INDIA del NORD. Quello che le guide non dicono

Piccola timida guida del cuore per non perdersi quello che è importante
 
Partenza il: 14/08/2010
Ritorno il: 04/09/2010
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Quando decidi di andare in India, devi prima aspettare di essere pronta, ma un giorno ti svegli, c’è il sole, il tuo mondo ti sta stretto, ed improvvisamente decidi di partire.

L’organizzazione del viaggio è faticosa e millimetrica, quando decidi di viaggiare sui treni dell’India, quelli vanno prenotati con settimane di anticipo, devi viaggiare in prima classe se vuoi evitare sorprese, e le sorprese, lì, sui treni, sono sempre dietro l’angolo. Eravamo 2 donne ed eravamo spaventate da morire; arrivate a Delhi, di notte, ci siamo chieste prima di tutto, per quale motivo non avessimo deciso di andare a Formentera.

Il taxi inviato dall’hotel era stipato di zanzare, l’autista non parlava alcuna lingua se non la propria, peraltro totalmente sprovvista di vocali, la gimcana tra tangenziali piene di buchi, mucchi di patume e un caldo di quelli vorresti strapparti i capelli dalla testa, sembrava non poterti portare da nessuna parte. La guest house si trovava in una zona spaventosa, in una strada praticamente in costruzione, buia, tutta voragini pozzanghere e cani; ci siamo dette, aspettiamo domani, se Dio non arriva, un last minute per l’Italia non costerà poi così tanto, no???

Con la luce, tutto ha cominciato ad apparire meno difficile; le persone, anche quelle della gestione della Guest House, avevano qualcosa di strano: erano gentili, disponibili, amichevoli, preoccupati che avessi tutto ciò che ti serve per essere felice, che le uova fossero cotte a puntino, che il getto dell’acqua della doccia fosse abbastanza potente, che sapessi come muoverti in quell’assurda città; ci sono voluti 2 minuti per decidere che ce la potevamo fare.

Ed è importante trovare un albergo con gente simpatica a Delhi, perché Delhi è l’inferno.

Ammassi di persone che tentano di venderti qualunque cosa, strade intasate da mezzi di locomozione di ogni tipo, mucche, cani, pecore, risciò, tuc tuc, pullman e tutti, dico tutti, compresi gli animali, non fanno altro che suonare ininterrottamente il clacson o qualunque cosa sia in grado di emettere un rumore fastidioso.

Delhi è questa, è proprio quella che ti immagini, la parte vecchia un intrico di stradine strette piene degli odori di chi ci vive, piene dei colori di qualche aquilone incastrato tra le migliaia di fili elettrici che avvolgono ogni casa alla rinfusa, piene di uomini che sembrano avere 200 anni, di donne avvolte in sari multicolori; se entri in un cortile puoi trovare una giovane donna che stira mucchi di camicie con un vecchio ferro a brace; la parte nuova, invece è un cantiere continuo e inesauribile, non c’è strada, non c’è angolo che non abbia voragini, che non abbia operai che trasportano mucchi di cianfrusaglie grandi quanto il pianeta. E cliniche, ospedali, strutture modernissime con le attrezzature più all’avanguardia; e ti chiedi come sia possibile che questo, possa convivere con quello.

Le strade, le autostrade, spesso a molte corsie, troppe corsie, sono costantemente intasate e stipate di essere umani e animali, non esiste destra o sinistra, non esiste precedenza, non ci sono regole, i semafori stanno lì a puro scopo decorativo, semplicemente ci si butta in strada, alla velocità massima possibile, ci si attacca al clacson e si prega: di arrivare in tempo, di arrivare a destinazione, di arrivare tutti interi, ma anche solo di arrivare.

Rientrare in hotel, la sera, diventa come tornare a casa, quegli sconosciuti dei quali la mattina hai diffidato, che ti hanno offerto un passaggio che hai rifiutato perché fiutavi la fregatura dietro il sorriso, improvvisamente diventano i tuoi fratelli e non vorresti lasciarli mai.

L’India, nei primi giorni, è tutto ciò che non riesci a prevedere, è aerei costantemente quasi persi, non si sa perché, è treni presi sempre letteralmente al volo, perché non è vero che i treni in India sono sempre in ritardo, loro sono puntuali, sei tu che non riesci mai ad arrivare, che ti trovi su un taxi che non riesce a sbrogliarsi dall’intrico di mucche, ed è iniziato a piovere e le pozzanghere sono dei torrenti, sei tu che non hai capito che a Delhi ci sono 2 stazioni che hanno lo stesso nome e tu sei in quella sbagliata, sei tu che non lo sai che i treni hanno 1000 vagoni e sono lunghi chilometri e non arriverai mai al tuo posto prenotato.

A volte nelle stazioni trovi un angelo custode. Un vecchietto che pesa meno di te, ma che ha 1000 anni in più, che vedendoti bagnata di sudore e con i lacrimoni che ti scendono per non riuscire a capire quale dei 600 binari che ti stanno intorno sia quello giusto, e già stai pensando di sceglierlo tirando la monetina, dà un’occhiata fugace alla tua prenotazione, si carica la tua valigia di 30 chili sulla testa e si mette a correre alla velocità del fulmine, su e giù per scale interminabili, tra bivacchi di bambini e carrelli di bagagli, tra vagoni bestiame che contengono esseri umani e donne tintinnanti di bracciali che sistemano il Sari sulla spalla, e in un attimo sei sul treno, solo grazie a quell’angelo custode, che grazie a quella corsa forsennata, anche stasera riuscirà a nutrire i suoi figli.

E poi sui treni la tua valigia diventa più grande e più pesante, e ti ritrovi la cuccetta sopra quella di un Ministro che viaggia con sua moglie, che saranno salutati dal capotreno con il saluto militare, che ti offriranno i loro snack, che scenderanno dal treno all’alba, e per non svegliarti si vestiranno piano, senza accendere la luce. Ed è lì che capisci la vera ricchezza del potere, quella del silenzio, dell’educazione e del rispetto per il prossimo, chiunque esso sia, anche una ragazza italiana, rumorosa, sudata e stanca.

Improvvisamente un giorno arrivi sul Gange, a Varanasi, e lì ti rendi conto che la tua scala di priorità inizia a scricchiolare. Capisci che con quello che hai speso per l’ultima pizza, a casa, lì una madre ci potrebbe mandare i figli a scuola per mesi. Soltanto a Varanasi puoi capire cosa sono veramente i colori, che cosa sono gli odori, cosa può dire realmente uno sguardo.

Guarda la gallery
jaipur-8sevy

il bianco e nero

jaipur-utz2k

il bianco e nero

jaipur-syejm

stirare

jaipur-shj2g

sorrisi

jaipur-hzc91

tutto

jaipur-yqkyu

il mare

jaipur-rxpf2

lo specchio

jaipur-bq2r7

lavanderia



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Jaipur
    Diari di viaggio
    india del nord (abbastanza) fai da te

    India del nord (abbastanza) fai da te

    Il mondo non ha bisogno dell’ennesimo diario di viaggio dall’India del nord, ma di consigli aggiornati post covid direi di si!Per...

    Diari di viaggio
    la vera india con ashok

    La vera India con Ashok

    Ciao viaggiatori!Volevo condividere con voi, con chi sta organizzando il suo viaggio in India la mia esperienza con driver. Ho...

    Diari di viaggio
    nepal, india & kashmir: tutto da solo, ma in mezzo alla gente

    Nepal, India & Kashmir: tutto da solo, ma in mezzo alla gente

    Nepal, India & Kashmir: tutto da solo ma in mezzo alla gente…no driver!26 settembre Dopo qualche mese di preparazione, di...

    Diari di viaggio
    india...tour tra il rajasthan, il deserto e varanasi

    India…tour tra il Rajasthan, il deserto e Varanasi

    Viaggio in India di Antonino e Renata: Rajasthan, Agra e Varanasi 05-Ott/20-OttIl 2019 è un anno molto importante per mia moglie...

    Diari di viaggio
    ritratto dall'india

    Ritratto dall’India

    Il primo viaggio in India atteso da anni e preparato durante questa primavera è stato tanto bello e affascinante ma anche a tratti...

    Diari di viaggio
    india,  colori e profumi del rajasthan

    India, colori e profumi del Rajasthan

    Da qualche tempo io e mio marito Stefano condividevamo il pensiero che visitare l’India sarebbe stato bellissimo; un paese che fa subito...

    Diari di viaggio
    quattro cugini a zonzo in rajasthan

    Quattro cugini a zonzo in Rajasthan

    ma in particolare al dio sole e a Hanuman. Le colline Aravalli che circondano la meravigliosa Jaipur sono disseminate di templi sacri....

    Diari di viaggio
    alla scoperta della terra dei maharaja

    Alla scoperta della Terra dei Maharaja

    Con una punta di timore per un viaggio che tutti ci hanno preannunciato non facile, io e il mio partner abbiamo deciso di organizzare il...

    Diari di viaggio
    rajasthan zaino in spalla in solitaria

    Rajasthan zaino in spalla in solitaria

    Ho una cugina che da quattro anni vive a Nuova Delhi. Una bella occasione per andare a trovarla e contemporaneamente poter visitare...

    Diari di viaggio
    la nostra india: rajasthan e agra

    La nostra India: Rajasthan e Agra

    stato facile, ci siamo incrinati molto di più che in altre parti , chissà se ritorneremo mai, la visita al TajMahal però è stata come...

    Video Itinerari