di panico perché mi indicano l’importo di 156… Ci sarà mica da discutere? (Avevo concordato 100 euro). Ma in effetti si scopre che non sono euro… Sono lire turche… Quindi la spesa é di soli 78 euro. {NDR: In questo caso non gli sventolo sotto il naso l’E-Mail dicendogli che avevamo concordato 100 euro}. L’albergo sembra una struttura fantasma…Non tanto per mancanza di clienti (ci sono anche diversi italiani) ma quanto per mancanza di personale. Sembra infatti non ci sia mai nessuno (a parte l’addetto alla reception). Il tempo é bello e fa caldissimo, infatti lasciamo in albergo anche le giacche. Alle 8:30 siamo già sulla strada verso il Museo del Topkapi, poiché abbiamo timore di trovare coda alla biglietteria. Invece non c’é un’anima e, alle nove, siamo i primi ad entrare. Per prima cosa visitiamo l’Harem {NDR: Il biglietto per l’Harem biglietto si paga a parte… Altri 8 euro circa, che sommati ai 10 dell’ingresso fanno già 18 a persona… Sconti studenti niente!}. Le visite guidate non ci sono, pertanto ci affidiamo alla Lonely Planet ed ai tabelloni posti all’interno delle sale.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Turchia
    Diari di viaggio
    turchia: istanbul, cappadocia e bodrum

    Turchia: Istanbul, Cappadocia e Bodrum

    Per organizzare il nostro viaggio in Turchia ci siamo serviti di articoli, blog e dell’ultima guida Lonely planet (esiste solo in...

    Diari di viaggio
    turchia: melting pot di culture e un paese pieno di sorprese

    Turchia: melting pot di culture e un paese pieno di sorprese

    La cultura araba mi ha sempre affascinata: la cucina, i luoghi di culto, gli abiti tradizionali, le danze e i canti. Al giorno d'oggi molti...

    Diari di viaggio
    istanbul: porta d’europa porta del tempo

    Istanbul: porta d’Europa porta del tempo

    L’idea di visitare Istanbul mi stuzzicava da anni: il fascino di questo luogo sospeso tra Oriente ed Occidente, ancorato ai dettami...

    Diari di viaggio
    cappadocia e un po' di istanbul

    Cappadocia e un po’ di Istanbul

    Ci sono dei luoghi che ti rimangono negli occhi e nel cuore: uno di questi è la Cappadocia o meglio una sua porzione abbastanza...

    Diari di viaggio
    cavalcata turca

    Cavalcata Turca

    Quest’anno, dopo vari ripensamenti, abbiamo deciso di visitare la Turchia.Per me che scrivo è la prima volta in assoluto che metto...

    Diari di viaggio
    turchia 2019

    Turchia 2019

    ITINERARIO Istanbul, Cappadocia, Pamukkale, Efeso e Bodrum.VOLIAndata Zurigo-Istanbul con Turkish Airlines € 172 cad., ritorno...

    Diari di viaggio
    turchia fai da te 5

    Turchia fai da te 5

    La scelta per le vacanze di questa estate 2019 è ricaduta sulla Turchia. Grazie ad alcuni nostri amici di Istanbul, che ci hanno fatto...

    Diari di viaggio
    ponte dell'immacolata a istanbul

    Ponte dell’Immacolata a Istanbul

    Mia sorella ed io partiamo alla volta di Istanbul dall'aeroporto Marconi di Bologna giovedì 06 dicembre alle 13.20 e dopo 4 ore di volo...

    Diari di viaggio
    carnevale a istanbul

    Carnevale a Istanbul

    Cari tpc, oggi vi voglio raccontare del viaggio che per il ponte di carnevale io e mia moglie abbiamo fatto a Istanbul e dare qualche...

    Diari di viaggio
    l'oriente in camper

    L’Oriente in camper

    Come ogni diario che si rispetti, si inizia con le presentazioni, giusto? Un minimo di educazione ci vuole anche nei resoconti di viaggio....