Il mondo dietro casa: Milano e il Lago di Como

Viaggio tra Milano e Como.
 

Ammettiamolo, Tokyo ha un fascino incredibile. Un connubio perfetto tra modernità e tradizione. Chi ha avuto la fortuna di visitarla sa perfettamente come queste due anime si fondono in un equilibrio perfetto che rende la città una continua ed entusiasmante scoperta. Si passa da grattacieli di dimensioni imponenti a modeste botteghe o a magnifici templi adornati da incredibili giardini, con piccole cascate e ruscelli, carpe, piante rigogliose e sculture decorative. Dei luoghi di quiete che si oppongono alla frenesia e al frastuono della metropoli, ma che allo stesso tempo si integrano ad essa in modo armonioso ed elegante. Davvero suggestivo!

Ma chi ha detto che per immergersi in questa realtà così contraddittoria e sorprendente, bisogna andare per forza dall’altra parte del mondo?

Perché fare un volo di dodici ore per visitare la capitale giapponese quando il paese del Sol Levante non si è mai trovato così a portata di mano, così vicino a casa?

Esatto! Non ci crederete, ma è proprio a Milano che potrete trovare un piccolo angolo di Oriente.

Tenoha Milano, lo stile di vita giapponese in uno store

O meglio, per essere più precisi, bisogna raggiungere Via Vigevano 18, nel cuore dei Navigli milanesi, dove si trova il Concept Store di Tenoha Milano. Questo “store” nasce con l’intenzione di proporre uno stile di vita basato sulla conoscenza e diffusione della cultura giapponese. Si va dalla moda al cibo, passando dai libri ai cosmetici, per arrivare agli oggetti di cartoleria fino agli oggetti di design per la casa. Inoltre, Tenoha Milano, propone workshop e masterclass, strutturati in corsi settimanali adatti a tutti e che spaziano tra l’artigianato antico e contemporaneo giapponese, l’arte dei sapori e la quotidianità giapponese. Oltre a tutto ciò, questo Concept Store, è caratterizzato da ampi spazi per ospitare sfilate, installazioni, eventi e molto altro.

È proprio in questi ambienti che è stata allestita l’esposizione “Botteghe di Tokyo”, una mostra immersiva ispirata alle illustrazioni dell’artista polacco Mateusz Urbanowicz, che permette di esplorare una serie di botteghe tradizionali della capitale giapponese. Le installazioni offrono la possibilità al visitatore di “interagire” con la scenografia circostante. Camminando sotto i Sakura (i ciliegi giapponesi), si passa davanti al Ten’yasu grocery store, dove è possibile sedersi al tavolino esterno e impugnando le bacchette, far finta di gustare una bella ciotola di Ramen, oppure dirigersi verso la Seishin-dou book store, entrare e rilassarsi leggendo un libro o un fumetto in lingua giapponese.

Qua si possono comprare gli Ema, piccole tavolette di legno su cui è possibile scrivere preghiere o desideri da appendere in una bacheca dedicata, o acquistare delle cartoline da imbucare nella cassetta delle lettere adiacente alla bottega. Se invece si ha sete, ci si può avvicinare al Jidohanbaiki (i famosi distributori automatici giapponesi), onnipresenti nelle strade della metropoli, che permettono di non restare mai a secco di qualcosa di fresco (o caldo) da bere… c’è solo l’imbarazzo della scelta! Si può visitare il Kikumi senbei shop, dove è possibile comprare i cracker di riso tipici di questo negozio. Sedersi sulla poltrona del parrucchiere al Kobayashi Hairdresser o sopra i cuscini della bottega Zabuton Koizumi pillow shop, magari, immaginando di sorseggiare un buon the macha.

La mostra è sicuramente ben progettata e soprattutto molto interessante. È valsa la pena di fare un salto a Milano per poter respirare un po’ di atmosfera tipica giapponese, di immergersi nella quotidianità e nella cultura di questo paese così lontano. Soprattutto quando è del tutto gratuita! È comunque necessario prenotare on-line il biglietto per visitare l’esposizione, infatti, vista la situazione COVID, gli ingressi sono contingentati. Quindi per evitare brutte sorprese è meglio partire organizzati.

Poi se si vuole fare una colazione, un pranzo, una merenda o una cena (in base all’orario in cui si decide di prenotare l’ingresso alla mostra), il bar/ristorante di Tenoha offre moltissime specialità tipiche giapponesi, con un’ampia varietà di sakè, birre e liquori, direttamente importati dalla terra del Sol Levante. Davvero squisiti… Provare per credere!

Successivamente, avendo a disposizione uno/due giorni, ho deciso di cogliere l’occasione di partire per una piccola avventura. Approfittando di un weekend lungo, dopo avere fatto tappa a Milano per la mostra, ho deciso di proseguire il mio viaggio fino a Como. Queste due città sono ben collegate tra loro, ci sono treni diretti che partono da Milano Cadorna e arrivano a Como Lago nel giro di un’ora a dei prezzi molto contenuti, con il vantaggio di evitare lo stress della guida e del trovare parcheggio.

Quel ramo del Lago di Como…. sbagliato!

Eh già… quando si nomina il Lago di Como non si può fare a meno di pensare ai Promessi Sposi, la famosa opera di Alessandro Manzoni. Come molti sapranno, “quel ramo del Lago di Como”, che descrive con delle bellissime parole un luogo da sogno, fa riferimento al paesaggio del Lecchese. Ma questo, naturalmente, non toglie niente alla bellissima cittadina di Como, che merita assolutamente di essere visitata!

Appena usciti dalla stazione ferroviaria, che si trova proprio sul lungolago, si può ammirare subito uno splendido paesaggio. Sulla destra, alzando lo sguardo sulla cima della collina che sovrasta il lago, si può scorgere il paese di Brugnate, che si collega al Lago di Como tramite la storica funicolare; osservando il lago davanti a noi, all’estremità di questa baia (aguzzando un po’ la vista), si può vedere Villa Geno con la sua fontana che emerge dal lago e sale verso il cielo per una trentina di metri. Continuando a costeggiare il lago si può vedere, alla fine della diga foranea cittadina, il monumento creato da Daniel Libeskind, “The Life is Electric”, in onore di Alessandro Volta, da cui è possibile una vista del Lago di Como e di Como da dentro il lago stesso. Questa installazione si trova proprio davanti a Piazza Cavour, la piazza principale della città.

La particolarità di questa piazza è il fatto che è stata concepita come uno spazio “aperto”, che abbraccia il lago, piena di locali e ristoranti che permettono di gustare buonissime prelibatezze ammirando un panorama davvero suggestivo. Da Piazza Cavour, seguendo via Plinio, si sbuca in Piazza del Duomo, dove sorge la maestosa cattedrale di Como, costruita nell’arco di tre secoli e che presenta quindi caratteristiche di diversi stili architettonici che vanno dallo stile Tardo gotico, a quello Rinascimentale, per finire con lo stile Rococò.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Como
    Diari di viaggio
    como, lecco e tanto altro

    Como, Lecco e tanto altro

    Il desiderio sempre forte di conoscere posti nuovi ci porta quest’anno a rimanere nella nostra Italia e visitare un pezzo di Lombardia...

    Diari di viaggio
    lecco... una perla sul lago di como!

    Lecco… una perla sul Lago di Como!

    Sul ramo orientale del lago di Como c'è una città famosa per essere ambientazione e ispirazione per i Promessi Sposi e che è uno scrigno...

    Diari di viaggio
    la terra dei laghi

    La terra dei laghi

    A volte una vacanza nasce in maniera casuale, magari perché i piani cambiano all'ultimo minuto e ci si ritrova a dover inventare in pochi...

    Diari di viaggio
    milano e laghi

    Milano e laghi

    Questo non è esattamente un diario di viaggio. Si tratta, piuttosto, di una raccolta di gite fuori porta nella zona del Lago di Como, Lago...

    Diari di viaggio
    in auto da avellino a monaco di baviera passando per svizzera, liechtenstein e austria

    In auto da Avellino a Monaco di Baviera passando per Svizzera, Liechtenstein e Austria

    Cari tpc, in questo diario di viaggio proverò a raccontarvi i nostri 3000 km percorsi partendo dal sud Italia e precisamente da Avellino...

    Diari di viaggio
    weekend tra como e villa litta

    Weekend tra Como e Villa Litta

    Villa Litta si trova a Lainate, alle porte di Milano e a breve distanza dalla bella meta natural-culturale quale è la città di Como. E'...

    Diari di viaggio
    quel ramo del lago di como 2

    Quel ramo del lago di Como 2

    Ogni anno in febbraio a Cernobbio si svolge ComoCasaClima, fiera di bioedilizia. Un'amica è direttrice di una rivista sul tema, con la...

    Diari di viaggio
    i laghi della lombardia

    I laghi della Lombardia

    Io e la mia famiglia decidiamo di trascorrere una settimana visitando i laghi lombardi, con noi il nostro bambino di 22 mesi. Partiamo da...

    Diari di viaggio
    quel ramo del lago di como

    Quel ramo del Lago di Como

    In occasione del nostro primo anniversario di matrimonio , mio marito Andrea ed io abbiamo deciso di concederci due giorni lontano dalla...

    Diari di viaggio
    il lago di como:il suono del silenzio

    Il lago di Como:”il suono del Silenzio”

    Io e Casi siamo partiti da Scauri (Latina) destinazione Como, dal 28 agosto al 2 settembre, ospiti di Fabio e Teresa nostri parenti e...