In Thailandia tra delusioni e sorprese

Bangkok e Phuket... itinerario troppo turistico
 
Partenza il: 08/11/2014
Ritorno il: 18/11/2014
Viaggiatori: 5
Spesa: 2000 €

8 nov

Vacanza di 9 giorni: Bangkok più Phuket. Itinerario piu’ turistico che mai e che sconsiglio, soprattutto Phuket. Siamo 4 donne: Cla, Ka, Roby ed Io e Lean il fratello di Ka. Con poco meno di 600eu prendiamo il volo con la Turkish e con 100eu circa il volo bkk phuket a/r. Spesa totale 1300/1400 compresi i pasti, le notti, i souvenirs, l’assicurazione…e bla bla bla… Hotel prenotati tramite Agoda che ha sede in Thai e prezzi competitivi.

9 nov

E’ meta’ mattina e appena arrivati ci ha accolto Pier, un amico che abita a bkk. Ha un blog: “Provarciegratis”, fatto molto bene con molti consigli su itinerari, assicurazioni e alloggi. Spiega dettagliatamente come muoverti sopratutto a Bkk, ti prende per mano e dice quanti passi devi fare dalla biglietteria al molo e i prezzi dei biglietti e come non fati truffare…e cose cosi’! Non e’ il suo lavoro accompagnare turisti, ma per amicizia ed essendo domenica ha fatto un’eccezione. Pier mi recupera anche una sim Thai…si trovano nei seven7eleven e con 150 Bhat la attivi per 10gg con interent incluso. Pronti, via! In un’oretta di minibus raggiungiamo il mercato su rotaie giusto in tempo per veder passare il treno tra le bancarelle che vengono sistematicamente smontate al passaggio della locomotiva. In pochi secondi ritirano le merci e avvolgono le tende per poi riposizionare il tutto in men che non si dica. Preparate lo stomaco perche’ ci sono soprattutto generi alimentari di dubbia provenienza e l’igiene e’ approssimativa. Poi, belli freschi, ci siamo spostati al mercato galleggiante ad Amphawa con giro in barca dei templi… non sono bellissimi, ma pittoreschi, veri e frequentati solo da asiatici. Ne vale davvero la pena. Per cena siamo a Bangkok, salutiamo Pier e ci infiliamo nel primo centro massaggi vicino all’hotel… se ne trovano ovunque. Poi pasto Thai andato male male perche’ ci eravamo preparati al piccante ma non avevamo previsto l’autocombustione … sbagliando si impara!

10 nov

Svegliati tardi… alle 11… usciamo dall’hotel il Baan Saladaeng Boutique Guesthouse in zona Silom, consigliatissimo. Si dorme lontano dal bordello e in 5 minuti a piedi sei sulla linea metro e anche sulla linea dello skytrain. Comunque oggi facciamo il giro dei templi… Buddha sdraiato, Budda smeraldo, Budda d’oro, budda sciatore, budda fiori di pesca, budda idraulico, budda copertina di Vogue…. capito, no? Millemila Budda. Per girarli ci siamo spostati sul fiume con il battello e a piedi. Ci sono bancarelle con frutta e acqua a prezzi ridicoli ovunque quindi non patirete fame e sete.

Nel tardo pomeriggio eravamo al Wat Arun, il palazzo di architettura Khmer. L’ora era perfetta per ammirare il fiume e la citta’ con la luce del tramonto. Sempre che si riescano a scalare i gradini che erano difficoltà 27 sullo step per salire e difficoltà morte nera su pista da sci per scendere. Scherzo, sono solo un paio di rampe un po’ ripide…. Ovviamente posti meravigliosi di uno splendore che lascia a bocca aperta. Serata al Lebua o meglio allo Sirocco che e’ lo skybar…occhio al dresscode, non sono esigenti ma attenti ai dettagli…infatti noi ci siam presentati un po’ sciatti in t-shirt e pantaloncini e l’unico problema sono state le infradito della Roby, non volevano farla passare ma dopo 7 telefonate 2 TAC e un consulto con lo Jedi ci hanno fatto entrare. Io con le nike andavo bene ma lo zainetto me l’hanno preso in custodia. Lean per fortuna indossava gia’ i pantaloni lunghi. Cmq locale pettinatissimo e piastrato, ma super gentili!!! Cocktail 10eu… panorama inenarrabile. Cena in Silom road poi passeggiata a perderci e infatti ci siamo infilati in una vietta con disinibite adescatrici che ci invitavano nei locali proponendoci svariati pussy show: dal classico pussy ping pong all’erudito pussy write a letter ma anche lo spericolato pussy blowing candle e candle fire e l’enigmatico pussy magic zaor. Alcune ci tentavano con un gastronomico pussy cut banana o il romantico pussy rainbow ma abbiamo resistito e siam tornati in albergo che domani si fa shopping! Anzi chopping ( cheap shopping).

11 nov

Anche oggi fa fresco, 34gradi e umidità 80%… praticamente si nuota. Prima tappa: China Town dove il connubio di smog, aria fritta e gomma bruciata ci annientano in meno di un’ora… meglio andarci dopo le 16…c’e’ piu’ vita…cmq interessante e curiosa. Poi abbiamo alternato centri commerciali e mercatini all aperto. Praticamente come passare dalla Tundra siberiana all’Amazzonia usando le scale mobili. Sono riuscita a comprare un paio di infradito e delle calamite poi ho cominciato ad avere le allucinazioni (io odio lo shopping) quindi mi sono rifugiata con Lean e Ka in un bar a bere un ottimo un caffè americano …non pensavo ci fossero gli unicorni in Thailandia!! Cmq il centro piu’ conveniente e’ MBK e il piu’ curioso T21. Massaggi, cena e solita passeggiata sui marciapiedi infestati da bancarelle, topi e scarafaggi in egual misura.

12 Nov

Stamattina mi sono svegliata presto… e se non dormo io nessun altro può dormire. Quindi ho fatto rumore, acceso luci, bussato a porte e ho “alzato” tutti. Alle 645! Eeeeh vabbe’ tanto dovevamo prendere l’aereo! Alle 11… A mezzogiorno siamo a Phuket. Precisamente a Kata Beach. Bella per carita’, ma dal nostro hotel “Charm Hotel” (ve lo consiglio fortemente) si raggiunge a piedi in 10 minuti e l’ultimo tratto si fa passando su una fogna a cielo aperto che indovinate un un po’ dove finisce? Il mare e’ verdognolo non proprio da snorkeling ma l’acqua e’ calda e ci sono i beach boys con acquascooter, moto e quad… quelli poco rumorosi per intenderci che riescono anche rovinare l’atmosfera di un tramonto bellissimo entrando e uscendo dalla spiaggia con i motori scoppiettanti, la puzza di benzina le urla e fischi da stadio che manco i derby a San Siro. Poi lasciano pulito, proprio pulito. Domani prendiamo i motorini. Che Budda ci assista. Possibilmente Budda operatore ecologico

13 Nov

Potrebbe andare peggio, potrebbe piovere. E, infatti… Ma andiamo per ordine: Stamattina (quindi verso le 11) ho combattuto ferocemente con la receptionist spuntando un tour a KoRacha di due giorni a metà prezzo. Credo… Io ne sono uscita stremata ma lei era in lacrime… comunque domani, Budda volendo, ci spostiamo da qui. Poi via coi motorini! L’ultima mia esperienza con le due ruote scoppiettanti risale a 24 anni fa e un mese di gesso. E Phuket non è famosa per essere facile da “guidare”. La boss degli scooter stava snocciolando il rosario (contro ogni aspettativa) quando mi ha vista partire ma ce l’ho fatta quindi state sereni e noleggiate senza paura. Munitevi di bandana sottocasco se siete schizzinosi. Esploriamo un paio di spiagge: Ya nui e Kata noi e lo snorkeling ci regala grandi emozioni: pesce bottiglia di birra,pesce scatoletta di tonno, pesce merendina kinder, pesce pneumatico… e un rarissimo vitello dai piedi di balsa, insomma una gioia! Siccome alle 18 inizia ad essere buio decidiamo di rientrare e quindi arriva il monsone…alle 1730 pioveva senza pietà! fermi un’ora sotto la tettoia di una lavanderia. Tuoni, lampi e acqua come fossimo in Italia. Ma Buddha pilota deve aver posato il suo manone su di noi e siam tornati alla base. La mamy Thai vedendoci si è convertita al cristianesimo! …poi non trovava il mio passaporto, ma questa è un’altra storia.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bangkok
    Diari di viaggio
    l'arcipelago malese: un viaggio alla scoperta di questa lontana parte di mondo

    L’Arcipelago Malese: un viaggio alla scoperta di questa lontana parte di mondo

    Guardando le foto dell'album mi è venuta voglia di raccontare il mio viaggio. Dal 1 gennaio 2012 al 30 marzo 2012.Malesia 1...

    Diari di viaggio
    2 settimane fai da te in thailandia, tra bangkok, ayutthaya, sukhotai, chiang mai e phuket.

    2 settimane fai da te in Thailandia, tra Bangkok, Ayutthaya, Sukhotai, Chiang Mai e Phuket.

    Dopo un volo della Oman Air (compagnia aerea che consigliamo vivamente) partito da Bologna per Bangkok, con scalo a Muscat, atterriamo in...

    Diari di viaggio
    thailandia, paradiso all'improvviso

    Thailandia, paradiso all’improvviso

    Sono del parere che ci vorrebbero delle ferie per pianificare un viaggio, poi altre ferie per fare la valigia forse con un attimo più di...

    Diari di viaggio
    thailandia e cambogia 2020

    Thailandia e Cambogia 2020

    Scegliere questa meta per il nostro consueto viaggio di febbraio è stato abbastanza semplice: non avevamo a disposizione un budget...

    Diari di viaggio
    capodanno al caldo in thailandia
    Fef

    Capodanno al caldo in Thailandia

    A settembre abbiamo deciso di regalarci un Capodanno al caldo e così abbiamo scelto la Tailandia come destinazione per dicembre. Purtroppo...

    Diari di viaggio
    la nostra prima thailandia: nord, mare e bangkok

    La nostra Prima Thailandia: nord, mare e Bangkok

    24.12.19 VERONA Io e il mio compagno visiteremo per la prima volta questo paese. Partenza da casa nostra con l'ottimo servizio di Go-Opti,...

    Diari di viaggio
    a ovest della thailandia

    A ovest della Thailandia

    Raccontare i nostri viaggi è oramai un appuntamento necessario, utile a noi per ricordare nel tempo le nostre avventure e speriamo utile...

    Diari di viaggio
    amazing bangkok!

    Amazing Bangkok!

    Dieci giorni alla scoperta dell'incredibile capitale della Thailandia tra sapori, profumi, suoni e colori di una città che pur mantenendo...

    Diari di viaggio
    thailandia, al di sopra di ogni nostra immaginazione...

    Thailandia, al di sopra di ogni nostra immaginazione…

    Ad inizio novembre io e mio marito abbiamo iniziato ad organizzare un viaggio in Thailandia, per il mese di gennaio, prenotando i seguenti...

    Diari di viaggio
    bangkok e phi phi guida all'uso e consigli pratici

    Bangkok e Phi Phi guida all’uso e consigli pratici

    Giorno 1 Arriviamo all'aeroporto di Bangkok intorno alle 19 con volo Emirates. Aeroporto nuovissimo e all'avanguardia, stupisce la...