In Baviera per i mercatini di Natale

Un viaggio tra borghi medievali, case a graticcio e castelli, immersi nell’atmosfera delle festività natalizie
Scritto da: gigi55
in baviera per i mercatini di natale
Partenza il: 07/12/2016
Ritorno il: 11/12/2016
Viaggiatori: 4
Spesa: 500 €

Quest’anno puntiamo ai mercatini della Baviera. Partiamo in macchina da Milano per un tot. di 1.450 km. Per dormire ho prenotato su Booking. Abbiamo fatto una scelta diversa dal solito, dato che per noi la camera serve solo come campo base (soprattutto dormire + doccia). Per ridurre i costi abbiamo evitato le camere d’albergo scegliendo le camere (una doppia + una tripla, importante che avessero bagno e doccia privato) in residence e controllando che avessero anche il posto auto.f

SUGGERIMENTI: Ricordate che siamo in inverno e le giornate sono corte, alle 17 è buio per cui se dovete vedere/fotografare regolatevi. I mercatini sono aperti di solito fino alle 19 e vederli illuminati è anche più bello.

Un conto poi se state visitando la Germania un altro conto è se siete qui soprattutto per i mercatini. Le giornate hanno comunque 24 ore, dovete organizzare bene i vostri itinerari.

Se andate in periodi di alta stagione non è facile trovare posto per mangiare anche perchè molti locali non accettano prenotazioni, comprensibile!

Attenzione, l’acqua in bottiglia vi costa un botto 5€ per una S. Pellegrino da 75cl. Evitate le palle fatte con patate e farina… una poltiglia che vi impasta tutta la bocca… immangiabili.

Abbiamo attraversato la Svizzera, passando per il San Bernardino, uno spettacolo. Erano le 6,30 di mattina con tutto il paesaggio coperto di brina e un po’ freddo…. – 11°

Se fate questo tratto mi raccomando il bollino svizzero, altrimenti sono dolori: 41€ l’anno. Per fortuna me l’hanno fatto già per il 2018. Attenzione anche ai limiti di velocità, lì martellano!

In Austria, qualche chilometro dopo il confine sulla destra, trovate un distributore di benzina dove potete comprare la Vignette per l’autostrada, fatta per la durata minima 10gg – 8.90€. Attenzione che al distributore ci sono due signore che parlano solo tedesco!

Le autostrade in Germania sono gratuite e senza limiti di velocità.

A volte ci è capitato che in bar – negozi, la carta di credito non fosse accettata.

Che ci ha stupito è il fatto che sulle autostrade Austria/Germania ci fossero delle piazzole di sosta con i bagni (ben segnalate), pulitissimi.

A Memmingen, un paesino attraversato da canali, abbiamo fatto una sosta seguendo i consigli di alcuni Tpc, ma soprattutto per sgranchire gambe. Sinceramente a noi non è piaciuto molto, nulla di che. Abbiamo gironzolato un’oretta fotografando la Siebendächerhaus (la casa dai 7 tetti) e, in generale, le case delle corporazioni. Secondo me si potrebbe saltare o mettere un’altro paesino.

Partiamo verso la nostra prima tappa Rothenburg ob der Tauber. Qui avevamo prenotato due camere per una notte (349€) presso la Villa Mittermeier, Vorm Würzburger Tor 7, bellissima villa a pochi passi dalla Galgen Tor, una delle porte che permette l’accesso alla città vecchia. Consigliamo vivamente di pernottare in questa cittadina. Rothenburg è circondata da mura del ‘300 e ‘400, lunghe ca. 3,5 km, un cammino di ronda in ottime condizioni che permette di ammirare la cittadina dall’alto percorrendone tutta la circonferenza a piedi e con molte torri e diverse porte che poi consentono di entrare nel centro della cittadina. Ammirare le caratteristiche insegne che sporgono dai vari negozi e le tipiche case a graticcio.

Il mercatino natalizio, il Reiterlesmarkt ovvero il mercatino del cavaliere, piccolo ma molto carino! Si svolge nella Marktplatz e zone limitrofe. Ne abbiamo approfittato per mettere qualcosa sotto i denti, mia figlia ha preso un panino con i wurstel da mezzo metro ciascuno! Ottimo! E per finire un vin brulè Glühwein… e le tazze si possono tenere a meno che non si voglia indietro la cauzione 3€

La Marktplatz (piazza del mercato), con il Rathaus. Il grande edificio del municipio è caratterizzato da due differenti stili architettonici: una parte risale al periodo gotico, mentre la facciata principale sulla Marktplatz è in stile rinascimentale. La sua attrazione principale è la salita sulla sua torre Rathausturm per poter ammirare il panorama della cittadina con le sue mura e le sue torri. Si entra dal nuovo municipio e si sale fino a un sottotetto da cui si passa all’edificio accanto. L’ultima parte della salita è un po’ più impegnativa, con scalini sempre più alti e più stretti. La salita costa 2 € a persona e si paga solo prima di fare gli ultimi gradini. La vista dall’alto è bellissima, quando poi sei di nuovo giù ti accorgi di quanto sei salito. Da non perdere.

Sulla via principale entriamo nel famosissimo negozio di Kathe Wohlfahrt, Herrngasse , 1 il negozio di Natale più famoso al mondo (e per noi anche un po’ caro, ma ci trovate di tutto) grande più di 250 mq. Le commesse sono vestite con un costume tipico.

La chiesa di S. Giacomo (St. Jakobskirche) Chiesa protestante costruita tra 1300 e 1400 è la più grande ed importante della città. Alcune vetrate istoriate molto belle. L’opera più interessante è l’altare del Sangue Divino di Tilman Riemenschneider (una delle opere d’arte di più alto valore artistico della Baviera), lo trovate dietro l’organo. La scena principale raffigura l’Ultima Cena e sopra si trova una croce dorata che racchiude un prezioso reliquiario; una capsula di cristallo di roccia che conterrebbe al suo interno tre gocce del sangue di Cristo. L’esterno della chiesa, con due alti campanili, e l’interno, sobrio e severo, sono in stile tardo gotico.

Per cena abbiamo trovato posto da Ratsstube, Marktplatz 6. Ci alziamo soddisfatti con meno di 20€ a testa. Poi quattro passi lungo la Herrngasse (via dei Signori), la strada principale di Rothenburg che collega la Marktplatz con i Burggarten (giardini del castello). E’ una tipica via con eleganti abitazioni dalle facciate realizzate con stili e colori diversi, molti negozi con le caratteristiche insegne in ferro battuto. Gironzoliamo un po’ per la città, poi, stanchi, andiamo a dormire.

La mattina successiva, siamo andati a far colazione da Diller’s Obere Schmiedgasse 7 per assaggiare le Schneeballen (palle di neve), dolci a forma di boccia realizzati con pasta delle chiacchiere e con diversi tipi di ripieni e copertura. Ne abbiamo anche acquistate alcune per gli amici. Poi il ns programma prevedeva il giro della città sulle mura. Un consiglio, fatelo al mattino perché ci sono pochi turisti in giro e vi godete la città meglio. Siamo partiti dal Plonlein, un edificio giallo a graticcio che divide due vie. Da qui raggiungiamo l’accesso al cammino di ronda, gratuito, secondo me la cosa più bella di tutta la vacanza, non perdetelo. Durante il giro incontrerete alcune torri:



    Commenti

    Lascia un commento

    Baviera: leggi gli altri diari di viaggio