Il fascino di Santorini e dei suoi tramonti

Come molti sono rimasta affascinata da quest’isola dopo aver visto il film di Muccino “Che ne sarà si noi” e finalmente quest’anno sono partita per questa meta tanto desiderata insieme ad Andrea, il mio ragazzo.. Siamo partiti il 9 agosto da Bologna con volo charter con scalo a Mykonos. Arriviamo a Santorini verso sera. Abbiamo scelto...
 
Partenza il: 09/08/2007
Ritorno il: 16/08/2007
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 2000 €

Come molti sono rimasta affascinata da quest’isola dopo aver visto il film di Muccino “Che ne sarà si noi” e finalmente quest’anno sono partita per questa meta tanto desiderata insieme ad Andrea, il mio ragazzo.. Siamo partiti il 9 agosto da Bologna con volo charter con scalo a Mykonos. Arriviamo a Santorini verso sera. Abbiamo scelto di soggiornare a Thira, capitale dell’isola. Il nostro albergo è piccolo, a conduzione familiare e i colori predominanti sono il bianco e il celeste. Appena arriviamo in albergo non perdiamo tempo e ci dirigiamo verso il centro del paese, molto affamati e pieni di curiosità. Thira si presenta con le sue stradine strette, lastricate di pietra, brulicanti di gente e piene di negozi, (moltissimi orafi!) bar e ristoranti. Si affaccia sulla caldera, a picco sul mare, su una parete rocciosa di 300 m. Le case si appoggiano l’una all’altra degradando verso il mare e dai vari terrazzi si può contemplare un panorama unico! Scegliamo uno dei tanti ristoranti presenti in paese e mangiamo due bei piatti di Souvlaki alla modica cifra di € 8 a testa. Il cameriere è molto gentile e ci offre anche due bicchieri di Ouzo, il tipico liquore greco fatto con l’anice.

Il secondo giorno noleggiamo un motorino per € 20 il giorno (cifra media richiesta dai noleggiatori), ma ci va molto meglio rispetto ad altri, dato che è nuovo. Santorini è un’isola piccola, lunga 30 Km e larga circa 6-7 Km e il motorino è il mezzo ideale per girarla, anche se di notte manca un po’ d’illuminazione e percorrere lunghe distanze non è proprio bellissimo. Comunque c’è anche un ottimo servizio di autobus: ogni paese di interesse turistico è collegato con Thira. Sia di giorno che di sera abbiamo visto con frequenza passare i pullman.

In sella al nostro motorino ci dirigiamo verso le spiagge. Tutte le spiagge si trovano nella parte pianeggiante dell’isola, ossia quella opposta alla Caldera. Le località balneari più famose sono Kamari e Perissa, separate da un monte roccioso (Monte Elias) ed hanno spiagge lunghe di sabbia e ghiaia nera. Raggiungiamo Perissa, caratterizzata da un lungomare lungo vari Km, su cui si affacciano numerose taverne e locali lounge per aperitivi o per trascorrere una serata, che già dal primo pomeriggio cominciano a diffondere musica. Per l’esattezza la maggior parte di questi locali si trova a Perivolos, ossia la parte finale del lungomare, dove si concentra la maggior parte dei giovani. Qui la spiaggia è un po’ più grande, la sabbia più fine e l’accesso al mare è più agevole, nel senso che non ci sono scogli. Diciamo che è la spiaggia più animata dell’isola, dove vengono anche organizzate delle feste. Ovunque è possibile noleggiare ombrelloni e sdraio alla modica cifra di € 6, ma sono comunque presenti le spiagge libere, anche se il sole greco picchia parecchio e dopo un po’ si sente la necessità di un riparo. In alcune spiagge, addirittura, se non si arriva presto, si rischia di non trovare un ombrellone libero! Vorrei comunque consigliare a chi ha l’occasione di andare a Perissa, di noleggiare l’ombrellone da Forum: costa un po’ di più rispetto alla media (€ 9), ma dà un servizio eccellente: hanno il proprio bar e ristorante sul lungomare ed effettuano servizio in spiaggia, servendo cocktail, bibite e tutto quello che si desidera direttamente sotto l’ombrellone, ma la cosa che ci ha colpito di più è che se vai a mangiare al loro ristorante e presenti lo scontrino della spiaggia, ti scalano i 9 euro dal pranzo! Increduli abbiamo speso € 17 pranzo più spiaggia! La sera, con più calma, decidiamo di conoscere un po’ meglio la vita notturna di Thira. Andiamo a mangiare in una taverna del centro e anche lì rimaniamo piacevolmente colpiti dalla gentilezza delle persone: eravamo in fila con altra gente ad aspettare il tavolo e il proprietario offre a tutti un bicchiere di vino! Il vino è uno dei prodotti tipici di Santorini, ovunque ci sono vigne…Dicono che il terreno vulcanico si presti molto a questo tipo di coltivazione e a dire il vero i risultati sono ottimi!!! La vita notturna di Thira è molto vivace: un’intera strada del centro storico è piena di discoteche: ce ne saranno circa dieci. Noi decidiamo di trascorrere la serata al Taj Mahal, locale in stile orientale, dove oltre a ballare è possibile fumare il narghilet ed assistere a spettacoli di percussionisti e ballerine di danza del ventre. La vita notturna si protrae fino al mattino, perfino i bar e i negozi di souvenir che si trovano vicino ai locali rimangono aperti fino a tardi. Dalle 7 alle 9 invece c’è il deserto più totale…La città si addormenta in attesa di cominciare una nuova giornata.

Il terzo giorno continuiamo nell’esplorazione della parte sud dell’isola: direzione Akrotiri e Red Beach. Ad Akrotiri si trova il sito archeologico dell’antica civiltà di Santorini, quella che fu distrutta dall’eruzione vulcanica del 1650 A.C., che ha cambiato la conformazione dell’isola, facendo sprofondare il vulcano (di cui è rimasta la punta) e dando origine alla caldera che rende così particolare Santorini. Purtroppo gli scavi erano chiusi a causa di un cedimento che si era verificato nei mesi precedenti. Non ci rimane così che contemplare la magnifica vista sulla caldera che offre la zona di Akrotiri spingendoci fino al faro, che è proprio la punta estrema dell’isola. Il forte vento ci accompagna per tutto il tragitto. Da Akrotiri ci dirigiamo verso la Red Beach. Parcheggiamo il motorino e proseguiamo a piedi seguendo un percorso un po’ impervio (portatevi le scarpe da ginnastica!), ma lo spettacolo che si apre davanti a voi una volta raggiunta è del tutto unico! La spiaggia si trova in fondo a una parete rocciosa di colore rosso (che dà un’idea un po’ di precarietà!) e sembra di essere in un paesaggio marziano!!! Purtroppo il mare mosso e il forte vento non ci hanno permesso di godere a pieno di questa spiaggia, così abbiamo ripreso il motorino in direzione di Vlichada. Mentre percorrevamo la strada per Vlichada, ci sembrava di essere nel Gran Canyon! Intorno a noi c’era un paesaggio piuttosto arido ed assolato, con qualche vite di tanto in tanto e delle pareti rocciose che ci sovrastavano. Una volta raggiunta la costa, anche questa ci ha riservato una sorpresa paesaggistica: sulla spiaggia si affacciano delle alte pareti rocciose. Dall’altra parte della spiaggia, invece, c’è un piccolo porto di pescatori, mentre il paese risulta un po’ più in alto.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Grecia
    Diari di viaggio
    quattro giorni di relax a naxos

    Quattro giorni di relax a Naxos

    Quattro giorni di relax a Naxos Itinerario e informazioni utili a Naxos, per una breve pausa di relax.L’isola di Naxos è la...

    Diari di viaggio
    peloponneso tra storia e mare

    Peloponneso tra storia e mare

    Vacanze in Grecia... è sempre un grande, immenso, gigante Sì! Soprattutto quando si ha a disposizione una macchina, una settimana di...

    Diari di viaggio
    il nostro grande ritorno in grecia, tra il bellissimo mare di lefkada e l’emozione di meteore in tessaglia

    Il nostro grande ritorno in Grecia, tra il bellissimo mare di Lefkada e l’emozione di Meteore in Tessaglia

    Finalmente dopo circa due anni di stop, si ricomincia a viaggiare e decidiamo di ritornare a visitare la Grecia (la nostra ultima volta in...

    Diari di viaggio
    zante seen by my eyes

    Zante seen by my eyes

    Perdendosi tra ulivi e vigneti, curva dopo curva arrivi al mare, accolto dalle sacre sponde frastagliate, imponenti e incantevoli. I...

    Diari di viaggio
    nel dodecaneso, tra passato e presente

    Nel Dodecaneso, tra passato e presente

    Siamo tornati a Rodi. L’isola non sarebbe stata la meta principale ma un soprattutto un transito per raggiungere via mare altre isole...

    Diari di viaggio
    due settimane a naxos (cicladi)

    Due settimane a Naxos (Cicladi)

    NAXOS by Rosella & Edoardo: 2 settimane di esplorazione, sole, mare, riposoInnanzitutto i doverosi ringraziamenti ai Turisti per...

    Diari di viaggio
    due settimane di mare a creta

    Due settimane di mare a Creta

    Due settimane a Creta24 giugno - 8 luglio 2022Partecipanti: io e FrancaPrologoCon la situazione Covid che non è...

    Diari di viaggio
    corfù, isola diversa

    Corfù, isola diversa

    Corfù è forse la meno bella delle Isole Greche visitate, tuttavia interessante e con spunti notevoli che hanno reso la vacanza gradevole...

    Diari di viaggio
    rodi, buona la prima e anche le altre nove

    Rodi, buona la prima e anche le altre nove

    Dopo 2 ore che "traffico" su internet cercando voli (lievitatissimi come costo), coincidenze e trasferimenti per raggiungere un paio di...

    Diari di viaggio
    week end a preveza

    Week end a Preveza

    Weekend a Preveza, una perla dello Jonio. 27 Maggio 2022, venerdì. Volo economico (Ryanair) Fiumicino –  Aktio AR a 32 euro, acquistato...