Immersi nella natura di Panama e Costarica

Tra foreste, cascate, barriere coralline e villaggi indigeni
 
Partenza il: 10/08/2016
Ritorno il: 25/08/2016
Viaggiatori: 2
Spesa: 3000 €

10 Agosto bologna\Francoforte\panama city

Arrivo a Panama City nel tardo pomeriggio Transfert a 35 dollari organizzato dall’albergo Magnolia Inn all’interno di Casco Viejo; volevamo assolutamente dormire nella parte storica.

Mojto sulla terrazza al 4 piano al Tantalo Kitchen (7 dollari cadauno), cena al rene cafe (38 totali) con piccolo menu degustazione con delizioso dolce al latte.

11 Agosto

Colazione al Super Gourmet con omelette, uova alla benedict, ciotola di frutta, caffe e succo (22 dollari). Andiamo alle chiuse di Miraflores con un taxi (5 dollari contrattati per lo stesso tragitto ce ne sono stati chiesti anche 20). Ingresso al centro de visitatores per 15 dollari a persona.

Siamo arrivati quando l’ultima nave del mattino stava passando e ci siamo persi il gioco di acqua e gravità che poi abbiamo visto in un filmatino al cinema del centro visitatori. All’interno del piccolo museo viene spiegata la storia del canale, il susseguirsi dei trattati internazionali che si sono susseguiti e viene posta molta attenzione anche sulle condizioni disastrose in cui lavoravano migliaia di operai che si sono susseguiti nei 30 anni di costruzione. Abbiamo scoperto solo in seguito che anche in Casco Viejo c’era un museo dedicato al canale a soli 3$… Peccato non averlo visto. Taxi dalle chiuse di miraflores al museo della biodiversità per 10$. Non siamo entrati per il costo esagerato dell’ingresso addirittura 18$ a persona. Prendiamo un bus urbano (2$ di card e 25c per ogni corsa, davvero bassissimo) e andiamo al capolinea di Allbrook station. Li giro nel centro commerciale più grande del Centro America: a noi serviva solo fare un po’ di spesa per le colazioni delle mattine successive e invece ci troviamo in una giostra di rumori e luci esageratissima. Si nota davvero come questa città viva due estremi: Le case coloniali del centro storico abbandonate e lasciate morire…tutti quei grattacieli nella città nuova, il consumismo estremo al centro commerciale… le contraddizioni di queste città del centroamerica insomma!

Torniamo sempre in bus a casco viejo. Cena al nazca21, ristorante peruviano. Filetto al pepe verde, spezzatino di manzo con verdure miste spettacolari, dolci da rivedere, 2 birre, acqua e caffè totale 58$.

12 agosto

Tour prenotato tramite Panama roadtrips per visitare la comunità indigena degli Embera. Costo 75$ a testa. Assicuro il più economico di tutti… che prevedono per altro lo stesso programma. Partenza 7.20 dall’hotel con la nostra guida Miguel Ibarra che si rivelerà davvero bravissimo. Arriviamo dopo circa 1.5h di viaggio di interessanti chiacchiere e due ragazzi Embera ci trasportano lungo il fiume rio Chagres a bordo della loro piroga… non si può capire, davvero. Giornata meravigliosa assieme alla comunità indigena. Camminata in mezzo alla foresta, tuffo nel fiume e bagno nei pressi di una cascata. Pranzo con gli indigeni e con un attentissimo Miguel che ci da sempre il consiglio giusto per avere comportamenti adeguati alle usanze della comunità. Ogni pensiero del durissimo anno passato se ne va. Spassionatamente consiglio Miguel anche per altre escursioni perché mescola l’avventura, il turismo e sempre qualcosa di strettamente locale e solidale. Ci riaccompagna all’albergo alle 16. Cena a Las clementinas (58 dollari) nel giardino interno.

13 agosto

Sveglia prestissimo e partenza alle 6.30 in direzione Chitre dove alloggiamo al cubita resort come base per poi spostarci sempre verso Ocú, una cittadina nella provincia di Herrera dove il weekend a cavallo di ferragosto si tiene il festival del Manito (manito Da HERmanito). Arriviamo a Ocú per le 10.30 e assistiamo alla celebrazione del matrimonio campesino in una delle tante chiese del luogo. Abbiamo notato in questo giorni che a Panama convivono moltissime espressioni derivate dal cristianesimo e ad Ocú questo aspetto è evidentissimo. Il matrimonio si conclude dopo una lunghissima messa con tanto di ringraziamento ad ogni singola “entità” statale o privata. Fa caldo, veramente molto caldo. Ci spostiamo nello spazio comune di Ocú dove quello che credevamo la guida e che in realtà era solo l’autista provvede a sfamarci con il pasto tipico del posto: pollo arrosto speziatissimo, riso, yuka e buñeco di mais. Spettacolare. Le persone del luogo, molte vestite in abito tipico, ci riconoscono come unici non autoctoni e ci offrono altro cibo e una bevuta tipica, la chica de mais. Sembra di essere davvero in un’altra dimensione. La giornata prosegue e arriviamo a metà pomeriggio al resort dove passiamo qualche ora in piscina a rinfrescarci dopo il caldo allucinante della giornata. Ceniamo Al ristorante dell’hotel con 47$.

14 agosto

Partenza ore 8.45 dal Cubita resort in direzione Ocú per assistere alla parata del Manito. Arriviamo alle 10 e la cittadina è già murata di persone.

Veniamo ospitati da Gabriel nel suo giardino sulla strada dove si svolge la parata. Alle 11.30 iniziamo a vedere i primi carri e assistiamo ai primi balli di ogni gruppo appartenente a quartieri, contee e ogni qualsivoglia piccola frazione del circondario. Vediamo una moltitudine di cappelli Panama, costumi, bevande e cibi del luogo. Cercavamo il folklore e l’abbiamo trovato davvero! Alle 3 arriva l’acquazzone della giornata fuggiamo nel paese di La Arena, famoso per le ceramiche. Nonostante sia domenica qualche negozio era aperto. Compriamo un vasino per 2$. Torniamo in albergo alle 17 e passiamo il resto della giornata in piscina. Cena al ristorante del resort a 53$.

15 agosto

Partenza 5.30 per l’aeroporto di David, in mezzo alla foresta del Chiriquí. Percorriamo quasi 4 ore di strada montuosa su un’autostrada in costruzione al posto di una vecchia statale. Tra scambi di corsie, frenate e buche osserviamo il mondo dei campesinos che prende vita. Lavoratori e studenti a bordo strada in attesa di un qualsiasi mezzo di trasporto per arrivare chissà dove. Intorno nebbia, giungla e valli con visioni naturalistiche mozzafiato. Mi faccio tutto il viaggio sveglio pensando che forse sarebbe stato bello fermarsi anche qui, ma tutto non si può fare. Da David volo charter di mezz’ora circa e arriviamo a Bocas Town. Ovviamente siamo al mare ed inizia la “nostra” stagione delle piogge. Lasciamo i bagagli in albergo, l’hotel Bocas town, e andiamo a mangiare alla Tom’s house. Un posto carino con menù fisso a 6$ dove comunque non si può spendere più di 10$ a persona. Ciondolando per il paesino arriviamo alla Buga dive and surf, un locale su una palafitta proprio sul mare. Ci torneremo altre volte, perché il gestore fa dei drink veramente ottimi. Torniamo in albergo, tuffo nell’oceano e poi cena al Bocas bambù circa 25$.

Guarda la gallery
herrera-v3wta

Ocu

herrera-dz1v6

Bocas Del toro

herrera-deche

Embera

herrera-wra5z

BriBri



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su bocas del toro
    Diari di viaggio
    panama: mare, natura e carnevale

    Panama: mare, natura e Carnevale

    porterà verso l’isola di Chichime. E' un'esperienza assolutamente da fare, secondo noi, per 2 giorni al massimo. Le sistemazioni sono in...

    Diari di viaggio
    immersi nella natura di panama e costarica

    Immersi nella natura di Panama e Costarica

    10 Agosto bologna\Francoforte\panama city Arrivo a Panama City nel tardo pomeriggio Transfert a 35 dollari organizzato dall’albergo...

    Diari di viaggio
    panama e costa rica, pura vida

    Panama e Costa Rica, pura vida

    5 marzo 2014: PARTENZA La parte che eviterei volentieri nelle vacanze sono le attese in aeroporto....oggi ci toccano 2 ore di attesa in...

    Diari di viaggio
    una pseudo surfista milanese a panama

    Una pseudo surfista milanese a Panama

    12,00 eccomi a Santiago, il miraggio: Mc Donald’s ed un internet point. Leggo la posta: quello.. biiip.. non mi ha scritto. Ma chi se ne...

    Diari di viaggio
    ma cosa c'è a panama?

    Ma cosa c’è a Panama?

    Dopo alcune ricerche sul sito di Turisti per Caso decidiamo che la meta del nostro prossimo viaggio sarà Panama, perché è una meta poco...

    Diari di viaggio
    il nostro viaggio a panama

    Il nostro viaggio a Panama

    dall’incrocio, e lancia verso l’isola. L’hotel Bocas Brava è una spiacevole sorpresa, il tetto è in eternit, una sgradevole...

    Diari di viaggio
    panama... ma che ci andate a fare, ci dicevano!!

    Panama… ma che ci andate a fare, ci dicevano!!

    per l'esperienza di conoscere il popolo dei Kuna, fiero ed orgoglioso della propria storia, cultura e tradizioni... Indimenticabile. -...

    Diari di viaggio
    costa rica, panama liofilizzati

    Costa rica, panama liofilizzati

    Consigli pratici di un viaggio liofilizzato. E' un viaggio questo,vario, di facile organizzazione,comodo e mediamente economico. ...

    Video Itinerari