Hermosa Andalucia

L’Andalusia era una meta che sognavamo da tempo, il 24 luglio finalmente è il giorno della partenza. Il viaggio è stato programmato consultando vari siti internet, i forum e i racconti di viaggio di turisti per caso, di vagabondo.net, la guida Lonely Planet. I siti che mi sono risultati utili per prenotare...
 
Partenza il: 24/07/2005
Ritorno il: 01/08/2005
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

L’Andalusia era una meta che sognavamo da tempo, il 24 luglio finalmente è il giorno della partenza.

Il viaggio è stato programmato consultando vari siti internet, i forum e i racconti di viaggio di turisti per caso, di vagabondo.Net, la guida Lonely Planet. I siti che mi sono risultati utili per prenotare hotel: www.Venere.It www.Wwtours.Com www.Charming-spain-hotels.Com www.Meligrana.Com www.Ayto-malaga.Es www.Granadatur.Com www.Vivegranada.Com www.Granadainfo.Com www.Bedforthenight.Com Abbiamo prenotato tutto tramite internet, solo per il volo abbiamo prenotato telefonicamente circa 40 giorni prima della partenza.

Spesa totale 1800 euro in due (volo+ auto a noleggio, hotel, mangiare, souvenir ecc..) Il nostro itinerario è stato il seguente: Siviglia, Arcos e Ronda, Marbella e Malaga, Granada, Cordoba e ritorno a Siviglia passando da Carmona.

900 km totali, ogni spostamento è stato sopportabile e non troppo lungo.

24 luglio 05 ***PARTENZA E SIVIGLIA*** Suona la sveglia del nostro hotel a Roma, è ora di partire… la stanchezza del giorno prima, passato all’Olimpico ad aspettare il concerto degli U2 si fa sentire, ma abbiamo davanti a noi un viaggio che si preannuncia bellissimo e ci facciamo coraggio, canticchiando le canzoni della sera prima. Arriviamo a Fiumicino e alle 12.40 partiamo con il volo Iberia pagato € 219.00 a testa, tasse incluse. Dobbiamo fare uno scalo tecnico a Barcellona prima di arrivare a Siviglia alle 17.55.

Arriviamo in orario, ma dobbiamo aspettare più di 1 ora la navetta de la compagnia Los Amarillos (€ 2.30 a testa) che ci porta in centro. Non sappiamo il perché di tanta attesa, forse qualche problema tecnico.

In meno di mezzora siamo in centro, puerta de Jerez. Da lì andiamo a piedi al nostro hotel che si chiama Vincci La Rabida ( www.Vinccilarabidahotel.Com ) È un palazzo del 700 trasformato in un 4 stelle molto bello. È sicuramente la sistemazione più bella durante il viaggio, un hotel davvero affascinante con una hall mozzafiato. Consiglio di dare sempre un’occhiata ai siti degli hotel (anche i più costosi) perché possono avere offerte con sconti anche del 70/80% come in questo caso! Infatti la camera doppia ci è costata circa € 70 a camera, a notte. È centrale, ma in una via tranquillissima e si raggiungono facilmente a piedi la cattedrale, l’Alcazar e Plaza de toros.

Dopo una bella doccia andiamo alla scoperta di Siviglia. Facciamo una passeggiata per il centro e ci fermiamo a cena in un ristorante proprio sotto la cattedrale che si chiama El Giraldillo, dove prendiamo una buonissima paella per due (€ 49 totali), un po’ caro, ma era davvero ottima.

In questi giorni c’è una fiesta popolare (Vela de Santa Ana) nel barrio Triana e decidiamo di andare per vedere di cosa si tratta. Attraversiamo il ponte e sentiamo subito la musica che viene da una piazza dove è in corso una gara di giovani ballerini di flamenco.

Ci sono tantissime persone, bancarelle e molti stand dove si mangia e si beve. È incredibile vedere che la gente si mette a tavola alle 11 di sera. Facciamo una passeggiata lungo il fiume per tornare in hotel.

La città sembra molto vivace, ma non caotica, anche di notte.

La stanchezza si fa sentire, andiamo a letto, domani ci aspetta la visita della città.

25 luglio 05 ***SIVIGLIA*** Alle 8 siamo svegli e andiamo a fare colazione al bar Cerveceria Giralda, vicino al ristorante della sera precedente, dove con 10 € in due prendiamo spremute di frutta e tostadas (pane tostato con burro, prosciutto e formaggio).

A piedi andiamo a Plaza de Espana e dopo facciamo una passeggiata nel Parque de Maria Luisa. La visita continua con il Barrio Santa Cruz, un labirinto di viuzze colorate con tanti fiori, piazzette con alberi di aranci e tanti negozi. È davvero incantevole, ci fermiamo nelle piazze a goderci la pace che si respira.

Ci fermiamo alla Casa della Memoria e prenotiamo lo spettacolo di flamenco delle 21. Per gli studenti sono 10 € a testa.

Visitiamo la cattedrale e l’ingresso per gli studenti è solo € 1.50 a testa. È una delle chiese più grandi al mondo. È veramente bella, raramente rimango così colpita da un luogo di culto. Dall’ interno della cattedrale si accede alla torre Giralda da dove si ha una bellissima vista di Siviglia.

Stremati dalla mattinata molto intensa ci accorgiamo che sono quasi le 16 e ancora non abbiamo fatto pranzo. Qui non è un grosso problema, infatti andiamo nella zona El Arenal e pranziamo al bar Pepe Hillo. Per soli € 10.50 prendiamo 4 tapas e da bere. Più che sufficienti per fare pranzo. Assaggio un buonissimo salmorejo (zuppa fredda simile al gazpacho, ma senza peperoni e cetrioli), una torta salata con il formaggio, Andrea prende una torta salata con le verdure e prosciutto e un’altra tapa con le patate e una salsa. Tutto è buonissimo. Il locale è molto rustico, se vuoi le tapas si mangia al bancone seduti sugli sgabelli, altrimenti ai tavoli puoi avere solo media o una raciones.

Andiamo a piedi alla vicina Plaza de Toros de la Real Maestranza.

L’unico modo per visitarla è partecipare ad una visita guidata che parte ogni mezzora. Il prezzo è €4 a persona, niente sconti.

La guida è una ragazza che ci spiega tutto in modo molto chiaro in spagnolo e poi inglese.

È una delle arene più antiche della Spagna, sembra rotonda, ma in realtà vista dall’alto è ovale. Visitiamo anche il museo dove ci sono molte immagini dei più famosi matador e impariamo qualcosa di più sulle corride e i tori.

Finita la visita andiamo in hotel a riposarci per qualche ora.

Alle 8 e mezza andiamo alla Casa della Memoria dove assisteremo ad un bellissimo spettacolo di flamenco che si tiene dentro ad un grazioso patio. Un musicista con la chitarra, un cantante, una ballerina e un ballerino. Sono tutti e 4 bravissimi e ci fanno vivere momenti stupendi. Anche Andrea che era scettico è rimasto molto colpito.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Andalucia
    Diari di viaggio
    andalusia on the road 8

    Andalusia on the road 8

    la città. Infine il quartiere di Triana e il Barrio de San Bartolomè.

    Diari di viaggio
    andalucia, dove il marocco incontra l’europa

    Andalucia, dove il Marocco incontra l’Europa

    Periodo: estate 2017 Durata: 8 giorni (03-10 agosto)Dopo un’attenta ricerca sui tradizionali motori di ricerca dei soggiorni estivi,...

    Diari di viaggio
    fuga in andalusia

    Fuga in Andalusia

    L’idea di visitare l’Andalusia è nata in seguito alla voglia di andare in un paese caldo o, per lo meno, di temperatura gradevole a...

    Diari di viaggio
    a spasso per l’andalusia

    A spasso per l’Andalusia

    in un bagno di sudore. Dopo una pausa per dissetarci recuperiamo la macchina nel parking sotterraneo (8 €) e facciamo rotta verso Malaga...

    Diari di viaggio
    hermosa andalucia

    Hermosa Andalucia

    L’Andalusia era una meta che sognavamo da tempo, il 24 luglio finalmente è il giorno della partenza. Il viaggio è stato programmato...