I cento orizzonti di Asolo

Se la vista di cieli azzurri e mura medievali ti riempie di gioia, Asolo è il borgo che fa per te.
 

Per la sua incantevole posizione panoramica tra le colline venete, Asolo ha da sempre richiamato artisti e letterati da tutta Europa. Giorgione ne riprodusse alcuni scorci all’interno delle sue tele, Carducci la definì “la città dai cento orizzonti” e Napoleone la scelse per soggiornarci in uno dei suoi viaggi.

Passeggiando tra le sue suggestive viuzze, possiamo incontrare imponenti ville con eleganti logge, palazzi signorili ed edifici di epoca Medievale.

Le testimonianze artistico-architettoniche del borgo, non lasciano dubbi al riguardo di quanta storia sia stata vissuta qui.

Abitata fin dall’epoca preistorica, attraversò periodi di grande crescita. È stato importante centro cristiano nel 591 e terreno di importanti conquiste da parte di nobili famiglie come gli Ezzelini o gli Scaligeri. Asolo è dunque una città da scoprire.

Lasciata l’auto nei parcheggi adiacenti alle mura, superata l’imponente Villa Freya, entriamo attraverso l’ingresso murario del basso Medioevo, in Via Forestuzzo. Veniamo accolti da una piccola fontana e da portici in sasso, che ci fanno vivere immediatamente l’esperienza del borgo. Procediamo lungo Via Browing, sostando qua e là tra i tradizionali negozi e scoprendo tra un porticato ed un altro, i primi scorci sulla vallata.

Proseguendo per piazzetta San Pio X, ci ritroveremo in pochi passi a fianco al Duomo di Asolo. L’edificio ha avuto importanti rimaneggiamenti sin nel 1606, ad opera dell’architetto veneziano Giorgio Massari. La facciata conserva l’originario tratto romanico-gotico al centro della quale si può scorgere il mosaico rappresentante l’Assunta, patrona della città. Guardando a sud, si distingue la cinquecentesca cappella del Sacramento.

Dopo una visita all’interno del Duomo, proseguiamo salendo le scalette che fiancheggiano il Palazzo della Regione, incontreremo sulla nostra sinistra il Museo Civico e costeggiando le mura del museo, imbocchiamo la strada che porta al Castello.

Il Castello, risalente al X secolo, è uno dei simboli del borgo di Asolo. Della raffinata atmosfera rinascimentale, si conserva ben poco ma il castello mantiene inalterato il suo fascino e il suo mistero. Camminando lungo le mura, si resta ammaliati dallo splendido orizzonte che ti si apre davanti. Dalla Torre Reata e della Torre Civica si gode di uno straordinario panorama sulla città e sulla pianura.

Uscendo dal castello, incamminandoci per Via Canova, proseguiamo fino a raggiungere Casa Duse, sulla facciata della quale possiamo leggere alcuni versi che Gabriele d’Annunzio dedicò alla dimora dell’attrice.   

Sulla stessa via, poco più avanti, incontriamo la piccola chiesetta di Santa Caterina, merita una visita. La piccola chiesa, presenta all’esterno una semplice facciata a capanna. All’interno è interamente decorato da un ciclo di affreschi, rappresentanti scene tratte dalla vita della santa e dalla Passione di Gesù. Una piccola curiosità, l’iscrizione marmorea che si trova all’esterno della Chiesa dice che: “Qui è possibile ottenere l’indulgenza a chi bacerà la Santa Croce o a tutti quelli che ascolteranno la Santa Messa.

Proseguendo sulla sinistra, continuano la scoperta di Asolo, ci troveremo di fronte ad una collina sulla sommità della quale svetta Villa degli Armeni e sulla destra, la splendida facciata della Casa Longobarda.

In realtà di longobardo ha ben poco, sembra infatti che sia frutto del fraintendimento della traduzione di una iscrizione in lingua latina, voluta dal suo costruttore Francesco Graziolo. La facciata è rivestita di pietra tufacea ed è scolpita secondo il gusto manieristico, con volti caricaturali, scene della Genesi, segni zodiacali ed un elegante fregio marcapiano decorato con triglifi e metope.

Guarda la gallery
rocca_asolo_giulia_ghiotto

asolo_giulia_ghiotto

casa_duse_asolo_giulia_ghiotto

casa_longobarda_asolo_giulia_ghiotto

castello_asolo_giulia_ghiotto

chiesa_santacaterina_asolo_giulia_ghiotto

duomo_asolo_giulia_ghiotto

museo_civico_asolo_giulia_ghiotto

piazza_del_duomo_asolo_giulia_ghiotto

rocca_acquedotto_villascottipasini_giulia_ghiotto



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
rasiglia e orvieto

Rasiglia e Orvieto

È ideale trascorrere un weekend tra questi due borghi così diversi, ma abbastanza...

versailles e le ville lucchesi

Versailles e le Ville Lucchesi

Vi illustro un bell’itinerario di un giorno lontano dai centri affollati, da effettuare...

il castlèt-tour

Il castlèt-tour

Uno slow tour di 4 giorni per gli amanti dei viaggi fuori dalle rotte turistiche...

Leggi i Diari di viaggio su Asolo
Diari di viaggio
i cento orizzonti di asolo

I cento orizzonti di Asolo

Per la sua incantevole posizione panoramica tra le colline venete, Asolo ha da sempre richiamato artisti e letterati da tutta Europa....

Diari di viaggio
asolo

Asolo

Io e mio marito abbiamo scoperto che quando si fa turismo in veneto non si può parlare solo di venezia o verona!! abbiamo trascorso un...