Il giorno con due albe

Nel borgo di Pruno durante il solstizio d'estate... dove è possibile vedere l'alba due volte
 
Partenza il: 20/06/2017
Ritorno il: 22/06/2017
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Abbiamo lasciato l’autostrada Azzurra all’uscita Versilia e ci ritroviamo sulla Via Aurelia all’ingresso di Forte dei Marmi. Ci fermiamo presso il “fortino” Lorenese testimone della difesa della Costa Tirrenica dalle scorribande dei corsari, ma questa volta la nostra destinazione non è la rinomata stazione balneare.

Riprendiamo il nostro cammino percorrendo la Valle del Vezza che in pochi chilometri unisce le spiagge con le vette delle Panie che superano 1500 metri di altitudine. Il primo paese che incontriamo è Seravezza dove ammiriamo la confluenza tra i torrenti Serra e Vezza, là dove danno vita al fiume Versilia. I nomi dei torrenti prendono il nome dall’antico borgo longobardo Sala Vetitia e non viceversa. Serravezza è nota per le sue cave di marmo ai piedi del Monte Altissimo, dove Michelangelo scelse alcuni blocchi per le sue opere. Uscendo dal paese incontriamo subito un edificio Patrimonio Mondiale dell’Unesco, si tratta del Palazzo Mediceo di Serravezza. Proseguiamo risalendo verso Cardoso, lasciandoci alle spalle Pontestazzemese e costeggiamo vertiginose pareti di marmo e limpidi ruscelli fino ad arrivare nel cuore verde delle Alpi Apuane meridionali. Un luogo incantato tra le Panie marmoree ed il cielo. Ci troviamo ai piedi del Monte Forato nel piccolo paese di Pruno.

Il borgo mostra un impianto urbano nettamente medievale, anche se è di probabile fondazione romana o preromana ed il nome deriva dal termine latino prunulus, “susino spinoso”. Giunti nel borgo scopriamo subito che custodisce una pieve romanica del XIII Secolo posta all’estremità più visibile a sud con un campanile alto ben 22 metri in contatto visivo con la pieve del vicino Volegno. Siamo arrivati alla nostra destinazione, senza tralasciare le bellezze architettoniche, ci prepariamo a contemplare un alba veramente speciale in un giorno altrettanto singolare: si tratta di un’alba doppia che si verifica durante il solstizio d’estate.

Il Monte Forato, conosciuto anche come Pania Forata, presenta ben due vette, alte rispettivamente 1204 e 1230 mt.; le cime sono unite da uno straordinario arco naturale orientato da Nord a Sud, spesso otto metri che crea tra di esse un foro di circa trenta mt. ed è proprio questa formazione calcarea a far sì che il Sole sembri albeggiare due volte a distanza di tre minuti: inizialmente dentro il foro, successivamente, dopo essersi celato per alcuni secondi dietro l’arco, al di sopra della vetta più alta. Fermandoci nel piccolo borgo, scopriamo che l’evento è accompagnato da una serie di appendici popolari tali da rendere l’alba ancor più suggestiva. Con altri viaggiatori attendiamo l’aurora mattutina rapiti da balli folkloristici e da rappresentazioni teatrali.

La nascita del Sole illumina i rigogliosi boschi accompagnata da melodiosi suoni di flauto, di violino e di letture di poesie. Gli abitanti di Pruno, infatti, nella settimana che culmina il ventuno Giugno accolgono questo fenomeno naturale con una festa di paese dai toni etnici e mistici, una sagra dal sapore antico e rurale, che attira numerosi spettatori. Per rendere ancora più suggestiva l’alba, una squadra di alpinisti, durante la notte, stende sull’arco un sipario a forma di vela chiudendo il foro naturale. Successivamente, qualche istante prima del sorgere del Sole, al suono di un corno Jobel e di una viola, cala il sipario ed i primi raggi di luce iniziano ad illuminare tutta la valle dando il vita alla doppia alba. Illuminati dai raggi solari ci tornano alla mente i versi di Pascoli nella sua descrizione della Pania osservata dal versante della Garfagnana (da I Canti di Castelvecchio):”O monte, che regni tra il fumo del nembo, e tra il lume degli astri, …”.

Angeli custodi dell’evento sono i volontari dell’Opera Pia Mazzucchi che mettono a disposizione dei viaggiatori diversamente abili una carrozzina particolare capace di muoversi sui sentieri di montagna. La manifestazione del “Solstizio d’Estate” nasce nel 1997 dopo l’alluvione dell’anno precedente che aveva devastato la vallata. Gli abitanti di Pruno per reagire alla catastrofe, pensarono a come valorizzare il territorio. Si ricordarono che le popolazioni dei Liguri Apuani consideravano il fenomeno del Monte Forato come evento mistico, quindi decisero di dare vita all’iniziativa dell’osservazione della doppia alba per promuovere il territorio dell’Alta Versilia al fine di creare una progetto di aggregazione degli abitanti della valle alluvionata.

In questa occasione, molti astrofili, anche stranieri, che da anni vengono in Italia per fotografare l’alba, raccontano di aver osservato attraverso l’arco del Forato anche altri eventi astronomici come i passaggi della Luna e delle Pleiadi. La presenza dell’arco sul monte è infatti un richiamo per chi si cimenta nel fotografare gli astri che transitano apparentemente dietro il foro durante tutto l’anno.

Per immortalare l’evento al meglio, i fotografi più esperti consigliano di simulare il passaggio del disco solare dentro l’arco con qualche software planetario considerando che il centro del foro ha le coordinate sulla sfera celeste pari a Alt.16°00’00” ed Azimut di 073°42’00”, e che il sito migliore per la ripresa è il pianoro sopra la Locanda Il Poveromo, che ha le coordinate GPS pari a: 44°00’38.29”N, 10°18’37.82”E.

Si può assistere alla doppia alba anche in periodi lontani dal solstizio estivo, ma questa volta stando comodamente sdraiati sulle spiagge della Versilia. Esiste infatti una serie di stabilimenti balneari poti lungo tre chilometri di spiaggia tra Forte dei Marmi e Massa Cinquale, qui di seguito elencati, da cui è possibile osservare il Sole nell’arco del Forato circa venti minuti dopo l’orario dell’alba:

Bagno Apuana Mileto e Italia: il 10 maggio e il 4 agosto;

Bagno Boma: il 9 maggio e il 5 agosto;

Bagno Giuliana: l’8 maggio e il 6 agosto;

Bagni Angelo Ponente e San Camillo: il 7 maggio e il 7 agosto;

Bagno Alba: il 6 maggio e l’ 8 agosto;

Bagni Pennone e Capri: il 5 maggio e il 9 agosto;

Bagno Salvatori: il 4 maggio e il 10 agosto;

Bagni Solemar e Belmare: il 29 aprile e il 15 agosto;

Bagno Cinquale: IL 28 aprile e il 16 agosto;

Ristorante Max E Bagno Galliano: il 27 aprile e il 17 agosto;

Guarda la gallery
toscana-n3mx5

Il giorno con due albe

toscana-3bjzj

Il giorno con due albe

toscana-q496g

Il giorno con due albe

toscana-ehefz

Il giorno con due albe

toscana-e7gg5

Il giorno con due albe

toscana-633sn

Il giorno con due albe

toscana-94qhu

Il giorno con due albe



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Apuane
    Diari di viaggio
    il giorno con due albe

    Il giorno con due albe

    Abbiamo lasciato l’autostrada Azzurra all’uscita Versilia e ci ritroviamo sulla Via Aurelia all’ingresso di Forte dei Marmi. Ci...

    Diari di viaggio
    trekking lungo i sentieri delle alpi apuane

    Trekking lungo i sentieri delle Alpi Apuane

    mi stupisce abbastanza nel vedere come pulisce il piatto. Poi mangiamo straccetti di pollo e patate a sazietà, mentre parliamo con Erika,...

    Diari di viaggio
    al fresco nell'antro del corchia

    Al fresco nell’Antro del Corchia

    Quest’anno per Ferragosto ho optato per una meta davvero fresca! Ho convinto mio marito a trascorrere la consueta gita fuori porta...

    Video Itinerari