In giro per il Friuli Venezia Giulia

Ad Aquileia per visitare l’area archeologica, poi nella città fortezza di Palmanova, a Cividale per chiese, a San Daniele per musei…
 
Partenza il: 01/09/2015
Ritorno il: 08/09/2015
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Questo viaggio parte con il mare e finisce con il mare (per la precisione Jesolo). Nel mezzo abbiamo avuto il piacere di visitare alcune meraviglie del Friuli. Abbiamo girato la Regione per largo e per lungo e ci siamo trovati bene in tutti i posti in cui siamo stati. Premetto che non siamo stati a Trieste e nella zona del Vajont, in quanto già visitati in ns. precedenti viaggi. Per l’intero viaggio abbiamo usufruito degli ingressi gratuiti grazie alla Friuli Card (29 € per 7 gg.), acquistata nel primo posto che abbiamo visitato: Aquileia, Patrimonio Unesco dell’Umanità. Percorso interamente gratuito grazie alla Friuli Card. Il percorso a piedi segnalato nella mappa disponibile al punto informazioni è veramente ricco e dettagliato. Visitiamo tutta l’area archeologica, la Basilica di Santa Maria Assunta (all’interno è possibile ammirare un antico pavimento a mosaico scoperto per caso nel 1909, che risale a solo una decina d’anni dopo l’Editto di Costantino del 313 d.C.), il Campanile e il Museo Archeologico Nazionale. Siamo poi andati a fare una breve visita a Palmanova, la città fortezza circondata da alte mura lungo le quali è possibile passeggiare. Urbanisticamente rappresenta una stella. Bella e ricca di storia la piazza centrale. Andiamo al Sacrario di Redipuglia dove vi sono seppelliti circa 100.000 soldati della prima guerra mondiale (di cui quest’anno ricorre il 100° anniversario). Prendiamo la macchina e ci dirigiamo verso la Grotta Gigante di Sgonico: il giro con la guida dura circa un’ora, temperatura 11°C, ingresso gratuito con la Friuli Card. La grotta è composta di 1.000 gradini, 500 in discesa e 500 in salita. La grotta è davvero bella e sicuramente merita la visita. Si trova nei pressi di Trieste e all’interno del centro accoglienza è allestito il Museo Scientifico Speleologico (ingresso libero). La sua caratteristica principale è data dal fatto che è composta da un unico enorme antro. È infatti la caverna più grande del mondo tra quelle accessibili e detiene il Guinness dei Primati dal 1995 grazie alla sua sala principale, il cui volume complessivo è di 366.000 m³.

Il giorno seguente visitiamo Cividale del Friuli: città dei Longobardi. Ci accoglie il fiume Natisone con il caratteristico Ponte del Diavolo (fatto saltare dagli italiani per sbarrare inutilmente la strada agli austriaci dopo la disfatta di Caporetto), visitiamo il Duomo e pranziamo in un grazioso locale in centro dove abbiamo degustato il fricò, tipico piatto friulano con polenta fritta, formaggio e patate. Grazie alla Friuli Card visitiamo gratuitamente il Monastero di Santa Maria in Valle con il celebre Tempietto Longobardo, il Museo Cristiano (al cui interno è possibile ammirare il bassorilievo dell’ara del duca di Ratchi, grazie a un gioco di luci e colori che ripercorrono la realizzazione dell’opera), il Battistero ottagonale di Callisto e il Museo Archeologico Nazionale. Lungo le strade del centro visitiamo anche l’Ipogeo Celtico (visita gratuita richiedendo le chiavi al Monastero). Alla sera andiamo a dormire a Tarvisio (rifornimento di GPL in Slovenia d’obbligo).

Al mattino visitiamo i bellissimi Laghi di Fusine, tipici laghi attorniati da verdissimi abeti. Abbiamo fatto una veloce visita al Lago Superiore e il giro completo lungo il sentiero del Lago Inferiore. A metà mattinata percorriamo l’Orrido dello Slizza situato a Boscoverde (frazione di Tarvisio) – meraviglioso!

Grazie alla telecabina di Camporosso saliamo al Santuario del Monte Lussari (gratuita con la Friuli Card): in 10-15 minuti 1.000 m di dislivello. La giornata era piovosa ma la vista appaga sempre i sensi: dal Santuario si vedevano le montagne più basse coperte da una fitta nebbia. Paesaggio suggestivo! Il Santuario trecentesco è un luogo di pellegrinaggio di tre popoli (italiano, austriaco e sloveno): la sua origine si perde nella leggenda che narra di pecore inginocchiate attorno ad una statuetta della Madonna che, sebbene spostata di sera nella chiesa di Camporosso, al mattino veniva puntualmente ritrovata sul monte. All’interno del Santuario ci sono numerosi quadretti che raccontano questa leggenda.

Dormiamo a Gemona del Friuli. Al mattino visitiamo il centro storico, colpito duramente dal disastroso terremoto del 1976. Il paese è stato completamente ricostruito grazie al lavoro della gente del luogo e agli aiuti pervenuti da tutta Italia.

Andiamo a vedere il paese delle farfalle, Bordano (visita gratuita al museo grazie alla Friuli Card). Da non perdere i meravigliosi colori di diverse specie di farfalle che ti volano attorno in serre tropicali. Veloce giro al Lago di Cavazzo, detto anche dei Tre Comuni, dal momento che le sue acque lambiscono Trasaghis, Bordano e la stessa Cavazzo Carnico. Il giorno seguente facciamo un giro a San Daniele del Friuli: visita al Museo Civico (ingresso gratuito con Friuli Card). Nella Chiesa di Sant’Antonio Abate si ammira la cd Sistina del Friuli realizzata da Martino da Udine (noto come Pellegrino da San Daniele). Ovviamente d’obbligo il pranzo presso uno dei tanti prosciuttifici del paese. Visita al castello medioevale, di origini romane di Ragogna da dove si può ammirare il fiume Tagliamento. Il territorio è legato ai cruciali fatti bellici avvenuti durante la Prima Guerra Mondiale e offre la possibilità di percorrere suggestivi e panoramici itinerari alla scoperta della storia e della natura. Noi abbiamo fatto un breve percorso sul monte Ragogna dove abbiamo visto un fortino e alcune trincee. Ultima visita della giornata è a Maniago, capitale italiana delle coltellerie. Visitiamo il Museo dell’Arte Fabbrile e delle Coltellerie (gratis con Fvg card).

Alla domenica andiamo a visitare Udine. La città mi è piaciuta molto con le sue piazze e i suoi imponenti monumenti. Visitiamo la Basilica delle Grazie, P.za I Maggio, il Duomo, Piazza Matteotti, la Torre dell’Orologio (con due mori che battono le ore) e il Castello da cui si gode di un meraviglioso panorama. Nel pomeriggio andiamo all’Aeroporto di Rivolto dove si festeggia il 55° anniversario delle Frecce tricolori. Torniamo lungo la costa e ci godiamo gli ultimi due giorni di mare.

Guarda la gallery
cultura-d4ug5

Cividale



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Aquileia
    Diari di viaggio
    il friuli, emblema del triveneto di frontiera

    Il Friuli, emblema del Triveneto di frontiera

    Il Friuli è una regione eterogenea. Presenta alcuni tratti del Veneto (il suo dialetto sembra una estremizzazione della lingua...

    Diari di viaggio
    andamento lento... in friuli

    Andamento lento… in Friuli

    Occorrono otto giorni di ferie per realizzare questo cicloviaggio nella parte orientale del Friuli Venezia Giulia tutt’altro che povero...

    Diari di viaggio
    in giro per il friuli venezia giulia

    In giro per il Friuli Venezia Giulia

    Questo viaggio parte con il mare e finisce con il mare (per la precisione Jesolo). Nel mezzo abbiamo avuto il piacere di visitare alcune...

    Diari di viaggio
    girovagando in friuli venezia giulia

    Girovagando in Friuli Venezia Giulia

    la chiusura del museo che dunque non possiamo visitare. Restano, però alcune grotte e vasti antri scavati Gorizia.9 Agosto Oggi...

    Diari di viaggio
    giro nel nord est d'italia

    Giro nel Nord Est d’Italia

    Monet…Poi ancora in giro: S. Corona, Palazzo Chiericati, Palazzo Valmarana, Palazzo Barbaran con visita al Museo Palladiano mente...

    Diari di viaggio
    aquileia, sorprendente caccia al tesoro!

    Aquileia, sorprendente caccia al tesoro!

    Prima di lasciare la città c’è un’ultima cosa da fare: provare ad incontrare il fumettista Francesco Tullio Altan, noto ai più come...

    Diari di viaggio
    per bruna arte, storia e sapori a palmanova

    Per Bruna arte, storia e sapori a Palmanova

    "Mandi!" è il tipico saluto friulano, una formula di commiato benaugurante che ho imparato ad utilizzare durante il mio weekend da...

    Diari di viaggio
    insolito viaggio circolare friuli-slovenia-friuli d'inverno

    Insolito viaggio circolare Friuli-Slovenia-Friuli d’inverno

    Siamo tutti soddisfatti, abbiamo visto tante cose nuove ed interessanti, di ogni epoca, sia artistiche che naturalistiche. Abbiamo scelto...

    Diari di viaggio
    friuli venezia giulia, alla scoperta di una terra di confine

    Friuli Venezia Giulia, alla scoperta di una terra di confine

    edili susseguitesi nel tempo e delle tracce perpetuate fino a noi.A Grado si arriva percorrendo una lunga e diritta strada che corre...

    Diari di viaggio
    in friuli venezia giulia a tutta natura

    In Friuli Venezia Giulia a tutta natura

    Video Itinerari