In giro per la Scozia in bus, treni e traghetti

Chi ha detto che non si può girare la Scozia con i trasporti pubblici? Certo è un po' faticoso e necessita di una buona organizzazione, ma si può
 
Partenza il: 16/07/2014
Ritorno il: 27/07/2014
Viaggiatori: 3
Spesa: 500 €

Anche quest’anno mio marito, mia figlia (11 anni) ed io siamo pronti per le vacanze che questa volta ci vedono coinvolti in un giro in Scozia, un itinerario racchiuso in un quadrilatero che parte da Edimburgo, prosegue per Inverness e le Highlands, si sposta a Kyle of Lochalsh e Skye, arriva a Oban e Mull per concludersi a Glasgow, tutto rigorosamente in treno, bus e traghetti.

16/07/2014

Partenza da Roma Ciampino con volo Ryanair delle 11.05, arrivo previsto per le 13.30. Noi crediamo di essere in ritardo, ma in realtà, bisogna spostare l’orologio di un’ora indietro. Ci accoglie il tipico clima inglese, o meglio scozzese, vento, pioggerellina e cielo plumbeo, ma avremo anche squarci di sole.

Per il trasferimento in città ci serviamo del Bus Airlink 100, facile da individuare, una volta fuori l’aeroporto, basta seguire le indicazioni. Il biglietto si compra a bordo dell’autobus e costa 4 £ e 2 £ per i bambini, ma la cosa scocciante è che bisogna avere i soldi giusti, così è meglio premunirsi prima. Noi abbiamo cambiamo una certa quantità di danaro a Roma, così avevamo i nostri 10 £ pronti, poi per il resto della vacanza abbiamo prelevato con il bancomat di volta in volta prevalentemente allo sportello della Bank of Scotland che ci è sembrata la più sicura e conveniente.

In 25 min. siamo in città, la nostra fermata è su Princess Street, la via dello shopping, dove a pochi passi troviamo la nostra Guest House: no 53 Friederich Street. Non ci aspettiamo il classico hotel, difatti non lo è, si tratta di una palazzina anzi il 2° e 3° piano di essa, tutto rigorosamente senza ascensore. Ci accoglie Tessa, una ragazza molto gentile e simpatica che ci accompagna alla nostra stanza, ovviamente al 3° piano e con le valigie non è certamente uno scherzo! La camera però è grande e luminosa con un bovindo anche nel bagno, tende e plaid con motivi scozzesi, letti enormi, il necessario per il tè e il caffè, insomma accogliente e sicuramente non anonima anche se il pavimento scricchiola e ogni volta che camminiamo tremano i bicchieri e le tazze sul tavolino. Però ci troveremo bene e, tranne la fatica delle scale, non ci sono appunti negativi; anche la colazione, servita nel bar sotto la palazzina, è buona, abbondante e… scozzese!

Dopo il necessario riposo, inizia il nostro giro alla scoperta della città, che subito ci appare strana nella sua forma. Da Princess Street vediamo di fronte in alto il castello arroccato su una collina e tutto il resto della città in alto, in mezzo una sorta di vallata dove si snoda la ferrovia e noi, dall’altro lato molto più in basso. Scopriremo che la città è tutta salite e discese e per arrivare al Royal Mile ci aspetta una bella scalinata in salita vicina al National Gallery che ci porta nei pressi della Cattedrale che, ovviamente, non manchiamo di visitare. La Cattedrale è interessante, specie la Thistle Chapel, la cappella dove si riuniscono i membri dell’Ordine del Cardo presieduto dalla Regina. Ci sono degli stalli in legno intarsiati molto belli con gli stemmi delle famiglie che vi fanno parte. Il nostro giro prosegue fino al Palazzo di Holyroodhouse e all’ Our Dinamic Earth che però sono già chiusi perché qui alle 17-18 chiudono tutti i musei e le varie attrazioni. Non ci resta che tornare indietro percorrendo la Carlton Road anche se, in effetti, non c’è niente da vedere, meglio se avessimo ripercorso il Royal Mile. Arriviamo di nuovo su Princess Street, strada animata di gente e negozi e, nelle strade interne che compongono il quartiere di New Town, di locali e ristoranti.

All’ufficio informazioni turistiche che si trova sulla strada, compriamo l’Esplorer Pass, valore 58 £ per il biglietto famiglia, che ci consentirà di visitare il Castello di Edimburgo, quello di Stirling e tante altre attrazioni nell’arco di tre giorni spalmabili su cinque con un notevole risparmio.

La serata ci porta a cenare presso un Pizza Hut, non ci è consentito entrare nei pub perché vietato ai minori e a meno che di non cenare tra le 17.00 e le 18.00, non c’è possibilità di entrare, poco male, non è poi così importante.

Rientriamo in camera con il sole ancora alto, incredibile, sono le 22.30 e il sole sembra non voglia saperne di tramontare, ma siamo troppo stanchi per continuare a girare, se ne parla domani!

17/07/2014

La giornata inizia con una ricca colazione scozzese a base di uova, bacon, salsicce, funghi, pomodori, ed altro ancora. Il programma di oggi prevede la visita al castello che ci tiene impegnati 3 ore abbondanti, ma ne vale la pena. Arriviamo presto e grazie all’Esplorer Pass evitiamo la fila e ci immergiamo subito nel giro. Il castello è composto da varie strutture che si alternano a cortili da dove è possibile ammirare uno straordinario panorama della città e dintorni.

Tra i vari edifici, il più interessante è il Palazzo reale dove sono custoditi gli Onori della Scozia, ovvero le insigne con cui venivano incoronati i re di Scozia, compresa la Stone of Destiny, altro simbolo molto importante per gli scozzesi.

La visita è organizzata in modo tale che prima di ammirare gli Onori, bisogna passare per diverse stanze dove, attraverso manichini e scene ricostruite, si ripercorre la loro storia, dalle origini ai giorni nostri, passando ovviamente per il capitolo della figura forse più famosa della Scozia, Maria Stuarda, regina molto amata dal popolo il cui figlio ha unificato i due regni divenendo il primo re d’Inghilterra e Scozia.

Dopo il Castello, l’altra meta è il Palazzo di Holyroodhouse attraversando nuovamente il Royal Mile e soffermandosi sulle attrazioni che vi si affacciano.

Ci lasciamo coinvolgere dall’atmosfera del luogo, negozi, i closes che sono dei cortili che spesso costituiscono angoli molto suggestivi dove possono partire visite guidate o si nascondono piccoli musei, una deviazione verso Grassmarket per scoprire questa grande piazza, e una capatina alla chiesa dei Greyfriars dove omaggiamo la figura di Bobby, un cane raffigurato ovunque e molto amato dalla città per la sua incredibile storia: pare infatti che, morto il suo padrone da cui era inseparabile, abbia trascorso il resto della sua vita (ben 16 anni) accanto alla sua tomba e a nulla sarebbero valsi i numerosi tentativi di allontanarlo. Alla sua morte, non potendo essere sepolto accanto al padrone nel cimitero, è stato seppellito al suo ingresso e ancora oggi è possibile visitare la sua tomba.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Edimburgo
    Diari di viaggio
    edimburgo e il mare del nord

    Edimburgo e il Mare del Nord

    1° GIORNO Lasciamo l’auto nel parcheggio Fly and Go, vicino a Malpensa, già collaudato nei precedenti viaggi, efficienti e veloci nel...

    Diari di viaggio
    return to edinburgh

    Return to Edinburgh

    un'infinità di giochi educativi per poter mettere in pratica i grandi principi della scienza e anche chi, come me, non è più...

    Diari di viaggio
    edimburgo, love at first sight

    Edimburgo, love at first sight

    la città, e subito dopo l'edificio del Parlamento Scozzese, un grande edificio dall'aspetto moderno che a mio parere cozza un po' con...

    Diari di viaggio
    on the road in scozia: il nostro primo viaggio in tre

    On the road in Scozia: il nostro primo viaggio in tre

    vi resterà nel cuore.2) Viaggio con poppante?Si può! Come ho già detto siamo stati fortunatissimi col meteo il che...

    Diari di viaggio
    in scozia tra città e castelli

    In Scozia tra città e castelli

    Finalmente si parte, la destinazione è Edimburgo, ma il desiderio sarebbe di poter assaporare il meglio della Scozia in soli quattro...

    Diari di viaggio
    edimburgo: consigli di viaggio per un weekend lungo

    Edimburgo: consigli di viaggio per un weekend lungo

    l’erba è ancora intrisa dalle gocce di pioggia appena caduta. Occorrono scarpe comode e un abbigliamento adeguato, meglio se a strati....

    Diari di viaggio
    weekend di primavera a edimburgo

    Weekend di primavera a Edimburgo

    Si vola in Scozia! E a Edimburgo il primo weekend di primavera non poteva iniziare in maniera migliore. Aria fredda, sì… ma un bel sole...

    Diari di viaggio
    scozia on the road semplicemente magnifica

    Scozia on the road semplicemente magnifica

    Complice un matrimonio ad agosto ed un problemino di lavoro a gennaio, quest’anno si organizza il tutto con un po’ di ritardo. Ad...

    Diari di viaggio
    magico tour della scozia con neonata al seguito

    Magico tour della Scozia con neonata al seguito

    Tour della Scozia con neonata al seguito: il nostro primo viaggio in tre! Periodo: 1/11 giugno 2016Spesa totale: 3.100 € (1220 €...

    Diari di viaggio
    viaggio estivo on the road in terra scozzese

    Viaggio estivo on the road in terra scozzese

    Abbiamo pianificato parzialmente il tour poco tempo prima di partire, volo Ryanair e alloggi prenotati volta per volta nelle mitiche...