I tre “volti” di Cipro

Mini vacanza a Cipro per relax e salutare le amiche, alle quali ho fatto qualche domanda (tipo intervista) per conoscere i rapporti tra le popolazioni, l'ambito sicurezza e domande culturali tra una turco-cipriota, greco-cipriota e una ragazza italiana trasferitasi a Cipro
 
Partenza il: 09/03/2016
Ritorno il: 13/03/2016
Viaggiatori: 1
Spesa: 500 €

Importante: Poiché sono in uso le prese a tre spinotti di tipo inglese, è necessario l’utilizzo di un adattatore per poter usare le apparecchiature elettriche.

Curiosità: Nell’intera isola, le auto viaggiano nel senso di marcia opposto al nostro, come in Inghilterra o Malta.

Sono passati solo pochi mesi dall’ultima volta che sono stato a Cipro, era Ottobre dello scorso anno e sembrava di essere ancora in estate, la situazione climatica non è affatto cambiata, c’erano 24°C quando a Milano ne ho lasciati circa 10°C, ciò dimostra che è una meta in cui si può venire anche fuori dai periodi di alta stagione.

9 Marzo: NICOSIA (Arrivo)

Parto da Milano Malpensa con easyJet, ormai una delle nostre compagnie di fiducia, alla volta di Larnaca, dove ho da ritirare l’auto presa a noleggio per l’intero periodo del mio soggiorno sull’isola. Da Milano purtroppo partiamo con 3h di ritardo, causa sostituzione del velivolo e dopo 3h circa di volo giungo a Larnaca verso le 19 ore locali.

N.b.: Cipro è 1h avanti rispetto l’ora Italiana.

Ritirato il bagaglio e l’auto, prendo l’autostrada e mi dirigo a Nicosia, la Capitale dello Stato e unica Capitale al Mondo ancora divisa. Mi fermerò per una notte presso il Crown Inn Hotel, situato a circa 20 minuti a piedi dal centro. La struttura è di categoria 2 stelle, da sottolineare la pulizia della struttura e l’accoglienza da parte della proprietaria, molto gentile e disponibile. La camera è di dimensioni normali e l’arredo sembra un po’ datato, ma comunque nulla di negativo, si ha a disposizione TV, aria condizionata e prodotti da bagno. Punto dolente per noi Italiani è la colazione, essendo abituati a mangiare dolce purtroppo non vi erano croassant ma solo vegetali, salumi e formaggi. Per gli ospiti è riservato Wi-Fi e parcheggio gratuiti. La serata la passo dirigendomi in centro, passo la Pafos Gate, il più piccolo dei tre ingressi originali veneziani costruiti per la città murata, insieme a Porta Famagosta e Porta Kyrenia, la porta è una semplice apertura nelle pareti, coperto da una volta a botte. La particolarità della Pafos Gate e le mura vicine sono strette lungo la linea verde che divide le due zone dell’isola. La vicina chiesa cattolica della Santa Croce (1900), ha la curiosità di avere la porta d’ingresso principale nella parte greca e la sua porta sul retro nella zona turca. Vado poi sulla Lidra Street, dove mi fermo per cenare, fatta qualche foto serale rientro in albergo esausto dalla lunga giornata.

10 Marzo: NICOSIA – PAFOS – Visita appartamenti

La mattinata la passo girando per il centro di Nicosia Nord, superato il confine mi dirigo verso la Selimiye Mosque (1208), è in stile gotico e si tratta della moschea principale della città. Proseguo verso la Haydarpasha Mosque (XIV sec), anch’essa in stile gotico, non molto distante sorge la Lusignan House (XV sec.) si tratta di una casa-museo, ha un imponente arco gotico sopra al quale vi sono incisi diversi stemmi, fu costruita come edificio residenziale per i nobili. L’edificio a due piani è una combinazione di architettura gotica e ottomana. Torno verso il centro per andare all’ Kumarcılar Han (XVII sec.) il piccolo caravanserraglio dopo anni in stato di abbandono, ora è in fase di recupero e restauro. Come tutti I caravanserragli, l’ingresso conduce ad un cortile all’aperto circondato da un edificio a due piani, il quale conteneva in origine 56 camere. Proseguo ed entro al Buyuk Han (1572) il grande caravanserraglio, dove la mia amica Sevil, la signora che conobbi ad Ottobre, ha una piccola bottega. Mi accoglie con il suo sorriso e la splendida ospitalità, con l’occasione acquisto nel suo negozio qualche regalino per amiche e parenti. Ho la possibilità di farle qualche domanda a fini turistici per noi Italiani che conosciamo poco questa zona.

Per prima cosa le chiedo come sono i rapporti tra le due popolazioni e che differenze ci sono, mi racconta la storia sul motivo della divisione dell’isola e le atrocità avvenute ad entrambe le popolazioni, ma comunque ad oggi la popolazione greca sotto l’influenza del sistema di istruzione, chiesa, militari e politici cercano di creare eventi sociali tra le due comunità. Purtroppo però ci sono i soliti fanatici che non vogliono avere l’unificazione anche le giovani generazioni in gran parte non vogliono vivere insieme a causa delle storie false che vengono dette. La vecchia generazione dei greco-ciprioti desidera vivere insieme perché sanno molto bene com’era difficile tra il 1963 e 1974 e ciò che è stato fatto per i turco-ciprioti.

Voglio sapere la situazione economica di Cipro Nord così mi spiega che è sotto embargo da molti anni e la Turchia contribuisce finanziariamente su tutto, il reddito dello Stato principalmente è basato sul turismoe le Universitià, infatti qui vi sono 10 Università e 40.000 studenti provenienti dall’estero scelgono di studiare qui.

Per quanto riguarda la situazione della Siria e la vicinanza con l’isola, Sevil mi rassicura dicendomi che l’isola se pur vicina, non è confinante poi Cipro Nord è sotto la protezione della Turchia così come la Repubblica di Cipro, essendo Paese della Comunità Europea, gode della protezione dell’UE.

Le chiedo come è nata questa passione per l’arte artigianale e da quanto tempo ha il negozio, mi dice che nel 1982 il padre che era un insegnante, durante il pensionamento aprì una attività commerciale e lei iniziò ad aiutarlo, lavorarono insieme per circa dieci anni poi ha intrapreso l’attività impropria, dal 2002 si trova in questo Centro Culturale. Ha appreso questa passione del ricamo grazie alle sue sorelle più grandi che facevano scuola professionale, facendo i compiti a casa lei ha potuto “rubare” questa splendida arte manifatturiera. Anche lo studio delle lingue straniere le è servito come esperienza, preparandola per la professione in un luogo turistico. Negli anni ha saputo che molte casalinghe conoscevano le tecniche dell’Artcraft ma avevano bisogno di alcune nuove idee ora dirige circa trenta donne, tra le loro produzioni ci sono i sottobicchieri multifunzionali, è un elemento completamente nuovo con l’arte antica della tecnica del punto croce ma riadattata. Le chiedo informazioni su questo splendido edificio dove ha la fortuna di poter lavorare, il Büyük Khan (Grande pensione – Caravanserraglio), uno degli edifici più popolari e bellezza storica nella parte Nord di Nicosia. E’ stato costruito dagli Ottomani nel corso dell 1572. In effetti si può dire che è stato il primo hotel a Cipro con 69 camere. Durante l’amministrazione coloniale inglese è stato usato come prigione. Durante il periodo 1963-1974 molti turco-ciprioti si rifugiarono qui a seguito delle persecuzioni. Dopo venti anni di restauro è stato ufficialmente inaugurato nel 2002 come Centro Culturale ed è stato scelto come Fondazione. Terminati i saluti con Sevil, mi dirigo a Pafos dove nel primo pomeriggio avrei un appuntamento per visionare una casa.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Cipro
    Diari di viaggio
    cipro e la persecuzione di shakespeare

    Cipro e la persecuzione di Shakespeare

    Ai tempi di Shakespeare il centro del mondo era il Mediterraneo diviso fra l’Europa cristiana e l’impero islamico ottomano. La...

    Diari di viaggio
    welcome to cyprus!

    Welcome to Cyprus!

    Mer 4 agosto 2018 Io e la mia fidanzata siamo partiti alle 16.30 circa da Malpensa. Atterrati in orario a larnaka. In aereo una signora...

    Diari di viaggio
    dicembre a cipro con sosta ad atene

    Dicembre a Cipro con sosta ad Atene

    Inverno più che mite, con temperature primaverili. Ad Atene periodo intenso tra scioperi, manifestazioni e l'arrivo del Presidente...

    Diari di viaggio
    cipro, non solo mare

    Cipro, non solo mare

    1/2) 16 E 17 GIUGNO: MILANO – LARNACALarnaca - Nissi Beach–Ayia Napa–Konnos Bay–Capo Greco–Paralimni Partenza da Linate...

    Diari di viaggio
    cipro zona greca. mare, cultura e qualche dritta

    Cipro zona greca. Mare, cultura e qualche dritta

    Cipro: 24 - 31 Agosto 2016 Partecipanti: tutta la famigliaPrologo Dopo due "vacanze famiglia" al freddo e all'umido in UK,...

    Diari di viaggio
    cipro, casa dolce casa...

    Cipro, casa dolce casa…

    rimango per circa un'ora, ammirando lo splendido paesaggio ma poi decido di tornare indietro, peccato che erano circa le 13.30 il sole...

    Diari di viaggio
    i tre volti di cipro

    I tre “volti” di Cipro

    Importante: Poiché sono in uso le prese a tre spinotti di tipo inglese, è necessario l’utilizzo di un adattatore per poter usare le...

    Diari di viaggio
    cipro on the road

    Cipro on the road

    Tutta Cipro on the road (by Luca, Sabrina, Federico e Leonardo) Venerdì 14 Agosto La sveglia suona prestissimo: alle 3:20. Completiamo i...

    Diari di viaggio
    creta, cipro, giordania e israele

    Creta, Cipro, Giordania e Israele

    Premessa Questo GRANDE VIAGGIO (stupendo... è stato un sogno, una gioia, una magia) l'ho fatto a fine ottobre del 2013. Il diario era...

    Diari di viaggio
    estate prolungata a cipro

    Estate prolungata a Cipro

    Apartment Larnaca: Lakis Court Dove mangiare:Protaras: Traditional Cyprus Tavern Pafos: King Fisher Larnaca: Kalamaki Greek Bistro...