Isola di Brac in camper e vespa di in Croazia

In Croazia con il profumo di ginestre, salvia, rosmarino e timo, tra le sassose colline coltivate a viti, ulivi e fichi con pennellate di color azzurro, giallo, verde e cobalto
 
Partenza il: 29/05/2015
Ritorno il: 02/06/2015
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

1210 km in camper e 250 in vespa, 1259 foto, 6 giorni, 2 persone.

Dovevamo andare in Liguria per fine maggio, invece tutti i campeggi erano esauriti e abbiamo cambiato itinerario. E’ stata una bella pensata, perchè la meta Croazia per noi è sempre affascinante. Abbiamo percorso 600 chilometri da Pordenone, a Bol, nell’isola di Brac, di fronte a Spalato e Silvano era veramente stanco, ma avevamo raggiunto il posto più bello in assoluto dell’isola e giusti per l’ora di cena ed il tramonto. La strada ha avuto un percorso misto, perché potevamo prendere l’autostrada da Rijeka a Spalato, ma noi abbiamo preferito percorrere la strada litoranea dal ponte di Krk a Senj e poi ricollegarci all’autostrada e uscire a Spalato, seguendo poi la segnalazione per i traghetti al porto.

La Jadrolinija fa un servizio impeccabile con attraversata di un’ora sino a Supetar, con partenze ogni ora e mezza. Noi in due con il camper sino a 7 metri abbiamo pagato 411 kune (circa 55 euro solo andata). Non ho fatto a/r perché c’era anche un’altra possibilità su Makarska, partendo da Sumartin.

L’isola di Brac è la terza dell’Adriatico e la sua fama è dovuta alla sua natura incontaminata, alla famosa spiaggia di Zlatni Rat, alla pietra bianca e agli scalpellini, famosi in tutto il mondo, con cui sono stati costruiti tra gli altri il Palazzo di Diocleziano a Spalato, il Reichstag di Berlino e la Casa Bianca a Washington. La costa naturale di Bol, lunga 3650 m., è il motivo principale per cui Bol sia diventata una delle principali destinazioni turistiche della Croazia ed è veramente un paradiso con spiagge di sassolini piccoli e rotondi ed un mare limpido.

Il versante settentrionale dell’isola ha un aspetto tipicamente carsico, con valli e creste, nella parte centrale sono concentrati i vigneti, mentre attorno ai paesi abbondano gli orti, oliveti e frutteti delle famose marasche che vengono usate per la produzione del rinomato e apprezzato “Maraschino”. Non abbiamo visto la lavanda, ma mi dicono che sono grandi produttori di saponi con questa fragranza. Sull’isola non ci sono corsi d’acqua – le poche sorgenti ci concentrano attorno a Bol e anche se l’isola è servita da acquedotto le case hanno tutte la tradizionale cisterna per la raccolta dell’acqua piovana.

Prima di partire ho cercato un campeggio vicino al mare, con internet e abbiamo scelto Mario n.1 (attenzione: ce ne sono due, ma uno non è sul mare, anche se più attrezzato): molto, molto spartano ma in riva al mare, con vista su Zlatni Rat. Siamo a poco più di due km. dal centro del paese, ma abbiamo la vespa.

Andiamo a cena nelle vicinanze, al Ristorante Mali Raj, di classe, che merita sicuramente una recensione più che positiva in un ambiente rilassante, immerso nel verde con un ottimo servizio e ha una cucina di livello superiore, parlano italiano, ma la qualità si paga… un po’ caro! Provati altri ristoranti, ma siamo ritornati l’ultima sera.

Mi sono svegliata presto stamattina, avevo la smania di vedere lo spettacolo… Circondata da un mare cristallino ed ombreggiata da una bellissima pineta, la spiaggia di Zlatni Rat, o Corno d’Oro, è un puro miracolo della natura, con la sua forma famosa a corno di circa 500 metri, e la sua punta che cambia posizione con le variazioni delle maree, delle correnti e del vento ed un colore da mare caraibico. La parte a ovest è spiaggia naturista ed anche la più ventilata. Contenti i wind surf… Zlatni Rat è raggiungibile dal centro di Bol a piedi per 2 km, lungo un viale alberato, in estate con un trenino o in barca con il servizio dei taxi boat. Ma spesso ci sono taxi collettivi che portano in giro i turisti e sono disponibili per 24 ore.

Una passeggiata lungo il mare sotto gli alberi. Ogni tanto le vigne toccano il mare e lì purtroppo hanno tagliato i pini che facevano ombra: da incazzarsi!

Siamo andati in centro paese con la Vespa a far colazione e il cambio in kune (1 euro 7,5 kune, quindi 75 kune sono 10 euro) e la spesa per il pranzo di oggi. Stasera in ristorante.

La cittadina di Bol è il centro abitato più antico sulla costa di Brac (Brazza) e sorge in un luogo isolato, sul versante meridionale dell’isola. La sua storia risale addirittura agli inizi della nostra era e risulta fosse abitata già nell’evo antico. La cittadina si affaccia sul mare, con un bel porticciolo, case caratteristiche, palazzi barocco-rinascimentali con stemmi nobiliari, ville fortificate, chiese, cappelle e tutto è molto curato. Si vede che qui il turismo è di casa perché hotel, ristoranti e bar eleganti accolgono la clientela con classe.

Qui è nata, nel 1902, la prima associazione dei viticoltori della Croazia. Se non avete a disposizione nessun mezzo a due ruote sappiate che, nel paese di Bol, molte agenzie propongono noleggi di bici, scooter e quad. Abbiamo poi raggiunto la parte più a est del paese per vedere il complesso del monastero domenicano che è del 1475. Purtroppo abbiamo girato intorno, ma la chiesa e il museo dove si trovano reperti preistorici ed oggetti archeologici erano chiusi. Non c’era nessuno a cui chiedere l’accesso. Peccato, perché anche la zona è molto bella.

Alle spalle di Bol s’erge una cresta montuosa, la Vidova Gora, la quale, con i suoi 778 metri sul livello del mare, è la vetta isolana più alta di tutto l’Adriatico. Su un cocuzzolo c’è un belvedere con una veduta mozzafiato che si protende su Bol e sulle isole circostanti (Hvar, Korcula, Jabuka..). Si può raggiungere da Bol mediante una facile e asfaltata strada (26 km) o – per i più bravi – inerpicandosi per una salita di circa 2 ore. Il manto vegetativo dell’isola è dominato dal pino d’Aleppo e pino nero, ci sono più di trecento specie di uccelli tra stanziali e migratori stagionali e il ghiro, simbolo dell’isola.

Guarda la gallery
bol-mare-ywve2

ISOLA DI BRAC (BRAZZA) IN CAMPER E VESPA (in Croazia)

bol-mare-p53je

ISOLA DI BRAC (BRAZZA) IN CAMPER E VESPA (in Croazia)

bol-mare-2x457

ISOLA DI BRAC (BRAZZA) IN CAMPER E VESPA (in Croazia)

bol-mare-gzmc8

ISOLA DI BRAC (BRAZZA) IN CAMPER E VESPA (in Croazia)

bol-mare-jk6sg

ISOLA DI BRAC (BRAZZA) IN CAMPER E VESPA (in Croazia)

bol-mare-xgaud

ISOLA DI BRAC (BRAZZA) IN CAMPER E VESPA (in Croazia)

bol-mare-139e7

ISOLA DI BRAC (BRAZZA) IN CAMPER E VESPA (in Croazia)



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bol
    Diari di viaggio
    isola di brac in camper e vespa di in croazia

    Isola di Brac in camper e vespa di in Croazia

    1210 km in camper e 250 in vespa, 1259 foto, 6 giorni, 2 persone. Dovevamo andare in Liguria per fine maggio, invece tutti i campeggi erano...

    Diari di viaggio
    croazia easy e low cost

    Croazia easy e low cost

    La Croazia è una nazione meravigliosa... tutta da scoprire. È low cost ed è a meno di un’ora di volo, può essere l’ideale per...

    Diari di viaggio
    maki e l'isola di  brač

    Maki e l’isola di Brač

    Ciao, siamo Marco e Chiara e vogliamo raccontarvi il nostro viaggio in Croazia sull'isola di Brac con un po di cosigli e suggerimenti...

    Diari di viaggio
    isola di brac

    Isola di Brac

    Dopo una vacanza poco fortunata in caicco in Turchia lo scorso anno, questa volta siamo tornati dalle nostre vacanze estive molto felici e...

    Diari di viaggio
    bella, economica di ?, ma i servizi?

    Bella, economica di ?, ma i servizi?

    Ciao a tutti, voglio condividere la nostra esperienza croata di quest'estate. Due coppie... Isola di Hvar... Abbiamo visto posti...

    Video Itinerari