In Sudafrica con bambini al seguito

Garden Route e Pilansberg-Madikwe in self drive
Scritto da: doris74
in sudafrica con bambini al seguito
Partenza il: 04/08/2014
Ritorno il: 18/08/2014
Viaggiatori: 4
Spesa: 1000 €

Partecipanti: 2 adulti, bimba di 5 anni e bimbo di 2

INFO GENERALI:

– Volo LH (acquistato con le miglia) su Johannesburg poi volo interno SAA per cape Town e secondo volo BA da Port Elizabeth a Johannesburg

– Noleggio con Europcar, prima settimana Polo Vivo (una Polo Berlina) e seconda settimana Hunday Elantra che sono andate benissimo per fare i safari self drive, con qualche accorgimento nello sterrato…

– B&B e Hotel: Prenotando per tempo si trovano soluzioni davvero economiche, a sud abbiamo speso una media di 80 Euro per una camera da 4!

– Meteo: è stato meglio di quello che mi aspettavo. Lo paragono alle Dolomiti in estate: freddino fino alle 10 di mattina e dalle 16 (da felpa e giubottino antivento). Per il resto del giorno maglia a mezza manica se c’è il sole e felpa se piove. Il vento soffia quasi sempre ma di pioggia ne abbiamo vista poca. Avevo preso le giacche a vento e le abbiamo usate solo per i safari a Madikwe

– Elettricità: hanno delle prese elettriche stranissime (come in India) ma non comprate gli adattatori! Tutti gli hotel e B&B sono dotati di adattatori e prese europee a muro.

– Costo medio di un pranzo/cena per 4: 30-45 Euro

– Tenete sempre qualche moneta per i parcheggiatori (4-5 Rand sono sufficienti)

– Il sole tramonta alle 18-18.30 e sorge alle 7.00

– Tutti i ristoranti hanno il menù per i bimbi: per 4-5 Euro ti danno hamburger/pesce fritto/pollo fritto e patatine. Vedete voi in base alle vostre abitudini…. Noi l’abbiamo preso 2 volte e poi ci siamo rifiutati di dare ancora quella robaccia ai bimbi. La mia bimba si è affezionata ai calamari grigliati e li ha ordinati spessissimo!

Arrivati a Johannesburg abbiamo subito preso il volo interno su Cape Town. Ci sono da fare delle belle code al controllo passaporti di J’burg e il bagaglio va sempre ritirato ed imbarcato nuovamente; tenetevi almeno 4 ore di margine tra i voli. Dopo 30 minuti di coda ai controlli ci hanno fatti passare davanti perché avevamo dei bimbi piccoli, ma ci avremmo perso almeno 1 ora. Una volta ritirati i bagagli prima di uscire dalle porte scorrevoli c’è un desk della SAA in cui è possibile riconsegnare i bagagli e fare check in, evitando altre code (noi avevamo un volo SAA).

DIARIO DI VIAGGIO

04-08/09-08 Rockwell Suite & Apartments Cape Town circa 93 Euro/notte prenotato sul sito

Tra una cosa e l’altra siamo arrivati in hotel alle 15.30 e ce la siamo presa con calma. Ci siamo sistemati e abbiamo fatto un giro al Mall dietro all’hotel per fare un po’ di acquisti per cena e colazione allo Spar. Consiglio questo Hotel a tutte le famiglie perché si trova in una zona tranquilla tra il Waterfront e il centro, a 100mt dalla centrale della polizia. Offre appartamenti spaziosissimi (il nostro era più di 80mq, con due camere matrimoniali, 2 bagni, cucina e sala molto ampie), dotati di lavatrice e asciugatrice (ne ho fatte 2 prima di partire, ma ricordate il detersivo!). Lo Spar che è dietro all’Hotel ha una Food Court enorme con una ampia varietà di piatti pronti, c’è una piccola piscina coperta (anche se non era sempre riscaldata..), il parcheggio coperto e sorvegliato costa 2 Euro/gg e al bar dell’hotel hanno l’espresso Lavazza (last but not least…).

06/08

Visto che il tempo è incerto e cadono 2 gocce decidiamo di dirigerci verso Stellenbosch per le visite alla cantine. Facciamo tappa alle informazioni turistiche per chiedere consiglio in merito alle cantine che offrono la possibilità di fare una visita e hanno anche attività per i bimbi. La ragazza pare incerta e ci segnala 5-6 cantine. Ci dirigiamo verso Warwick; bellissima cantina, con una bella area pic nic all’esterno con fontane e giochi d’acqua. Peccato che le visite alla zona di lavorazione siano solo su appuntamento. L’interno è molto curato e c’è un bel camino acceso. Ci accoglie una ragazza che ci offre una degustazione di 7 vini a 2,5 Euro che sarà gratuita se acquistiamo una bottiglia (cosa che faremo). La cioccolata calda per i bimbi è gratuita. Vini ottimi e bell’ambiente. La consiglio.

A seguire ci fermiamo nella cantina accanto, Bonheur. Edificio carino ma gli spazi interni ed esterni sono ridotti, tanto che facciamo due chiacchiere con la persona che ci accoglie e ce ne andiamo. Su suo consiglio ci dirigiamo da Babylonstoren, una tenuta molto carina sulla strada verso Franschhoek con somarelli e galline che gironzolano, una serie di orticelli molto curati in cui fare una passeggiata e un bello Farm Shop con degli ottimi prodotti fatti da loro (marmellate, olio e pane ottimi!). Decidiamo di fermarci a pranzo nel loro bellissimo ristorante a vetrate con cucina a vista, in cui vengono utilizzati gli ingredienti del loro orto. La tipa all’ingresso ci ha subito guardati con un’aria dispiaciuta “oh, se non avete prenotato non è possibile, occorre prenotare con due mesi di anticipo….” Poi alla fine, senza insistere più di tanto, ci ha dato un tavolo. Abbiamo mangiato molto bene e speso meno di 40 Euro.

Volevamo concludere con una visita alla cantina Spur, poi abbiamo optato per la van Ryn Brandy cellar.

Ci hanno dato il benvenuto con un cocktail leggero e ci hanno proposto di fare gli assaggi, ma abbiamo rinunciato chiedendo un solo assaggio, che non ci hanno fatto pagare. Locale molto ampio e accogliente, da non perdere se siete in zona.

Nota sulle cantine: se avete già deciso quali cantine visitare fate un giro al supermercato e controllate il costo delle bottiglie. Quelle che abbiamo comprato da Warwich erano un filo più economiche al supermercato che nella cantina.

07/08

Stamattina c’è un sole che spacca e sulla Table Mountain non c’è una nuvola, quindi si parte in quella direzione. Arrivati al parcheggio una simpatica signora ci informa che la funicolare sarà chiusa fino all’11 agosto per lavori di manutenzione. Ok. Con i bambini non possiamo salire a piedi quindi scattiamo un paio di foto (il panorama su cape Town è comunque bellissimo) e ci dirigiamo verso Signal Hill. Il panorama che si gode dalla strada è meglio di quello dal parcheggio in cima alla collina, quindi fermatevi lungo la strada a fare tutte le foto che desiderate! Il panorama è davvero mozzafiato.



    Commenti

    Lascia un commento

    Addo National Park: leggi gli altri diari di viaggio