Incredibile Berlino

Partenza da Orio al Serio il 26 Dicembre ore 8.30, viaggio comodissimo e alle dieci atterriamo all’aeroporto Tegel. Abbiamo volato con Air Berlin, prenotando a fine Luglio per un costo complessivo di €. 158.= a/r per due persone, tasse incluse. La nebbia è tanto bassa che dall’aereo vediamo sbucare la torre della televisione! Recuperiamo...
 
Partenza il: 26/12/2006
Ritorno il: 31/12/2006
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

Partenza da Orio al Serio il 26 Dicembre ore 8.30, viaggio comodissimo e alle dieci atterriamo all’aeroporto Tegel. Abbiamo volato con Air Berlin, prenotando a fine Luglio per un costo complessivo di €. 158.= a/r per due persone, tasse incluse.

La nebbia è tanto bassa che dall’aereo vediamo sbucare la torre della televisione! Recuperiamo i bagagli e prima di raggiungere la città ci fermiamo al bar a fare colazione (e mangiando il primo di una lunga serie di krapfen).

All’uscita tentiamo di prendere i biglietti validi per bus e metro dalla macchinetta, ma l’addetto della biglietteria ci chiama e ce li fa lui.

Abbiamo sempre acquistato biglietti giornalieri a € 5,80 a persona, validi per le zone A e B (l’aeroporto è in zona B), anche se di solito si rimane all’interno della zona A (ma solo per quella non c’è il biglietto).

Alla fine forse ci conveniva un biglietto da 7 giorni, ma è andata così.

Il freddo è intenso e pungente, mettiamo sciarpa, guanti e cappello e saliamo sul bus (il giornaliero si deve obliterare) n.109 o X9 fino alla fermata: Jacob-Kaiser platz (una sola fermata), da lì prendiamo la metro U7 fino a Blisserstrasse, dove c’è il nostro albergo.

In metropolitana non c’è molta gente e le strade sono deserte! L’albergo si chiama Gasteiner Hof (http://www.Gasteiner-hof.De), trovato casualmente leggendo un resoconto di viaggio, quando ormai pensavamo di spendere un sacco di soldi per l’alloggio.

E’ un due stelle in una zona residenziale, vicino alla metropolitana.

Abbiamo pagato € 52.= a camera, colazione inclusa.

Temevamo di non trovarci bene, visto il prezzo, invece la camera era ampia, con il bagno (c’è anche l’opzione senza bagno in camera), nuova e molto pulita. Dava sull’interno ed era perciò silenziosissima (comunque la zona non è molto rumorosa).

Siamo usciti e abbiamo iniziato la nostra visita di Berlino.

Per prima cosa andiamo a Potsdamer Platz e subito ci troviamo davanti palazzi enormi, cantieri, edifici moderni.

C’è anche un mercatino di Natale superstite, che non pensavamo di trovare. Lo visitiamo mangiando il tipico panino con la salsiccia (ci sembra di essere a Rothenburg!) e un krapfen (mi sa che stiamo un po’ esagerando, la bilancia si farà sentire!). Ma questi krapfen sono buonissimi, perché, per assurdo, non sono dolcissimi (il troppo dolce mi nausea) e hanno un ripieno di mirtilli molto buono.

Dopo la breve visita, ci dirigiamo verso la porta di Brandeburgo (a piedi), osservando il memoriale agli ebrei alla nostra destra, davvero molto interessante (e un po’ inquietante).

Il freddo è tagliente, ma resistiamo e cerchiamo di scaldarci camminando.

Ci dirigiamo verso il Parlamento, dove sapevo che avremmo trovato coda, cosa che in effetti è stata, ma non era eccessivamente lunga, quindi abbiamo deciso di fermarci per salire sulla cupola.

Dopo venti minuti siamo riusciti a entrare, anche se il tutto era rallentato dai controlli con il metal detector e con l’ascensore abbiamo raggiunto la cima.

Bella la cupola con il meccanismo salita e discesa simile a quello del pozzo di San Patrizio a Orvieto, foto di rito, ma poi siamo scesi perché gelavamo (se insisto è perché faceva freddissimo, io mi sono presa anche mal di gola e raffreddore), siamo entrati in un bar a berci un tè bollente e non apprezzo mai una buona tazza di tè come quando sono all’estero e fa freddo! Inoltre, alle quattro è già buio, motivo in più per cercare “riparo” in un’oasi calda! Dopo esserci ripresi, abbiamo passeggiato lungo Unter den Linden con tutti i tigli illuminati a festa e siamo giunti a Gendarmenmarkt, dove abbiamo trovato altri mercatini di Natale (e chi ci sperava?).

Qui si deve pagare 1 € per entrare a persona, c’è una folla incredibile, anche se in generale a Berlino non abbiamo trovato tanta gente e le bancarelle non sono quelle classiche, ci sembra un mercatino un po’ più sofisticato! All’uscita, nonostante non fossero ancora le sette, ma ricordandoci delle abitudini tedesche decidiamo di andare a mangiare, il locale era vicino alla fermata di Friedrichstrasse. Dopo cena (io mi sono presa un buonissimo Gulasch) siamo tornati in albergo.

Devo dire che la metropolitana di Berlino ci è sembrata molto sicura, come la città in genere, nemmeno la minima faccia potenzialmente sospetta.

Credo che sia la città che ci ha dato l’impressione di maggior sicurezza.

27 Dicembre Dopo un’abbondante colazione e dopo aver acquistato la card alle macchinette (non tutte le stazioni hanno la biglietteria, solo quelle più grosse, e le macchinette prendono monete o carta. Siccome lo stesso problema si era presentato a Monaco, mi ero ricordata di portare il mio bancomat, che ha anche il circuito Maestro, molto più accettato delle carte di credito, infatti anche in questa occasione si è rivelato utile, in quanto l’unico accettato).

La prima destinazione era il Duomo, monumento molto imponente, sbucato all’improvviso da un angolo della strada.

Ma prima ci facciamo tentare da un giro su battello della Sprea (€ 5.= a testa) con guida in tedesco (un po’ difficile da seguire!).

Il tutto è durato un’ora circa, in parte interessante, ma dopo un po’ io mi sono annoiata e non c’era il riscaldamento (si erano un po’ appannati i vetri).

Alla fine, piuttosto felici di tornare sulla terraferma, ci siamo diretti verso il Museo Pergamon, dove abbiamo acquistato la card che per € 15.= fa entrare gratuitamente in diversi Musei, che sono elencati nel biglietto.

La visita ci è piaciuta (più che l’altare di Pergamon, la porta di Ishtar e le collezioni di arte islamica).

All’uscita, siamo andati a piedi verso la Marienkirche, l’edificio del Rathaus, la fontana di Nettuno e il Nicolaiviertel, dove ci siamo ripromessi di tornare a cenare.

Abbiamo preso la metropolitana e ci siamo diretti a Checkpoint Charlie.

Nonostante ci fosse anche scritto, siamo riusciti a sbagliare (!) e a scendere alla fermata dopo! All’uscita ci siamo accorti che non c’era nemmeno l’ombra di quello che stavamo cercando e abbiamo estratto la cartina.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Berlino
    Diari di viaggio
    berlino un connubio perfetto tra antico e moderno

    Berlino un connubio perfetto tra antico e moderno

    Finalmente eccomi a Berlino, dopo vari tentativi andati a vuoto. Dopo aver trovato col Ciber Monday un volo a 10 euro A/R da Bergamo mi...

    Diari di viaggio
    berlino a natale: 4 giorni nella capitale tedesca

    Berlino a Natale: 4 giorni nella capitale tedesca

    Non avevamo mai pensato concretamente ad un viaggio a Berlino fino a quando a causa di un cambio programma, abbiamo optato per questa meta...

    Diari di viaggio
    in giro per berlino

    In giro per Berlino

    30 luglio 2019 – martedì Volo Easyjet Pisa (20:25) – Berlino Schonenfeld (22:20)Una volta ritirati i bagagli ci rechiamo alla...

    Diari di viaggio
    berlino: bunker, muro e zoo

    Berlino: Bunker, Muro e Zoo

    Un'ottima offerta aerea mi ha convinto ad andare nella capitale della Germania. Ci si può immaginare in DDR o in Germania Ovest a seconda...

    Diari di viaggio
    quattro giorni a berlino

    Quattro giorni a Berlino

    Volo A/R Ryanair prenotato a Dicembre 2018. Totale euro 150 a persona ca.GIOVEDÌ 25/04 Partenza ore 8,35 da Milano Malpensa e...

    Diari di viaggio
    germania - bielorussia: berlino e dintorni, minsk

    Germania – Bielorussia: Berlino e dintorni, Minsk

    (settembre 2017) Biglietti aerei con Ryanair e Belavia (su eDreams) acquistati ad aprile: Roma Ciampino 8:55 – 11:00 Berlino Schoenefeld...

    Diari di viaggio
    berlin calling!

    Berlin Calling!

    Sono partita dall'aeroporto Marconi di Bologna giovedì 04 ottobre alle ore 13.15 con Ryanair e dopo due ore circa di volo, sono atterrata...

    Diari di viaggio
    noi, berlino e gli u2

    Noi, Berlino e gli U2

    12 novembre 2018 Partiamo per Berlino all'improvviso: la necessità di staccare per qualche giorno nel mezzo di un periodo...

    Diari di viaggio
    germania di est: la grande bellezza

    Germania di Est: la grande bellezza

    Per impegni vari e poca disponibilità economica, gli ultimi due viaggi in Provenza e in Bulgaria sono stati di soli quattro i giorni....

    Diari di viaggio
    berlino tra divertimento e cultura

    Berlino tra divertimento e cultura

    un’offerta di 270 negozi. E’ inutile dire che l’offerta è vastissima. Ma al suo interno si possono trovare anche uffici,...