Il Salento ai tempi della pandemia

Una settimana on the road nella bella Puglia
Partenza il: 23/09/2020
Ritorno il: 30/09/2020
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Cosa fare quando i viaggi oltre oceano sono vietati causa pandemia? Prima di tutto cercare di non intristirsi, l’Italia è tanto bella quindi si fa un elenco delle regioni a noi poco conosciute e si parte!

Voliamo verso il Salento ormai in stagione autunnale da Milano su Brindisi con Easyjet (biglietto circa 50€ a testa), recuperiamo l’auto noleggiata e ci dirigiamo alla volta di Vernole, piccolo paesino ad una quindicina di km da Lecce dove trascorreremo le prime 3 notti. Dopo avere studiato forum e guide, abbiamo deciso di suddividere i giorni di permanenza alloggiando in due zone diverse, Vernole appunto un po’ più vicino alla costa adriatica e Aradeo, più spostato verso la costa ionica. Devo dire a posteriori che la scelta si è rivelata ottima come ubicazione logistica, comunque per chi non vuole spostarsi è certamente possibile alloggiare in un unico posto centrale rispetto alla penisola.

A Vernole la nostra “casa” è stata La Petrusa, un meraviglioso bed and breakfast ubicato in mezzo al verde con colazione spettacolare preparata dalla signora Giusy e servitaci sotto un gazebo. Non si poteva iniziare meglio di così!

Da qui visitiamo le principali spiagge della costa adriatica, che a noi piacerà di più di quella ionica forse un po’ troppo sfruttata. Torre Specchia, Torre dell’Orso con i suoi bellissimi faraglioni chiamati le Due sorelle, la Baia dei Turchi… a fine settembre il bagno si può fare tranquillamente, anche se ogni tanto spira un po’ dì venticello freschino.

Bellissima Otranto, che troviamo molto pulita e tranquilla e che ci affascina moltissimo. Visitiamo anche la ex cava di Bauxite che da Otranto dista un paio di chilometri: si tratta di un laghetto circondato da pareti colorate di diverse tonalità di rosso che è quanto rimane di un giacimento di estrazione mineraria ormai dismesso. Posto ideale per chi ama scattare fotografie particolari.

Durante le nostre scorribande ci troviamo nel tardo pomeriggio al faro di Punta Palascia, anche conosciuto come Capo d’Otranto, che segna il punto più ad est d’Italia. Dal parcheggio si percorre una bella camminata tra rocce bianche e vegetazione tipica della macchina mediterranea e si arriva alla punta rocciosa dove si trova il faro. Senza volere sta per iniziare una visita guidata e ovviamente ci iscriviamo subito! La brava guida che ci ha accompagnati ci racconta la storia del faro e ci conduce alla piattaforma dove si trova la lanterna e da cui si gode una spettacolare vista sulla costa salentina e sul mare. Questo è il punto dove per convenzione l’Adriatico si unisce con lo Ionio e in lontananza si intravedono i monti della costa balcanica distanti circa 70 km! Ammiriamo il sole tramontare e iniziamo la camminata per tornare al parcheggio, rientriamo a Vernole ormai col buio.

Il giorno successivo percorriamo tutta la costa che da Otranto conduce a Santa Maria di Leuca, facendo varie soste lungo il tragitto. C’è un po’ di vento e per fare il bagno ci indicano la piccola piscina Naturale di Marina Serra, dove effettivamente troviamo un mare calmissimo oltre che con spettacolari colori caraibici. Ci sono scalette per accedere all’acqua, e visto che non c’è moltissima gente si trovano anche molte zone dove potere sedersi o sdraiarsi. Panorami bellissimi e un po’ selvaggi ci fanno da contorno in questa giornata…

Guarda la gallery
Salento-Faro di Punta Palascia

Salento-Faro di Punta Palascia

Salento-Gallipoli e spiaggia della Purità

Salento-Gallipoli e spiaggia della Purità

Salento-Bellissima Ostuni

Salento-Bellissima Ostuni

Salento-Piscina Naturale di Marina Serra

Salento-Piscina Naturale di Marina Serra

Salento-Torre Colimena

Salento-Torre Colimena



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo Leggi i Diari di viaggio su Cultura
Diari di viaggio
Dubai Gold

Dubai Gold

1°g sab 16 ottobre - Volo Milano-Dubai Volo Emirates Milano-Dubai con partenza alle ore 14.45 e arrivo alle ore 22.50. Preleviamo...

Diari di viaggio
Bulgaria: Sofia e Plovdid

Bulgaria: Sofia e Plovdid

Viaggio in Bulgaria, tre notti, quasi quattro giorni, due a Plovdid e due a Sofia. Plovdid è stata capitale europea della cultura nel...

Diari di viaggio
Vienna, la città imperiale a misura di bambino

Vienna, la città imperiale a misura di bambino

Atterriamo nell'aeroporto (flughafen in tedesco) di Vienna-Schwechat (20 chilometri sud-est della cittadina) a pomeriggio inoltrato con un...

Diari di viaggio
Interrail con le ali tra le capitali del Nord Europa

Interrail con le ali tra le capitali del Nord Europa

Un viaggio con tre giorni in media per ogni capitale, con la permanenza in ogni città influenzata dalle tariffe che si riuscivano a...

Diari di viaggio
In tutti i laghi: Val d'Ega e dintorni

In tutti i laghi: Val d’Ega e dintorni

19 AGOSTO 2021: NOVA PONENTE Partiamo prima dell'alba per evitare traffico ed alte temperature. Il viaggio si svolge senza problemi in...

Diari di viaggio
Scoprendo i musei di Torino

Scoprendo i musei di Torino

Scoprendo alcuni dei più importanti musei di TORINO si comprende l'anima orgogliosa, policroma e resiliente di quella che è stata la...

Diari di viaggio
Monaco di Baviera 2

Monaco di Baviera 2

Non avevo mai considerato la Germania come una destinazione turistica (Berlino a parte), e mi sbagliavo, perché Monaco è sicuramente una...

Diari di viaggio
Sei giorni ad Amsterdam in agosto

Sei giorni ad Amsterdam in agosto

GIORNO 1: 10 agosto 2021 Siamo partiti da Bologna con il volo KLM delle 6 di mattina, a bordo ci hanno dato un panino non molto buono...

Diari di viaggio
Le scimmie di Kathmandu

Le scimmie di Kathmandu

Non passa giorno in cui io non pensi all'Asia e ormai dopo un anno e mezzo di separazione forzata, a causa delle restrizioni pandemia,...

Diari di viaggio
L’Oltrepò Pavese

L’Oltrepò Pavese

Partenza per L’Oltrepò Pavese, area a sud del fiume Po in provincia di Pavia, ricca di punti d’interesse storici e naturalistici.Il...