Il sorriso del Senegal

Dakar e dintorni
 
Partenza il: 12/07/2011
Ritorno il: 24/07/2011
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

Un compagno amante delle percussioni che da sempre ha il sogno di approdare nella terra dei tamburi, nei luoghi dove nascono i suoni come linguaggio e variopinte espressioni ….

Un amico senegalese che scende per ordinare un container di tamburi….E da lì che inizio ad organizzare quello che è stato il viaggio più intenso della mia vita, a contatto con l’anima nera, vissuto con gli occhi e le emozioni di un senegale.

Atterriamo a dakar in piena notte e siamo catapultati nel nono girone dantesco ….gli sfollati vairgati, con enormi pacchi richiuso con lo scotch al posto delle valigie.

Uno sciame di personaggi ci viene incontro per accalappiarsi le nostre mance di turisti bianchi da spennare, chi ci vuol vendere sim della compagnia locale, chi ci offre di portarci le valigie o accompagnarci; riusciamo finalmente ad uscire e a raggiungere con un taxi il nostro boungalow sulla spiaggia di Saly a 80 km da dakar nota come stazione balneare .

Al mattino uscendo a farci il bagno e ad osservare le barchette dei pescatori ci accorgiamo che solo a pochi passi , vicino all’occidenalizzante resort, gli occhi e la povertà della gente salutava il nostro arrivo. Esprimiamo subito al nostro amico-guida la volontà di vivere e percepire l’Africa da più vicino e la volontà quindi di iniziare i luoghi e le persone più intimamente.

Ci viene proposto allora di trasferirci da un affittacamere vicino a dakar e così partiamo con un “roccambolosco ” taxi per Mbour visitando il mercato e la spiaggia dei pescatori, restando immediamente stupiti dal variegato al mercato del pesce , mentre veniamo accerchiati dagli effluvi dell’Africa.,

Consumiamo il nostro primo pranzo senegalese seduti a terra, mangiando con le mani, attraversando un villaggio dove ci viene servito riso con pesce e verdure:, possiamo assistere anche alla ritualità della preparazione del buonissimo tè alla menta seduti al fresco di uno dei pochi alberi il cui particolarissimo gusto ci accompagnerà nei ricordi.

Assolutamente da provare è l’eperienza del galleggiamento nel lago salato Rosa, magnifica oasi naturale di pace a ridosso delle dune della Parigi- dakar, dove possiamo ammirare i secolari ed altissimi baobab e dove entriamo a visitare un mercato di esportazione del mango, frutto di produzione locale e unico dolce che rallegra i bambini ( ne riempiremo le valige per donarli come souvenir del gusto dell’Africa ai nostri amici in rientro in Italia) e l’escursione all’isola di Gorè simbolo della deportazione degli schiavi.

La capitale del Sengal, Dakar è una contraddizione vivente , un centro moderno ed efficiente e una periferia che da la sensazione di vivere un villaggio dall’Interno, l’enorme statua costruita dal presidente in un blocco enorme di bronzo accanto a rotatorie popolate da capre e cavalli.

Spiagge bianche bellissime si trovano a sud e a nord di dakar , meta di turismo anche “sessuale” italiano ed europeo ( come ci viene spiegato ) , un oceano da vivere e da godere in tutta tranquillità.

La vita notturna di dakar è particolarmente animata e vivace e seguiamo il ritmo dei tamburi che proviene da un quartiere e ci imbattiamo in una pittoresca festa per solo donne , un tributo ai suoni, colori e all’anima ritmica nera dove al mio compagno viene concesso di integrarsi e suonare a fianco a fianco ai perussionisti senegalesi.



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
rasiglia e orvieto

Rasiglia e Orvieto

È ideale trascorrere un weekend tra questi due borghi così diversi, ma abbastanza...

versailles e le ville lucchesi

Versailles e le Ville Lucchesi

Vi illustro un bell’itinerario di un giorno lontano dai centri affollati, da effettuare...

il castlèt-tour

Il castlèt-tour

Uno slow tour di 4 giorni per gli amanti dei viaggi fuori dalle rotte turistiche...

Leggi i Diari di viaggio su Dakar
Diari di viaggio
la dakar al contrario

LA “DAKAR” AL CONTRARIO

LA “DAKAR” AL CONTRARIO Testo di Marco Ronzoni - Foto di Marco Ronzoni e Paolo Ciapessoni Sono le quattro del mattino di un...

Diari di viaggio
teranga, non ti dimentico

Teranga, non ti dimentico

Impossibile non evocare, nonostante un anno e mezzo sia passato, l'esilarante esperienza in Senegal. Il ricordo dei colori, dei profumi...

Diari di viaggio
capodanno in senegal

Capodanno in Senegal

della loro economia. Jam rek. Report viaggio in Senegal di Maria Rita Serra

Diari di viaggio
nanga def, maangi fi! dieci giorni in senegal

Nanga Def, Maangi Fi! Dieci giorni in Senegal

Destinazione, Senegal! 10 Giorni fai da te. I voli Firenze - Dakar non sono tanto a buon mercato! Abbiamo preso un Bologna - Madrid, poi...

Diari di viaggio
senegal à la carte

Senegal à la carte

Taste of Lisboa. L’aereo rolla sulla pista. Profumo di kerosene. Adrenalina che scorre. Che bello l’assenza di peso, il tao della...

Diari di viaggio
fantastico senegal fai da te

Fantastico Senegal fai da te

Il Senegal è da vedere. Perché rappresenta una valida alternativa ai soliti percorsi eccessivamente turistici, ed offre una prospettiva...

Diari di viaggio
senegal, africa vera

Senegal, Africa vera

18 Giugno 2011 L’arrivo Fra pochi minuti sono le 19, è appena scattato il segnale che permette di slacciarsi le cinture, sto...

Diari di viaggio
il sorriso del senegal

Il sorriso del Senegal

Un compagno amante delle percussioni che da sempre ha il sogno di approdare nella terra dei tamburi, nei luoghi dove nascono i suoni come...

Diari di viaggio
senegal... proviamo l'africa?

Senegal… proviamo l’africa?

2009 Marzo lunedì 2 Domani è il grande giorno, partiamo per il Senegal. Non è stata una decisione semplice, la scelta del luogo si, è...

Diari di viaggio
senegal l'eleganza dell'africa

Senegal l’eleganza dell’africa

Partiamo da Roma e dopo un volo di 5 ore con scalo a Lisbona, arriviamo di notte a Dakar. Siamo un pò frastornati perchè avendo scelto ...