I Colori del Canada

Eravamo in 4 adulti (2 coppie ) Volo Alitalia Roma Toronto preso in offerta a circa 370 euro sul sito dell’Alitalia; partenza 20 giugno ritorno 7 luglio. Il volo è stato buono (?) a parte un ritardo di due ore all’andata. Hotel tutti prenotati dall’Italia su booking o direttamente dai siti degli hotel Al nostro arrivo nel moderno...
 
Partenza il: 20/06/2009
Ritorno il: 07/07/2009
Viaggiatori: fino a 6
Spesa: 2000 €

Eravamo in 4 adulti (2 coppie ) Volo Alitalia Roma Toronto preso in offerta a circa 370 euro sul sito dell’Alitalia; partenza 20 giugno ritorno 7 luglio. Il volo è stato buono (?) a parte un ritardo di due ore all’andata. Hotel tutti prenotati dall’Italia su booking o direttamente dai siti degli hotel Al nostro arrivo nel moderno aeroporto di Toronto (tutti gli aeroporti mi sembrano belli, funzionali e moderni se confrontati con Fiumicino) siamo stati, per così dire, intrattenuti dalla Polizia di frontiera che è molto curiosa di sapere dove andate, se avete parenti o amici residenti in Canada, cosa fate per vivere e via dicendo.

Superato indenni il controllo di frontiera prendiamo possesso della nostra auto (MPV Toyota Sienna) e ci dirigiamo direttamente verso la nostra prima destinazione: Kingston (hotel Green Acres Inn 8/10). Guidati dall’infallibile navigatore portato con noi dall’Italia arriviamo per l’ora di cena. Il giorno successivo 21 giugno trascorriamo la mattinata in giro per . E’ domenica e in giro c’è poca gente e la città appare sonnacchiosa, ci imbarchiamo su un battello per una gita sul Lake Ontario e le famose 1000 islands. Il paesaggio è stupendo con rigogliose coste verdi tra cui spuntano ancor più meravigliose ville con imbarcazione annessa. La gita dura un paio d’ore che sono sufficienti per vedere il necessario. Torniamo a Terra ed affamati ci mangiamo un HOT DOG al suono di cornamuse che giunge da un vicino BBQ party che si tiene nel giardino di una chiesa anglicana.

La nostra prossima meta è Quebec City che dista circa 560 km. Una annotazione positiva è che in Canada usano il sistema metrico decimale per le distanze; non lo sapevo e mi aspettavo di dover tradurre mentalmente le miglia ed i galloni. Sulle autostrade il limite è di 100 km/h in genere non rispettato, infatti in media si viaggia tutti intorno ai 120, fino a questa velocità l’eventuale multa è contenuta intorno ai 100$.

A Quebec arriviamo verso sera ed alloggiamo al Best Western City Centre (8/10) che dista circa 15 minuti a piedi dalle mura della città vecchia. La città storica di Quebec è molto curata con vie pedonali, case antiche, negozi colorati, fiori alle finestre, tanta gente in giro. Noi siamo stati due notti che sono sufficienti per vedere tutto, gironzolare senza meta tra le caratteristiche viuzze del centro, e partecipare alla visita guidata alla cittadella fortificata.

Il tempo continua ad essere buono (nel senso che non piove) ed il 23 giugno partiamo per la nostra prossima destinazione che è Parc du Bic. Durante il tragitto ci fermiamo nelle cittadine lungo la costa e per un po’ trekking. Ai lati dell’autostrada che costeggia il San Lorenzo si alternano foreste a campi coltivati, con fattorie dai caratteristici tetti colorati. Arriviamo prima di cena al nostro B&B (Auberge Des Îles Du Bic (6/10) che si trova a BIC, comodissimo per raggiungere il parco.

Il giorno successivo è dedicato alla visita del Parc du Bic. Approfittiamo delle bellissima giornata che trascorriamo interamente nel parco percorrendo circa 20km a piedi . Ci sono diversi percorsi che costeggiano insenature e isolotti, che passano all’interno di boschi e prati, con la bassa marea si percorrono anche tratti di spiaggia normalmente sommersi, tra alghe e pozze d’acqua, il paesaggio è molto suggestivo ed i colori bellissimi esaltati dal sole splendente. Saliamo anche sul sentiero più in alto per delle foto panoramiche. In tutti i parchi si paga un biglietto di ingresso, questo costo è ampiamente ripagato dai servizi offerti, fosse per me, consiglierei questo modo di gestire i parchi anche in Italia. Pagare l’ingresso fa apprezzare maggiormente il parco induce al rispetto dei luoghi e consente di mantenerli integri.

Trascorriamo la serata a Rimousky cenando in una graziosa creperié Il 25 giugno partiamo con destinazione Percè. Ci aspettano circa 450 Km di strada con sosta nel parco della Gaspesiè. Il tempo a disposizione non è molto e riusciamo solo a fare qualche percorso di facile accesso lungo la strada principale che costeggia il fiume.

Arriviamo a Percè poco prima del tramonto. Il nostro hotel ( Hôtel Le Mirage 8/10) gode di una bellissima vista sulla roccia di percè … Nebbia permettendo. Il sole che ci ha accompagnato fin qui è oscurato da una nebbia a tratti insistente con un tempo tipico da mare del Nord.Dicono che in questo periodo la nebbia sia molto frequente a causa del diverso gradiente termico della superficie marina.

Ci consoliamo con una stupenda Cena alla Maison du Pesceur che è un bel ristorante in stile marinaro nei pressi del Molo. Zuppa di pesce, aragosta, dolce ed uno Chardonnay dell’Ontario.

Il giorno successivo è dedicato alla visita del parco naturalistico di Bonaventure island. Ci imbarchiamo verso le nove e dopo un breve tragitto raggiungiamo le scoscese scogliere di Roc Percè, che sono solo parzialmente visibili a causa della nebbia. L’imbarcazione si dirige poi verso Bonaventure e durante il tragitto scorgiamo diversi esemplari di seal che prendono il sole sulle rocce affioranti. Sbarchiamo, ci accolgono i ranger che in un breve briefing ci spiegano le regole del parco, e ci descrivono gli uccelli che è possibile vedere. Ci incamminiamo poi lungo il sentiero che procede nel periplo dell’isola attraverso foreste, prati fioriti e scogliere e finalmente la famosa colonia di Sule: è impressionante, sembra di stare in un documentario di Attemborough. Ve lo ricordate? Ci scateniamo con le macchine fotografiche.

Ritorniamo a Percè nel tardo pomeriggio paghi della giornata trascorsa e ci rifocilliamo con un caffè.. Lungo. Prima di cena ci dedichiamo ad un po’ di shopping (meglio le signore si dedicano allo shopping, i maschietti dietro sbuffano..). Una considerazione sui ristoranti. Abbiamo sempre mangiato molto Bene. La cucina è varia e in alcuni posti ricercata. Mai avuto problemi. Per un pasto completo in un buon ristorante si spendono circa 25-30€, il prezzo delle portate trae in inganno, perché sempre senza tasse e mancia, che valgono sul conto finale circa il 30%.

Il 27 giugno lasciamo Percè per raggiungere Matane. Durante questa tappa è in programma la visita al parco del Forillon, purtroppo il tempo peggiora ed alla nebbia si aggiunge la pioggia. Con questa condizioni meteo non possiamo goderci la visita del parco come la bellezza dei luoghi meriterebbe. Questa zone sono state un punto strategico per la pesca e la lavorazione del merluzzo che veniva poi esportato in tutta Europa. All’interno del parco ci sono numerose testimonianze di questa storia con vecchie abitazioni, magazzini, empori e ricostruzioni della vita nel 19° secolo. Camminando nel parco si avverte la presenza di una natura incontaminata, lungo le rive si scorgono le seal, uccelli di tutte le specie sorvolano il mare alla ricerca di cibo. In un parcheggio nei pressi dell’inizio di un sentiero un cucciolo di orso nero sbuca dalla vegetazione e tranquillamente se ne và in giro annusando l’aria. Chissà se mamma orsa è vicina, ad ogni buon conto ci teniamo alla larga.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Canada
    Diari di viaggio
    canada, road trip nelle montagne rocciose (calgary - vancouver - calgary)

    Canada, road trip nelle Montagne Rocciose (Calgary – Vancouver – Calgary)

    Decidiamo di riprovare il viaggio nei parchi delle Montagne Rocciose canadesi che avevamo già organizzato per l’estate del 2020 ma che...

    Diari di viaggio
    montréal

    Montréal

    Il Canada è uno stato immenso probabilmente per visitarlo tutto con lentezza, come piace a me, ci vorrebbero mesi e mesi e probabilmente...

    Diari di viaggio
    a spasso per toronto, la new york canadese

    A spasso per Toronto, la New York canadese

    Toronto è da molti definita la New York canadese ed in effetti molte similitudini ci sono, come i suoi alti e specchiati grattacieli, le...

    Diari di viaggio
    le cascate del niagara a natale, per vivere davvero un white christmas

    Le Cascate del Niagara a Natale, per vivere davvero un “White Christmas”

    L'idea di visitare paesi freddi sul serio mi è arrivata piano piano, vivendo tra Bologna e Riccione ed originaria di un paese in collina...

    Diari di viaggio
    canada orientale, fino alle nebbie di terranova

    Canada orientale, fino alle nebbie di Terranova

    1. Oggi è un giorno perfetto per volareIl sole splende su Malpensa, l’asfalto della pista surriscaldato in questo luglio milanese,...

    Diari di viaggio
    alaska, 49th state

    Alaska, 49th State

    Da qualche anno avevo in mente di organizzare un viaggio in Alaska, ma l’elevato costo dei voli aerei mi aveva sempre fatto desistere....

    Diari di viaggio
    nord est usa

    Nord Est USA

    Info pratiche17 giorni/16 notti Noleggio auto per 13 giorni. 2800 km percorsi. Costo totale per 3 persone: 6900 euroDettaglio: ...

    Diari di viaggio
    je me souviens

    Je me souviens

    Un lungo viaggio in aereo con scalo a Roma Fiumicino. Siamo un bel gruppo di 6 amici e 2 bambine. Il viaggio in areo mi dà sempre la...

    Diari di viaggio
    canada orientale on the road

    Canada orientale on the road

    1° GIORNO 31/07 ROMA-TORONTO Partiamo in mattina da da Roma Fiumicino con volo diretto su Toronto operato da Air Canada della durata di...

    Diari di viaggio
    canada ovest e pacific north west usa

    Canada ovest e pacific north west usa

    Il viaggio tanto agognato me lo sono conquistata!!! Inseguito e ottenuto il volo ad un prezzo ottimo riesco finalmente a coronare il mio...