Il quinto viaggio in Thailandia

Da Phuket a Koh Lipe, lungo l'Andaman route, passando per Ko Phi Phi e Ko Ngai (con breve scalo ad Abu Dhabi)
 
Partenza il: 26/12/2012
Ritorno il: 07/01/2013
Viaggiatori: 3
Spesa: 1000 €

Eccomi qua a raccontare il nostro quinto viaggio nel Paese del sorriso, il quarto con la nostra piccola bimba globe-trotter di 4 anni! Questa volta decidiamo di visitare le isole del Mar delle Andamane, potendo viaggiare in dicembre, periodo più favorevole, almeno statisticamente, dal punto di vista meteorologico per questa parte dell Thailandia. Troviamo un’ottima opportunità di volo con Etihad da Milano a Kuala Lumpur via Abu Dhabi e partiamo il 26 dicembre. Lo scalo negli Emirati è lungo, 6 ore e mezza, cosi già prima della partenza, e poi ancora in volo, ci informiamo sulla possibilià di immigrare ad Abu Dhabi e fare in taxi un giro della città by night (arriviamo alle 2o ora locale). Il volo di 5 ore e mezza è in perfetto orario, cosi dopo una veloce coda all’immigrazione cerchiamo un taxi, e ci accordiamo per un giro di 3 ore in città per l’equivalente di 80Euro, cifra che non sappiamo se buona o alta. Andiamo subito alla grande moschea, davvero molto bella e suggestiva dove entriamo per la visita (le donne devono indossare una tunica lunga nera con copricapo) nelle sale interne e nel maestoso cortile. Illuminata è un bellissimo spettacolo. Andremo poi al Marina mall, un grandissimo centro commerciale per finire con emirates palace, un hotel lussuoso simbolo della città.

In perfetto orario rientreremo in aeroporti pronti per la seconda parte del viaggio, 7 ore, fino a Kuala Lumpur.

Avevamo già visitato Kuala Lumpur lo scorso agosto per cui ci imbarchiamo dopo poche ore su un volo Malaysia Airlines per Phuket. Qui abbiamo prenotato una notte al Baan Suwantawe, un hotel in Phuket Town a 15 minuti in taxi dal Rassada Pier dove il giorno successivo abbiamo alle 9 già prenotato la speed boat (Satun Pakbara Speedboat) per Ko Phi Phi. All’aeroporto di Phuket è importante, se si ha bisogno di taxi, ricorrere ai taxi prepagati ad un desk all’uscita dell’aeroporto diffidando dai procacciatori di clienti all’interno dell’aeroporto che hanno prezzi decisamente più alti di quelli fissi del desk.

L’albergo è carino, vicino ci sono centri commerciali e ristoranti, ma siamo stanchissimi per cui dopo un bagno in piscina obbligati dalla bimba, ma che alla fine si rivela ristoratore, crolliamo a dormire.

Prenotiamo un taxi alla reception che per 250 baht il giorno successivo ci porterà al porto. Per la partenza per le tanto sognate Phi Phi island.. Finalmente inizia la vacanza!

L’arrivo a Phi Phi dopo circa 1 ora è bellissimo, a poco a poco iniziamo a vedere i contorni di Ko Phi Phi Don e Ko Phi Phi Lay, ed arrivando al molo in tonsay bay notiamo subito da lontano quello che sarà il nostro hotel per 3 notti: il Phi Phi Hotel, l’unico hotel a 3 piani che svetta sull’isola.

Arrivati in hotel, a 1 minuto dal molo, dopo un veloce check in e per fortuna la consegna delle chiavi della camera sebbene fossero solo le 10 del mattino, ci dirigiamo alla spiaggia, in Lo da lum bay… una mezza, piccola delusione: la spiaggia è dorata e superaffollata ed a stento troviamo 2 sdraio.

Passeremo qui la fine della mattinata e il pomeriggio, sebbene dopo le 14 la balneazione è impossibile per la marea bassissima in tutta la baia. Nel frattempo ci informiamo per le escursioni a Maya bay e dintorni, e dopo aver visto che i prezzi sono identici da tutti i venditori prenotiamo l’escursione per il giorno successivo in long tail privata.

Decidiamo con il barcaiolo per la partenza alle 8 del mattino successivo sperando di anticipare cosi le folle di persone in arrivo con le gite giornaliere da Krabi e Phuket… si rivela infatti una buona idea anche se le spiagge saranno comunque già affollate.

L’escursione include una sosta a Maya Bay, a Monkey Beach, in altre belle baie smeraldo per lo snorkelling ( che non faremo essendoci un affollamento di barche al limite dell’ inverosimile!) ed infine a Bamboo Island, che si rivela essere una delle migliori soste.

Il giorno successivo purtroppo piove tutta la mattina e tra una goccia e l’altra al pomeriggio troviamo il coraggio di andare in logtail a Long beach, spiaggia molto carina, con alcuni resort belli e tranquilli.

Questa spiaggia potrebbe essere una buona scelta per essere un po’ lontani dal caos del centro di Phi Phi Don e su una spiaggia balneabile anche con la bassa marea. Le serate in Phi Phi Don sono abbastanza tranquille, sebbene ci sia molta gente si sta decisamente meglio rispetto al giorno, quando l’isola è letteralmente presa d’assalto dai turisti delle gite in giornata.

Dopo 3 giorni a Phi Phi ci imbarchiamo nuovamente sulla nostra barca, la satun pakbara speedboat, diretti alla seconda tappa, Koh Ngai, o Ko Hai come la chiamano i locali.

Il motoscafo farà una sosta a Lanta (30 minuti da phi phi) in cui è necessario cambiare barca, e poi il successivi viaggio è nuovamente di 30 minuti circa.

Il bello del Satun Pakbara speed boat è che, a differenza delle altre linee di trasporti lungo la “ Andaman route”, il motoscafo arriva fino alla spiaggia e non fa sbarcare turisti e bagagli in alto mare sulle longtail, cosa che con mare mosso potrebbe essere un po’ indaginoso.

Arriviamo davanti al Ko Hai Villa, e da qui con le valigie pesanti lungo la spiaggia dobbiamo raggiungere il nostro resort, il Fantasy.

Abbiamo scelto una beach room, che si rivela un’ottima scelta per la posizione fronte mare. Qui trascorreremo il capodanno e i giorni successivi stando davvero tranquilli, regna una pace ed una quiete che a Phi Phi è impensabile.

Anche in questo caso la spiaggia è soggetta alle maree per cui al pomeriggio e al mattino presto la balneazione è più difficoltosa.

Pernottereno in questo resort 3 giorni.

Sull’isola non c’è nulla a parte i resort ed i loro ristoranti; ogni tanto noi andavamo al ristorante con barbecue sulla spiaggia del ko hai camping, per cambiare rispetto al ristorante del fantasy.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Abu Dhabi
    Diari di viaggio
    1 settimana a dubai

    1 settimana a Dubai

    Giorno 1: Marzo 2020, è appena scoppiata la pandemia Corona Virus in Italia ma ancora non hanno imposto nessuna restrizione a livello...

    Diari di viaggio
    crociera emirati e oman

    Crociera Emirati e Oman

    Da qualche anno abbiamo iniziato ad inserire tra le varie tipologie di viaggio ogni tanto una crociera. Dopo averci provato, abbiamo vinto...

    Diari di viaggio
    emirati arabi ed oman da nord a sud a natale: 2.700 km in 4x4, in autonomia, uno spettacolo!

    Emirati Arabi ed Oman da nord a sud a Natale: 2.700 km in 4×4, in autonomia, uno spettacolo!

    con l’impiegato siamo andati al parcheggio, l’auto è diventata una Suzuki Grand Vitara. Stanchi del lungo trasferimento da Dubai,...

    Diari di viaggio
    dubai, abu dhabi, giava e bali: il nostro viaggio di nozze fai da te

    Dubai, Abu Dhabi, Giava e Bali: il nostro viaggio di nozze fai da te

    5 agosto Arriviamo a Dubai al mattino presto, dopo 6 ore di volo tranquille con Emirates. Dopo una veloce colazione in aeroporto, ci...

    Diari di viaggio
    long weekend ad abu dhabi

    Long weekend ad Abu Dhabi

    Lungo fine settimana ad Abu Dhabi Dal 22 al 27 febbraio 2018A Roma fa freddo e con mia moglie decidiamo di concederci un fine...

    Diari di viaggio
    dubai: da scettico a meravigliato

    Dubai: da scettico a meravigliato

    Siamo appena tornati da Dubai, io e mia moglie, e devo dire che, nonostante i miei dubbi iniziali, ne è valsa davvero la pena, la rifarei...

    Diari di viaggio
    abu dhabi e dubai: una settimana negli emirati arabi

    Abu Dhabi e Dubai: una settimana negli Emirati Arabi

    o su relitto; sapendo che la barriera corallina in questa zona non è particolarmente interessante, abbiamo optato per i relitti nella zona...

    Diari di viaggio
    emirati arabi: verso il quarto vuoto

    Emirati Arabi: verso il Quarto Vuoto

    Sorvoliamo Abu Dhabi che è già sera. Nuvole e lampi all’orizzonte, l’aereo ritarda ad atterrare a causa del temporale che ha allagato...

    Diari di viaggio
    emirati arabi uniti e oman, l'arabia di ieri e quella di domani

    Emirati Arabi Uniti e Oman, l’Arabia di ieri e quella di domani

    preghiera davvero meravigliosa, sormontata da una coloratissima cupola ed un lampadario enorme, e la città vecchia di Muscat circondata da...

    Diari di viaggio
    dubai in pratica

    Dubai in pratica

    Non riuscivo a immagine a cosa sarei andata incontro. Non ho problemi a immaginarmi camminare per Madrid o Parigi, ma quando si è trattato...