Una giornata all’isola della Giudecca-Venezia

La Giudecca: un’isola visitata non da molti turisti e dove i suoi abitanti scambiano, magari da una finestra all’altra, due “ciacole” in serenità.
 
Viaggiatori: 1
Spesa: Fino a €250 €

La Giudecca: un’isola visitata non da molti turisti e dove i suoi abitanti scambiano, magari da una finestra all’altra, due “ciacole” in serenità.

È mercoledì mattina e decido di trascorrere la giornata non a Venezia che amo, bensì nella dirimpettaia isola della Giudecca, dove attualmente i flussi turistici sono molto rari (come a Venezia e in tante altre parti del mondo), motivo dovuto anche alla pandemia che ci ha colpito in questi ultimi due anni e che non vuole andarsene.

La giornata è fredda, il cielo è terso, il sole comincia a scaldare e, quindi, ci sono tutte le caratteristiche per andare su quest’isola, detta anche la Spinalonga per via della sua conformazione a spina di pesce.

Uscito dalla stazione ferroviaria, scendo gli ampi grandini e arrivo al botteghino dell’azienda di navigazione (ACTV) dove vendono i biglietti. Acquisto il ticket andata e ritorno (3€ con cartavenezia, altrimenti 15 euro) e poco dopo arriva il vaporetto n. 4.1 proveniente da Murano.

Dentro, mi siedo vicino a due sposini di Napoli che mi chiedono quanto tempo ci vuole per arrivare sull’isola. Hanno prenotato il soggiorno al Mulino Stucky. Gli rispondo che in venti minuti, dopo aver effettuato le fermate di Piazzale Roma, Santa Marta e attraversato il profondo canale dal nome omonimo dove fino a qualche mese fa passavano le grandi navi delle compagnie croceristiche, il vaporetto giunge sull’isola.

La prima fermata è quella di Sacca Fisola e qui mi accingo a scendere. È una piccola isola artificiale, collegata alla Giudecca tramite due ponti con palazzoni di edilizia popolare ben tenuti e i fili della biancheria tirati tra un caseggiato all’altro su cui tanti indumenti sono appesi ad asciugare, giardini e orti messi a dimora, legna per il caminetto accatastata fuori dei portoni e gatti sui davanzali delle finestre che si godono questo tiepido sole.

Lascio Sacca Fisola, percorro un pontile e vedo in lontananza il Mulino Stucky, vecchio mulino adibito alla lavorazione del grano sorto a fine dell’ottocento fino al 1960 circa. Ora questa struttura è un hotel di charme da cui i suoi ospiti godono una vista mozzafiato sulla laguna e su tutta la città.

Ritorno indietro e, dopo aver sceso il ponte di Sant’Eufemia, percorro la fondamenta di fianco la chiesa che porta lo stesso nome. Le persone che incontro sono rare, si sente solo il vociare di alcuni pescatori che stanno pulendo le barche ormeggiate nel canale. Un’isola scevra veramente di rumori.

Arrivo alla fine del percorso e vedo in lontananza l’inizio della laguna dove alcune barche stanno uscendo al largo. Entro in un portone aperto e trovo un chiostro con una vera da pozzo al centro e un portico tutto intorno, sorretto da bianche colonne. Torno indietro e passo sotto ad una tettoia in legno sostenuta da pilastri in mattoni rossi lasciati appositamente scoperti, perché, chissà, risalenti a quale epoca.

La chiesa di Sant’Eufemia, risalente al IX secolo, con affaccio sul rio omonimo e non sul canale della Giudecca come le altre, è forse il luogo di culto più antico di Venezia. Purtroppo, non posso visitarla perché chiusa, ma, nonostante questo, l’esterno è a dir poco incantevole. Ammirevole il porticato con colonne in stile dorico e il tozzo campanile.

Guarda la gallery
isola della giudecca

20220122_144912_copia

20220122_145009

20220122_150709

20220122_150845

20220122_151913

20220122_153805

20220122_153937

20220122_154451

20220122_154851_copia

20220122_155042

20220122_155942

20220122_161721



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Venezia
    Diari di viaggio
    venezia non stanca mai

    Venezia non stanca mai

    Eccoci qui, per l’ennesima volta, a visitare Venezia!Questa volta partiamo in treno da Brescia, su Italo: alle 10.00 di sabato...

    Diari di viaggio
    venezia insolita

    Venezia insolita

    Venezia è una delle città più belle e visitate nel mondo. Per questo noi vogliamo svelarvi qualche luogo più insolito e conosciuto...

    Diari di viaggio
    #sentirevenezia

    #SENTIREVENEZIA

    Dove capita di andare in giro e vedere ovunque “braghe, camise e strasse tacai sua corda”? Dove se non a Venezia?Ma Venezia non è...

    Diari di viaggio
    3 giorni a venezia, murano e burano

    3 giorni a Venezia, Murano e Burano

    Durante una cena alcolizetta, a casa di una coppia di amici tra chiacchiere e cocktail nasce una idea, “perché non partiamo e ci...

    Diari di viaggio
    venezia con tutta la famiglia

    Venezia con tutta la famiglia

    La bellissima e meravigliosa realtà di Venezia va oltre la più stravagante fantasia di un sognatore. L’oppio non riuscirebbe a creare...

    Diari di viaggio
    alla scoperta delle bellezze italiane

    Alla scoperta delle bellezze italiane

    Questo viaggio è progettato da noi con lo scopo di vedere le città d'arte e più famose del Bel Paese. Lo ammetto, siamo Italiani ma...

    Diari di viaggio
    venezia: 3 giorni sospeso su un’opera d’arte

    Venezia: 3 giorni sospeso su un’opera d’arte

    Venezia mi ricorda istintivamente Istanbul, stessi palazzi, addosso al mare.Meglio che smetta altrimenti riuscirei a stonare pure...

    Diari di viaggio
    una giornata all'isola della giudecca-venezia

    Una giornata all’isola della Giudecca-Venezia

    La Giudecca: un’isola visitata non da molti turisti e dove i suoi abitanti scambiano, magari da una finestra all’altra, due...

    Diari di viaggio
    venezia again!

    Venezia again!

    Dopo molte visite a Venezia in giornata, l’anno scorso – sempre ad agosto – ci abbiamo dormito una notte. Quest’anno facciamo il...

    Diari di viaggio
    venezia, due giorni nella storia

    Venezia, due giorni nella storia

    con la sua scala a chiocciola di 113 gradini fa parte dei gioielli nascosti di Venezia: questa scala ad archi era un antica scala di...