Israele fai da te

Dritte e itinerario di viaggio per scoprire la Terra Santa: da Nazareth a Gerusalemme, passando per Betlemme
 
Partenza il: 11/12/2016
Ritorno il: 20/12/2016
Viaggiatori: Uno
Spesa: 2000 €

di Jaffa, ha come capolinea il Monte Herzel. 300 metri a piedi e sono arrivato al Museo. E’ una tappa obbligata per chi viene a Gerusalemme. E’ inutile dire che le audio guide c’erano in tutte le lingue tranne che in italiano. Tre ore di visita che hanno completato le mie conoscenze sull’argomento che avevo iniziato a fare con una visita ad Auschwitz. Tre ore di visita dalla quale si esce stanchi. Al ritorno ho deciso di scendere su jaffa street. Ho mangiato un panino al volo provando ad andare alla spianata delle moschee ma arrivato fuori orario (chiudeva alle 12.00). Visitato finalmente il Cenacolo il quale, in verità, mi ha lasciato un tantino deluso. Sono andato in giro a comprare i souvenir da regalare a parenti ed amici. Serata al Santo Sepolcro. Come in tutto il periodo c’era poca gente. Mi ha investito un acquazzone che mi ha fatto uscire all’orario della chiusura della porta. Anche questo è un momento molto belle. Un musulmano, alle 19, chiude dentro a chiave i monaci di tutte le confessioni per riaprirli l’indomani mattina alle 04.00. Cena al ristorante Amico Emil. Si trova a pochi passi dalla Casa Nova, cibo buono e prezzi molto onesti per il luogo.

10° e ultimo giorno

Sveglia alle 7. Colazione al Casa Nova e attesa, fuori della porta di Notre Dame, dello stesso sherut che mi è stato prenotato dalla reception dell’albergo dei francescani. Costo 63 Shechel (meno di 20 euro). Ho dovuto attendere molto perché quel tipo di servizio, se non è pieno, non parte. Arrivato in aeroporto alle 11.00. Pensavo, leggendo altri racconti, che le formalità burocratiche e doganali fossero rigide. Tutto esaurito in pochi minuti. Qualche domanda strana, come ad esempio se avessi armi addosso, ma nulla di particolare. L’aeroporto di Tel Aviv è bellissimo. Al centro delle “strade” che portano alla zona imbarchi c’è una piazza che offre di tutto e di più. Ho speso gli ultimi 30 euro in valuta israeliana mangiando sushi. Alle 13 e qualcosa imbarco su volo Alitalia e partenza per Roma. Su un aereo da 200 posti eravamo non più di 20 passeggeri. Arrivato puntuale Roma mentre la coincidenza per CATANIA ha subito un’ora di ritardo.

CONSIGLI UTILI

Volo Arereo: io ho scelto Alitalia. Da Catania ho speso circa 230 euro. Sono molto meno rigidi della compagnia di bandiera israeliana e in questo periodo è abbastanza economico viaggiarci.

Dicembre: è il miglio periodo per visitare la Terra Santa, non c’è caos, non ci sono file, non ci sono pellegrinaggi. Si entra e si esce dall’edicola del Sepolcro con pochi minuti di attesa. Io in tutto il periodo ci sarò entrato dieci volte.

Mezzi per circolare: per guidare in Israele basta la nostra patente di guida. Noleggiare una macchina è abbastanza economico. Evitate l’autostrada n. 6. E’ a pagamento e le altre, quelle gratis, sono altrettanto buone. Google maps funziona regolarmente. I taxi sono più costosi dei pullman e degli sherut. Per Andare a Betlemme evitate l’escursione organizzata. Con il pullman 21, che parte fuori dalla Porta di Damasco, ci andate tranquillamente.

Cibo: Humus e Favel sono i prodotti tipici. Ma c’è tanto da mangiare. Se non andate in locali alla buona tutto costa tanto. Nei ristoranti, anche quelli più modesti, spenderete per mangiare non meno di 20 euro e forse, vi alzerete con la fame.

Valuta: un Euro vale 4 Scheckel. Non fatevi convincere a prelevare somme dandogli la carta di credito. Vi applicheranno una commissione assurda. Se proprio lo dovete fare potrete utilizzare gli ATM che troverete ovunque. ATTENZIONE: di fronte agli uffici di cambio sono volutamente guasti per fregarvi.

Hotel: con il senno dei poi, in Galilea, avrei fatto base a Nazareth. L’hotel Villa Nazareth offre un rapporto qualità prezzo eccezionale. Le distanze sono davvero minime. Da Nazareth a Cafarnao saranno meno di 30 minuti di macchina. Discorso diverso a Gerusalemme. Su Booking vi offriranno degli alberghi a 10 minuti dalla città vecchia. Non è sempre così. Alcuni sono molto più distanti. A mio parere, il Casa Nova, che è più un hotel che una casa del pellegrino, se siete disposti ad una sistemazione spartana, è il migliore in assoluto.

Sicurezza: non ho mai percepito il minimo senso di pericolo. Ho circolato a tutte le ore, anche di notte, senza che ci fosse qualcosa che mi desse il minimo timore.

Problema per gli italiani: siamo penalizzati dal fatto che i nostri turisti in Terra Santa vengono quasi tutti attraverso i pellegrinaggi. Fuori dalle mete religiose non ci sono servizi per noi. Le audio guida, nelle varie attrazioni, saranno in tutte le lingue tranne che in italiano. Stesso dicasi per i menù, per gli spettacoli, per le escursioni ecc.

Aeroporto: dimostrando, con carte alla mano, dove andate, nessuno vi tratterà male o vi farà l’interrogatorio di terzo grado. Io ho perso 4 minuti esatti.

Prezzi: se non andate in pellegrinaggio con i pasti inclusi vi accorgerete che tutto costa leggermente di più che in Italia.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Betlemme
    Diari di viaggio
    un viaggio di inaspettato in terra santa

    Un viaggio di inaspettato in Terra Santa

    Quante volte abbiamo sentito al telegiornale che nel territorio israeliano la situazione era molto tesa? Ora provate ad immaginare quando...

    Diari di viaggio
    medio oriente fai da te: i contrasti di israele e le bellezze della giordania

    Medio Oriente fai da te: i contrasti di Israele e le bellezze della Giordania

    Introduzione Questo racconto sarà così organizzato: all'inizio raccoglierò una serie di consigli utili per coloro che vogliono...

    Diari di viaggio
    israele zaino in spalla, le mie!

    Israele zaino in spalla, le mie!

    Vorrei iniziare con una premessa propedeutica al diario vero e proprio, che racchiude in essa modesti pensieri, notizie e domande per...

    Diari di viaggio
    come organizzare un viaggio in israele: consigli pratici dalla a alla z

    Come organizzare un viaggio in Israele: consigli pratici dalla A alla Z

    paese sicuro? Escludendo ovviamente le zone calde come la Striscia di Gaza, dove comunque non è nemmeno così facile avvicinarsi, in...

    Diari di viaggio
    viaggio in terra santa sulle orme di gesù di nazareth

    Viaggio in Terra Santa sulle orme di Gesù di Nazareth

    Quest'estate ho deciso di partecipare a un pellegrinaggio in Terra Santa, organizzato dalla parrocchia di mia sorella. In verità si tratta...

    Diari di viaggio
    israele e petra on the road 2

    Israele e Petra on the road 2

    Partenza da Orio il 12 agosto, prima tappa Gerusalemme a cui arriviamo direttamente dall’aeroporto Ben Gurion con un pullman di linea che...

    Diari di viaggio
    gerusalemme express
    pil

    Gerusalemme express

    alcune donne avvolte in scialli. Nei pressi dell’entrata si passa di fronte alla Moschea di al-Aqsa, il sito musulmano più importante di...

    Diari di viaggio
    giordania e israele fai da te 2

    Giordania e Israele fai da te 2

    Giordania e Israele dal 9 al 21 Novembre 2017 09 NOVEMBRE 2017: PARTENZA DA MALPENSA PER AMMAN Ecco ci siamo: con il solito ampio anticipo...

    Diari di viaggio
    il nostro israele, la nostra palestina: consigli e riflessioni

    Il nostro Israele, la nostra Palestina: consigli e riflessioni

    bellissima e animatissima via pedonale di Ben Yehuda. Abbiamo cenato due volte e ci si siamo trovati bene, dagli antipasti ai primi, al...

    Diari di viaggio
    avventuroso viaggio fai da te in medio oriente

    Avventuroso viaggio fai da te in Medio Oriente

    15 ottobre 2017 Partenza da Cagliari con volo Alitalia per Roma Fiumicino, da dove prenderemo un volo Aegean Airlines (compagnia di...