Il Cammino di Compostela

A Santiago de Compostela, ma in macchina
 
Partenza il: 31/05/2014
Ritorno il: 07/06/2014
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Il cammino di Compostela, ma… in macchina!

Sicuramente molti lettori storceranno il naso, ed a ragione, alla lettura del titolo che ho deciso di dare al mio breve racconto del viaggio in Spagna sulle orme dei veri viandanti della Compostela, ma per me e la mia compagna il tempo è tiranno! Per il lavoro che svolgiamo non possiamo avere dei periodi di ferie che ci permettano di poter “canonicamente” dare corso al vero cammino per arrivare a Santiago di Compostela e quindi abbiamo organizzato il viaggio sulle tracce dei viaggiatori ma utilizzando la macchina, ovviamente con molto meno fascino del vero cammino, ma assaporando anche noi i luoghi in cui “loro” passano utilizzando qualche comodità che non guasta al corpo, ma anche alla mente.

31.05

Partenza da Catania ( con scalo a Roma ) con volo Easyjet puntualissimo e abbastanza comodo nei posti a sedere, arriviamo a Barcellona nella tarda mattinata per poi subito dopo spostarci alla stazione in modo da prendere il treno ad alta velocità che in tre ore e mezza ci porterà a Pamplona, da dove comincia il vero viaggio sulle orme dei fedeli della Compostela.

Alloggiamo al Maisonnave hotel, ottimo, in pieno centro storico, a pochi passi da tutte le attrazioni che la cittadina offre. Personale gentilissimo, ci hanno fatto usare la camera anche oltre l’orario consentito senza dover pagare nessuna differenza. Desidero segnalare anche il ristorante dell’albergo sia per il servizio di ottima qualità sia per il cibo veramente ottimo.

01.06

Dopo aver fatto colazione passeggiamo per le vie cittadine, il quadrilatero della città vecchia è abbastanza agevole per essere visitato, basta prendere come riferimento la Plaza del castillo e perdersi in tutte le viuzze che da essa si ramificano per tutto il centro storico. Oggi è domenica e quasi tutti i negozi sono chiusi ma c’è una maratona cittadina con arrivo nell’Avenida de Carlos III che anima le vie, altrimenti, tranquille della città. In tarda mattinata, nonostante l’abbondante colazione non resisto alla tentazione di comprare un panino ( il primo di tanti altri ) con il famoso prosciutto crudo iberico. Mi mangio anche le dita per com’è gustoso!

La macchina, prenotata dall’Italia, sarà disponibile soltanto nel pomeriggio, per questo motivo chiediamo, alla reception dell’albergo, la cortesia di poter usufruire delle camere oltre l’orario del check-out. Ci accordano la permanenza in camera fino alle 16.00 senza alcun aggravio di spesa, ho la riprova del grande senso di ospitalità della gente del luogo!

Tardo pomeriggio, con un taxi, ci facciamo portare all’aeroporto di Pamplona, quasi deserto per la poca attività, ed attendiamo l’apertura dello sportello Hertz per il ritiro della macchina.

Ci dirigiamo verso Olite dove alloggeremo nel locale Paradores, splendido castello d’epoca, dove abbiamo anche la cena.

02.06

Sveglia con calma ed ottima colazione, il paesino, a torto, non è neanche contemplato nella fedele guida touring, ma ci facciamo lo stesso due passi e così scopriamo e visitiamo il Palacio des Reyes de Navarra, capolavoro dell’architettura civile gotica del XXV secolo con alte torri da cui si gode un bellissimo panorama sui vigneti circostanti e con un giardino pensile molto curato. Molte chiese di buon valore artistico e numerose botteghe cooperative che sono cantine di produzione del vino locale.

Prendiamo la macchina e visitiamo l’eremo di Ermita de la Virgen de Eunate in stile romanico molto raccomandato dalla guida ma che a noi non colpisce più di tanto. Proseguiamo per il Puente de la Reina nell’omonima cittadina famosa appunto per il suo ponte romanico e Navarrete, piccolo centro che ha mantenuto l’aspetto medievale con le sue vie porticate e la bella Iglesia de la Asuncion in cui è custodita una pala barocca. Prossima tappa a Najera con il gioiellino rappresentato dal Monasterio de Santa Maria la Real ed il suo magnifico chiostro de los Caballeros.

Tardo pomeriggio raggiungiamo Santo Domingo de la Calzada ed alloggiamo nel locale paradores. Cena compresa nel costo della camera.

03.06

Il programma odierno prevede la visita della cittadina, che è da sempre una delle mete più importanti del Cammino de Santiago. Degne di nota e’ la cattedrale al cui interno, tra le varie opere vi è un sontuoso, quanto insolito, pollaio gotico.

Successivamente andiamo a San Millan de la Cogolla con i suoi pregevoli monasteri de Suso ( monastero superiore dichiarato patrimonio dell’umanità ) e de Yuso che è l’imponente monastero inferiore, sono entrambi visitabili con guida in spagnolo, davvero molto interessanti! Il secondo ha al suo interno delle pregevoli opere architettoniche mentre il primo oltre che essere un eremo con una bella chiesa interna ha un panorama, sulla valle del fiume Cardenas, mozzafiato anche per i colori della vegetazione sottostante.

Successivamente andiamo al santuario de San Juan de Ortega, il quale sorge lontano dalle odierne vie di comunicazione, in un ambiente naturale ancora incontaminato. Ho voluto inserirlo nel mio itinerario non tanto per la visita del luogo di per se, ma perché importante meta per i pellegrini e dato che anche noi facciamo il “cammino” anche se in maniera particolare era giusto fare una puntatina.

Il tardo pomeriggio lo dedichiamo a Burgos. Abbiamo visitato la città in un precedente viaggio in Spagna e quindi “ripassiamo” la cattedrale, normalmente si visita a pagamento ma proprio oggi l’entrata è gratuita e quindi ne approfittiamo. E’ una delle più belle e maestose cattedrali spagnole, iscritta dall’Unesco nel patrimonio mondiale dell’umanità, immancabile punto di riferimento per chi si trova in città. Passeggiamo per le viuzze adiacenti alla chiesa, quindi riprendiamo la macchina alla volta di Lerma dove alloggiamo al paradores. Cena compresa.

04.06

Oggi è il nostro anniversario e quindi ho preparato una sorpresa speciale, in serata, per la mia compagna. Ci dirigiamo verso Fromista, paesino famoso esclusivamente per la chiesa di San Martin, vero gioiello artistico di tutto il romanico castigliano, stanno per chiudere ( è quasi ora di pranzo ) ma riusciamo a godere delle opere artistiche al suo interno. Solito panino con prosciutto iberico (slurp!) e birrozza quindi via verso Carrion de los Condes dove visitiamo il Monasterio de San Zoilo che oggi ospita un lussuoso albergo, il Monasterio de Santa Clara e le vie adiacenti, meta finale Leon dove ritorniamo con piacere al bellissimo paradores, per l’occasione speciale ho prenotato una cena a lume di candela e suite.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su olite
    Diari di viaggio
    il cammino di compostela

    Il Cammino di Compostela

    Il cammino di Compostela, ma... in macchina! Sicuramente molti lettori storceranno il naso, ed a ragione, alla lettura del titolo che ho...

    Diari di viaggio
    spagna del nord

    Spagna del Nord

    nostro tour, non possiamo fare a meno di essere parecchio soddisfatti del nostro viaggio nella meravigliosa Spagna del Nord.

    Diari di viaggio
    ferragosto nei paesi baschi, ma non solo

    Ferragosto nei Paesi Baschi, ma non solo

    Questo è il racconto dei tre giorni di Ferragosto trascorsi insieme alla mia ragazza Sabrina in Spagna del Nord, alla scoperta dei Paesi...